Kirsten Dunst

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kirsten Dunst al Festival di Cannes 2016

Kirsten Caroline Dunst (Point Pleasant, 30 aprile 1982) è un'attrice statunitense con cittadinanza tedesca.

Per il ruolo di Claudia nel film Intervista col vampiro (1994) è stata nominata per un Golden Globe nella sezione migliore attrice non protagonista. Nel 2011 ha vinto il Prix d'interprétation féminine al Festival di Cannes per la sua performance nel film Melancholia di Lars von Trier. Nel 2015 ha ottenuto ampi consensi con il ruolo della protagonista Peggy Blumquist nella seconda stagione della serie televisiva Fargo, che le è valsa un Critics' Choice Award e una candidatura al Premio Emmy e ai Golden Globe. Nel 2017 si è aggiudicata uno Screen Actors Guild Award insieme a tutto il resto del cast del film Il diritto di contare.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il padre Klaus Dunst è un medico tedesco proveniente da Amburgo, la madre, Inez Rupprecht, di origini svedesi, possiede una galleria d'arte. I suoi genitori si sono separati quando lei aveva 11 anni. Ha un fratello minore, Christian Dunst. Frequenta la Ranney School, nel New Jersey, ma si diploma presso la Notre Dame High School a Los Angeles, in California.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007 si trova al centro di alcune polemiche per aver ammesso, in un'intervista, di fumare regolarmente marijuana e di aver provato altre droghe illegali.[1] Nel 2008 viene ricoverata tre mesi per depressione.[2] Nel 2011 ottiene anche la cittadinanza tedesca grazie alle origini del padre.[3]

Dal 2016 ha una relazione con Jesse Plemons, conosciuto sul set della serie televisiva Fargo, con cui si fidanza ufficialmente nel 2017.[4] La coppia ha un figlio, nato il 7 maggio 2018.[5]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera inizia prestissimo, a tre anni, negli spot televisivi: nel 1988 appare in uno sketch al Saturday Night Live in cui impersonava la figlia maggiore dell'allora presidente George H. W. Bush. Nel 1989 passa al grande schermo con New York Stories, per poi ottenere, poco tempo dopo, una piccola parte nel ruolo della figlia di Tom Hanks in Il falò delle vanità. Nel 1993 è Hedril nella settima stagione di Star Trek: The Next Generation; inoltre impersona più volte la prostituta bambina Charlie Chiemingo in E.R. - Medici in prima linea.

Il salto di qualità avviene nel 1994, anno in cui recita in Intervista col vampiro, nel ruolo di Claudia, film tratto dal romanzo di Anne Rice. Questa performance le valse, tra gli altri premi, anche la sua prima candidatura ai Golden Globe. Nel 1995 recita in Jumanji. Lo stesso anno il padre lascia la famiglia. Nel 1999 rifiuta il ruolo di Angela nel film vincitore di cinque premi Oscar American Beauty per non apparire in alcune scene particolarmente sensuali, né baciare il protagonista Kevin Spacey. Lo stesso anno viene selezionata dalla regista Sofia Coppola per la parte di Lux Lisbon nel film indipendente Il giardino delle vergini suicide.

Nel 2002 interpreta Mary Jane Watson, la fidanzata dell'Uomo Ragno nella saga cinematografica Spider-Man. Nel 2004 interpreta l'assistente del Dr. Howard Mierzwiak nel film Se mi lasci ti cancello (titolo originale Eternal Sunshine of the Spotless Mind) diretto da Michel Gondry, con Jim Carrey e Kate Winslet. Nel 2006 ottiene il ruolo di protagonista in Marie Antoinette, premiato al Festival di Cannes 2006, nel ruolo della regina francese travolta dagli eventi rivoluzionari del 1789. Nel 2010 è co-protagonista al fianco di Ryan Gosling del film Love & Secrets. Lo stesso anno viene scelta da Lars von Trier come protagonista del suo film, Melancholia, storia di fantascienza presentata in concorso al Festival di Cannes 2011, dove l'attrice vince il premio per la miglior interpretazione femminile.[6]

