Negan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Negan
Negan.jpg
Jeffrey Dean Morgan interpreta Negan nella serie televisiva
UniversoThe Walking Dead
Lingua orig.Inglese
AutoreRobert Kirkman
1ª app. inThe Walking Dead #17 (fumetto)
L'ultimo giorno sulla Terra
Interpretato daJeffrey Dean Morgan
Voce italianaFabrizio Temperini
SessoMaschio
Professione

«Se qualcuno si muove, se qualcuno prova a dire qualcosa, caverò l'altro occhio al ragazzo e lo farò mangiare a suo padre, poi inizieremo. Potete respirare, sbattere le palpebre, potete piangere...Sì, eccome se piangerete!»

(Negan)

Negan è un personaggio immaginario, uno degli antagonisti principali del fumetto The Walking Dead e della serie TV omonima. Nella serie TV è interpretato da Jeffrey Dean Morgan ed è il villain principale dell'ultima parte della sesta stagione nonché dell'intera settima stagione e ottava stagione.

L'aspetto del personaggio si basa su Henry Rollins, come confermato da Charlie Adlard.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fumetto[modifica | modifica wikitesto]

Nel fumetto Negan cerca di ostacolare il tentativo di Rick di avviare un rapporto commerciale con Hilltop. Attaccati dai Salvatori, banditi al soldo di Negan, sono costretti a consegnare metà delle loro armi e forniture. Inizialmente obbedienti, Rick e gli altri cospireranno con altre comunità della zona di Washington per prepararsi alla guerra contro i Salvatori. Il suo quartier generale si trova in una vecchia fabbrica abbandonata, dove vive circondato da diverse mogli. Al suo seguito ci sono circa settanta banditi. Col tempo maturerà una simpatia per il giovane Carl Grimes. La guerra fra le comunità capeggiate da Rick contro i Salvatori finisce con la sconfitta di questi ultimi. Negan dopo aver spezzato una gamba al leader di Alexandria (di cui non recupererà più pienamente il controllo) viene da lui sconfitto. Benché in molti lo vogliano morto, principalmente per il brutale omicidio di Glenn, Rick decide di risparmiargli la vita, ma di tenerlo imprigionato per sempre, così da permettergli di vedere il successo di Alexandria e dei suoi ideali. Negan trascorre i successivi due anni in una cella nella comunità di Alexandria, costantemente sorvegliato. In questo lungo periodo Carl trascorre molto tempo con lui. Nel frattempo l'ex leader del Santuario cambia la sua prospettiva ed inizia a maturare un rapporto di rispetto e di stima verso Rick. Dopo essere riuscito a fuggire andrà ad uccidere Alpha, capo dei Sussurratori, un vasto gruppo di uomini erranti che utilizzano pelli di zombie per mimetizzarsi fra loro e che hanno iniziato un conflitto con Rick. Dopo aver dimostrato di essersi redento e pentito Negan si dimostra una valida risorsa e un ottimo consigliere per Rick e arriverà addirittura a salvargli la vita. Nonostante il suo percorso di redenzione viene cacciato da Alexandria poiché i suoi abitanti ancora non gli hanno perdonato i peccati di un tempo. Dopo aver lasciato la comunità Negan decide di chiudere con il passato e di andarsene, da solo, e per la prima volta senza la sua fedele compagna Lucille (distrutta durante la battaglia finale con i sussurratori).

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Poco dopo lo scoppio dell'apocalisse zombie, Negan ha costituito una comunità di sopravvissuti e vari avamposti nella zona di Washington formati perlopiù da ex criminali, ora conosciuti come "i Salvatori", divenendo un temuto signore della guerra. Venuto a contatto con la pacifica comunità di Hilltop, ha obbligato il leader della stessa, Gregory, a consegnargli metà dei loro averi e materiali di consumo e per dare una dimostrazione ha inviato i suoi banditi a pestare a morte un sedicenne di nome Rory, residente della comunità.

Sesta stagione[modifica | modifica wikitesto]

L'esistenza di Negan viene inizialmente rivelata a Daryl da Dwight, Shelly e Tina, tre ex Salvatori in fuga, i quali pensano che il cacciatore sia uno degli uomini di Negan. Un gruppo di Salvatori, guidati da un uomo di nome Wade, viene inviato per riportare i tre fuggitivi indietro, ma Daryl riesce a salvarli. Successivamente Daryl, Abraham e Sasha vengono direttamente a contatto con i Salvatori quando un gruppo di questi, guidati dal leader motociclista Bud, vuole obbligarli a consegnare i loro averi; Daryl riesce però ad ucciderli con l'ausilio di un RPG. L'esistenza di Negan e dei Salvatori sarà definitivamente confermata da Jesus, un abitante di Hilltop, che rivelerà a Rick che Negan estorce alla comunità la metà dei loro averi e viveri con la forza. Così, in cambio di scorte di cibo e derrate alimentari, Rick ed il suo gruppo ordiranno un attacco a sorpresa a quello che credono essere il quartier generale di Negan, ma che si rivelerà essere solo uno dei suoi vari avamposti. Dopo aver ucciso fino all'ultimo Salvatore, Carol e Maggie verranno rapite da tre di loro che erano sopravvissuti, ma riusciranno a cavarsela ed a ricongiungersi con Rick. Tempo dopo, durante una ricognizione, Daryl, Rosita, Glenn e Denise finiranno in un'imboscata dei Salvatori, guidati da Dwight, che ucciderà Denise, mentre gli altri due saranno salvati dall'intervento tempestivo di Abraham che riesce a mettere Dwight in fuga. Desideroso di vendetta Daryl lo inseguirà, e nella ricerca si uniranno anche Michonne e Rosita, ma il gruppo finirà in una nuova trappola ordita dallo stesso Dwight. Un altro gruppo di Salvatori, inviato ad Alexandria, sarà fermato da Carol e Morgan. Intanto Rick, Carl, Abraham e Sasha, nel tentativo di portare Maggie ad Hilltop, a causa di un malore, per farla visitare dal loro medico, verranno attaccati da un contingente di Salvatori che gli confischeranno le armi e li obbligheranno ad inginocchiarsi, di fronte al resto del gruppo catturato da Dwight. Poco dopo Negan farà la sua prima apparizione dal vivo, e spiegherà a Rick che ormai lui e la sua comunità lavorano per i Salvatori. Dopodiché inizierà a colpire a morte uno dei prigionieri con una mazza da baseball rivestita di filo spinato a cui ha dato il nome di Lucille, in onore della sua prima moglie deceduta.

Settima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima puntata viene rivelato che Negan ha ucciso Abraham, subito dopo schernisce Rosita invitandola ad osservare la sua Lucille sporca dei resti del suo ex fidanzato, a quel punto Daryl lo colpisce al viso con un pugno. Infuriato, Negan punisce il gruppo uccidendo Glenn, poiché Daryl è andato contro il suo ordine di rimanere fermi e immobili (Non ha ucciso Daryl perché l'ha preso in simpatia). Dopo l'esecuzione, l'uomo prende Rick e lo porta in giro con il camper iniziando a torturarlo psicologicamente col fine di fargli capire che adesso è lui a comandare. Notando l'ostinatezza dell'uomo, Negan decide di metterlo alla prova ancora una volta ordinandogli di tagliare un braccio a Carl per evitare la morte del ragazzo e del resto del gruppo, fermandolo solo dopo aver avuto la certezza che Rick lo avrebbe fatto. Dopo che Rick promette ai Salvatori che inizierà a lavorare per loro, Negan prende in ostaggio Daryl e si allontana con i suoi uomini. Inizia quindi la dittatura di Negan su Alexandria, con Rick impotente di fronte al suo esercito e costretto a eseguire i compiti assegnatogli. Carl proverà a fermare Negan da solo, ma senza successo. Negan quindi lo prende e lo porta a visitare il suo Santuario e gli mostra l'harem delle sue mogli, successivamente marchia a fuoco Mark, ex fidanzato di Amber, una delle mogli di Negan e riporta il giovane Grimes a casa per aspettare Rick. Ancora una volta mostra di essere un uomo di parola, quando ucciderà Spencer per avergli chiesto di eliminare Rick e quando ordina ad Arat di uccidere una persona per colpa di Rosita che ha attentato alla vita dell'uomo e "ferendo" Lucille. Di fatti Negan era andato ad Alexandria solo per rispettare i patti con Alexandria e solo l'intervento di Spencer e Rosita lo ha portato ad uccidere il primo e causare la morte di Olivia per colpa della seconda. Nel finale della settima stagione tenta di uccidere Carl sotto gli occhi di Rick ma viene distratto dall'arrivo di Shiva con a seguito Ezekiel e Maggie. Ha così inizio la guerra.

