When We All Fall Asleep, Where Do We Go?

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
When We All Fall Asleep, Where Do We Go?
ArtistaBillie Eilish
Tipo albumStudio
Pubblicazione29 marzo 2019
Durata42:48
Dischi1
Tracce14
GenereArt pop[1]
Elettropop[2]
EtichettaDarkroom, Interscope
ProduttoreFinneas
Registrazionemaggio–ottobre 2018
FormatiCD, MC, LP, download digitale, streaming
NoteGrammy Award Album dell'anno 2020
Grammy Award Miglior album pop vocale 2020
Certificazioni
Dischi di platinoAustralia Australia (3)[3]
(vendite: 210 000+)
Austria Austria (3)[4]
(vendite: 45 000+)
Belgio Belgio[5]
(vendite: 20 000+)
Canada Canada (5)[6]
(vendite: 400 000+)
Danimarca Danimarca (4)[7]
(vendite: 80 000+)
Finlandia Finlandia (5)[8]
(vendite: 115 000+)
Francia Francia (2)[9]
(vendite: 200 000+)
Germania Germania[10]
(vendite: 200 000+)
Italia Italia (2)[11]
(vendite: 100 000+)
Messico Messico (2)[12]
(vendite: 120 000+)
Norvegia Norvegia (7)[13]
(vendite: 140 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (5)[14]
(vendite: 75 000+)
Polonia Polonia (4)[15]
(vendite: 80 000+)
Portogallo Portogallo[16]
(vendite: 15 000+)
Regno Unito Regno Unito (2)[17]
(vendite: 600 000+)
Singapore Singapore (2)[18]
(vendite: 20 000+)
Spagna Spagna[19]
(vendite: 40 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (4)[20]
(vendite: 4 000 000+)
Billie Eilish - cronologia
Album precedente
Logo
Logo del disco When We All Fall Asleep, Where Do We Go?
Singoli
  1. You Should See Me in a Crown
    Pubblicato: 18 luglio 2018
  2. When the Party's Over
    Pubblicato: 17 ottobre 2018
  3. Bury a Friend
    Pubblicato: 30 gennaio 2019
  4. Wish You Were Gay
    Pubblicato: 4 marzo 2019
  5. Bad Guy
    Pubblicato: 29 marzo 2019
  6. All the Good Girls Go to Hell
    Pubblicato: 6 settembre 2019
  7. Everything I Wanted
    Pubblicato: 13 novembre 2019
  8. Ilomilo
    Pubblicato: 10 aprile 2020

When We All Fall Asleep, Where Do We Go? (reso graficamente come WHEN WE ALL FALL ASLEEP, WHERE DO WE GO?) è il primo album in studio della cantante statunitense Billie Eilish, pubblicato il 29 marzo 2019 dalla Darkroom e Interscope Records.

Nell'ambito dei Grammy Award annuali ha trionfato come Album dell'anno e Miglior album pop vocale, mentre il singolo Bad Guy ha ottenuto le categorie Registrazione dell'anno e Canzone dell'anno.[21] Il singolo Everything I Wanted, presente nella riedizione dell'album, è stato premiato all'edizione successiva nella categoria Registrazione dell'anno.[22]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 marzo 2018 la Eilish ha confermato di essere al lavoro al proprio album di debutto, che con molta probabilità sarebbe stato pubblicato a fine anno, nonostante avesse confermato a luglio dello stesso anno, in un'intervista con la BBC Radio 1, che il disco sarebbe uscito il 29 marzo 2019.[23][24] Nel gennaio 2019 l'album era in fase di mastering e il 29 dello stesso mese ha annunciato il titolo e la copertina dell'album attraverso il proprio profilo Instagram.[25][26] Il preordine del disco è stato reso disponibile a partire dal giorno seguente, insieme alla pubblicazione del singolo Bury a Friend, dalla cui strofa è tratto il titolo dell'album.[27][28][29]

Copertina[modifica | modifica wikitesto]

La foto di copertina di When We All Fall Asleep, Where Do We Go? è stata scattata da Kenneth Cappello, con il quale Eilish aveva già collaborato per quella del suo EP del 2017 Don't Smile at Me. Dopo aver lavorato con la cantante per delle foto per la rivista her., a Cappello è stato chiesto di fotografare le foto per il suo album di debutto. Le riprese si sono svolte il giorno del compleanno di Eilish, a dicembre, in uno studio a Los Angeles e sono durate dodici ore.[30] La cantante aveva già preparato sketch per la copertina, ispirati dai temi dell'album di incubi notturni e sogni lucidi, nonché dall'interesse di Eilish per i film horror,[30][31] in particolare Babadook.[32] Affinché sembrasse reale, Cappello non ha aggiunto ulteriori illuminazioni alla foto finale in modo da trasmettere la sensazione che «della porta che si apre e della luce che entra nella camera». Ha scattato diverse varianti di Eilish seduta sul letto, mentre esprimeva una serie di emozioni. Eilish indossava lenti a contatto per riempire completamente gli occhi di bianco. La cantante ha richiesto inoltre aggiungere pochi effetti speciali e ritocchi aggiuntivi sulla foto finale per conservare un senso di «realtà e trasparenza».[30]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

L'album è costruito attorno alla produzione di O'Connell che include frequentemente bassi amplificati, percussioni minimaliste e suoni acustici.[33][34][35][36] Le strutture delle canzoni sono tradizionali, composte da melodie accompagnate da tastiere, chitarre o bassi, ma incorporano anche influenze dure e industriali.[37] I critici hanno messo in evidenza influenze indie, elettroniche, pop, EDM, dance pop, synth pop, contemporary R&B, trap e jazz.[34][38][39][40][41] Il disco è stato notato per la sua produzione minimalista ispirata all'hip hop, dando origine a confronti con l'album di debutto di Lorde, Pure Heroine.[42][43][44][45] L'album è stato inoltre paragonato ai lavori di Lana Del Rey.[46]

Lo stile vocale di Eilish in When We All Fall Asleep è stato spesso descritto come morbido e sussurrato dalla critica specializzata.[47][48] È stato paragonato anche all'ASMR; mentre altri hanno affermato di aver provato un «formicolio» ascoltando la voce di Eilish.[33][49][50]

Tematiche[modifica | modifica wikitesto]

I testi affrontano le speranze e le paure della gioventù contemporanea,[51] esplorando la tossicodipendenza, le rotture amorose, i cambiamenti climatici, la salute mentale e il suicidio.[40][52][53][54][55] In un'intervista con Zane Lowe, Eilish ha spiegato che l'album è stato in gran parte ispirato a sogni lucidi e incubi notturni, rivelando che «è fondamentalmente ciò che accade quando ti addormenti», da cui concetto deriva il titolo del disco.[56][57] Non è però chiaro se le esperienze che si individuano nei testi siano sue, poiché spesso prende le distanze dal contenuto delle sue canzoni. Eilish ha spiegato a Rolling Stone che lei e suo fratello «scrivono dalle prospettive di altre persone», aggiungendo che metà delle canzoni dell'album «sono immaginarie e metà sono cose che stava attraversando, ma non si saprà mai quali».[58]

I brani[modifica | modifica wikitesto]

