Butterfly (album Mariah Carey)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Butterfly
ArtistaMariah Carey
Tipo albumStudio
Pubblicazione16 settembre 1997
Durata45:00
Dischi1
Tracce12
GenereContemporary R&B[1]
Rap[1]
Soul[2]
EtichettaColumbia records
ProduttoreMariah Carey, Walter Afanasieff, Puff Daddy, David Morales
Registrazione1996
Certificazioni
Dischi d'oroBelgio Belgio[3]
Paesi Bassi Paesi Bassi[4]
Polonia Polonia[5]
Svizzera Svizzera[6]
Regno Unito Regno Unito[7]
Francia Francia[8] (2)
Dischi di platinoEuropa Europa[9]
Hong Kong Hong Kong[10]
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[11] Australia Australia[12] (2)
Canada Canada[13] (2)
Stati Uniti Stati Uniti[14] (5)
Dischi di diamanteGiappone Giappone[15]
(Vendite: 1.000.000+)
Mariah Carey - cronologia
Album precedente
(1995)
Album successivo
(1998)
Singoli
  1. Honey
    Pubblicato: 27 agosto 1997
  2. Butterfly
    Pubblicato: 1º dicembre 1997
  3. The Roof (Back in Time)
    Pubblicato: 20 marzo 1998
  4. Breakdown
    Pubblicato: 24 marzo 1998
  5. My All
    Pubblicato: 21 aprile 1998

Butterfly è il sesto album in studio di Mariah Carey, pubblicato nel 1997.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Uscito per l'etichetta Columbia Records, fu il primo disco della cantante registrato dopo la fine del matrimonio con l'allora capo della Sony Music, Tommy Mottola. Alle registrazioni collaborarono anche produttori come The Trackmasters, Puff Daddy, Stevie J e Walter Afanasieff. In un'intervista nel 2006 al programma MTV Overdrive, la Carey considerò l'album "in anticipo sui tempi", e sostenne che apprezzava soprattutto le tracce Babydoll, Breakdown e The Roof[16].

La cantante considerava la title track un brano house; ciò è evidente anche in una traccia prodotta da David Morales, Fly Away (Butterfly Reprise), basata sulla canzone di Elton John Skyline Pigeon. Secondo un'altra intervista a Mariah, le donne abusate durante l'infanzia o le relazioni d'amore le hanno detto che Close My Eyes ha salvato le loro vite[17]. Nel 1997 la cantante disse ad MTV che è stato il primo album a permettere di esprimere la sua personalità.

La rivista Rolling Stone premiò Butterfly con tre stelle e lo definì "un lavoro di transizione" per la Carey,[1] affermatasi da allora tra le artiste più in vista dell'R&B moderno, e tra le prime a contaminarlo con l'hip hop. L'album racchiude una serie di generi che vanno dall'R&B al Soul ma anche influenze Gospel e ritmi hip hop. Invece All Music Guide premiò l'album con 5 stelle, considerandolo "uno dei migliori album della cantante, in grado di affinare e contaminare la sua musica come pochi altri negli anni novanta"[18].

Butterfly debuttò al primo posto di Billboard, e nella prima settimana vendette 236 000 copie; rimase al numero uno per una sola settimana, nella top 20 per altre 21 e in classifica per le restanti 55, e nella quindicesima settimana arrivò a vendere addirittura 283 000 copie. Dalla RIAA fu premiato con cinque dischi di platino, e conteneva due dei singoli arrivati entrambe alla numero 1 della classifica di Billboard, Honey e My All. Dal disco furono pubblicati solo per promozione radiofonica Butterfly e Breakdown, mentre The Roof e Whenever You Call furono pubblicati solo in alcuni Paesi. Al 2005 Butterfly ha venduto 17 milioni di copie, di cui 5 milioni nei soli Stati Uniti.[19]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Honey[20] – 5:00 (Mariah Carey, Sean Combs, Kamaal Fareed, Steven Jordan, Stephen Hague, Bobby Robinson, Larry Price, Malcolm McLaren)
  2. Butterfly[21] – 4:35 (Mariah Carey, Walter Afanasieff)
  3. My All[21] – 3:52 (Mariah Carey, Walter Afanasieff)
  4. The Roof (Back in Time)[22] – 5:14 (Mariah Carey, Jean Claude Oliver, Samuel Barnes, Albert Johnson, Kejuan Muchita, Cory Rooney)
  5. Fourth of July[21] – 4:22 (Mariah Carey, Walter Afanasieff)
  6. Breakdown[23] (feat. Bone Thugs-n-Harmony) – 4:44 (Mariah Carey, Anthony Henderson, Charles Scruggs, Stevie J.)
  7. Babydoll[24] – 5:07 (Mariah Carey, Missy Elliott, Cory Rooney, Stevie J.)
  8. Close My Eyes[21] – 4:21 (Mariah Carey, Walter Afanasieff)
  9. Whenever You Call[21] – 4:21 (Mariah Carey, Walter Afanasieff)
  10. Fly Away (Butterfly Reprise)[25] – 3:49 (Mariah Carey, Elton John, Bernie Taupin, David Morales)
  11. The Beautiful Ones[24] (feat. Dru Hill) – 6:59 (Prince)
  12. Outside[21] – 4:47 (Mariah Carey, Cory Rooney, Walter Afanasieff)
International edition
  1. Honey[26] (So So Def Radio Mix feat. Da Brat & JD) – 3:59 (Mariah Carey, Bobby Robinson, Larry Price, Malcolm McLaren, Freddie Perren, Alphonzo Mizell, Berry Gordy)
  2. Honey[27] (Def Club Mix) – 6:17 (Mariah Carey, Bobby Robinson)
Versione latino-americana
  1. Mi Todo – 3:52 (Mariah Carey, Walter Afanasieff, Manny Benito)