Ottava stagione[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima puntata Rick dice a Negan e ai suoi uomini che se si arrenderanno subito, la loro vita sarà risparmiata, ma Negan sa benissimo che lui verrebbe ucciso. Negan dice a Rick che non ha numeri di uomini sufficienti per affrontarlo. Durante l'assedio dell'avamposto da parte degli Alessandrini, Negan si ripara dietro ad alcuni veicoli e lo sceriffo apre il fuoco su di lui, ma viene fermato da Gabriel che gli dice di lasciarlo lì. Nel finale dell'espisodio, Gabriel trova rifugio in un camper dove trova lo stesso Negan che con un sorriso maniacale gli dice di prepararsi a sporcare i pantaloni. Nell'episodio "I peccati di Negan" Negan dopo aver scoperto che Gabriel ha mandato a morire l'intera congregazione della sua chiesa, decide di parlare della sua prima moglie, Lucille, che l'uomo tradiva continuamente mentre lei soffriva in silenzio di una lunga malattia. La donna sarebbe morta durante l'inizio dell'epidemia, ma lui non aveva mai avuto il coraggio di finirla. In seguito si è unito a quelli che ora sono i salvatori, occupando il posto del primo capo che a detta sua, non sapeva tenere a freno gli altri. Gabriel assolve Negan e insieme smembrano uno zombie per potersi ricoprire di budella e uscire mimetizzati in mezzo all'orda. Nel finale di metà stagione (l'ottavo episodio) Negan si presenta alle porte di Alexandria minacciando di bombardarla se Rick e chiunque avesse attaccato il suo rifugio non si fosse sacrificato per rimediare al gesto. Carl ordina a tutti di fuggire e si dirige ai cancelli per parlare con Negan. Il figlio di Rick decide di offrirsi in sacrificio per mettere fine alla guerra, Negan ne rimane molto colpito e inizia a chiacchierare con lui, ignorando che Daryl e gli altri stanno per agire. Successivamente Rick torna ad Alexandria ed entrato in casa sua alla ricerca dei figli viene assalito da Negan; i due iniziano a combattere e lo sceriffo ha la peggio, ma riesce comunque a scappare. Negan dopo aver creato scompiglio ad Alexandria fa ritorno al Santuario per decidere la prossima mossa e verrà a sapere della morte di Carl rimanendone profondamente dispiaciuto, per questo accuserà Rick di essere stato un pessimo padre. Dopo aver messo Eugene a capo della fabbrica di proiettili, manda alcuni uomini alla ricerca degli alessandrini fuggiti e del dottor Carson e padre Gabriel. Gabriel viene riportato al Santuario e messo al servizio di Eugene. Ordinerá poi a Simon di sistemare la faccenda con gli accumulatori della discarica dicendogli di uccidere una sola persona, ma questi eliminerà tutti i residenti eccetto Jadis. Dalle parole di Eugene, Negan escogita un piano per costringere la milizia alla resa, ovvero intingere le armi nel sangue infetto dei vaganti e infettare così ogni persona che li avrebbero affrontati. Sulla strada per Hilltop viene intercettato da Rick che lo separa dal resto degli uomini anche perché Simon che tramava alle sue spalle gli impedisce di seguirli. Rick e Negan combattono in un edificio diroccato e il capo dei salvatori scoprirà del tradimento di Simon, Negan riesce a fuggire da Rick, ma viene catturato da Jadis che minaccia di ucciderlo. Negan riesce a convincere Jadis a liberarlo con la promessa di occuparsi di Simon, lungo la strada per il santuario ritrova Laura e tutti e due tornano di nascosto al Santuario per sorprendere Simon e Dwight di cui ora Negan sa il doppiogioco. Negan farà uccidere tutti gli uomini di Simon e poi affronterà quest'ultimo per il posto da leader e Negan vincerà l'incontro strangolando il vice leader. Simon si trasforma e Negan lo fa incatenare alle recinzioni. Nella visione del futuro di Carl, Negan è diventato buono e collabora con Alexandria. Durante lo scontro definitivo Negan sembra essere in vantaggio. Mentre si appresta ad uccidere padre Gabriel tuttavia la pistola gli esplode in mano e la stessa cosa accade a tutti i Salvatori. Si scopre quindi che Eugene aveva manomesso tutti i proiettili che aveva costruito. Questa mossa da il tempo al gruppo guidato da Rick di passare in vantaggio. I Salvatori vista la situazione si arrendono, mentre Negan fugge e, ferito ad una mano, inizia un scontro all'ultimo sangue con Rick. Mentre stanno combattendo davanti agli occhi di tutti Negan viene scosso dalle parole di Rick sul fatto che suo figlio non voleva che continuasse questa guerra. Proprio questa discussione ci va intravedere il vero e umile lato umano di Negan che dopo aver ascoltato queste parole,con gli occhi lucidi, abbassa Lucille e sembra che decida finalmente di parlare. Ma si scopre che le parole di Rick non avevano verità e Negan, in modo meschino, viene definitivamente sconfitto da Rick che lo ferisce con un frammento di vetro, con un profondo taglio alla gola. Per il capo dei Salvatori sembra essere giunta la fine, ma Rick decide di risparmiargli la vita, per rispettare l'ultimo desiderio del figlio, che prima di tutti gli altri sognava un nuovo mondo con tutte le comunità che vivessero e cooperassero pacificamente fra loro. Dopo questa scelta inaspettata del leader di Alexandria, Negan viene rinchiuso nella cella costruita tempo prima da Morgan. Rick gli dice che passerà tutta la vita dietro quelle sbarre, e che vedrà realizzarsi una nuova civiltà, basata sul perdono e sulla giustizia. Tuttavia la scelta di risparmiare Negan non viene condivisa da tutti, specialmente da Maggie (vedova di Glenn proprio a causa sua), Jesus e Daryl, creando i presupposti per un probabile scontro fra le comunità di Alexandria e Hilltop.

Caratterizzazione e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Negan si presenta come un individuo sadico, violento e sociopatico e pertanto si può considerare una forma più pura di degenerazione mentale e morale rispetto al Governatore.

Nonostante ciò è un uomo molto intelligente, capace di sfruttare al meglio chiunque possa tornargli utile in qualche modo, è dotato di un contorto senso dell'umorismo ed è un buon negoziatore; si può supporre inoltre che sia anche un abile stratega, essendo riuscito a catturare il gruppo di Rick facendolo cadere in diverse imboscate. L'unico con cui stringe un ambiguo legame di mutuo rispetto è Carl.

Proprio a causa della sua fama è molto temuto e rispettato sia dai suoi uomini che dalle altre comunità intorno a Washington, alle quali estorce gran parte dei loro averi come forma di protezione.

Come arma utilizza una mazza da baseball avvolta nel filo spinato che ha chiamato Lucille e l'unico crimine che lo disgusta è lo stupro: a tal proposito è interessante notare come ciò sia in contrasto con la sua abitudine di avere un harem formato dalle mogli e fidanzate di alcuni degli uomini da lui giustiziati.

In un'intervista l'attore Norman Reedus, interprete di Daryl, ha paragonato Negan al Joker, lodando la performance di Jeffrey Dean Morgan[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Talking To The Walking Dead Panel, su Bleeding Cool Comic Book, Movie, TV News, 13 luglio 2012. URL consultato il 20 ottobre 2016.
  2. ^ [1]
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione