Speciale Scooby

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Speciale Scooby
serie TV d'animazione
Titolo orig.The New Scooby-Doo Movies
Lingua orig.inglese
PaeseStati Uniti
AutoreHanna-Barbera Productions
MusicheThe New Scooby-doo Movies è stata composta dal musicista americano Hoyt Curtin. Il tema mostra il cast che urla Hey Scooby! e infine segue Casey Kasem con Where are you?
StudioHanna-Barbera
ReteCBS
1ª TV9 settembre 1972 – 27 ottobre 1973
Episodi24 (completa)
Durata ep.43 min
Rete it.Rai 1, Boing (Italia), Boomerang (Italia)
Episodi it.24 (completa)
Durata ep. it.43 min.
Generecommedia, giallo
Preceduto daScooby-Doo! Dove sei tu?
Seguito daThe Scooby-Doo Show

Speciale Scooby (The New Scooby-Doo Movies) è la seconda serie televisiva animata di Scooby-Doo prodotta da Hanna-Barbera[1], andata in onda in Italia su Rai 1. La serie è stata trasmessa anche con il titolo Gli Speciali di Scooby-Doo.

In Italia è stata trasmessa su Rai 2 dal 1984 con il titolo Le nuove avventure di Scooby-Doo[2] e successivamente trasmessa con altri titoli per non confondersi con la serie del 2002 Le nuove avventure di Scooby-Doo.

La serie è caratterizzata dalla presenza in ogni episodio di guest-star, celebri attori al doppiaggio dei personaggi animati o personaggi immaginari quali Batman, La famiglia Addams o Stanlio e Ollio.

Produzione e distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver tentato di rilasciare una serie completa dell'intero cartone "24 episodi" in DVD nel 2005, la Warner Home Video non è stata in grado di negoziare accordi con molte delle guest star degli episodi per includere quegli episodi nel set di DVD. Di conseguenza, il DVD è stato pubblicato con il titolo The Best of the New Scooby-Doo Movies e presenta solo 15 episodi selezionati da entrambe le stagioni. I titoli di apertura di questa versione sono stati modificati per rimuovere le immagini della famiglia Addams, Batman e Robin, gli Harlem Globetrotters, i tre marmittoni e Stanlio e Ollio.

Il 4 aprile 2019, la Warner Bros. ha annunciato l'intenzione di rilasciare altri otto episodi, sia come parte di un pacchetto con i 15 episodi precedentemente pubblicati sia come versione autonoma. [3] [4] [5] Questa versione è stata pianificata per il 50 ° anniversario di Scooby-Doo. Non è stata fornita alcuna spiegazione per i problemi dei diritti delle apparizioni precedenti.

L'unico episodio che non è stato pubblicato o annunciato per il rilascio su DVD è "Wednesday Is Missing", che presenta la famiglia Addams.[6]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La Misteri & Affini, protagonista della serie, organizza gite e vacanze per rilassarsi, ma nel loro cammino incontrano per caso le guest-star che si uniscono al gruppo. A causa di qualche imprevisto, i ragazzi fanno la conoscenza di persone in difficoltà perché vittime di apparizioni spettrali. La squadra si ferma ad aiutarli e incontrano persone sospette ed indizi che li portano alla conclusione del mistero e allo smascheramento del fantasma che in realtà è uno dei sospetti, una persona soltanto menzionata, o una persona completamente sconosciuta ai ragazzi.[7] [8]

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

La Misteri & Affini è la squadra protagonista della serie composta da:

  • Scooby-Doo: è un Alano parlante, fifone e sempre affamato. Il suo migliore amico è Shaggy, e i due vengono "usati" dal resto della gang come esche per far abboccare il mostro del giorno in trappola.
  • Shaggy Rogers: è un ragazzo alto e snello con capelli castani e indossa sempre una maglietta verde e pantaloni rossi. Come il suo partner Scooby, ama mangiare ed è molto fifone.
  • Fred Jones: è un ragazzo alto, dai possenti muscoli e molto coraggioso. Leader della gang, guida il "Furgoncino dei Misteri" verso nuove avventure. Ha i capelli biondi e veste una maglia bianca, blue jeans e un foulard arancione.
  • Daphne Blake: è una giovane ragazza attraente che si caccia sempre nei guai. Suo padre sponsorizza la gang e le ha regalato il furgoncino. Hai i capelli rossi è una carnagione chiara. Veste un abito viola, calze rosa e un foulard verde.
  • Velma Dinkley: è una ragazza molto intelligente e saccente, cervellona del gruppo. Mettendo insieme gli indizi che trova viene sempre a capo del mistero. Porta un maglione arancio e una gonnellina rossa.
  • Mystery Machine: furgoncino che accompagna i ragazzi in ogni loro avventura.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Doppiatore Originale Doppiatore Italiano
Scooby Doo Don Messick Enzo Consoli
Shaggy Rogers Casey Kasem Toni Garrani
Fred Jones Frank Welker Oreste Baldini
Daphne Blake Heather North Paola Quattrini
Velma Dinkley Nicole Jaffe Patrizia De Clara

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV Originale Stati Uniti
Prima stagione 16 9 settembre 1972
Seconda stagione 8 8 settembre 1973

Spin-off[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: La famiglia Addams (serie animata 1973).

La serie televisiva animata La famiglia Addams del 1973[9], nasce come spin-off dal terzo episodio, Scooby Doo Incontra la Famiglia Addams, della prima stagione di questa serie. Il successo dei personaggi presenti nell'episodio spinse i produttori a realizzare una nuova serie interamente dedicata alle vignette create da Charles Addams.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gianluca Cavallo, su giornalepop.it.
  2. ^ Fonte: Radiocorriere TV - Archivio 1986
  3. ^ https://www.animationmagazine.net/home-entertainment/new-scooby-doo-movies-come-home-in-almost-complete-lost-episode-sets/, su animationmagazine.net.
  4. ^ https://bluray.highdefdigest.com/71581/thenewscoobydoomoviesthealmostcompletecollection.html, su bluray.highdefdigest.com.
  5. ^ https://thegeekiary.com/scooby-doo-movies-collection-blu-dvd/62893, su thegeekiary.com.
  6. ^ A causa di controversie sui diritti con l'eredità di Charles Addams, questo episodio non è disponibile in home video.
  7. ^ Fonte della Trama, su animeclick.it.
  8. ^ Fonte trama (EN), su scoobydoo.fandom.com.
  9. ^ Gianluca Cavallo, I cartoni Hanna-Barbera arrivano in Italia, su giornalepop.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]