La traccia di apertura dell'album, !!!!!!!, è una breve introduzione in cui Eilish beve rumorosamente la saliva dal suo Invisalign e annuncia che «questo è l'album» prima di scoppiare a ridere con suo fratello.[51][59] O'Connell ha spiegato che è servito per «inserire un senso dell'umorismo» in mezzo alla «pesantezza» dell'album.[60] Il seguente Bad Guy è un brano pop e trap,[61] caratterizzato dall'uso di un basso, un kickdrum e schiocchi di dita amplificati;[35] nel testo Eilish schernisce il suo partner, cantando che lei è la «cattiva» piuttosto che lui.[62] Eilish è stata ispirata nella scrittura di Xanny dopo aver partecipato ad una festa nella quale una sua amica «continuava a vomitare e nessuno era spaventato», domandandosi se tutto questo fosse normale; durante il processo di registrazione, Eilish e il fratello hanno creato un suono influenzato da una ragazza che soffia il fumo della sigaretta in faccia alla cantante, insieme ad una batteria e a un loop jazz al fine di replicare la sensazione dell'essere «nel fumo passivo».[63]

You Should See Me in a Crown, che i due fratelli hanno scritto dopo aver visto il terzo episodio della seconda stagione di Sherlock intitolato The Reichenbach Fall,[64] è una canzone dalle sonorità hip hop e trap.[65][66] All the Good Girls Go to Hell, descritta da Stereogum come una delle «tracce più pazze dell'album», esplora l'idea che Dio e il diavolo «guardino gli esseri umani come un mite gruppo di persone e stessero dicendo "Cosa stanno cercando di fare qui?"».[60] La settima canzone dell'album, When the Party's Over, è una ballata al pianoforte con influenze corali,[67] ed è stata scritta dopo che O'Connell aveva lasciato la casa della ragazza con cui aveva un appuntamento senza un motivo preciso.[60]

L'ottava traccia, intitolata 8, è una ninna nanna che modifica la voce di Eilish per farla sembrare quella di una bambina piccola.[40] Segue My Strange Addiction, dal sound pop,[59] che campiona l'audio di un episodio della sitcom televisiva statunitense The Office intitolato Threat Level Midnight.[68] Il brano successivo, Bury a Friend, è stato descritto come elettronico e minimalista,[69] oltre che un brano industrial;[70] secondo alcuni critici il ritmo ricorda Black Skinhead di Kanye West e la linea vocale risulta simile a People Are Strange dei The Doors.[71][72][73] È scritto dalla prospettiva di un mostro sotto un letto, esplorando ciò che «questa creatura sta facendo o sentendo».[74] Il ritmo della canzone conduce perfettamente all'undicesima traccia elettropop Ilomilo, intitolata come il videogioco del 2010.[39][75]

Le ultime tre tracce si possono leggere collettivamente «Listen Before I Go, I Love You, Goodbye». In un'intervista con Vulture, O'Connell ha affermato che a sua sorella «è piaciuta la leggibilità dei brani», prima di aggiungere che «sono collegati» poiché riflettono «diverse emozioni sull'addio». Le tre canzoni sono poste alla fine dell'album in modo da evitare una brusca interruzione dell'album.[60] Listen Before I Go presenta un delicato accompagnamento di piano e influenze jazz mentre Eilish canta dal punto di vista di qualcuno che sta per suicidarsi, con rumori di strada e sirene aggiunti all'inizio e alla fine della traccia per motivi di atmosfera.[35] Il brano seguente, I Love You, è simile al precedente e utilizza un campionamento di un assistente di linea che parla e di un aereo che decolla. Il suo ritornello è stato paragonato ad Hallelujah di Leonard Cohen.[75] Il testo della canzone finale, Goodbye, contiene un verso con ciascuno dei titoli delle tracce del disco.[35][75]

Brani scartati[modifica | modifica wikitesto]

Per When We All Fall Asleep, Where Do We Go? la cantante ha scritto, insieme al fratello, un gran numero di brani, di cui alcuni proposti dal vivo ed altri soltanto anticipati, che non sono tuttavia stati inclusi nella lista tracce finale dell'album. Tra queste le più rilevanti sono:

  • I Don't Know, I Just Wish I Wasn't Breathing: la cantante ha condiviso un'anteprima del brano tramite una storia Instagram il 29 giugno 2018. In un'intervista con PopBuzz, oltre a confermare che avrebbe dovuto essere inserito nell'album, ha dichiarato che del brano esiste solamente una strofa e che la sua scrittura non è stata portata a termine. Ha aggiunto anche che avrebbe dovuto iniziare la frase conclusiva dell'album composta dai titoli dei brani finali, che sarebbe quindi stata: I Don't Know, I Just Wish I Wasn't Breathing, Listen Before I Go, I Love You, Goodbye.[76]
  • 6.18.18: è un tributo al rapper XXXTentacion: il titolo infatti fa riferimento alla data della sua morte, il 18 giugno 2018. La cantante si è esibita con la canzone durante una sola tappa del tour, ed è stata poi rimossa dalla scaletta, probabilmente a causa degli scandali legati al rapper trapelati dopo il suo decesso. La canzone doveva originariamente far parte dell'album, ma è stata scartata.[77]
  • Bad Company: la cantante ha postato un'anteprima del brano sulle storie di Instagram il 24 marzo 2018. Secondo quanto spiegato da Eilish e dal fratello, il brano è stato scartato dal disco in quanto non si incastrava bene con le tematiche in esso contenute. Al brano è stato associato questo titolo, ma la cantante ha confermato la sua imprecisione.[78]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

You Should See Me in a Crown è stato pubblicato come primo singolo dell'album il 18 luglio 2018. Ha raggiunto la 41ª posizione della Billboard Hot 100. Il relativo vertical video, pubblicato il 10 agosto 2018, ha raggiunto 104 milioni di visualizzazioni,[79] mentre il videoclip ufficiale, pubblicato il 17 aprile 2019, ha superato le 31 milioni di visualizzazioni.[80] Il secondo singolo è stato When the Party's Over, uscito il 17 ottobre 2018; ha raggiunto la 29ª posizione della classifica statunitense e il relativo videoclip, reso disponibile il 25 ottobre 2018, ha superato le 258 milioni di visualizzazioni.[81]

Bury a Friend è stato pubblicato come terzo singolo il 30 gennaio 2019. Ha raggiunto la 14ª posizione della classifica statunitense. Il relativo videoclip, pubblicato lo stesso giorno dell'uscita del singolo, ha raggiunto 175 milioni di visualizzazioni.[82] Come quarto singolo è stato estratto Wish You Were Gay, presentato il 4 marzo 2019.[83] A seguire è stato Bad Guy, pubblicato in concomitanza con l'uscita dell'album.[84] Il singolo finale estratto dall'album è stato All the Good Girls Go to Hell, distribuito a partire dal 6 settembre 2019.[85]

Pur non essendo stato pubblicato come singolo, di Xanny è stato pubblicato un video musicale il 5 dicembre 2019.[86]

Tournée[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: When We All Fall Asleep Tour e Where Do We Go? World Tour.
Billie Eilish in concerto nel maggio 2019

Al fine di promuovere ulteriormente l'album, il 4 febbraio 2019 Billie Eilish ha annunciato su Instagram il When We All Fall Asleep Tour, un tour mondiale con date in Oceania, America del Nord, America meridionale ed Europa, per un totale di 66 spettacoli. Il 27 settembre 2019 ha annunciato la seconda parte del tour, il Where Do We Go? World Tour, pubblicando una foto contenente le date e i luoghi in cui si sarebbe svolto.[87]

Il 6 dicembre 2019 la cantante ha tenuto un concerto acustico speciale al The Blue Room di Nashville, evento successivamente immortalato nell'album dal vivo Live at Third Man Records, distribuito un mese esatto più tardi.[88]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[39]
Clash[51] 9/10
Consequence[89] A–
DIY[90]
Exclaim![1] 8/10
musicOMH[91]
NME[59]
Paste[36] 7,3/10
Pitchfork[34] 7,2/10
Rolling Stone[92]
Sputnikmusic[31]
The Austin Chronicle[93]
The Daily Telegraph[38]
The Guardian[33]
The Independent[94]
The Irish Times[95]
The Line of Best Fit[96] 8,5/10
The Quietus[41] 8/10

