Scooby-Doo! e il Fantasma Rosso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Scooby-Doo e il Fantasma Rosso
Titolo originaleScooby-Doo! and the Gourmet Ghost
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2018
Durata77 min
Genereanimazione, giallo
RegiaDoug Murphy
Casa di produzioneWarner Home Video
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Episodi
Preceduto da Scooby-Doo & Batman - Il caso irrisolto Seguito da Scooby Doo! e la maledizione del 13° fantasma

Scooby-Doo e il Fantasma Rosso (Scooby-Doo! and the Gourmet Ghost) è un film del 2018 diretto da Doug Murphy, basato sui personaggi di Scooby-Doo.

Prodotto dalla Warner Home Video, è stato pubblicato negli Stati Uniti d'America il 28 agosto 2018, mentre in Italia è andato in onda in prima TV su Boomerang il 27 settembre 2018. Viene successivamente pubblicato sulle piattaforme digitali italiane Chili[1], iTunes[2], Rakuten TV[3], Infinity TV, TIMvision e PlayStation Video[4] il giorno dopo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Quando Scooby-Doo e la gang si recano al Resort Culinario di Porto Roccioso per incontrare lo zio di Fred, il rinomato chef Bobby Flay, La Mystery Inc. si rende conto che questo villaggio culinario all’avanguardia è leggendario non solo per i suoi gustosi menù ma anche per la leggenda del Fantamsa Rosso e della sparizione irrisolta dell’antenato chef di Bobby Flay. Quando il misterioso Fantasma Rosso si presenta in modo nefasto con l’intento di tormentare l’hotel, la gang indaga con l’aiuto di Bobby e della sua collega chef Giada De Laurentiis. Possibile che la storia si ripeta con la sparizione di un secondo famoso chef?[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scooby-Doo E il fantasma rosso, Chili. URL consultato il 26 marzo 2019.
  2. ^ a b Scooby-Doo! E il fantasma rosso, iTunes. URL consultato il 26 marzo 2019.
  3. ^ Scooby-Doo e il fantasma rosso, Rakuten TV. URL consultato il 26 marzo 2019.
  4. ^ Scooby-Doo: missione chef, in PlayStation, 26 settembre 2018. URL consultato il 26 marzo 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]