Posizioni in classifica[modifica | modifica wikitesto]

Mondo Max
posizione
America del Nord Max
posizione
USA Billboard 200 1 (1 settimana)
Canada 1 (1 settimana)
Europa Max
posizione
Olanda 1 (2 settimane)
UK 2
Italia 2
Svizzera 3
Svezia 4
Norvegia 5
Austria 5
Spagna 5
Oceania Max
posizione
Australia 1
Nuova Zelanda 4

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il singolo Honey fu nominato ai Grammy Awards del 1998 come miglior performance R&B da un'artista femminile e miglior brano r&b, mentre Butterfly fu nominato come miglior performance pop da un'artista femminile. In Giappone l'album fu premiato come album dell'anno ai Gold Disc Awards in Giappone, e vinse anche agli IFPI Platinum Europe Awards. Agli American Music Awards del 1998, la Carey fu premiata come miglior artista pop/r&b femminile grazie a Butterfly, mentre ai BMI Pop Awards ottenne il riconoscimento di autrice dell'anno per i brani Honey, Butterfly e My All. Inoltre la cantante ottenne il Blockbuster Entertainment Award come miglior artista femminile.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Barney Hoskyns, Butterfly, Rolling Stone, 30 ottobre 1997. URL consultato il 25 settembre 2017.
  2. ^ (EN) Rich Juzwiak, Mariah Carey - Butterfly, Slant Magazine, 18 settembre 2003. URL consultato il 25 settembre 2017.
  3. ^ http://www.ultratop.be/xls/Awards%201997.htm
  4. ^ http://www.nvpi.nl/nvpi/pagina.asp?pagkey=61112&documentid=1237686&zoekform=60463&formposted=yes[collegamento interrotto]
  5. ^ Listy bestsellerów, wyróżnienia :: Związek Producentów Audio-Video Archiviato il 21 luglio 2011 in Internet Archive.
  6. ^ The Official Swiss Charts and Music Community
  7. ^ https://www.bpi.co.uk/bpi-awards/
  8. ^ Snepmusique.com, le site du Snep
  9. ^ IFPI Platinum Europe Awards
  10. ^ Copia archiviata, su ifpihk.org. URL consultato il 15 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2012).
  11. ^ Scapolo, Dean (2007). The Complete New Zealand Music Charts 1966–2006. RIANZ. ISBN 978-1-877443-00-8.
  12. ^ ARIA Charts - Accreditations - 1997 Albums
  13. ^ Gold and Platinum
  14. ^ RIAA - Gold & Platinum Searchable Database - November 02, 2013
  15. ^ 一般社団法人 日本レコード協会|各種統計
  16. ^ http://www.mcarchives.com/news.asp?id=5489 Archiviato il 13 dicembre 2014 in Internet Archive. MCarchives.com
  17. ^ Gardner, Elysa. "Hot again, Carey launches a summer tour". USA Today. 22 maggio 2006. 11 giugno 2006.
  18. ^ http://www.allmusic.com/album/r314312 Allmusic.com
  19. ^ Mariah Carey vende oltre 20 milioni di copie per Butterfly), su riaa.com.
  20. ^ Produzione: Mariah Carey, Sean Combs, Stevie J, The Ummah
  21. ^ a b c d e f Produzione: Mariah Carey, Walter Afanasieff
  22. ^ Produzione: Mariah Carey, Poke & Tone
  23. ^ Produzione: Mariah Carey, Sean "Puffy" Combs, Stevie J.
  24. ^ a b Produzione: Mariah Carey, Cory Rooney
  25. ^ Produzione: Mariah Carey, David Morales
  26. ^ Produzione: Mariah Carey, Sean Combs, Jermaine Dupri, Stevie J, M. Seal, The Ummah
  27. ^ Produzione: Mariah Carey, Sean Combs, David Morales, Stevie J, The Ummah

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica