Alexandra Maria Lara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alexandra Maria Lara, nata Alexandra Maria Plătăreanu (Bucarest, 12 novembre 1978), è un'attrice rumena naturalizzata tedesca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia unica dell'attore rumeno Valentin Plătăreanu e di sua moglie Doina, all'età di 4 anni la famiglia decise di lasciare la Romania, allora sotto il regime di Nicolae Ceaușescu, e di andare in Germania Ovest. Inizialmente sarebbero voluti andare in Canada ma infine si stabilirono a Friburgo in Brisgovia, nel Baden-Württemberg, e in seguito a Berlino. Dopo essersi diplomata al Französisches Gymnasium Berlin (Collège Français) nel 1997 andò a studiare da attrice al Theaterwerkstatt Charlottenburg (di cui il padre è cofondatore) fino al 2000.

Iniziò con dei ruoli in vari telefilm di tipo drammatico, che pian piano sviluppò sino a diventare un'attrice di rilievo. La sua interpretazione più famosa fu quella di Traudl Junge, la segretaria di Adolf Hitler nel film La caduta - Gli ultimi giorni di Hitler (nominato agli Oscar nel 2004). Da allora fu conosciuta in ambito internazionale. Francis Ford Coppola la chiamò nel 2007 a partecipare al suo film Un'altra giovinezza, tratto dall'omonimo romanzo dello storico delle religioni e scrittore romeno Mircea Eliade.

Nel 2008 venne ingaggiata per il film La polvere del tempo di Theo Angelopoulos con la partecipazione di Harvey Keitel e Bruno Ganz. Ebbe un cameo nel film Miracolo a Sant'Anna di Spike Lee, e ruoli da protagonista in The Reader - A voce alta di Stephen Daldry e Control di Anton Corbijn. Nel 2013 partecipò, tra i protagonisti, al film Rush di Ron Howard, dove recitò nella parte della moglie di Niki Lauda, Marlene Knaus.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Vive a Berlino con il marito Sam Riley, attore conosciuto sul set di Control e sposato nell'agosto 2009.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN21879587 · ISNI (EN0000 0001 1605 4642 · LCCN (ENno2005078902 · GND (DE13605479X · BNF (FRcb15015710h (data)