L'album è stato accolto positivamente dalla critica specializzata, con Metacritic che ha rivelato un punteggio di 82 su 100 basato su ventuno recensioni, equivalente ad «acclamazione universale».[97] Discorso analogo anche attraverso il portale AnyDecentMusic?, dove il disco ha una votazione media di 7,5 su 10 basandosi sulle valutazioni della critica.[98] Neil McCormick del The Daily Telegraph ha lodato in particolare i testi dell'album.[38] Thomas Smith per il NME ha assegnato all'album cinque stelle[59] mentre Matt Bobkin di Exclaim! ha lodato la varietà di generi dell'album e la produzione di O'Connell.[1]

Neil Z. Yeung di AllMusic ha affermato che la cantante rappresenta un pubblico che affronta lotte di salute mentale durante la crescita, e che l'album ha aperto le porte per «un futuro luminoso, disordinato e pieno di speranza».[39] Will Hodgkinson, scrivendo per The Times, ha elogiato la natura sicura del disco.[99] Scrivendo una recensione per Pitchfork, Stacey Anderson ha accreditato il successo di When We All Fall Asleep alla «eccentricità inquietante» della cantante.[34] Christopher Thiessen di Consequence ha elogiato «l'impressionante coesione e il coinvolgimento emotivo» dell'album.[89]

Roisin O'Connor per The Independent ha assegnato una recensione negativa all'album, definendolo «noioso e gonfio» e definendo la sua produzione «scadente».[94]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Billie Eilish O'Connell e Finneas O'Connell, eccetto dove indicato.

  1. !!!!!!! – 0:13
  2. Bad Guy – 3:14
  3. Xanny – 4:03
  4. You Should See Me in a Crown – 3:00
  5. All the Good Girls Go to Hell – 2:48
  6. Wish You Were Gay – 3:41
  7. When the Party's Over – 3:16 (Finneas O'Connell)
  8. 8 – 2:53
  9. My Strange Addiction – 2:59 (Finneas O'Connell)
  10. Bury a Friend – 3:13
  11. Ilomilo – 2:36
  12. Listen Before I Go – 4:02
  13. I Love You – 4:51
  14. Goodbye – 1:59
Tracce bonus nell'edizione giapponese
  1. Come Out and Play – 3:30
  2. When I Was Older (Music Inspired by the Film Roma) – 4:30
Traccia bonus nella riedizione giapponese
  1. Bad Guy (with Justin Bieber) – 3:14
Tracce bonus nella ristampa
  1. When I Was Older – 4:30
  2. Bitches Broken Hearts – 2:56
  3. Everything I Wanted – 4:05

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

America del Nord[modifica | modifica wikitesto]

When We All Fall Asleep, Where Do We Go? ha debuttato in vetta alla classifica statunitense Billboard 200 stabilendo il secondo debutto streaming femminile più alto e il terzo totale più alto in totale dietro a Thank U, Next di Ariana Grande, con 313 000 unità totali tra cui 170 000 pure. È ritornato alla prima posizione una seconda settimana non consecutiva nel maggio 2019. L'album ha reso Eilish la prima artista ad essere nata in questo secolo ad arrivare in vetta a questa classifica, così come la cantante più giovane ad aver raggiunto la vetta della classifica in dieci anni, da quando Demi Lovato ha fatto lo stesso con il suo album Here We Go Again, e la cantante più giovane a trascorrere più di una settimana alla prima posizione da quando Britney Spears ha pubblicato nel 1999 ...Baby One More Time.[100][101] Nella settimana del 2 giugno 2019 ha riconquistato la vetta grazie a 62 000 unità, rendendolo il primo disco ad essere al vertice della classifica in tre periodi differenti da Views di Drake del 2016.[102] A fine anno è risultato il secondo album più venduto in territorio statunitense, dietro solo Hollywood's Bleeding di Post Malone con 2 518 000 unità distribuite durante i suoi mesi di disponibilità.[103] Subito dopo le vittorie ai Grammy Awards 2020, è risalito dal 10º al 3º posto totalizzando 62 000 unità e segnando così un incremento delle vendite del 77% rispetto alla settimana precedente.[104]

In Canada l'album ha debuttato alla prima posizione con 46 000 unità, segnando il secondo miglior ingresso in classifica dell'anno fino a quel momento, dietro DNA dei Backstreet Boys, il migliore in assoluto per un album di debutto, superando Memories... Do Not Open dei The Chainsmokers e la miglior prima settimana streaming di un album di debutto, superando Invasion of Privacy di Cardi B.[105] Dopo due settimane consecutive trascorse al secondo posto, è tornato in vetta grazie a 12 000 unità.[106][107][108] Ha registrato altre quattro settimane non consecutive in cima alla classifica.[109] È risultato l'album più venduto della prima metà del 2019 in territorio canadese con 174 000 unità.[110] Alla fine dell'anno è arrivato a totalizzare 324 000 unità su suolo canadese, fra cui 37 000 CD, 24 000 download digitali e 8 000 vinili per un totale di 69 000 copie pure, rendendolo il secondo album di maggior successo dell'anno.[111] Nel corso del 2020 l'album ha aggiunto al suo totale altre 145 000 unità, di cui 22 000 sono copie pure.[112]

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Nel Regno Unito ha debuttato in testa alla Official Albums Chart vendendo 48 410 unità, di cui 25 343 derivanti dalle riproduzioni streaming nella sua prima settimana, rendendo l'interprete la più giovane ad arrivare prima in questa classifica.[113] Ha mantenuto lo stesso piazzamento per una seconda settimana consecutiva, grazie ad ulteriori 16 922 unità e, pur registrando un calo del 50,42%, è divenuto il primo album di un'artista femminile solista a trascorrere le sue prime due settimane in vetta da I Dreamed a Dream di Susan Boyle del 2009.[114] Dopo essere sceso alla 2ª posizione con 19 049 unità,[115] è ritornato alla prima grazie a 15 134 unità, un decremento di vendite del 20,55% rispetto alla settimana precedente.[116] È risultato il quarto album più venduto del 2019 nel paese, con una vendita pari a 370 000 copie.[117] In Francia ha esordito alla 7ª posizione nella classifica ufficiale degli album redatta dalla Syndicat national de l'édition phonographique e alla 9ª sia in quella riguardante le copie fisiche che quella digitale.[118] In Italia ha fatto il suo ingresso al 3º posto, scendendo poi al 5º nella seconda settimana, durante la quale è risultato essere l'unico album non in lingua italiana tra i primi venti posti.[119] È risultato il quindicesimo album più venduto in territorio italiano nel 2019, il terzo tra quelli in lingua straniera.[120]

Oceania[modifica | modifica wikitesto]