Nel 2012 è tra le protagoniste di The Wedding Party[7] e nello stesso anno presenta On the Road al Festival di Cannes,[8] dove recita accanto a Kristen Stewart e Garrett Hedlund. Nel 2014 viene scelta come testimonial per L'Oréal Professionnel.[9] Nel 2015 ha fatto parte del cast principale della seconda stagione della serie televisiva Fargo, dove veste i panni di parrucchiera psicotica.[10] Nel 2017 è nel cast del film L'inganno, accanto a Nicole Kidman e Colin Farrell. La pellicola diretta da Sofia Coppola è tratta dall'omonimo romanzo di Thomas Cullinan, e narra la storia di un collegio femminile nello stato della Virginia del 1864, che durante la guerra civile viene protetto dal mondo esterno fino a quando un soldato ferito viene trovato nelle vicinanze.[11][12]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Kirsten Dunst al Toronto International Film Festival per la prima di On the Road (2012)

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Kirsten Dunst in Australia per la prima di Anchorman 2 - Fotti la notizia (2013)

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Kirsten Dunst è stata doppiata da:

  • Domitilla D'Amico in Piccole donne, Spider-Man, Spider-Man 2, Wimbledon, Elizabethtown, Marie Antoinette, Spider-Man 3, Star System - Se non ci sei non esisti, Love & Secrets, Melancholia, The Wedding Party, On the Road, Upside Down, Anchorman 2 - Fotti la notizia, I due volti di gennaio, Fargo, Midnight Special, Il diritto di contare, L'inganno
  • Federica De Bortoli in Intervista col vampiro, College femminile, Il giardino delle vergini suicide, Il corvo 3 - Salvation, Hollywood Confidential, Ragazze nel pallone, Get Over It, Mona Lisa Smile, Se mi lasci ti cancello, Tower of Terror
  • Perla Liberatori in Jumanji, E.R. - Medici in prima linea
  • Ilaria Stagni in Crazy/Beautiful, Bella da morire
  • Myriam Catania in Confessione finale
  • Claudia Pittelli in Sesso & potere
  • Monica Vulcano in Small Soldiers
  • Rossella Acerbo in Levity, Oltre i limiti
  • Eleonora De Angelis in Le ragazze della Casa Bianca
  • Monica Ward in L'amore negato

Nel film d'animazione Anastasia la voce dell'attrice è sostituita da quella di Valentina Mari.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Kirsten Dunst Admits She Likes Smoking Marijuana - Starpulse.com, su starpulse.com, 9 aprile 2007. URL consultato il 15 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 12 settembre 2012).
  2. ^ (EN) Kirsten Dunst Enters Rehab, su people.com, 7 febbraio 2008. URL consultato il 15 marzo 2016.
  3. ^ Kirsten Dunst si prende la cittadinanza tedesca, firstonline.info, 1º ottobre 2011. URL consultato il 14 febbraio 2015.
  4. ^ Kirsten Dunst sposerà l’uomo più improbabile del mondo (e fa benissimo), su marieclaire.it, 12 gennaio 2017. URL consultato il 9 febbraio 2018.
  5. ^ Kirsten Dunst è diventata mamma: l'attrice ha avuto un maschietto, su foxlife.it, 8 maggio 2018. URL consultato l'8 maggio 2018.
  6. ^ (EN) Awards 2011, festival-cannes.fr. URL consultato il 13 luglio 2011.
  7. ^ Kirsten Dunst, guastafeste al Wedding Party[collegamento interrotto]
  8. ^ Anche Kirsten Dunst in On the Road di Walter Salles, su blog.screenweek.it, 13 maggio 2010. URL consultato il 9 febbraio 2018.
  9. ^ Kirsten Dunst per L'Oréal Professionnel, su elle.it. URL consultato l'11 aprile 2014.
  10. ^ KIRSTEN DUNST NEL CAST DI FARGO, STAGIONE 2, su film.it, 11 dicembre 2014. URL consultato il 19 aprile 2017.
  11. ^ Cannes 2017 – Nicole Kidman, Colin Farrell e Kirsten Dunst nel nuovo trailer di L’Inganno, su badtaste.it, 20 aprile 2017. URL consultato il 18 maggio 2017.
  12. ^ The Beguiled: Nicole Kidman e Kirsten Dunst nel poster del film di Sofia Coppola, su badtaste.it, 12 maggio 2017. URL consultato il 18 maggio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Cutler Durkee, People: Child Stars, Then & Now, Time Inc Home Entertaiment, 2008, pp. 58, ISBN 1603200142.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85558566 · ISNI (EN0000 0001 2102 8334 · LCCN (ENno96025501 · GND (DE129584827 · BNF (FRcb14025148m (data)