Lea Michele

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lea Michele
Lea Michele Performs Tracks from Louder Live at Soundcheck! (12932989604) (cropped).jpg
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenerePop
Pop rock
Power pop
Broadway
Opera lirica
Periodo di attività musicale1995 – in attività
Strumentovoce
EtichettaColumbia Records
Album pubblicati5
Studio3
Colonne sonore2
Sito ufficiale

Lea Michele Sarfati, nota professionalmente come Lea Michele (New York, 29 agosto 1986), è un'attrice, cantante e scrittrice statunitense, principalmente nota per il ruolo di Rachel Berry nella serie televisiva Glee e di Hester Ulrich in Scream Queens.

Grazie a Glee (2009-2015) ha vinto sia uno Screen Actors Guild Award che un Satellite Award ed è stata candidata a due Golden Globe e un Emmy Award. Successivamente ha dato voce al personaggio di Dorothy ne Il magico mondo di Oz e recitato nelle serie televisive Scream Queens (2015-2016) e The Mayor (2017-2018), ottenendo successo soprattutto negli Stati Uniti.

Sin dagli inizi della sua carriera ha recitato nei teatri di Broadway e Los Angeles, prendendo parte alle rappresentazioni di Les Misérables, Ragtime, Spring Awakening e Fiddler on the Roof. Dopo dieci anni di assenza torna nel 2019 a teatro nel musical Disney The Little Mermaid, grazie a cui ottenuto una nomination ai Drama Desk Award e vinto tre Broadway Audience Awards.

Parallelamente alla carriera da attrice è sostenuta dagli introiti dei dischi pubblicati con il cast di Glee, che hanno venduto 66 milioni di copie tra album e singoli in tutto il mondo, ed ha firmato un contratto da solista con la Columbia Records nel 2012. La casa discografica ha prodotto il suo album di esordio Louder, pubblicato il 4 marzo 2014. Nel 2017 pubblica il secondo album Places e nel 2019 è il turno dell'album natalizio Christmas in the City. L'artista ha ottenuto una candidatura al Grammy Award alla miglior interpretazione vocale di gruppo per la cover di Don't Stop Believin' ed è stata riconosciuta nell'ambito dei Billboard Women in Music Award del 2010.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lea Michele nasce nel Bronx, borough di New York, il 29 agosto del 1986, figlia unica di Mark D. Sarfati, un agente immobiliare statunitense,[2] in passato proprietario di un negozio di delicatessen,[3][4] nato da una famiglia ebraica sefardita di origini turche e spagnole,[5][6][7] e di Edith T. Sarfati, un'infermiera statunitense di religione cattolica e di origini italiane. Lea è stata educata secondo il credo della madre, dichiarando che anche il padre prendeva parte "volentieri", assieme a lei e alla madre, alle loro uscite in chiesa.[8]

È cresciuta a New York fino all'età di quattro anni, dopodiché si è trasferita con la famiglia a Tenafly (nel New Jersey). Ha frequentato il Stagedoor Manor nel Catskills, un centro di formazione per le arti. È stata poi accettata alla Tish School of the Arts, presso la New York University, ma ha optato per continuare a esibirsi sul palcoscenico.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Lea Michele alla prima di Glee nel 2009

Ha esordito a Broadway nel 1995, a soli otto anni, interpretando la giovane Cosette nel musical Les Misérables. Sempre a Broadway, nel 1998 invece lavora in Ragtime. Nel 2000 esordisce in televisione, partecipando all'episodio Torna la primavera della serie televisiva Squadra emergenza. Nel 2004 partecipa a una rivisitazione del musical Fiddler on the Roof e prende parte a una produzione a livello regionale di The Diary of Anne Frank nel ruolo della protagonista Anna Frank.

All'età di vent'anni ottiene il ruolo principale di Wendla ed entra a far parte del cast originale di Spring Awakening, scritto da Steven Sater su musiche di Duncan Sheik. Per la sua interpretazione ottiene una candidatura al Drama Desk Award come miglior attrice di musical.