In Australia ha debuttato alla prima posizione, rendendo Eilish la settima interprete più giovane a riuscirci e la più giovane in assoluto a trovarsi in cima sia alla classifica degli album che quella dei singoli, grazie a Bad Guy.[121] Dopo aver mantenuto il medesimo piazzamento per una seconda settimana consecutiva,[122] è stato rimpiazzato da Map of the Soul: Persona dei BTS[123] per poi tornare primo durante la sua quarta settimana, rendendolo il terzo album dell'anno a riconquistare il titolo dopo il esordio iniziale.[124] Nelle pubblicazioni datate il 3 e 17 giugno e il 1º e 15 luglio del medesimo anno è tornato in prima posizione, diventando il disco a trascorrerci più settimane da ÷ di Ed Sheeran del 2017.[125] Alla fine del 2019 è risultato l'album più venduto dell'anno in Australia nella classifica stilata dalla ARIA Charts.[126] In seguito alla nottata vittoriosa ai Grammy Awards 2020, ha completato un'ottava settimana non consecutiva al primo posto.[127] Anche in Nuova Zelanda è entrato al primo posto, conseguendo il titolo di album più venduto del 2019 nel territorio.[128]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2019) Posizione
Australia[148] 1
Austria[149] 3
Belgio (Fiandre)[150] 2
Belgio (Vallonia)[151] 23
Canada[152] 2
Danimarca[153] 3
Estonia[154] 1
Finlandia[155] 1
Francia[156] 40
Germania[157] 14
Irlanda[158] 3
Islanda[159] 1
Italia[120] 15
Lettonia[160] 1
Messico[161] 15
Norvegia[162] 1
Nuova Zelanda[163] 1
Paesi Bassi[164] 2
Polonia[165] 22
Portogallo[166] 7
Regno Unito[117] 4
Repubblica Ceca[167] 6
Slovacchia[168] 4
Spagna[169] 23
Stati Uniti[170] 1
Svezia[171] 1
Svizzera[172] 5
Classifica (2020) Posizione
Australia[173] 3
Austria[174] 4
Belgio (Fiandre)[175] 3
Belgio (Vallonia)[176] 14
Canada[177] 5
Croazia[178] 9
Danimarca[179] 5
Finlandia[180] 4
Francia[181] 41
Germania[182] 19
Irlanda[183] 4
Islanda[184] 5
Italia[185] 31
Norvegia[186] 5
Nuova Zelanda[187] 5
Paesi Bassi[188] 6
Polonia[189] 29
Portogallo[190] 10
Regno Unito[191] 4
Slovacchia[192] 3
Spagna[193] 26
Stati Uniti[194] 11
Svezia[195] 6
Svizzera[196] 3
Classifica (2021) Posizione
Australia[197] 12
Austria[198] 9
Belgio (Fiandre)[199] 10
Belgio (Vallonia)[200] 46
Canada[201] 22
Danimarca[202] 21
Francia[203] 49
Germania[204] 48
Irlanda[205] 23
Islanda[206] 13
Italia[207] 74
Norvegia[208] 13
Nuova Zelanda[209] 21
Paesi Bassi[210] 28
Polonia[211] 98
Portogallo[212] 59
Regno Unito[213] 33
Spagna[214] 43
Stati Uniti[215] 27
Svezia[216] 27
Svizzera[217] 16

Classifiche di fine decennio[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2010-19) Posizione
Norvegia[218] 23
Paesi Bassi[219] 23
Stati Uniti[220] 53

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Matt Bobkin, Billie Eilish When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, su Exclaim!, 29 marzo 2019. URL consultato il 13 settembre 2019.
  2. ^ (EN) Polina Cherezova, Album Review: 'When We All Fall Asleep, Where Do We Go?' takes a new way to exploring the night, su Daily Bruin, 29 marzo 2019. URL consultato il 16 giugno 2019.
  3. ^ (EN) ARIA Top 50 Albums for week of 8 March 2021, su Australian Recording Industry Association. URL consultato il 6 marzo 2021.
  4. ^ (DE) Billie Eilish - When We All Fall Asleep, Where Do We Go? – Gold & Platin, su IFPI Austria. URL consultato l'11 febbraio 2022.
  5. ^ (NL) GOUD EN PLATINA - albums 2019, su Ultratop. URL consultato il 10 gennaio 2020.
  6. ^ (EN) When We All Fall Asleep Where Do We Go – Gold/Platinum, su Music Canada. URL consultato il 26 marzo 2021.
  7. ^ (DA) When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, su IFPI Danmark. URL consultato il 2 febbraio 2021.
  8. ^ (FI) NYKYPOPIN EDELLÄKÄVIJÄ BILLIE EILISH JULKAISI UUDEN SINGLEN JA VIDEON "NDA", su Universal Music Finland, 12 luglio 2021. URL consultato il 12 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 12 luglio 2021).
  9. ^ (FR) Billie Eilish - When We All Fall Asleep, Where Do We Go? – Les certifications, su SNEP. URL consultato il 25 maggio 2021.
  10. ^ (DE) Billie Eilish - When We All Fall Asleep, Where Do We Go? – Gold-/Platin-Datenbank, su Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 27 novembre 2020.
  11. ^ When We All Fall Asleep, Where Do We Go? (certificazione), su FIMI. URL consultato l'8 marzo 2021.
  12. ^ (ES) Certificaciones, su Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 15 novembre 2019. Digitare "When We All Fall Asleep Where Do We Go" in "Título".
  13. ^ (NO) Troféoversikt - 2020, su IFPI Norge. URL consultato il 12 novembre 2020.
  14. ^ (EN) Official Top 40 Albums - 25 April 2022, su The Official NZ Music Charts. URL consultato il 23 aprile 2022.
  15. ^ (PL) bestsellery i wyróżnienia, su Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 18 novembre 2020.
  16. ^ (PT) TOP AFP/AUDIOGEST - Semana 21 de 2020 - De 15 de Maio a 21 de Maio de 2020 (PDF), su Associação Fonográfica Portuguesa. URL consultato il 28 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2020).
  17. ^ (EN) When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, su British Phonographic Industry. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  18. ^ (EN) RIAS Gold and Platinum Awards, su Recording Industry Association Singapore. URL consultato il 24 novembre 2021 (archiviato dall'url originale il 24 novembre 2021).
  19. ^ a b (EN) Billie Eilish - When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, su EPDM. URL consultato il 7 luglio 2020.
  20. ^ (EN) Billie Eilish - When We All Fall Asleep, Where Do We Go? – Gold & Platinum, su Recording Industry Association of America. URL consultato il 2 giugno 2021.
  21. ^ (EN) 2020 GRAMMY Awards: Complete Winners List, su Grammy Award, 20 novembre 2019. URL consultato il 20 novembre 2019.
  22. ^ (EN) Tomás Mier, Nicholas Rice, Billie Eilish Wins Record of the Year at 2021 Grammys — but Says Megan Thee Stallion Deserves Award, su People, 15 marzo 2021. URL consultato il 15 marzo 2021.
  23. ^ (EN) Amélie Outters, Billie Eilish Told Us When We Can Expect a New Album!, su Enfnts Terribles, 20 marzo 2018. URL consultato il 2 giugno 2019.
  24. ^ (EN) Shahlin Graves, Apparently Billie Eilish's debut album will be released early 2019., su Coup De Main Magazine. URL consultato il 2 giugno 2019.
  25. ^ (EN) Billie Eilish has been mastering her debut album, 'FYI', su Dork. URL consultato il 2 giugno 2019.
  26. ^ (EN) Billie Eilish, DEBUT ALBUM: "WHEN WE ALL FALL ASLEEP, WHERE DO WE GO?" NEW SONG OUT TOMORROW 9AM PT!!!, su Instagram, 29 gennaio 2019. URL consultato il 2 giugno 2019.
  27. ^ (EN) Alyssa Quiles, Billie Eilish announces debut album with haunting image, su Alternative Press, 29 gennaio 2019. URL consultato il 2 giugno 2019.
  28. ^ (EN) Wandera Hussein, Billie Eilish announces debut album title, says "new song out tomorrow", su The Fader, 29 gennaio 2019. URL consultato il 2 giugno 2019.
  29. ^ (EN) Wandera Hussein, Billie Eilish shares new song and video "bury a friend", su The Fader, 30 gennaio 2019. URL consultato il 2 giugno 2019.
  30. ^ a b c (EN) Madeline Roth, Billie Eilish's When We All Fall Asleep: Photographer Kenneth Cappello On Shooting The Creepy Cover Art, su MTV, 27 marzo 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  31. ^ a b (EN) Review: Billie Eilish - When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, su Sputnikmusic, 30 marzo 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  32. ^ (EN) Alex Darus, Billie Eilish credits cult horror flick as "main inspiration" for album art, su Alternative Press, 14 giugno 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  33. ^ a b c (EN) Laura Snapes, Billie Eilish: When We All Fall Asleep, Where Do We Go? review – thrilling Gen Z terror-pop, su The Guardian, 29 marzo 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  34. ^ a b c d (EN) Billie Eilish: When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, su Pitchfork. URL consultato il 3 agosto 2019.
  35. ^ a b c d (EN) Chris Willman, Album Review: Billie Eilish's 'When We All Fall Asleep, Where Do We Go?', su Variety, 29 marzo 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  36. ^ a b (EN) Billie Eilish: WHEN WE ALL FALL ASLEEP, WHERE DO WE GO?, su Paste, 4 aprile 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  37. ^ (EN) Jon Caramanica, Ariana Grande Was Updating Pop. Then Billie Eilish Came Along., su The New York Times, 21 giugno 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  38. ^ a b c (EN) Neil McCormick, Billie Eilish, When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, review: navel-gazing sadness with a burning sense of purpose, su The Daily Telegraph, 29 marzo 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  39. ^ a b c d (EN) Neil Z. Yeung, When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 3 agosto 2019.
  40. ^ a b c (EN) Craig Jenkins, Billie Eilish Is the Future, su Vulture, 29 marzo 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  41. ^ a b (EN) Lucy O'Brien, Billie Eilish, su The Quietus, 29 marzo 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  42. ^ (EN) Anna Leszkiewicz, Billie Eilish, the pop star of Gen Z, su New Statesman, 9 aprile 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  43. ^ (EN) Chris DeVille, Billie Eilish's Time Is Now, su Stereogum, 28 marzo 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  44. ^ (EN) Laura M. Browning, Danette Chavez, Katie Rife, Clayton Purdom, Erik Adams, Alex McLevy, Kelsey J. Waite, A.A. Dowd, Randall Colburn, Annie Zaleski, Tabassum Siddiqui, Nina Corcoran, Shannon Miller, Max Freedman, Adam Isaac Itkoff, The best music of 2019 so far, su The A.V. Club, 22 giugno 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  45. ^ (EN) Is Billie Eilish really changing pop stardom?, su The Economist, 5 aprile 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  46. ^ (EN) Rhian Daly, Billie Eilish wants people to stop comparing her to Lana Del Rey: "Do not disrespect Lana like that!", su NME, 10 aprile 2019. URL consultato l'8 luglio 2019.