Nel 2009 viene ingaggiata per far parte del cast della serie televisiva scritta da Ryan Murphy, Glee, in cui interpreta la talentuosa cantante Rachel Berry. Grazie a essa, si aggiudica un Satellite Awards 2009 e trionfa ai Teen Choice Awards come miglior attrice in una commedia televisiva per tre anni consecutivi, oltre a ottenere varie candidature ai Golden Globe come miglior attrice in una serie commedia o musicale, ai Premi Emmy come miglior attrice in una serie commedia o musicale e ai People's Choice Awards del 2013.

Il 18 gennaio 2015 annuncia ufficialmente di far parte del cast della nuova serie televisiva di Ryan Murphy, Scream Queens, che ha esordito su Fox il 22 settembre 2015.

Cantante[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver firmato un contratto discografico con la Columbia Records nel 2012, incomincia a lavorare al suo primo album. Il 10 dicembre 2013 è stato distribuito il suo primo singolo, Cannonball, scritto da Sia, che anticipa il suo album d'esordio Louder,[9] pubblicato l'anno successivo, il 4 marzo 2014. Il 4 maggio dello stesso anno viene pubblicato il secondo estratto dall'album, On My Way. Il 3 marzo 2017 rilascia il lead single del suo nuovo album Places intitolato Love Is Alive.

Nel 2018 incomincia un tour con Darren Criss intitolato LM/DC Tour, che per il momento prevede tappe americane, inglesi e irlandesi.

Autrice[modifica | modifica wikitesto]

Il suo primo libro, Brunette Ambition, è stato pubblicato il 20 maggio 2014 negli Stati Uniti dalla Harmony Books, entrando nella classifica del New York Times Best Sellers al 3º posto. Il suo secondo libro You First è stato pubblicato il 22 settembre 2015.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

L'attrice ha avuto un flirt con la co-star in Glee Matthew Morrison, voce confermata dalla stessa Lea nel suo libro Brunette Ambition. Nel tardo 2011 ufficializza la relazione con la co-star di Glee Cory Monteith, la coppia è rimasta fidanzata fino alla morte prematura dell'attore, avvenuta il 13 luglio 2013. Nel 2014 ha avuto una storia con il modello Matthew Paetz, conosciuto sul set del video musicale del singolo "On My Way". La storia si è conclusa nel 2016. Ha inoltre avuto una breve storia con l'attore Robert Buckley, conosciuto sul set della serie televisiva Dimension 404, da maggio a luglio 2016. Sempre nel 2016 incomincia una storia con l’imprenditore Zandy Reich, suo amico dal 2014, e all’inizio del 2018 i due si fidanzano. Il 9 marzo del 2019 Lea Michele e Zandy Reich si sposano a Napa, in California. Il 20 agosto 2020 è nato il loro primo figlio, Ever Leo.

Accuse di razzismo e bullismo

A giugno 2020, a seguito di un tweet da parte dellʼattrice in cui esprimeva solidarietà per la morte di George Floyd corredato dallʼhashtag #BlackLivesMatter, diverse sono state le accuse di razzismo e bullismo lanciate nei suoi confronti da alcuni ex colleghi.

Prima fra tutti, lʼattrice Samantha Ware, che ha fatto parte del cast di Glee nellʼultima stagione: “Ricordi quando hai reso il mio primo ingaggio televisivo un inferno? Perché io non lo dimenticherò mai. Penso che tu abbia detto a tutti che se ne avessi avuto la possibilità avresti c****o nella mia parrucca”, oltre ad altre microaggressioni traumatiche che mi hanno fatto mettere in dubbio la mia carriera a Hollywood”.

Con questo messaggio bomba tantissimi altri ex colleghi di Lea Michele sono intervenuti raccontando di passate esperienze con l’attrice e sostenendo Samantha Ware.

Il risultato di questo clamore su Twitter ha portato una delle aziende con cui l’attrice collaborava, HelloFresh, a recidere il contratto.

L’attrice ha poi deciso di rispondere alle accuse con un post su Instagram in cui spiegava di non ricordare esattamente cosa abbia detto alla sua co-star nera, ma afferma che questo non è il punto. Afferma che adesso si sta concentrando su come il suo comportamento sia stato percepito dai suoi colleghi e promette di essere migliore in futuro grazie a questa esperienza.

Tuttavia la risposta di Lea Michele non è piaciuta a molti, notando come non si sia scusata per il suo comportamento, ma per quello percepito da altri.

In particolare un suo ex collega di Broadway Gerard Canonico ha scritto: “Non sei stata altro che un incubo per me e altri colleghi “understudy” (i sostituiti al cast principale in teatro.) Ci hai fatto sentire come se non appartenessimo lì. Ho provato per anni a essere carino con te senza risultati. Forse ti dovresti scusare veramente invece di incolpare gli altri su come hanno percepito le tue azioni”.

Ad accusare la star sono stati diversi colleghi, ma gli attori principali di Glee non sono intervenuti durante lo scoppio della discussione online.

Passato qualche giorno, però, a farsi avanti è stata Heather Morris, Brittany in Glee. Nel suo intervento sembra voler in qualche modo difendere Lea Michele dalle accuse di razzismo, mentre avvalla e conferma quelle più generali di persona poco piacevole:

“Voglio essere molto chiara, l’Odio in America è una malattia che stiamo cercando di curare, quindi non desidero che l’odio sia sparso verso nessun altro. Detto questo, era poco piacevole lavorare con lei? Davvero molto; Lea dovrebbe essere richiamata per il trattamento di non rispetto che ha riservato agli altri per tantissimo tempo. Ma è anche colpa nostra perché abbiamo permesso di portarlo avanti nel tempo senza parlarne e adesso stiamo imparando a farlo. Ma nel momento attuale è stato sottointeso che è una razzista e nonostante io non possa commentare sulle sue convinzioni, penso che stiamo solo presumendo, e lo sapete cosa accade quando tutti presumiamo qualcosa”.

Infine anche Amber Riley, Mercedes in Glee, ha speso qualche parola sulla vicenda. In un’intervista online su Real Quick con Danielle Young, l’attrice afroamericana stava discutendo di razzismo e di attivismo. Alla domanda sulla vicenda di Lea Michele ha affermato:

“Voglio dire che sono orgogliosa di Samantha Ware per non aver avuto paura di dire la verità. Quello che voglio dire è che non dirò che Lea Michele è razzista. Non è quello che voglio dire. Questa è stata la supposizione per quello che sta accadendo adesso nel mondo, e quello che è accaduto alle persone nere. Non dirò che è razzista. Tra l’altro è anche incinta e penso che tutti si devono dare una calmata, l’avete attaccata per diversi giorni ormai.”

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Lea Michele by David Shankbone.jpg

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Lea Michele.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Lea Michele ai People's Choice Awards nel 2012

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Tournée[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Lea Michele è stata doppiata da:

  • Domitilla D'Amico in Squadra emergenza, Glee, Glee: The 3D Concert Movie, Capodanno a New York, Sons of Anarchy, Scream Queens

Come doppiatrice, viene sostituita da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lea Michele to Receive Billboard's First-Ever Triple Threat Award At Women in Music, su Billboard. URL consultato il 14 dicembre 2019.
  2. ^ Lea Michele, Brunette Ambition, Crown Archetype, 13 maggio 2014, ISBN 978-0-8041-3907-6. URL consultato il 12 maggio 2014.
  3. ^ Lea Michele: Biography, su TV Guide. URL consultato il 10 dicembre 2010.
  4. ^ Sarah Tieck, Lea Michele, ABDO, 2011, ISBN 978-1-61758-984-3.
  5. ^ Jada Yuan, Choir Girl, su New York Magazine, 23 agosto 2009. URL consultato il 1º novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 19 novembre 2018).
  6. ^ Albert Sarfati in household of Yontov Sarfati, "United States Census, 1940", FamilySearch.---> Yontov Sarfati, "United States Census, 1940", FamilySearch.
  7. ^ Celia Sarfati in household of Yontov Sarfati, "United States Census, 1940", FamilySearch.--->
  8. ^ Stated on Inside the Actors Studio, 2012. Starting at the 9:40 mark https://www.youtube.com/watch?v=xyfCHFy8r-k
  9. ^ Lea Michele: Cannonball anticipa l'uscita di Louder il suo nuovo album, allmusicnews.altervista.org. URL consultato il 30 novembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN70784596 · ISNI (EN0000 0001 2138 5059 · Europeana agent/base/97448 · LCCN (ENn2004081258 · GND (DE135996422 · BNF (FRcb16513793j (data) · BNE (ESXX5429731 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2004081258