  47. ^ (EN) Spencer Kornhaber, Billie Eilish's Spooky Teen Pop Shouldn’t Scare Adults, su The Atlantic, 2 aprile 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  48. ^ (EN) Jem Aswad, Andrew Barker, Chris Willman, Jem Aswad, Andrew Barker, Chris Willman, The Best Albums of 2019 (So Far), su Variety, 28 giugno 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  49. ^ (EN) Zach Schonfeld, How Billie Eilish Became an ASMR Icon, su Pitchfork, 16 aprile 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  50. ^ (EN) Tom Connick, How Billie Eilish employed principles of ASMR in her spine-tingling horror-pop, su NME, 18 aprile 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  51. ^ a b c (EN) Billie Eilish - When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, su Clash, 29 marzo 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  52. ^ (EN) Matt Bobkin, Billie Eilish Is Ready to Take Over After 'When We All Fall Asleep, Where Do We Go?' Comes Out, su Exclaim!, 12 marzo 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  53. ^ (EN) Charlie Harding, Billie Eilish, the neo-goth, chart-topping 17-year-old pop star, explained, su Vox, 18 aprile 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  54. ^ (EN) Clementine de Pressigny, Jake Hall, how billie eilish uses humour and horror to talk about mental health, su I-D, 4 aprile 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  55. ^ (EN) Melanie McDonagh, Thick 12-year-olds listen to Ariana Grande, smart ones to Billie Eilish, su The Spectator, 13 aprile 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  56. ^ (EN) Jordan Darville, Watch Billie Eilish discuss how lucid dreams and night terrors informed her debut album, su The Fader, 25 febbraio 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  57. ^ (EN) Chloe Gilke, Watch The Video For Billie Eilish's Dark New Song, 'Bury A Friend', su UPROXX, 30 gennaio 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  58. ^ (EN) Jonah Weiner, Billie Eilish's Teenage Truths, su Rolling Stone, 22 febbraio 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  59. ^ a b c d (EN) Thomas Smith, Billie Eilish – 'When We All Fall Asleep, Where Do We Go?' review, su NME, 29 marzo 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  60. ^ a b c d (EN) Craig Jenkis, Inside the Making of Billie Eilish's When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, su Vulture, 9 aprile 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  61. ^ (EN) Chloe Gilke, Billie Eilish's 'Bad Guy' Video Is A Surrealist, Artistic Nightmare, su UPROXX, 29 marzo 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  62. ^ (EN) Ken Tucker, Wily And Clever, Billie Eilish's Debut Album Sounds Like No One Else, su National Public Radio, 8 aprile 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  63. ^ (EN) Brendan Wetmore, Billie Eilish Talks Teen Substance Abuse and Grief, su Paper, 12 aprile 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  64. ^ (EN) Sherlock dialogue inspired new Billie Eilish song, su BBC, 19 luglio 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  65. ^ (EN) Ryan Reed, Hear Billie Eilish's Dark New Song 'You Should See Me in a Crown', su Rolling Stone, 18 luglio 2018. URL consultato il 3 agosto 2019.
  66. ^ (EN) Lake Schatz, Billie Eilish unleashes bold new single "you should see me in a crown": Stream, su Consequence, 18 luglio 2018. URL consultato il 3 agosto 2019.
  67. ^ (EN) Ryan Reed, Hear Billie Eilish's Pensive New Song 'When the Party's Over', su Rolling Stone, 17 ottobre 2018. URL consultato il 3 agosto 2019.
  68. ^ (EN) Rhian Daly, Cast of 'The Office' personally cleared sample used in Billie Eilish's 'My Strange Addiction', su NME, 9 aprile 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  69. ^ (EN) Suzy Exposito, Billie Eilish Gets Creepy in New 'Bury a Friend' Video, Details Debut LP, su Rolling Stone, 30 gennaio 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  70. ^ (EN) Lisa Wright, Tracks: Black Midi, The Chemical Brothers, Billie Eilish & more, su DIY, 1º febbraio 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  71. ^ (EN) Wander Hussein, Billie Eilish shares new song and video "bury a friend", su The Fader, 30 gennaio 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  72. ^ (EN) Thomas Smith, Billie Eilish's 10 best songs so far, ranked, su NME, 8 marzo 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  73. ^ (EN) Thomas Smith, Billie Eilish's horror-fuelled 'Bury A Friend' is a terrifying but intriguing return, su NME, 30 gennaio 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  74. ^ (EN) Lindsay Howard, Billie Eilish shares new song 'Bury a Friend', su Variance, 30 gennaio 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  75. ^ a b c (EN) Madeline Roth, Billie Eilish's When We All Fall Asleep: A Complete Breakdown From Finneas O'Connell, su MTV, 9 aprile 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  76. ^ (EN) Billie Eilish – I don't know, i just wish i wasn't breathing*, su Genius. URL consultato il 20 aprile 2020.
  77. ^ (EN) Billie Eilish – 6.18.18*, su Genius. URL consultato il 3 agosto 2019.
  78. ^ (EN) Billie Eilish – bad company / so n so*, su Genius. URL consultato il 3 agosto 2019.
  79. ^ Filmato audio (EN) Billie Eilish - you should see me in a crown (Vertical Video), su YouTube, 10 agosto 2018. URL consultato il 2 giugno 2019.
  80. ^ Filmato audio (EN) Billie Eilish - you should see me in a crown (Official Video By Takashi Murakami), su YouTube, 17 aprile 2019. URL consultato il 2 giugno 2019.
  81. ^ Filmato audio (EN) Billie Eilish - when the party's over, su YouTube, 21 ottobre 2018. URL consultato il 2 giugno 2019.
  82. ^ Filmato audio (EN) Billie Eilish - bury a friend, su YouTube, 30 gennaio 2019. URL consultato il 2 giugno 2019.
  83. ^ (EN) Alex Darus, Billie Eilish teases brand new song "wish you were gay", su Alternative Press, 3 marzo 2019. URL consultato il 5 settembre 2019.
  84. ^ (EN) Lars Brandle, Billie Eilish's Debut LP 'When We All Fall Asleep, Where Do We Go?' Has Arrived: Stream It Now, su Billboard, 29 marzo 2019. URL consultato il 5 settembre 2019.
  85. ^ Eleonora Forastiero, Billie Eilish - All The Good Girls Go To Hell (Radio Date: 06-09-2019), su EarOne, 3 settembre 2019. URL consultato il 5 settembre 2019.
  86. ^ (EN) Jake Viswanath, Billie Eilish's "Xanny" Music Video Is The Singer's Eery Directorial Debut, su Bustle, 5 dicembre 2019. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  87. ^ (EN) Billie Eilish, IM GOING ON TOUR AGAIN AND IM ACTUALLY EXCITED ABOUT IT THIS TIME. can’t wait to see you all, su Instagram, 27 settembre 2019. URL consultato il 7 novembre 2019.
  88. ^ (EN) Andrew Trendell, Billie Eilish announces release details of Third Man Records live album, su NME, 5 dicembre 2019. URL consultato il 5 aprile 2020.
  89. ^ a b (EN) Christopher Thiessen, Album Review: Billie Eilish Playfully Drags Us to Hell on the Brooding When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, su Consequence, 3 aprile 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  90. ^ (EN) Lisa Wright, Billie Eilish – When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, su DIY, 29 marzo 2019. URL consultato il 3 maggio 2020.
  91. ^ (EN) John Murphy, Billie Eilish – When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, su musicOMH, 29 marzo 2019. URL consultato il 3 maggio 2020.
  92. ^ (EN) Suzy Exposito, Review: Billie Eilish's 'When We All Fall Asleep, Where Do We Go?' Is Noir Pop With Bite, su Rolling Stone, 29 marzo 2019. URL consultato il 3 maggio 2020.
  93. ^ (EN) Alejandra Ramirez, Billie Eilish: When We All Fall Asleep, Where Do We Go? (Darkroom / Interscope Records), su The Austin Chronicle, 4 ottobre 2019. URL consultato il 3 maggio 2020.
  94. ^ a b (EN) Roisin O'Connor, The hype around Billie Eilish's debut only makes it more disappointing – album review, su The Independent, 29 marzo 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  95. ^ (EN) Zara Hedderman, Billie Eilish: When We All Fall Asleep Where Do We Go? review – mature beyond her years, su The Independent, 29 marzo 2019. URL consultato il 3 maggio 2020.
  96. ^ (EN) Sean Ward, Billie Eilish cuts through the hype with superb debut LP, su The Line of Best Fit, 1º aprile 2019. URL consultato il 3 maggio 2020.
  97. ^ (EN) When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, su Metacritic, Red Ventures. URL consultato il 3 maggio 2020.
  98. ^ (EN) Billie Eilish - When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, su AnyDecentMusic?. URL consultato il 2 aprile 2020.
  99. ^ (EN) Will Hodgkinson, Billie Eilish: When We Fall Asleep, Where Do We Go? review, su The Times, 29 marzo 2019. URL consultato il 3 agosto 2019.
  100. ^ (EN) Keith Caulfield, Billie Eilish's 'When We All Fall Asleep, Where Do We Go?' Debuts at No. 1 on Billboard 200 Chart, su Billboard, 7 aprile 2019. URL consultato il 27 aprile 2019.
  101. ^ (EN) Keith Caulfield, Billie Eilish's 'When We All Fall Asleep, Where Do We Go?' Returns to No. 1 on Billboard 200 Albums Chart, su Billboard, 28 aprile 2019. URL consultato il 2 giugno 2019.
  102. ^ (EN) Keith Caulfield, Billie Eilish Returns to No. 1 on Billboard 200 Albums Chart, su Billboard, 2 giugno 2019. URL consultato il 7 maggio 2020.
  103. ^ (EN) Keith Caulfield, 'Hollywood's Bleeding' Is Nielsen Music/MRC Data's Top Album of 2019, 'Old Town Road' Most-Streamed Song, su Billboard, 9 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  104. ^ (EN) Keith Caulfield, Roddy Ricch Returns to No. 1 on Billboard 200 Albums Chart, Billie Eilish Surges Post-Grammys, su Billboard, 2 febbraio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  105. ^ (EN) Billie Eilish Unseats Nav's Bad Habits At No. 1 This Week, su FYIMusicNews, 7 aprile 2019. URL consultato il 15 settembre 2019.
  106. ^ (EN) New Pup Album Makes A Big Splash, But Khalid Makes No. 1, su FYIMusicNews, 15 aprile 2019. URL consultato il 15 settembre 2019.
  107. ^ (EN) BTS Outsizes Beyoncé With It's Second No. 1 Album, su FYIMusicNews, 22 aprile 2019. URL consultato il 15 settembre 2019.
  108. ^ (EN) Hey Rosetta's Tim Baker Scores A Hit With 1st Solo Release, su FYIMusicNews, 29 aprile 2019. URL consultato il 15 settembre 2019.
  109. ^ (EN) New Madonna, Springsteen Albums Can't Usurp Billie Eilish's No. 1 Status, su FYIMusicNews, 23 giugno 2019. URL consultato il 15 settembre 2019.
  110. ^ (EN) Karen Bliss, Billie Eilish, Lil Nas X & Bryan Adams Top Nielsen Music Canada's Mid-Year Charts, su Billboard, 28 giugno 2019. URL consultato il 15 settembre 2019.
  111. ^ (EN) Year-end Report - Canada 2019 (PDF), su Billboard. URL consultato l'11 gennaio 2020.
  112. ^ (EN) Year-end Report - Canada 2020 (PDF), su Billboard. URL consultato l'11 gennaio 2020.
  113. ^ (EN) Alan Jones, Chart analysis: Billie Eilish becomes youngest female solo artist to make No.1, su Music Week, 5 aprile 2019. URL consultato il 7 maggio 2020.
  114. ^ (EN) Alan Jones, Charts analysis: Billie Eilish holds on at albums summit, su Music Week, 12 aprile 2019. URL consultato il 7 maggio 2020.
  115. ^ (EN) Alan Jones, Charts Analysis: BTS score first ever K-Pop No.1 album, su Music Week, 20 aprile 2019. URL consultato il 7 maggio 2020.
  116. ^ (EN) Alan Jones, Charts analysis: Bille Eilish rebounds to No.1, su Music Week, 26 aprile 2019. URL consultato il 7 maggio 2020.
  117. ^ a b (EN) Rob Copsey, The Official Top 40 biggest albums of 2019, su Official Charts Company, 1º gennaio 2020. URL consultato il 14 gennaio 2020.
  118. ^ (FR) Billie Eilish : 100.000 ventes pour l'album "When We All Fall Asleep, Where Do We Go?", su chartsinfrance.net. URL consultato il 6 maggio 2020.
  119. ^ Billie Eilish è l'unica artista straniera nella Top 20 italiana, su endofacentury.it, 13 aprile 2019. URL consultato il 6 maggio 2020.
  120. ^ a b Top of the Music FIMI/GfK 2019: un anno con la musica italiana, su Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 7 gennaio 2020.
  121. ^ (EN) Gavin Ryan, Australian Charts: Billie Eilish "When We All Fall Asleep, Where Do We Go?" is No 1, su noise11.com, 6 aprile 2019. URL consultato il 7 maggio 2020.
  122. ^ (EN) Gavin Ryan, Australian Charts: Billie Eilish "When We All Fall Asleep, Where Do We Go?" is the number one album, su noise11.com, 13 aprile 2019. URL consultato il 7 maggio 2020.
  123. ^ (EN) Gavin Ryan, Australian Charts: Boy Band BTS has the number one album, su noise11.com, 21 aprile 2019. URL consultato il 7 maggio 2020.
  124. ^ (EN) Gavin Ryan, Australian Charts: Billie Eilish retains top spot with "When We All Fall Asleep, Where Do We Go?", su noise11.com, 27 aprile 2019. URL consultato il 7 maggio 2020.
  125. ^ (EN) Paul Cashmere, Australian Charts: Billie Eilish Gets A Last Week At No 1 before Ed Sheeran takes over, su noise11.com, 14 luglio 2019. URL consultato il 7 maggio 2020.
  126. ^ (EN) James Manning, ARIA releases charts of 2019 and charts of the decade, su Mediaweek, 9 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  127. ^ (EN) Gavin Ryan, Australian Charts: Billie Eilish Album Is Back At No 1, su noise11.com, 2 febbraio 2020. URL consultato il 2 febbraio 2020.
  128. ^ (EN) Revealed: New Zealand's most popular songs of 2019, su The New Zealand Herald, 18 dicembre 2019. URL consultato il 7 maggio 2020.
  129. ^ (ES) Los discos más vendidos de la semana, su diariodecultura.com.ar. URL consultato il 26 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2019).
  130. ^ a b c d e f g h i j k l m n o (NL) Billie Eilish - When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, su Ultratop. URL consultato il 6 aprile 2019.
  131. ^ (EN) Billie Eilish - Chart history (Billboard Canadian Albums), su Billboard. URL consultato il 12 aprile 2019.
  132. ^ (KO) 2019년 14주차 Album Chart, su Gaon Chart. URL consultato il 26 agosto 2019.
  133. ^ (HR) Lista prodaje 6. tjedan 2020. (03.02.2020. - 09.02.2020.), su Top Lista. URL consultato il 19 febbraio 2020.
  134. ^ (ET) Siim Nestor, EESTI TIPP-40 MUUSIKAS: Eesti lugude tabelis on uus number üks!, su Eesti Ekspress. URL consultato il 12 luglio 2019.
  135. ^ (JA) 週間 合算アルバムランキング – 2020年02月10日付 (2020年01月27日~2020年02月02日), su Oricon. URL consultato il 31 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2020).
  136. ^ (EN) Official IFPI Charts - Top-75 Albums Sales Chart - Week: 14/2019, su IFPI Greece. URL consultato il 26 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2019).
  137. ^ (EN) Official Irish Albums Chart Top 50: 05 April 2019 - 11 April 2019, su Official Charts Company. URL consultato il 6 aprile 2019.
  138. ^ (IS) TÓNLISTINN – PLÖTUR – Vika 14, 2019, su Plötutíðindi. URL consultato il 12 luglio 2019 (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2019).
  139. ^ (LV) Mūzikas Patēriņa Tops/ 14. nedēļa, su Latvijas Izpildītāju un producentu apvienība. URL consultato il 10 ottobre 2019.
  140. ^ (LT) 2019 14-os SAVAITĖS (kovo 29 – balandžio 4 d.) ALBUMŲ TOP100., su AGATA. URL consultato il 9 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2019).
  141. ^ (ES) Top Album - Del 29 de Marzo al 04 de Abril de 2019, su Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 26 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2019).
  142. ^ (EN) Oficjalna lista sprzedaży - 18 April 2019, su OLiS. URL consultato il 26 agosto 2019.
  143. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 05 April 2019 - 11 April 2019, su Official Charts Company. URL consultato il 6 aprile 2019.
  144. ^ (CS) CZ - ALBUMS - TOP 100 - BILLIE EILISH - When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, su ČNS IFPI. URL consultato il 26 agosto 2019.
  145. ^ (CS) SK - ALBUMS - TOP 100 - BILLIE EILISH - When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, su ČNS IFPI. URL consultato il 26 agosto 2019.
  146. ^ (EN) Billie Eilish - Chart history (Billboard 200), su Billboard. URL consultato il 12 aprile 2019.
  147. ^ (HU) Album Top 40 slágerlista - 2019. 14. hét - 2019. 03. 29. - 2019. 04. 04., su Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 26 agosto 2019.
  148. ^ (EN) ARIA Top 100 Albums for 2019, su Australian Recording Industry Association. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  149. ^ (DE) JAHRESHITPARADE ALBEN 2019, su austriancharts.at. URL consultato il 1º gennaio 2020.
  150. ^ (NL) Jaaroverzichten 2019, su Ultratop. URL consultato il 20 dicembre 2019.
  151. ^ (FR) Rapports Annuels 2019, su Ultratop. URL consultato il 20 dicembre 2019.
  152. ^ (EN) Year-End Charts - Top Canadian Albums - 2019, su Billboard. URL consultato il 6 dicembre 2019.
  153. ^ (DA) Album Top-100 2019, su hitlisten.nu. URL consultato l'11 gennaio 2020.
  154. ^ (ET) Siim Nestor, Teist aastat järjest valitsesid digitabelites nublu, nublu ja nublu, su Eesti Ekspress. URL consultato il 20 marzo 2021.
  155. ^ (FI) Musiikkituottajat - IFPI Finland ry: Vuoden 2019 Suomen äänitemyynnin kokonaismarkkinat (PDF), su Musiikkituottajat. URL consultato il 7 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2020).
  156. ^ (FR) Top de l'année: Top Albums 2019, su Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato l'8 gennaio 2020.
  157. ^ (DE) Top 100 Album-Jahrescharts 2019, su Offizielle Deutsche Charts. URL consultato il 20 dicembre 2019.
  158. ^ (EN) Jack White, Ireland's Official Top 50 biggest albums of 2019, su Official Charts Company. URL consultato l'11 gennaio 2021.
  159. ^ (IS) TÓNLISTINN - PLÖTUR - 2019, su Plötutíðindi. URL consultato il 12 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2021).
  160. ^ (LV) Digitālās Mūzikas Tops 2019, su Latvijas Izpildītāju un producentu apvienība. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  161. ^ (ES) Los Mas Vendidos - 2019, su Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 26 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2020).
  162. ^ (NO) Årslister Topplista 2019, su IFPI Norge. URL consultato il 19 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2020).
  163. ^ (EN) Top Selling Albums 2019, su The Official NZ Music Charts. URL consultato il 28 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2020).
  164. ^ (NL) Jaaroverzichten – Album 2019, su Dutch Charts. URL consultato il 4 gennaio 2020.
  165. ^ (PL) Najpopularniejsze albumy i single 2019 roku, su Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 29 gennaio 2020.
  166. ^ (PT) TOP AFP/AUDIOGEST - Semanas 01 a 52 de 2019 - De 28/12/2018 a 26/12/2019 (PDF), su Associação Fonográfica Portuguesa. URL consultato il 10 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2020).
  167. ^ (CS) TISKOVÁ ZPRÁVA: VÝSLEDKY TRHU 2019 – ČESKÁ REPUBLIKA (PDF), su ČNS IFPI. URL consultato il 3 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2020).
  168. ^ (CS) TISKOVÁ ZPRÁVA: VÝSLEDKY TRHU 2019 – SLOVENSKO (PDF), su ČNS IFPI. URL consultato il 3 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2020).
  169. ^ (EN) Top 100 Albums Annual: 2019, su EPDM. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  170. ^ (EN) Year-End Charts - Billboard 200 Albums - 2019, su Billboard. URL consultato il 28 maggio 2020.
  171. ^ (SV) Årslista Album, 2019, su Sverigetopplistan. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  172. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 2019, su Schweizer Hitparade. URL consultato il 29 dicembre 2019.
  173. ^ (EN) ARIA Top 100 Albums for 2020, su Australian Recording Industry Association. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  174. ^ (DE) Ö3 Austria Top40 Longplay 2020, su oe3.orf.at. URL consultato il 30 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2020).
  175. ^ (NL) Jaaroverzichten 2020, su Ultratop. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  176. ^ (FR) Rapports Annuels 2020, su Ultratop. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  177. ^ (EN) Year-End Charts - Top Canadian Albums - 2020, su Billboard. URL consultato il 3 dicembre 2020.
  178. ^ (HR) Inozemna izdanja - Godišnja lista - 2020, su Top Lista. URL consultato il 3 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2021).
  179. ^ (DA) Album Top-100 2020, su hitlisten.nu. URL consultato l'11 gennaio 2021.
  180. ^ (FI) Musiikkituottajat - IFPI Finland ry Suomen äänitemarkkinat 2020 (PDF), su Musiikkituottajat. URL consultato il 23 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2021).
  181. ^ (FR) Top de l'année: Top Albums 2020, su Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato l'11 gennaio 2021.
  182. ^ (DE) Top 100 Album-Jahrescharts 2020, su Offizielle Deutsche Charts. URL consultato il 23 dicembre 2020.
  183. ^ (EN) Jack White, Ireland's Official Top 50 biggest albums of 2020, su Official Charts Company. URL consultato l'11 gennaio 2021.
  184. ^ (IS) TÓNLISTINN - PLÖTUR - Vika 1-53, 2020, su Plötutíðindi. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2021).
  185. ^ Top of the Music 2020: 'Persona' di Marracash è l'album più venduto, su Federazione Industria Musicale Italiana, 7 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021.
  186. ^ (NO) TOPPLISTA - årsliste - Album 2020, su IFPI Norge. URL consultato il 18 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2021).
  187. ^ (EN) Official Top 40 Albums - End of Year Charts 2020, su The Official NZ Music Charts. URL consultato il 4 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2020).
  188. ^ (NL) Jaaroverzichten – Album 2020, su Dutch Charts. URL consultato il 5 gennaio 2021.
  189. ^ (PL) Najpopularniejsze single radiowe i najlepiej sprzedające się płyty 2020 roku, su Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 28 gennaio 2021.
  190. ^ (PT) TOP AFP/AUDIOGEST - Semanas 01 a 53 de 2020 - De 27/12/2019 a 31/12/2020 (PDF), su Associação Fonográfica Portuguesa. URL consultato il 26 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 26 marzo 2021).
  191. ^ (EN) Rob Copsey, The Official Top 40 biggest albums of 2020, su Official Charts Company. URL consultato il 4 gennaio 2021.
  192. ^ (CS) TISKOVÁ ZPRÁVA: VÝSLEDKY TRHU 2020 – SLOVENSKO (PDF), su ČNS IFPI. URL consultato il 25 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2021).
  193. ^ (EN) Top 100 Albums Annual: 2020, su EPDM. URL consultato il 26 gennaio 2021.
  194. ^ (EN) Year-End Charts - Billboard 200 Albums - 2020, su Billboard. URL consultato il 3 dicembre 2020.
  195. ^ (SV) Årslista Album, 2020, su Sverigetopplistan. URL consultato il 19 gennaio 2021.
  196. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 2020, su Schweizer Hitparade. URL consultato il 28 dicembre 2020.
  197. ^ (EN) ARIA Top 100 Albums for 2021, su Australian Recording Industry Association. URL consultato il 13 gennaio 2022.
  198. ^ (DE) Ö3-Austria Top40 Longplay-Jahrescharts 2021, su oe3.orf.at. URL consultato il 2 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2022).
  199. ^ (NL) Jaaroverzichten 2021, su Ultratop. URL consultato il 4 gennaio 2022.
  200. ^ (FR) Rapports annuels 2021, su Ultratop. URL consultato il 4 gennaio 2022.
  201. ^ (EN) Year-End Charts - Top Canadian Albums - 2021, su Billboard. URL consultato il 2 dicembre 2021.
  202. ^ (DA) Album Top-100 2021, su hitlisten.nu. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  203. ^ (FR) Top de l'année: Top Albums 2021, su Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  204. ^ (DE) Top 100 Album-Jahrescharts 2021, su Offizielle Deutsche Charts. URL consultato il 15 dicembre 2021.
  205. ^ (EN) George Griffiths, Ireland's Official biggest albums of 2021 revealed, su Official Charts Company. URL consultato il 9 gennaio 2022.
  206. ^ (IS) TÓNLISTINN - PLÖTUR - 2021, su Plötutíðindi. URL consultato l'11 maggio 2022 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2022).
  207. ^ Classifica annuale 2021 (dal 01.01.2021 al 30.12.2021), su Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 7 gennaio 2022.
  208. ^ (NO) TOPPLISTA - årsliste - Album 2021, su IFPI Norge. URL consultato il 31 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2022).
  209. ^ (EN) Official Top 40 Albums - End of Year Charts 2021, su The Official NZ Music Charts. URL consultato il 24 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2022).
  210. ^ (NL) Jaaroverzichten – Album 2021, su Dutch Charts. URL consultato il 3 gennaio 2022.
  211. ^ (PL) sanah podbija sprzedaż fizyczną w Polsce, su Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  212. ^ (PT) TOP AFP/AUDIOGEST - Semanas 01 a 52 de 2021 - De 01/01/2021 a 30/12/2021 (PDF), su Associação Fonográfica Portuguesa. URL consultato il 26 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2022).
  213. ^ (EN) George Griffiths, The Official Top 40 biggest albums of 2021, su Official Charts Company. URL consultato il 4 gennaio 2022.
  214. ^ (EN) Top 100 Albums Annual: 2021, su EPDM. URL consultato il 21 gennaio 2022.
  215. ^ (EN) Year-End Charts - Billboard 200 Albums - 2021, su Billboard. URL consultato il 2 dicembre 2021.
  216. ^ (SV) Årslista Album, 2021, su Sverigetopplistan. URL consultato il 13 gennaio 2022.
  217. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 2021, su Schweizer Hitparade. URL consultato il 26 dicembre 2021.
  218. ^ (EN) Topp 40 2010-2019, su IFPI Norge. URL consultato il 29 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 14 gennaio 2020).
  219. ^ (NL) Decennium Charts – Albums 2010-2019, su Dutch Charts. URL consultato l'11 gennaio 2021.
  220. ^ (EN) Decade-End Charts: Billboard 200, su Billboard. URL consultato il 29 febbraio 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN5995163756441034480001
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica