Hip hop (genere musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Musica rap)
Jump to navigation Jump to search
Hip hop
Origini stilistiche funk
disco
musica elettronica
dub
rhythm and blues
reggae
dancehall
rock
jazz
toasting
perfomance poetry
spoken word
scat
talking blues
Origini culturali Stati Uniti d'America (Bronx) anni 1970
Strumenti tipici rapping, batteria, tastiera, sintetizzatore, basso, drum machine, sequencer, campionatore, giradischi, DAW, beatboxing
Popolarità Ha ottenuto popolarità a livello mondiale dagli anni ottanta
Sottogeneri
Alternative hip hop - bounce - chicano rap - Comedy hip hop - Christian hip hop - Conscious hip hop - Crunk - Drum and bass - East Coast hip hop - experimental hip hop - freestyle rap - Gangsta rap - G-funk - Hardcore hip hop - Horrorcore - Industrial hip hop - Instrumental hip hop - Jazz rap - jerkin' - mafioso rap - Miami bass - Midwest hip hop - Nerdcore hip hop - Underground hip hop - Old school hip hop - Pop rap - Country rap - Elettrorap - Hip house - Hip life - Rap rock - Rap metal - Rapcore - Raggamuffin hip hop - Southern hip hop - West Coast hip hop - Trap - Cloud rap - Emo Rap - Drill - Boom Bap - Mumble hip hop - political hip hop - hip hop soul - hyphy - neo soul - new jack swing - nu metal - nu metalcore - psychedelic hip hop - rap metal - rap opera - rap rock - reggaeton - Atlanta hip hop
Generi derivati
electro - breakbeat - oldschool jungle - trip hop - grime - breakbeat hardcore - neo soul - big beat
Generi correlati
Raggamuffin - Reggaeton
Categorie correlate

Gruppi musicali hip hop · Musicisti hip hop · Album hip hop · EP hip hop · Singoli hip hop · Album video hip hop

La musica hip hop, anche nota come hip hop[1][2] o musica rap,[2][3][4] è un genere musicale nato negli Stati Uniti d'America negli anni settanta, caratterizzato da muisca ritmica stilizzata che comunemente accompagna il rapping, un discorso ritmato e cantato in rima.[2] Il genere si è sviluppato come parte della cultura hip hop, una sottocultura definita da quattro elementi stilistici chiave: MCing/rapping, DJing/scratching con giradischi, break dancing e graffitismo.[5][6][7]

Altri elementi includono il campionamento di beat o le linee di basso dei dischi (o basi e suoni sintetizzati) e beatboxing ritmico. Sebbene spesso usato per riferirsi esclusivamente al rapping, «hip hop» denota in modo più appropriato la pratica dell'intera sottocultura.[8][9] Il termine musica hip hop è talvolta usato come sinonimo del termine musica rap,[2][10] anche se il rapping non è un componente richiesto della musica hip hop; il genere può anche incorporare altri elementi della cultura hip hop, tra cui DJing, turntablism, scratching, beatboxing e tracce strumentali.[11][12]

L'hip hop, sia come genere musicale sia come cultura, si è formato durante gli anni 1970, quando i block party diventarono sempre più popolari a New York City, in particolare tra i giovani afro-americani residenti nel Bronx. Tuttavia, la musica hip-hop non è stata registrata ufficialmente per la radio o la televisione fino al 1979, soprattutto a causa della povertà durante la nascita dell'hip-hop e della mancanza di accettazione al di fuori dei quartieri del ghetto.[13] Alle controparti i DJ hanno suonato break percussivi di canzoni popolari usando due giradischi e un mixer per DJ per poter riprodurre break da due copie dello stesso disco, alternando l'una all'altra ed estendendo il «break».[14] La prima evoluzione dell'hip hop si è verificata mentre la tecnologia di campionamento e le drum machine sono diventate ampiamente disponibili e convenienti. Le tecniche del turntablist come scratching e beatmatching, sviluppate insieme ai break e al toasting giamaicano, uno stile vocale cantato, sono state usate sopra le basi. Il rapping si è sviluppato come uno stile vocale in cui l'artista parla o canta ritmicamente a lungo con una base strumentale o sintetizzata. Tra gli artisti degni di nota, ci sono DJ Kool Herc, Grandmaster Flash and The Furious Five, Fab Five Freddy, Marley Marl, Afrika Bambaataa, Kool Moe Dee, Kurtis Blow, Doug E. Fresh, Whodini, Warp 9, The Fat Boys e Spoonie Gee. La canzone Rapper's Delight del gruppo The Sugarhill Gang è ampiamente considerata come la prima registrazione hip hop a ottenere una popolarità diffusa nel mainstream.[15] Gli anni ottanta hanno segnato la diversificazione dell'hip hop in quanto il genere ha sviluppato stili più complessi.[16] Prima degli anni 1980, la musica hip hop era per la maggior parte confinata negli Stati Uniti d'America. Nonostante ciò, durante gli anni ottanta, ha iniziato a diffondersi nelle scene musicali di diversi Paesi, molti dei quali mischiavano l'hip hop con stili locali creando nuovi sottogeneri.

La new school hip hop è stata la seconda ondata di musica hip hop, nata nel periodo 1983-1984 con i primi dischi dei Run-D.M.C. e di LL Cool J. Il periodo della golden age hip hop è stata un'era innovativa tra la metà degli anni ottanta e l'inizio degli anni novanta. Tra gli artisti di spicco di questo periodo sono inclusi Juice Crew, Public Enemy, Eric B. & Rakim, Boogie Down Productions & KRS-One, EPMD, Slick Rick, Beastie Boys, Kool G Rap, Big Daddy Kane, Ultramagnetic MCs, De La Soul e A Tribe Called Quest. Il Gangsta rap è un sottogenere dell'hip hop che spesso si concentra sugli stili di vita violenti e le condizioni impoverite della gioventù afro-americana del centro città. Schoolly D, Ice Cube, Ice-T, N.W.A e i Geto Boys sono tra gli artisti fondatori del genere, conosciuti per aver mischiato il commento politico e sociale del political hip hop con gli elementi criminali e le storie criminali trovate nel gangsta rap.[17] Nello stile della West Coast hip hop, il g-funk ha dominato l'hip hop mainstream per diversi anni durante gli anni novanta con artisti come Snoop Dogg e Dr. Dre. L'East Coast hip hop all'inizio della metà anni novanta era dominato dall'alternative hip hop e dal jazz rap afrocentrico del collettivo Native Tongues così come dall'hardcore hip hop di artisti quali Wu-Tang Clan, Onyx e Mobb Deep. Anche l'East Coast aveva molti artisti gangsta rap tra cui The Notorious B.I.G. e Lil' Kim.

Negli anni novanta, l'hip hop ha iniziato a diversificarsi con altri stili regionali emergenti, come il Southern hip hop e l'Atlanta hip hop. Allo stesso tempo, l'hip hop ha continuato ad essere assimilato ad altri generi di musica popolare, ad esempio il neo soul (con musicisti come Lauryn Hill ed Erykah Badu) e il nu metal (Korn e Limp Bizkit). L'hip hop è diventato un genere di successo commerciale nella metà degli anni novanta e ha il genere più venduto dal 1999. La popolarità della musica hip hop è proseguita negli anni duemila, con influenze hip hop sempre più diffusa nella musica pop commerciale. Gli Stati Uniti videro anche il successo di stili regionali come il crunk (Lil Jon & the East Side Boys, Ying Yang Twins), un sottogenere del southern che enfatizzava i beat e la musica più dei testi. A partire dal 2005, le vendite di musica hip hop negli USA hanno iniziato a calare notevolmente. Durante la metà degli anni duemila, l'alternative hip hop si garantì un posto nel mainstream, dovuto in parte al successo di artisti come Outkast e Kanye West.[18] Tra la fine degli anni duemila e l'inizio degli anni duemiladieci, si fanno notare rapper come Lil Wayne, Soulja Boy, Drake, Nicki Minaj, J. Cole e Kendrick Lamar. Alla fine degli anni duemiladieci s'impone nella musica mainstream un nuovo sottogenere dell'hip hop, la trap, che diviene popolare con artisti come Kodak Black, Travis Scott e Migos.

Origine del termine[modifica | modifica wikitesto]

La creazione del termine hip hop è spesso attribuita a Keith Cowboy, rapper con i Grandmaster Flash and the Furious Five.[19] Tuttavia, Lovebug Starski, Keith Cowboy e DJ Hollywood hanno usato il termine quando la musica era ancora conosciuta come disco rap.[20] Si crede che Cowboy abbia inventato il termine mentre prendeva in giro un amico che si era appena unito all'esercito degli Stati Uniti, dallo scat delle parole «hip / hop / hip / hop» in un modo che imitava la cadenza ritmica dei soldati in marcia.[19] Cowboy in seguito ha lavorato con la cadenza «hip hop» in una parte della sue esibizioni, che è stata rapidamente utilizzata anche da altri artisti come i Sugarhill Gang in Rapper's Delight.[19] Il fondatore della Universal Zulu Nation, Afrika Bambaataa è accreditato per essere stato il primo a usare il termine per descrivere la sottocultura a cui la musica apparteneva; anche se è stato anche suggerito che era un termine dispregiativo per descrivere il tipo di musica.[21] Il primo uso del termine nella carta stampata è ad opera di Steven Hager, autore musicale di The Village Voice,[22] che in seguito ha scritto una storia sull'hip hop nel 1984.[23]

Anni settanta[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

DJ Kool Herc è ritenuto tra i primi DJ e artisti hip hop

L'Hip hop come musica e movimento culturale si forma durante gli anni settanta a New York City dallo scambio multiculturale tra giovani afro-americani provenienti dagli Stati Uniti d'America e giovani immigrati e figli di immigrati provenienti da paesi dei Caraibi.[24] La musica hip hop nei suoi primi anni è descritta come uno sbocco e una voce per i giovani emarginati dei contesti marginali e delle aree a basso reddito, poiché la cultura hip hop riflette le realtà sociali, economiche e politiche della loro vita.[25][26] Molte delle persone che hanno contribuito alla creazione della cultura hip hop, tra cui DJ Kool Herc, DJ Disco Wiz, Grandmaster Flash e Afrika Bambaataa erano di origini latinoamericane o caraibiche. È difficile individuare le esatte influenze musicali che hanno maggiormente influenzato il suono e la cultura dell'hip hop iniziale a causa della natura multiculturale di New York City. I primi pionieri dell'hip hop furono influenzati da un mix di musica delle loro culture e delle culture a cui erano esposti a causa della diversità delle città degli Stati Uniti.[27] Durante gli anni novanta, New York ha sperimentato una forte influenza hip hop giamaicana. Questa influenza è stata causata da cambiamenti culturali, soprattutto a causa della grande immigrazione di giamaicani a New York e delle gioventù giamaicana di origine americana che stava diventando maggiorenne negli anni novanta.

Negli anni settanta, i block party erano sempre più popolari a New York, in particolare tra i giovani afroamericani, caraibici e latini residenti nel Bronx. I block party hanno inserito i DJ, che hanno suonato generi popolari di musica, in particolare musica funk e soul. Grazie alla ricezione positiva, i DJ hanno iniziato a isolare i break percussivi delle canzoni popolari. Questa tecnica era comune nella musica dub giamaicana,[28] e fu largamente introdotta a New York da immigranti dei Caraibi, incluso DJ Kool Herc, uno dei pionieri dell'hip hop.[29][30]

Poiché le pause percussive nei dischi funk, soul e disco erano generalmente brevi, Herc e altri DJ hanno iniziato a utilizzare due giradischi per estendere le pause. Herc ha creato il progetto per la musica e la cultura hip hop sviluppando la tradizione giamaicana del toasting improvvisato, un tipo parlato di poesia presuntuosa e discorsi sulla musica.[31] L'11 agosto 1973, DJ Kool Herc è stato il DJ alla festa di ritorno a scuola di sua sorella. Ha esteso il ritmo di un disco usando due giradischi, isolando le "pause" della percussione usando un mixer per passare da un disco all'altro. Gli esperimenti di Herc nel fare musica con i giradischi sono diventati ciò che ora conosciamo come breaking o «scratching».[32]

Un secondo elemento musicale chiave nella musica hip hop è l'emceeing (anche chiamato MCing o rapping). L'emceeing è la consegna ritmica e parlata di rime e giochi di parole, consegnata all'inizio senza accompagnamento e successivamente eseguita sopra un beat. Questo stile parlato fu influenzato dallo stile afroamericano del «capping», una performance in cui gli uomini cercavano di superarsi l'un l'altro nell'originalità della loro lingua e cercavano di ottenere il favore degli ascoltatori.[33] Gli elementi di base di queste esibizioni hip-hop rappate, le "posse" (gruppi) rivali, i "buttafuori" dei quartieri alti e i commenti politici e sociali – erano tutti presenti nella musica afroamericana. Gli artisti cge si esibivano in MCing e rapping si sono spostati avanti e indietro tra la predominanza di canzoni "toasting" piene di vanto, negligenza e allusioni sessuali e uno stile più attuale, politico e socialmente consapevole. Il ruolo dell'MC originariamente era quello di un Master of Ceremonies per un DJ in un evento di danza: l'MC era solito introdurre il DJ e cercare di scaldare il pubblico, parlando tra le canzoni dei DJ ed esortando tutti ad alzarsi e a ballare, oltre a raccontare barzellette e usare il proprio linguaggio energico e il proprio entusiasmo per scaldare la folla. Alla fine, questo ruolo introduttivo si sviluppò in sessioni più lunghe di giochi di parole, ritmiche parlate e rime, che diventarono rapping.

Nel 1979 la musica hip hop era diventata un genere mainstream. Si diffuse in tutto il mondo negli anni novanta con il controverso "gangsta" rap.[34] Herc si sviluppò anche sul deejaying break-beat,[35] dove i break delle canzoni funk – la parte più adatta alla danza, di solito basata dalle percussioni – erano isolati e ripetuti per le feste di ballo notturne. Questa forma di riproduzione musicale, utilizzando hard funk e rock, ha costituito la base della musica hip hop. Gli annunci di Campbell e le esortazioni ai ballerini avrebbero portato all'accompagnato vocale sincopato e in rima, ora noto come rapping. Ha soprannominato i suoi ballerini "break-boys" e "break-girls" o semplicemente b-boys e b-girls. Secondo Herc, "breaking" era anche uno slang di strada per "emozionarsi" e "agire energicamente".[36]

Afrika Bambaataa con DJ Yutaka della Universal Zulu Nation nel 2004

DJ come Grand Wizzard Theodore, DJ Grandmaster Flash e Jazzy Jay hanno perfezionato e sviluppato l'uso di breakbeat, tra cui il cutting e lo scratching.[37] L'approccio utilizzato da Herc fu presto ampiamente copiato e, alla fine degli anni settanta, i DJ pubblicarono dischi da 12 pollici in cui avrebbero rappato a ritmo. Tra i brani più famosi c'erano The Breaks di Kurtis Blow e Rapper's Delight della Sugarhill Gang.[38]

Herc e altri DJ collegavano le loro apparecchiature alle linee elettriche e si esibivano in luoghi come i campi da basket pubblici e al 1520 di Sedgwick Avenue, Bronx, New York, oggi divenuto ufficialmente un edificio storico.[39] L'apparecchiatura consisteva di numerosi altoparlanti, giradischi e uno o più microfoni.[40] Usando questa tecnica, i DJ potevano creare una varietà di musica, ma secondo Rap Attack di David Toop: «al suo peggio la tecnica poteva trasformare la notte in una canzone infinita e inevitabilmente noiosa».[41] KC The Prince of Soul, un rapper-paroliere, è spesso considerato il primo paroliere del rap a definirsi un «MC».[42]

Le bande di strada erano prevalenti nella povertà del South Bronx e gran parte dei graffiti, dei rapping e dei b-boying in queste zone erano tutte variazioni artistiche sulla competizione e l'unicità delle gang di strada. Sentendo che gli impulsi spesso violenti dei membri di una banda potevano essere trasformati in quelli creativi, Afrika Bambaataa fondò la Zulu Nation, una larga confederazione di crew di street dance, artisti di graffiti e musicisti rap. Alla fine degli anni 1970, la cultura aveva attirato l'attenzione dei media, con la rivista Billboard che pubblicava un articolo dal titolo "B Beats Bombarding Bronx", commentando il fenomeno locale e citando figure influenti come Kool Herc.[43] Il blackout di New York del 1977 ha visto diffusi saccheggi, incendi dolosi e altri disordini in tutta la città, specialmente nel Bronx,[44] dove un certo numero di saccheggiatori ha rubato attrezzature per DJ dai negozi di elettronica. Di conseguenza, il genere hip hop, a malapena conosciuto al di fuori del Bronx all'epoca, è cresciuto a un ritmo sorprendente dal 1977 in poi.[45]

Le feste in casa di DJ Kool Herc hanno guadagnato popolarità e in seguito sono stati spostati in luoghi all'aperto per ospitare più persone. Ospitati nei parchi, questi party all'aperto sono diventati un mezzo di espressione e uno sbocco per gli adolescenti, dove «invece di mettersi nei guai per le strade, gli adolescenti ora avevano un posto dove spendere la loro energia repressa».[46]</ref> Tony Tone, membro dei Cold Crush Brothers, ha dichiarato che «l'hip hop ha salvato molte vite».[46] Per i giovani del centro città, la partecipazione alla cultura hip hop è diventata un modo per affrontare le difficoltà della vita come minoranze in America e uno sbocco per affrontare il rischio di violenza e l'ascesa della cultura delle bande. MC Kid Lucky afferma che «la gente ballava contro l'altro invece di combattere».[47][48] Ispirato da DJ Kool Herc, Afrika Bambaataa creò un'organizzazione di strada chiamata Universal Zulu Nation, incentrata sull'hip hop, come mezzo per attirare gli adolescenti fuori dalla vita di gang, dalla droga e dalla violenza.[46]

Il contenuto lirico di molti dei primi gruppi di rap è stato incentrato su questioni sociali, in particolare nella traccia The Message di Grandmaster Flash and the Furious Five, che ha discusso le realtà della vita nelle case popolari.[49] «I giovani neri americani che escono dal movimento per i diritti civili, hanno usato la cultura hip hop negli anni ottanta e novanta per mostrare i limiti del movimento hip hop[50] L'hip hop ha dato voce ai giovani afroamericani per far sentire le loro questioni; «Come il rock-and-roll, l'hip hop è fortemente osteggiato dai conservatori perché romanticizza la violenza, la violazione della legge e le bande.»[50] Ha anche dato alle persone una possibilità di guadagno finanziario «riducendo il resto del mondo ai consumatori delle sue preoccupazioni sociali.»[50]

Verso la fine del 1979, Debbie Harry dei Blondie portò Nile Rodgers degli Chic a un tale evento, poiché la principale colonna sonora utilizzata era il break di Good Times degli Chic.[38] Il nuovo stile influenzò Harry, e il successivo singolo di Blondie del 1981 Rapture divenne il primo singolo contenente elementi hip hop di un gruppo o artista bianco a colpire il numero uno sulla Billboard Hot 100 degli Stati Uniti – la canzone stessa di solito è considerata new wave e fonde pesanti elementi di musica pop, ma c'è un rap esteso di Harry verso la fine.

1520 Sedgwick Avenue, Bronx, luogo usato da Kool Herc che è spesso considerato quello di nascita per l'hip hop nel 1973[51]

Anche la prima evoluzione dell'hip hop in una forma distinta dall'R&B, non a caso, avvenne nel periodo in cui la tecnologia di campionamento e le drum machine divennero ampiamente disponibili al pubblico a un costo accessibile al consumatore medio, non solo agli studi professionali. Le Drum-machine e i campionatori sono stati combinati in macchine che sono diventate note come MPC o "Music Production Centres", primi esempi dei quali includevano il Linn 9000. Il primo campionatore che è stato ampiamente adottato per creare questo nuovo tipo di musica è stato il Mellotron utilizzato in combinazione con la drum machine TR-808. L'AKAI ha fatto seguito al Mellotron e al Linn 9000 alla fine degli anni ottanta.[52]

Le tecniche di turntablist – come lo "scratching" ritmico (spingendo avanti e indietro un disco mentre la puntina è nel groove per creare nuovi suoni ed effetti sonori, un approccio attribuito a Grand Wizzard Theodore[53]), beat mixing e/o beatmatching e beat juggling – sviluppati eventualmente assieme ai break delle percussioni, creavano un accompagnamento musicale o base che sarebbe potuta essere rapportato coerentemente ai giochi di parole. Inoltre, l'arte del toasting giamaicano, uno stile di parlare o cantare con un microfono, spesso in uno stile vanaglorioso, mentre i beat suonano su un sound system, ha avuto un'influenza importante sullo sviluppo della musica hip hop. Il toasting è un'altra influenza trovata nelle musica dub giamaicana.[28][54]

Il pugile Muhammad Ali, in qualità di influente celebrità afroamericana, aveva un'ampia copertura mediatica. Ali ha influenzato diversi elementi della musica hip hop. Sia sul ring di pugilato sia nelle interviste ai media, negli anni sessanta divenne famoso come "imitatore di rima". Ali ha usato una "consegna funky" per i suoi commenti, che includevano "vanti, trash-talk comica, [e] la serie di infinite citazioni".[55] Secondo Rolling Stone, le sue "abilità freestyle" (un riferimento a un tipo di improvvisazione vocale in cui i testi vengono recitati senza particolari soggetti o struttura) e le sue "rime, flusso e braggadocio" sarebbero "un giorno diventati tipici degli MC della old school" come Run-DMC e LL Cool J,[56] quest'ultimo citando Ali come influenza.[55] La musica hip hop nella sua infanzia è stata descritta come uno sbocco e una "voce" per i giovani diseredati delle aree economiche a basso reddito ed emarginate,[25] in quanto la cultura hip hop riflette le realtà sociali, economiche e politiche della loro vita.[26]

Introduzione al rapping[modifica | modifica wikitesto]

Il rapping, noto anche come MCing o emceing, è uno stile vocale in cui l'artista parla liricamente e ritmicamente, in rima e in versi, in genere sopra a un [[base (musica) strumentale o sintetizzato. I Beat, quasi sempre metricamente in 4/4, può essere creato campionando e/o sequenziando parti di altre canzoni da un produttore.[57] Incorporano anche sintetizzatori, drum machine e gruppi dal vivo. I rapper possono scrivere, memorizzare o improvvisare i loro testi ed eseguire i loro lavori a cappella o a ritmo. La musica hip hop precede l'introduzione del rapping nella cultura hip hop, e la voce rap è assente da molte tracce hip hop, come Hip Hop, Be Bop (Don't Stop) di Man Parrish, Chinese Arithmetic di Eric B. & Rakim, Al-Naafiysh (The Soul) e We're Rocking the Planet di Hashim e Destination Earth di Newcleus. Tuttavia, la maggior parte del genere è stata accompagnata da voci rap, come il gruppo di electro hip hop influenzato dalla fantascienza Warp 9.[58] Le rapper femminili apparvero sulla scena tra la fine degli anni settanta e l'inizio degli anni ottanta, tra cui l'artista del Bronx MC Sha Rock, membro del Funky Four Plus One, accreditata come la prima MC femminile.[59]

Le radici del rapping si trovano nella musica afro-americana e in definitiva nella musica africana, in particolare quella dei griot della cultura dell'Africa occidentale.[60] Le tradizioni afroamericane dei giochi di parole, dei "dozens" e della poesia jazz influenzano la musica hip hop, così come i modelli di "chiamata e risposta" delle cerimonie religiose africane e afroamericane. I primi disc jockey popolari nel periodo della black appeal radio hanno iniziato a diffondersi trasmettendo queste tecniche sotto i discorsi scherzosi dell'era swing post seconda guerra mondiale tra la fine degli anni quaranta e gli anni cinquanta.[61] DJ Nat D. era l'MC in uno dei luoghi più spietati per ogni aspirante musicista che cerca di entrare nel mondo dello spettacolo, all'Amateur Night al Palace Theatre in Beale Street, Memphis, Tennessee.[62] Lì fu l'MC tra il 1935 e il 1947 assieme al suo artista di supporto, DJ Rufus Thomas. Fu lì che perfozionò le "dozens", i giochi di parole e il discorso scherzoso e politicamente scorretto rivolto al pubblico che sarebbe divenuto il suo cavallo di battaglia quando divenne il primo annunciatore radiofonico nero in onda a sud della linea Mason-Dixon.[63]

Il jive ha reso popolare la black appeal radio, era il linguaggio della gioventù nera, i doppi sensi e il gioco di parole leggermente osceno erano una manna dal cielo per le radio, rivitalizzando in questo modo gli indici d'ascolto nei mercati commerciali delle pubblicità che stavano perdendo quote di spettatori e lanciando il nuovo formato del R&B con gli annunciatori afroamericani. Nello stesso periodo, anche DJ quali Al Benson di Chicago, Doctor Hep Cat di Austin e Jockey Jack di Atlanta parlavano con lo stesso stile di rima e con una cadenza carica di stile rap.[64] Una volta che le stazioni di proprietà bianca hanno realizzato che i nuovi arrivati stavano afferrando la loro quota di mercato e che la Big Band e lo swing jazz non erano più "alla moda", alcuni DJ bianchi emulavano il "mormorio" southern e i discorsi jive, lasciando che anche il pubblico pensasse che anche loro erano afroamericani, interpretando il blues e il bebop.[65]

John R Richbourg aveva un accento del sud, tuttavia gli ascoltatori del programma R&B del WLAC di Nashville[66] non erano mai stati informati che non era un DJ afroamericano, come lo erano altri DJ bianchi alla stazione. Le rime del Dr. Hep Cat sono state pubblicate in un dizionario di jive talk, The Jives of Dr. Hepcat, nel 1953. Jockey Jack è il noto Jack the Rapper della famosa Family Affair, dopo la sua convention radiofonica che era un must per ogni artista rap negli anni ottanta e novanta.[67] Questi rapper dei discorsi jive del formato radio black appeal degli anni cinquanta erano la fonte e l'ispirazione del cantante soul James Brown e di artisti musicali "comici" come Rudy Ray Moore, Pigmeat Markham e Blowfly che sono spesso considerati i "padrini" della musica hip hop.[68] All'interno di New York, le esibizioni di poesie e musica di artisti come The Last Poets, Gil Scott-Heron[69] e Jalal Mansur Nuriddin hanno avuto un impatto significativo sulla cultura dell'era post-diritti civili degli anni sessanta e settanta e quindi sull'ambiente sociale in cui è stata creata la musica hip-hop.

Origini giamaicane dei sound system all'aperto[modifica | modifica wikitesto]

L'hip hop come musica e cultura si è formata negli anni 1970 a New York City dallo scambio multiculturale tra giovani afroamericani provenienti dagli Stati Uniti e giovani immigrati e figli di immigrati provenienti da paesi dei Caraibi.[70] Ciò che in seguito sarebbe stato descritto come "block party" negli Stati Uniti d'America è stato una realtà dagli anni cinquanta in tutta la Giamaica, poiché gli MC (chiamati DJ in Giamaica) parlavano e rappavano su dischi sui sound system nelle feste almeno dal 1949.[71]

DJ Koll Herc e Coke La Rock hanno influenzato lo stile vocale del rapping offrendo versi di poesia semplici su break di musica funk, dopo che gli spettatori hanno mostrato scarso interesse nei loro precedenti tentativi di integrare il toasting reggae nei set musicali.[28][72] DJ ed MC spesso aggiungevo i cori di "chiamata e risposta", sovente costituiti da un coro di base per consentire al performer di elaborare i propri pensieri (ad esemio "one, two, three, y'all, to the beat"). In seguito, gli MC sono diventati più vari nella loro consegna vocale e ritmica, inserendo brevi rime, spesso a tema sessuale o scatologico, nel tentativo di differenziarsi o di intrattenere il pubblico. Questi primi rap incorporavano le "dozens", prodotto della cultura afroamericana. Kool Herc and the Herculoids furono il primo gruppo hip hop a ottenere il rinoscimento a New York,[72] ma il numero di squadre di MC aumentò nel tempo.

Molte volte queste formazioni erano collaborazioni tra ex membri di bande, come la Zulu Nation di Afrikaa Bambaataa, ora divenuta un'organizzazione internazionale. Melle Mel, rapper con i Furious Five è spesso considerato come il primo paroliere del rap a definirsi un MC.[73] Durante i primi anni settanta, i b-boying nacquero durante i block party, quando b-boys e b-girls si misero davanti al pubblico per ballare in uno stile distintivo e frenetico. Lo stile è stato documentato per la pubblicazione a livello mondiale per la prima volta in documentari e film quali Style Wars, Wild Style e Beat Street. Il termine "b-boy" è stato coniato da DJ Kool Herc per descrivere le persone che avrebbero aspettato il break della canzone, arrivando di fronte al pubblico per danzare in uno stile distintivo e frenetico.[74]

Sebbene ci fossero molti primi MC che registrarono progetti solisti degni di nota, come DJ Hollywood, Kurtis Blow e Spoonie Gee, la frequenza di artisti solisti non aumentò fino all'ascesa di solisti con presenza scenica e teatrali, come LL Cool J. La maggior parte del primo hip hop era dominata da gruppi in cui la collaborazione tra i membri era parte integrante dello spettacolo.[75] Un esempio potrebbe essere il primo gruppo hip hop Funky Four Plus One, che ha suonato in questo modo nel Saturday Night Live del 1981.[76]

La transizione alla registrazione[modifica | modifica wikitesto]

La prima musica hip hop è stata eseguita dal vivo, in occasione di feste in casa e dei block party e non è stata registrata. Prima del 1979, la musica hip hop registrata consisteva principalmente in registrazioni di soundboard del sistema PA di spettacoli di party dal vivo e in primi mixtape hip hop da parte dei DJ. Il portoricano DJ Disco Wiz è considerato come il primo DJ nell'hip hop a creare una registrazione "mixed plate" o mixed dub, quando, nel 1977, ha combinato suoni, effetti speciali e beat interrotti per produrre tecnicamente una registrazione sonora.[77] Rapper's Delight dei Sugarhill Gang (1979) è ampiamente considerata la prima registrazione hip hop,[15] tuttavia, molte polemiche circondano questa affermazione poiché alcuni riconoscono in King Tim III (Personality Jock) dei The Fatback Band, pubblicato poche settimane prima di Rapper's Delight, la prima registrazione rap.[78]

All'inizio degli anni ottanta, tutti i principali elementi e le tecniche del genere hip hop erano presenti e, nel 1982, il suono elettronico (electro) era diventata la moda nelle strada e nei club di danza. La stazione radio di New York WKTU presentava Nunk dei Warp 9 in uno spot pubblicitario per promuovere il suono caratteristico dell'hip hop emergente della stazione.[79]

Anche se non ancora mainstream, l'hip hop aveva cominciato a permeare la scena musicale lontano da New York e a diffondersi un po' in tutti gli Stati Uniti. Funk You Up (1979) delle The Sequence è la prima registrazione hip hop di un gruppo femminile e il secondo singolo pubblicato dalla Sugar Hill Records e vede la collaborazione dell'artista Angie Stone.[80] Nonostante la crescente popolarità del genere, Filadelfia è stata per molti anni l'unica città i cui contributi potrebbero essere comparati a quelli di New York City. La musica hip hop divenne popolare a Philadelphia alla fine degli anni settanta. Il New York Times aveva soprannominato Philadelphia come la "Capitale del Mondo dei Graffiti" nel 1971. Lady B, DJ nativa di Philadelphia, registrò To the Beat Y'All nel 1979 e divenne la prima artista hip hop solista a registrare musica. Schoolly D, a partire dal 1984 e anche da Philadelphia, ha iniziato a creare uno stile che in seguito sarebbe stato definito gangsta rap.

Anni ottanta[modifica | modifica wikitesto]

DJ Jazzy Jeff nel 2005

Gli anni 1980 hanno segnato la diversificazione dell'hip hop in quanto il genere ha sviluppato stili più complessi.[16] New York City divenne un vero e proprio laboratorio per la creazione di nuovi suoni hip hop. Primi esempi del processo di diversificazione possono essere ascoltati in brani come The Adventures of Grandmaster Flash on the Wheels of Steel (1981) di Grandmaster Flash, un singolo composto interamente da brani campionati[81] e da Planet Rock di Afrika Bambaataa (1982) e Warp 9 Nunk (1982)[82] che significava la fusione della musica hip hop con l'electro. Inoltre, Beat Bop (1983) di Rammellzee & K-Rob era una "jam slow" che aveva un'influenza dub con l'uso del riverbero e dell'eco come texture e effetti sonori divertenti. Light Years Away di Warp 9 (1983) è descritto come «una pietra miliare dei primi anni ottanta sull'afrofuturismo beatbox» dal giornale britannico The Guardian,[58] il brano ha introdotto il commento sociale da una prospettiva fantascientifica. Negli anni settanta, la musica hip hop usava tipicamente campioni dal funk e successivamente, dalla disco. La metà degli anni ottanta segnò un cambio di paradigma nello sviluppo dell'hip hop, con l'introduzione di campioni dalla musica rock, come dimostrato negli album King of Rock e Licensed to Ill. L'hip hop prima di questo momento è nominato come old school hip hop.

La proliferazione di dischi elettro hip hop e hip hop nei primi anni ottanta può essere attribuita alle nuove capacità di beat-making che la nuova drum machine Roland TR-808 ha fornito a beatmaker e produttori. Colpendo il mercato nel 1980, divenne la drum machine preferita per la sua convenienza e il carattere unico dei suoi suoni di batteria analogici e sintetizzati, in particolare il suono della sua cassa, che aveva un suono profondo e solido nei sistemi di club PA.[83] La nuova generazione di drum machine come la 808 e la Oberheim DMX erano una caratteristica distintiva di molte canzoni degli anni 1980, consentendo alle case discografiche di produrre rapidamente nuovi dischi elettro ed elettro hip hop per soddisfare la forte domanda in strada. Anche negli anni duemiladieci, il suono della grancassa 808 è utilizzato dai produttori di hip hop.

LA Roland TR-808, drum machine influente nella musica hip hop. Spesso nominata solo "808", è stato prodotta dal 1980 al 1984, tuttavia alcuni produttori la usano ancora oggi.

Nel tempo la tecnologia di campionamento è diventata più avanzata. Tuttavia, i primi produttori come Marley Marl usavano le drum machine per costruire i loro beat da piccoli estratti di altri beat in sincronizzazione, nel suo caso, attivando tre unità di delay di campionamento Korg attraverso un Roland 808. Successivamente, i campionatori come l'E-mu SP-1200 hanno permesso non solo più memoria ma anche più flessibilità per la produzione creativa. Ciò ha permesso la filtrazione e la stratificazione di diversi brani, con la possibilità di ri-ordinarli in un unico pezzo. Con l'emergere di una nuova generazione di campionatori come l'AKAI S900 alla fine degli anni ottanta, i produttori non dovevano più creare loop di nastro complessi e dispendiosi in termini di tempo. Il primo album dei Public Enemy è stato creato con l'aiuto di loop di grandi dimensioni. Il processo di creare un break in un breakbeat ora è diventato più comune con un campionatore, ora facendo il lavoro che finora era stato fatto manualmente dai DJ usando i giradischi. Nel 1989, DJ Mark James, con il soprannome "45 King", pubblicò The 900 Number, un brano breakbeat creato sincronizzando campionatori e dischi in vinile.[75]

Anche il contenuto lirico e l'accompagnamento strumentale dell'hip hop si sono sviluppati. I primi stili lirici del 1970, che tendevano a essere vanti e canti di cliché, furono sostituiti con testi metaforici che esploravano una gamma più ampia di argomenti. Inoltre, i testi sono stati eseguiti su un accompagnamento strumentale più complesso e multistrato. Artisti come Melle Mel, Rakim, Chuck D, KRS-One e Warp 9 hanno rivoluzionato l'hip hop trasformandolo in una forma d'arte più matura, con arrangiamenti sofisticati, spesso caratterizzati da «bellissime trame e strati multipli».[84] L'influente singolo The Message (1982) di Grandmaster Flash and the Furious Five è ampiamente considerato la forza pionieristica del conscious hip hop.

Le etichette discografiche indipendenti come Tommy Boy, Prism Records e Profile Records hanno avuto successo nei primi anni ottanta, pubblicando dischi ad un ritmo molto elevato in risposta alla domanda generata dalle stazioni radio locali e dai DJ dei club. Nei primi anni 1980, la musica elettronica e quella rap sono state catalizzatrici che hanno scatenato il movimento hip hop, guidati da artisti come Cybotron, Hashim, Afrika Bambaataa, Planet Patrol, Newcleus e Warp 9. Nella scena di registrazione di New York City, gli artisti hanno collaborato con produttori/autori quali Arthur Baker, John Robie, Lotti Golden e Richard Scher, scambiando idee che hanno contribuito allo sviluppo dell'hip hop.[85] Alcuni rapper alla fine divennero artisti pop tradizionali. L'apparizione di Kurtis Blow in uno spot della Sprite[86] ha segnato il primo musicista hip hop a fare uno spot per un prodotto importante. Le canzoni del 1981 Rapture di Blondie e Christmas Wrapping del gruppo new wave The Waitresses furono tra le prime canzoni pop ad utilizzare il rap. Nel 1982, Afrika Bambaataa introdusse l'hip hop al pubblico internazionale con Planet Rock.

Prima degli anni ottanta, la musica hip hop era in gran parte limitata nel contesto degli Stati Uniti d'America. Nonostante ciò, durante gli anni ottanta, iniziò la sua diffusione nel resto del mondo e divenne parte della scena musicale in decine di nazioni. Greg Wilson è stato il primo DJ a introdurre l'elettro hip hop al pubblico nei club del Regno Unito nei primi anni ottanta, scegliendo per le versioni dub o quelle strumentali delle canzoni Nunk dei Warp 9, ET Boogie di Extra T, Hip Hop, Be Bop (Don't Stop) di Man Parrish, Dirty Talk di Klein + M.B.O. e della già citata Planet Rock.[87]

I Beastie Boys nel 1992

Nella prima parte del decennio, i B-boying divennero il primo aspetto della cultura hip hop a raggiungere Giappone, Australia e Sud Africa. In Sudafrica, il collettivo di breakdance Black Noise ha stabilito la pratica prima di iniziare a fare rap nel corso del decennio. Il musicista e presentatore Sidney Duteil è diventato il primo presentatore televisivo nero della Francia con il suo spettacolo H.I.P. H.O.P.[88] che è stato mandato in onda su TF1 nel 1984, una novità assoluta per il genere in tutto il mondo. Sidney è considerato il padre dell'hip hop francese. Radio Nova ha aiutato a lanciare altre star dell'hip hop francese tra cui Dee Nasty, il cui album del 1984 Paname City Rappin' assieme alle raccolte Rapattitude 1 e 2 ha contribuito alla consapevolezza generale dell'hip hop in Francia.

L'hip hop ha sempre mantenuto un rapporto molto stretto con la comunità latina di New York. DJ Disco Wiz e la Rock Steady Crew sono stati tra i primi innovatori da Porto Rico, combinando l'inglese e lo spagnolo nei loro testi. Il gruppo The Mean Machine ha registrato la sua prima canzone sotto l'etichetta Disco Dreams nel 1981, mentre Kid Frost di Los Angeles ha iniziato la sua carriera nel 1982. I Cypress Hill si sono formato nel 1988 nel sobborgo di South Gate, fuori Los Angeles, quando Senen Reyes (nato a L'Avana) e il fratello minore Ulpiano Sergio (Mellow Man Ace) si sono trasferiti da Cuba a South Gate con la famiglia nel 1971. Hanno collaborato con DVX di Queens (New York), Lawrence Muggerud (DJ Muggs) e Louis Freese (B-Real), un messicano/cubano-americano nativo di Los Angeles. Dopo la partenza di "Ace" per iniziare la sua carriera da solista, il gruppo ha adottato il nome di Cypress Hill che prende il nome da una strada che attraversa un quartiere vicino a South Los Angeles.

L'hip hop giapponese sarebbe iniziato quando Hiroshi Fujiwara tornò in Giappone e iniziò a suonare dischi hip hop nei primi anni ottanta.[89] L'hip hop giapponese in genere tende ad essere più direttamente influenzato dall'old school hip hop, prendendo i ritmi orecchiabili dell'epoca, la cultura della danza e la natura generale divertente e spensierata e incorporandola nella loro musica. L'hip hop è diventato uno dei generi musicali mainstream più commercialmente riusciti in Giappone e il confine tra esso e la musica pop è spesso sfocato.

New school hip hop[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: New school hip hop.
KRS-One è stato uno degli artisti chiave nella new school.

La new school hip hop è stata la seconda ondata di musica hip hop, nata nel 1983-1984 con i primi dischi dei Run-DMC e di LL Cool J. Come per l'hip hop precedente (che in seguito divenne noto come old school hip hop), la new school proveniva prevalentemente da New York City. La new school è stata caratterizzata inizialmente da un minimalismo guidato dalla drum machine, con influenze dalla musica rock.[90]

Era notevole per le provocazioni e le proteste sul rapping e i commenti socio-politici, entrambi espressi in uno stile aggressivo e auto-assertivo. Nell'immagine come nella canzone, i suoi artisti hanno proiettato un atteggiamento da b-boy duro, di strada, cool. Questi elementi erano in netto contrasto con i gruppi hip hop influenzati dal funk e dalla disco, la cui musica pre-1984 era caratterizzata da successi originali, gruppi dal vivo e sintetizzatori (non tutti gli artisti prima del 1984 avevano questi stili). Gli artisti della new school realizzarono canzoni più brevi che avrebbero potuto ottenere più facilmente la riproduzione radiofonica e produssero album LP più coesi rispetto alle loro controparti della old school. Nel 1986, le loro pubblicazioni iniziarono a stabilire l'album hip hop come un elemento fisso della musica mainstream. La musica hip hop divenne commercialmente vincente, come esemplificato dall'album Licensed to Ill del 1986 dei Beastie Boys, che fu il primo album rap a raggiungere il numero 1 nelle classifiche di Billboard.[91]

Golden age hip hop[modifica | modifica wikitesto]

I Public Enemy nel 2006
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Golden age hip hop.

La golden age dell'hip hop (o golden era) è il nome dato a un periodo dell'hip hop mainstream, prodotto tra la metà degli anni ottanta e l'inizio degli anni novanta, che è caratterizzato da diversità, qualità, innovazione e influenza.[92][93] C'erano forti temi di afrocentrismo e militanza politica nei testi hip hop dell'età dell'oro. La musica era sperimentale e il campionamento attingeva da fonti eclettiche.[94] C'era spesso una forte influenza jazz nella musica. Gli artisti e i gruppi più spesso associati a questa frase sono Public Enemy, Boogie Down Productions, Eric B. & Rakim, De La Soul, A Tribe Called Quest, Gang Starr, Big Daddy Kane e i Jungle Brothers.[95]

La golden age è nota per la sua innovazione – un periodo «in cui sembrava che ogni nuovo singolo reinventasse il genere»,[96] secondo Rolling Stone. Riferendosi all'«hip hop nella sua età dell'oro»,[97] il caporedattore di Spin Sia Michel disse «ci sono stati tanti album importanti e innovativi che sono usciti proprio in quel periodo»[97] e Sway Calloway di MTV aggiunse: «la cosa che ha reso così grande quell'epoca è che nulla è stato programmato.»[98] Lo scrittore William Jelani Cobb disse «quello che ha reso quell'epoca degna di essere definitiva "d'oro" è stato il grande numero di innovazioni stilistiche che sono venute alla luce... in questi anni d'oro, una massa critica di talentuosi "mic" stavano letteralmente creano se stessi e la loro forma d'arte allo stesso tempo.»[99] Il periodo di tempo specifico che copre l'età dell'oro varia. Secondo MSNBC, l'età dell'oro dell'hip hop sarebbero gli anni ottanta.[100]

Gangsta rap e West Coast hip hop[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gangsta rap e West Coast hip hop.
La guerra incivile: la battaglia tra le Establishment e gli appassionati della musica rap riapre vecchie ferite di razza e di classe

Molti rapper afroamericani – inclusi Ice-T e Sister Souljah – sostengono di essere ingiustamente isolati perché la loro musica riflette profondi cambiamenti nella società che non vengono affrontati da nessun'altra parte nel forum pubblico. I politici e gli artisti bianchi reclamano poiché né capiscono la musica né desiderano sentire cosa succede nelle comunità devastate che hanno dato vita alla forma d'arte.[101]

Il gangsta rap è un sottogenere dell'hip hop che riflette lo stile di vita violento dei giovani neri americani nei centri urbani.[102] Gangsta è una pronuncia non rotica della parola gangster. Il genere è stato sperimentato a metà degli anni ottanta da rapper come Schoolly D e Ice-T, ed è stato reso popolare nella seconda parte degli anni ottanta da gruppi come ad esempio gli N.W.A. Ice-T ha pubblicato 6 in the Mornin', che è spesso considerata la prima canzone gangsta rap, datata 1986. Dopo l'attenzione e le polemiche a livello nazionale attirate tra la fine degli anni ottanta e l'inizio degli anni novanta da Ice-T e N.W.A, il gangsta rap divenne il sottogenere commercialmente più redditizio dell'hip hop.

N.W.A è il gruppo più frequentemente associato alla fondazione del gangsta rap. I loro testi erano più violenti, apertamente conflittuali e più scioccanti di quelli degli atti rap consolidati, con incessanti profanità e, in modo controverso, l'uso della parola «nigga». Questi testi sono stati collocati su ritmi ruvidi e basati sulla chitarra, contribuendo a conferire alla musica un suono spigoloso. Il primo album di successi gangsta rap è stato Straight Outta Compton degli N.W.A, uscito nel 1988. Straight Outta Compton avrebbe stabilito il West Coast hip hop come un genere vitale e stabilire Los Angeles come legittima rivale della capitale di lungo corso dell'hip hop, New York City. Straight Outta Compton ha scatenato la prima grande polemica sui testi hip hop quando la loro canzone Fuck tha Police ha ricevuto una lettera dall'assistente direttore dell'FBI, Milt Ahlerich, esprimendo con forza il risentimento della canzone da parte delle forze dell'ordine.[103][104]

Molte polemiche hanno circondato l'album di Ice-T Body Count, in particolare la sua canzone Cop Killer. La traccia intendeva parlare dal punto di vista di un criminale che si vendica di poliziotti razzisti e brutali. La canzone rock di Ice-T ha fatto alterare i funzionari governativi, la National Rifle Association e vari gruppi di difesa della polizia.[105] Di conseguenza, la Time Warner Music ha rifiutato di pubblicare l'album successivo di Ice-T Home Invasion a causa delle aspre polemiche che circondavano Cop Killer. Ice-T ha suggerito le reazioni alla canzone fossero eccessive, raccontando al giornalista Chuck Philips: «[...] hanno fatto film su assassini di infermieri, assassini di insegnanti e assassini di studenti. [L'attore] Arnold Schwarzenegger ha fatto saltare in aria dozzine di sbirri come Terminator. Ma non sento nessuno lamentarsi di questo.» Nella stessa intervista, Ice-T suggerì a Philips che l'equivoco di Cop Killer e i tentativi di censura avevano sfumature razziali: «La Corte Suprema dice che va bene per un uomo bianco bruciare una croce in pubblico. Ma nessuno vuole un uomo nero che scrive una registrazione su assassino di poliziotti.»[105]

L'argomento principale inerente al gangsta rap ha generalmente causato polemiche. Le amministrazioni della Casa Bianca di George H. W. Bush e Bill Clinton hanno criticato il genere.[101] Sister Souljah ha dichiarato al The Times: «la ragione per cui il rap è sotto attacco è perché espone tutte le contraddizioni della cultura americana... Quello che è iniziato come una forma d'arte underground è diventato un veicolo per esporre un sacco di questioni critiche che di solito non vengono discusse nella politica americana. Il problema qui è che la Casa Bianca e gli aspiranti colleghi come Bill Clinton rappresentano un sistema politico che non intende mai affrontare il caos urbano dei centri urbani.»[101] A causa dell'influenza di Ice T e degli N.W.A, il gangsta rap è spesso visto come un fenomeno originariamente della West Coast, nonostante il contributo degli artisti della East Coast come i Boogie Down Productions abbiano plasmato il genere.

Anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

La svolta nel mainstream[modifica | modifica wikitesto]

Flavor Flav dei Public Enemy si esibisce nel 1991.

Nel 1990, Fear of a Black Planet dei Public Enemy fu un successo significativo tra i critici musicali e il pubblico.[106] L'album ha avuto un ruolo chiave nell'emergenza mainstream dell'hip hop nel 1990, nominato dal direttore di Billboard Paul Grein come «l'anno in cui il rap è esploso.»[106] In un articolo del 1990 sulla svolta commerciale, Janice C. Thompson del Time ha scritto che l'hip hop «è diventato uno dei più eccitanti sviluppi della musica pop americana in più di un decennio.»[107]

In un simile articolo del 1990, Robert Hilburn del Los Angeles Times mise in risalto l'emergere commerciale della musica hip hop: nel 1990, anche mentre lavorava con il gruppo rap Snap!, Ronald "Bee-Stinger" Savage, un ex membro della Zulu Nation, è accreditato per aver scolpito il termine "Sei elementi del movimento hip hop" ispirandosi alle pubblicazioni dei Public Enemy. I "Sei elementi del movimento hip hop" sono: cosciente consapevolezza, consapevolezza dei diritti civili, consapevolezza dell'attivismo, giustizia, consapevolezza politica e consapevolezza comunitaria nella musica. Ronald Savage è conosciuto come il figlio del movimento hip hop.[108][109][110]

MC Hammer ha raggiunto il successo mainstream con l'album multi-platino Please Hammer Don't Hurt 'Em. Il disco ha raggiunto il primo posto e il suo primo singolo, U Can't Touch This è stato inserito nella top ten della Billboard Hot 100. MC Hammer è diventato uno dei rapper di maggior successo dei primi anni novanta e uno dei primi nomi del genere. L'album ha portato la musica rap ad un nuovo livello di popolarità. È stato il primo disco hip hop certificato di diamante dalla RIAA per aver venduto oltre dieci milioni di copie.[111] Resta uno degli album più venduti di tutti i tempi del genere.[112] A oggi, l'album ha venduto 18 milioni di unità a livello mondiale.[113][114][115][116] Pubblicato nel 1990, Ice Ice Baby di Vanilla Ice è stato il primo singolo hip hop a raggiungere il vertice della classifica statunitense, riuscendo ad arrivare al primo posto anche in Australia e nel Regno Unito, venendo accreditato per aver aiutato a diversificare l'hip hop introducendolo a un pubblico più commerciale.[117] Nel 1992, Dr. Dre pubblica The Chronic. L'album aiuta a cementare il gangsta rap della West Coast come il più commercialmente redditizio rispetto a quello della East Coast,[118] inoltre fonda uno stile noto come g-funk, che diviene presto quello dominante nella West Coast hip hop. Lo stile è stato ulteriormente sviluppato e resto popolare dall'album Doggystyle, pubblicato l'anno dopo da Snoop Dogg. Nonostante ciò, l'hip hop ha incontrato ancora resistenza da parte della radio nera, comprese le stazioni radio di urban contemporaneo. Nel 1990, Russell Simmons disse: «le [stazioni] radio nere odiavano il rap fin dall'inizio e c'è ancora molta resistenza.»[119]

Nonostante la mancanza di supporto da parte di alcune stazioni radio nere, l'hip hop è diventato uno dei generi musicali più venduti a metà degli anni novanta e il genere musicale più venduto nel 1999 con 81 milioni di CD venduti.[120][121][122] Alla fine degli anni novanta l'hip hop era artisticamente dominato dal Wu-Tang Clan, da Diddy e dai Fugees.[118] I Beastie Boys hanno continuato il loro successo nel corso del decennio assieme a diversi artisti locali di Atlanta, St. Louis e New Orleans, oltre a qualche elemento proveniente dalla scena del midwest hip hop come Bone Thugs-n-Harmony, Tech N9ne e Twista. Alla fine del decennio, l'hip hop era parte integrante della musica popolare e molte canzoni pop americane avevano componenti hip hop.

La rivalità tra East Coast e West Coast[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Rivalità hip hop tra East Coast e West Coast.
Graffito che rappresenta il rapper della West Coast Tupac Shakur, ucciso in una sparatoria da un auto in corsa.

La rivalità hip hop tra East Coast e West Coast è stata una faida tra il 1991 e il 1997 svoltasi tra artisti e appassionati delle scene della East Coast hip hop e della West Coast hip hop negli Stati Uniti d'America, in particolare dal 1994 al 1997. I principali protagonisti della rivalità sono stati il rapper East Coast The Notorious B.I.G. (e la sua etichetta newyorkese, la Bad Boy Records) e il rapper West Coast Tupac Shakur (e la sua etichetta di Los Angeles, la Death Row Records), entrambi feriti a morte in seguito a sparatorie da auto in corsa condotte da sconosciuti rispettivamente nel 1997 e nel 1996.

East Coast hip hop[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: East Coast hip hop.
Nas nel 1998

All'inizio degli anni novanta l'East Coast hip hop era dominato dal gruppo dei Native Tongues che era liberamente composto da De La Soul con il produttore Prince Paul, A Tribe Called Quest, i Jungle Brothers, così come i loro affiliati 3rd Bass, Main Source e i meno noti Black Sheep & KMD. Artisti come Masta Ace (in particolare per SlaughtaHouse), Brand Nubian, Public Enemy e Organized Konfusion avevano una posa più apertamente militare, sia nel suono che nei modi. Nei primi anni novanta, il Wu-Tang Clan ha rivitalizzato la scena hip hop newyorkese, facendo da pionere all'hardcore hip hop della East Coast con un intensità pari a quello che veniva prodotto nella West Coast.[123] Secondo Allmusic, la produzione di due album dei Mobb Deep, The Infamous e Hell on Earth, sono profondamente influenzati dalla produzione iniziale di RZA con il Wu-Tang Clan.[124][125]

Il successo di artisti come Nas e Notorious B.I.G. durante il periodo 1994-1995 ha consolidato lo status della East Coast durante un periodo di dominio della West Coast. In un articolo del marzo 2002 di The Source Magazine, Nas definì il 1994 come «una rinascita dell'hip-hop di New York.»[126] Le produzioni di RZA, in particolare per il Wu-Tang Clan, divennero influenti con artisti come Mobb Deep grazie alla combinazione di loop strumentali un po' distaccati, tamburi altamente compressi e processati e contenuto lirico a tema gangsta. Gli album solisti di artisti del Wu-Tang, come Only Built 4 Cuban Linx di Raekwon, Ironman di Ghostface Killah e Liquid Swords di GZA sono considerati dei classici assieme al materiale chiave del Wu-Tang Clan. Produttori quali DJ Premier (specialmente per Gang Starr, ma anche per altri artisti affiliati come Jeru the Damaja), Pete Rock (con CL Smooth e fornendo basi per molti altri), Buckwild, Large Professor, Diamond D e Q-Tip hanno fornito beat per numerosi MC in quel periodo, indipendentemente dalla posizione artistica. Album quali Illmatic di Nas, Reasonable Doubt di Jay-Z e Word...Life di O.C. sono composti da beat provenienti da questo pool di produttori.

La rivalità tra i rapper East Coast e West Coast alla fine divenne personale.[127] Più tardi nel corso del decennio, l'intelligenza imprenditoriale della Bad Boy Records si è messa alla prova contro Jay-Z e la sua Roc-A-Fella Records e, sulla West Coast, contro la Death Row Records. La metà degli anni novanta, vede una generazione di rapper come i membri della DITC Big L e Big Pun. Sulla East Coast, anche se la fine del "grande business" ha dominato commercialmente tra la fine degli anni novanta e gli inizi del 2000, un certo numero di etichette indipendente della East Coast arrivarono relativamente al successo come ad esempio la Rawkus Records (con Mos Def e Talib Kweli che ottennero successo) e più atrdi la Def Jux. La storia delle due etichette è intrecciata, quest'ultima è stata avviata da El-P dei Company Flow in reazione alla prima etichetta e ha offerto uno sbocco per altri artisti underground quali Mike Ladd, Aesop Rock, Mr. Lif, RJD2, Cage e Cannibal Ox.

West Coast hip hop[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: West Coast hip hop.

Dopo lo scioglimento degli N.W.A, Dr. Dre (ex membro) pubblica The Chronic nel 1992: l'album ottiene un notevole successo commerciale,[128] portando la West Coast in una nuova direzione,[129] fortemente influenzato dagli artisti P-funk, fondendo ritmi funk semplici e lisci con testi rallentati. Questo stile divenne noto come g-funk e dominò l'hip hop mainstream per diversi anni attraverso un gruppo di artisti della scuderia Death Row, tra cui Tupac Shakur e il suo album a disco doppio All Eyez on Me e Snoop Dogg, il cui album Doggystyle includeva successi come What's My Name e Gin and Juice.[130] Così l'etichetta di Los Angeles Death Row ha costruito un impero attorno a questi artisti, entrando in una rivalità con la Bad Boy di New York City per la conquista del mercato.

Staccati da questa scena c'erano altri artisti come i Freestyle Fellowship, The Pharcyde e altri artisti underground quali Solesides, Jurassic 5, Tha Alkaholiks e i primi Souls of Mischief che hanno rappresentato un ritorno alla radici hip hop di campionamenti e schemi di rime ben pianificati.

La diversificazione del genere[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni novanta, l'hip hop ha iniziato a diversificarsi con altri stili regionali emergenti sulla scena nazionale. Il southern hip hop divenne popolare all'inizio degli anni novanta.[131] I primi Southern rapper a ottenere attenzione nazionale furono i Geto Boys di Houston, Texas.[132] Le radici del Southern rap possono essere ricondotte al successo dei Geto Boys Grip It! On That Other Level (1989), il produttore Rick Rubin produce The Geto Boys (1990) e We Can't Be Stopped (1991).[133] L'area di Houston ha prodotto altri artisti che hanno aperto la strada al primo suono southern come ad esempio gli UGK e Scarface nel suo percorso da solista.

Gli artisti hip hop di Atlanta sono stati fondamentali nell'ulteriore espansione della musica hip hop e nel portare il southern hip hop al successo commerciale. Album come 3 Years, 5 Months and 2 Days in the Life Of... (1992) degli Arrested Development, Soul Food (1995) di Goodie Mob e soprattutto ATLiens (1995) degli Outkast sono stati generalmente acclamati dalla critica. In seguito, Master P (Ghetto D) ha costruito un roster di artisti (la No Limit posse) con sede a New Orleans. Master P ha incorporato le influenze g funk e il Miami bass. Contemporaneamente, i suoni regionali distintivi di St. Louis, Chicago, Detroit e Washington D.C. iniziavano a guadagnare popolarità. Negli anni novanta, elementi dell'hip hop hanno continuato ad essere assimilati ad altri generi di musica popolare. Il neo soul, ad esempio, ha combinato musica hip hop e soul. Negli anni ottanta e novanta, il rap rock, il rapcore e il rap metal, fusioni di hip hop con rock, hardcore punk ed heavy metal sono diventati popolari tra il pubblico mainstream.[134] Rage Against the Machine e il gruppo nu metal Limp Bizkit erano tra le band più conosciute tra questi nuovi generi musicali.

Reachin' (A New Refutation of Time and Space) (1993) dei Digable Planets è stato un album di jazz rap influente con campioni da Don Cherry, Sonny Rollins, Art Blakey, Herbie Mann, Herbie Hancock, Grant Green e Rahsaan Roland Kirk. Anche se i rapper bianchi come i Beastie Boys, House of Pain e 3rd Bass hanno avuto qualche successo popolare o accettazione critica da parte della comunità hip hop, il successo di Eminem, a partire dal 1999 con il platino The Slim Shady LP[135] ha sorpreso molti.

Anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Eminem si esibisce a Los Angeles

La popolarità della musica hip hop continuò negli anni 2000. Dr. Dre è rimasto una figura importante, e nel 2000 ha prodotto The Marshall Mathers LP di Eminem. Dre ha anche prodotto l'album di 50 Cent del 2003 Get Rich or Die Tryin', che ha debuttato al primo posto nella Billboard 200. Le influenze dell'hip hop si sono fatte strada anche nel pop mainstream durante questo periodo, principalmente durante la metà degli anni duemila, quando lo stile di Los Angeles degli anni novanta ha perso potere. L'album di debutto di Nelly, Country Grammar, ha venduto oltre nove milioni di copie. Negli anni 2000, la musica crunk, un derivato del southern hip hop, ottenne una notevole popolarità grazie a Lil Jon e gli Ying Yang Twins;[136] fece eco la snap music, a sua volta sottogenere del crunk sviluppatosi ad Atlanta sul finire degli anni novanta.[137] Nello stesso periodo vi è un ritorno dell'hip hop alternativo con artisti come Kanye West e gli OutKast.[18] Nella seconda metà degli anni 2000, artisti hip hop alternativi come ad esempio i Roots, Gnarls Barkley, Dilated Peoples e Mos Def hanno ottenuto un riconoscimento significativo.[18]

Mentre le vendite della musica hip hop calavano tantissimo nella metà degli anni duemila, i rapper come Flo Rida ebbero successo con i singoli online, nonostante le basse vendite ottenute dai propri dischi.

Nel 2005, le vendite di musica hip hop negli Stati Uniti hanno iniziato a calare notevolmente, portando la rivista Time a chiedersi se l'hip-hop mainstream stesse "morendo". Billboard Magazine ha scoperto che, dal 2000, le vendite rap sono scese del 44%, pur restando tra i generi dominanti nel panorama nazionale.[138][139] Secondo Courtland Milloy del Washington Post, per la prima volta negli ultimi cinque anni, nessun album hip hop è stato tra i primi dieci più venduti negli Stati Uniti d'America nell'anno 2006.[140] Tuttavia, l'hip hop rimane uno dei generi maggiormente popolari e nel 2009 Eminem riporta un disco hip hop tra i più venduti dell'anno con Relapse.[141]

Durante la metà degli anni duemila, Kanye West si fece spazio nella scena hip hop riportando alla ribalta l'alternative, dimostrando che la scena era commercialmente di successo quanto il gangsta rap, se non di più.[142] In seguito si fanno notare, tra gli altri, K'naan, M.I.A.,[143][144] Kid Cudi e Drake, mentre d'altro canto si registrano artisti notati dalla critica per i loro suoni eclettici, le loro esperienze di vita ed emozioni raramente viste nell'hip hop mainstream come ad esempio Wale, Jay Electronica, J. Cole, Lupe Fiasco, The Cool Kids e B.o.B.[145][146]

Anni duemiladieci[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Trap (genere musicale).

Il 17 luglio del 2017, Forbes ha riferito che l'hip-hop/R&B (così come classifica anche Nielsen SoundScan) ha superato il rock diventando il genere musicale più popolare negli Stati Uniti per la prima volta nella storia.[147][148][149][150]

Un sottogenere del rap nato tra la fine degli anni novanta e l'inizio degli anni duemila inizia a crescere e a comparire nelle classifiche hip hop di Billboard,[151][152][153] caratterizzata da un'atmosfera spesso cupa, oscura o minacciosa.[154] I principali artisti che rappresentano questo genere negli anni duemiladieci sono Future, Migos, Travis Scott, Rae Sremmurd, Lil Uzi Vert, Fetty Wap e Young Thug. I fondatori del genere sono stati in grado di riprendere il successo commerciale del genere, inclusi Gucci Mane, 2 Chainz e Juicy J. Metro Boomin, Mike Will Made It e London on da Track sono tra i produttori principali del genere trap.

Il genere ha attirato diverse critiche, anche da artisti di successo dell'hip hop: secondo quanto riportato da Rick Rubin, Eminem ne è confuso[155] e Snoop Dogg afferma che è difficile fare differenza tra gli artisti;[156] secondo Black Thought, rapper leader dei Roots: «il gioco è cambiato. È differente. Gli standard sono differenti, il criterio che vengono presi in considerazione per determinare la validità, sono differenti. Siamo a un punto nella storia dove il testo arriva quasi sempre ultimo in moltissimi sensi.»[157]

Era dello streaming[modifica | modifica wikitesto]

L'ascesa delle piattaforme di streaming come Spotify, Apple Music e altri nella metà del 2010 hanno avuto un forte impatto sull'intera industria musicale nel suo complesso.[158][159] Pur essendo un mixtape in streaming gratuito e senza pubblicità, il Coloring Book di Chance the Rapper ha vinto il Grammy Awards 2017 come miglior album rap dell'anno, diventando il primo album in streaming di tutti i tempi a vincere un Grammy Award.[160][161] Kanye West ha dichiarato che il suo album, Yeezus, ha segnato la morte dei CD e quindi la sua pubblicazione successiva, The Life of Pablo è stata distribuita solo in formato digitale.[162] Nel 2017, Drake ha rilasciato un progetto in streaming gratuito intitolato More Life, che ha definito una "playlist", insistendo sul fatto che non è né un mixtape né un album.[163]

Nella seconda metà degli anni duemiladieci, la piattaforma di distribuzione audio online SoundCloud ha svolto un ruolo fondamentale nella creazione delle carriera di vari artisti: da questa piattaforma sono usciti, tra gli altri, anche Lil Uzi Vert, Post Malone, Lil Pump, 6ix9ine, Playboi Carti e XXXTentacion, portando alla luce un nuovo genere etichettato come SoundCloud rap che ha raccolto diverse critiche per il suo scarso contenuto lirico e la produzione di basso livello,[164] oltre alla natura problematica degli artisti stessi, che sono stati coinvolti in varie vicende illegali.[165][166][167][168]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Hip-hop, merriam-webster.com.
  2. ^ a b c d (EN) [Rap - britannica.com, Enciclopedia Britannica.
  3. ^ (EN) Rap - AllMusic.com, Allmusic.
  4. ^ Harvard Dictionary of Music, (EN) CredoReference, Harvard Dictionary of Music.
  5. ^ (EN) Johan Kugelberg, Born in the Bronx, New York, Oxford University Press, 2007, p. 17, ISBN 978-0-7893-1540-3.
  6. ^ (EN) Lauren Brown, Hip to the Game – Dance World vs. Music Industry, The Battle for Hip Hop's Legacy, Movmnt Magazine, 18 febbraio 2009. URL consultato il 30 luglio 2009.
  7. ^ Chang, p. 90
  8. ^ Harvard Dictionary of Music, (EN) Google Books
  9. ^ (EN) Hip-Hop Urban, su allmusic.com, 11 marzo 2012.
  10. ^ (EN) Hip-Hop, britannica.com.
  11. ^ (EN) Hip-hop, in Merriam-Webster Dictionary, Merriam-Webster, Incorporated. URL consultato il 5 febbraio 2017.
  12. ^ (EN) Hip-hop, in Oxford English Dictionary, Oxford University Press. URL consultato il 6 ottobre 2011.
  13. ^ Dyson, Michael Eric, 2007, (EN) Know What I Mean?: Reflections on Hip-Hop, Basic Civitas Books, p. 6.
  14. ^ (EN) David McNamee, Hey, what's that sound: Turntablism, su www.theguardian.com, The Guardian, 11 gennaio 2010. URL consultato il 22 marzo 2017.
  15. ^ a b (EN) hip hop, in The Encyclopedia of New York State, Syracuse University Press. URL consultato il 12 gennaio 2010.
  16. ^ a b Benson, G. (2010). (EN) Lonely Planet USA, Lonely Planet
  17. ^ (EN) Michele Lamont, The Cultural Territories of Race: Black and White Boundaries, University of Chicago Press, 1999, p. 334. URL consultato il 18 gennaio 2015.
  18. ^ a b c (EN) Sia Michel, Critics' Choice: New CD's, in The New York Times, 18 settembre 2006. URL consultato il 10 maggio 2008.
  19. ^ a b c (EN) Keith Cowboy – The Real Mc Coy, Web.archive.org, 17 marzo 2006. URL consultato il 12 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2006).
  20. ^ (EN) Afrika Bambaataa talks about the roots of Hip Hop, su youtube.com.
  21. ^ (EN) Zulunation.com (cached)
  22. ^ Hagar, Steven. (EN) "Afrika Bambaataa's Hip-Hop," The Village Voice
  23. ^ Hager, Steven. (EN) Hip Hop: The Illustrated History of Break Dancing, Rap Music, and Graffiti. St Martins Press, 1984 (out of print).
  24. ^ (EN) Melissa Castillo-Garsow e Jason Nichols, La Verdad: An International Dialogue on Hip Hop Latinidades, Columbus, Ohio University Press, 2016, pp. ix, ISBN 978-0-8142-1315-5.
  25. ^ a b Crossley, Scott. (EN) "Metaphorical Conceptions in Hip-Hop Music", African American Review, St Louis University Press, 2005. pp. 501–502
  26. ^ a b Alridge D, Steward J. (EN) "Introduction: Hip Hop in History: Past, Present, and Future", Journal of African American History, 2005. pp. 190.
  27. ^ (EN) Jeffrey Ogbar, "Yele, Yele": Caribbean Identity and the Rubric of Race in U.S-Based Hip-Hop (PDF), su University of Florida Digital Collections, May 2001.
  28. ^ a b c (EN) Stas Bekman: stas (at) stason.org, What is "Dub" music anyway? (Reggae), Stason.org. URL consultato il 12 gennaio 2010.
  29. ^ (EN) Karon, Tony, 'Hip-Hop Nation' Is Exhibit A for America's Latest Cultural Revolution, in Time, 22 settembre 2000. URL consultato il 27 maggio 2014.
  30. ^ (EN) Farley, Christopher John, Rock's New Spin, in Time, 18 ottobre 1999. URL consultato il 27 maggio 2014.
  31. ^ Chang
  32. ^ (EN) Birthplace Of Hip Hop – History Detectives – PBS, su www.pbs.org. URL consultato il 20 giugno 2017.
  33. ^ (EN) Fredreich Neumann, Hip hop: Origins, Characteristics and Creative Processes, in The World of Music, vol. 42, 2000, pp. 51–63, JSTOR 41699313.
  34. ^ (EN) The History of Hip Hop Music, su www.acesandeighths.com. URL consultato il 20 giugno 2017.
  35. ^ Browne, P. (EN) The guide to United States popular culture Popular Press, 2001. p. 386
  36. ^ Kool Herc, in Israel (director), (EN) The Freshest Kids: A History of the B-Boy, QD3, 2002.
  37. ^ (EN) The History Of Hip Hop, su www.daveyd.com. URL consultato il 20 giugno 2017.
  38. ^ a b (EN) The Story of Rapper's Delight by Nile Rodgers, RapProject.tv. URL consultato il 12 ottobre 2008.
  39. ^ (EN) Jennifer 8. Lee, Tenants Might Buy Birthplace of Hip-Hop, in The New York Times, 15 gennaio 2008. URL consultato il 10 marzo 2009.
  40. ^ Kenner, Rob. (EN) "Dancehall", in The Vibe History of Hip-hop, ed. Alan Light, 350-7. New York: Three Rivers Press, 1999.
  41. ^ Toop, David. (EN) The Rap Attack: African Jive to New York Hip Hop. Boston: South End Press, 1984.
  42. ^ (EN) Mike Brown, Grand Master Mele Mel: Gun Show Part One, AllHipHop.com (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2007).
  43. ^ Forman M; M. Neal, (EN) That's the joint! The hip-hop studies reader, Routledge, 2004. p. 2.
  44. ^ (EN) David Frum, How We Got Here: The '70s, New York, New York, Basic Books, 2000, pp. 14–15, ISBN 0-465-04195-7.
  45. ^ Jody Rosen, (EN) "A Rolling Shout-Out to Hip-Hop History", The New York Times, February 12, 2006
  46. ^ a b c Chang, p. 62
  47. ^ (EN) Amy Zimmer, Bringing that beat back – on the E train, Metro.us, 20 febbraio 2006 (archiviato dall'url originale il 5 agosto 2008).
  48. ^ (EN) Mandalit del Barco, NPR : Breakdancing, Present at the Creation, su www.npr.org. URL consultato il 20 giugno 2017.
  49. ^ (EN) Jon Pareles, The Message From Last Night: Hip-Hop is Rock 'n' Roll, and the Hall of Fame Likes It, in The New York Times, 13 marzo 2007, p. 3. URL consultato il 10 marzo 2009.
  50. ^ a b c Diawara, pp. 237–276
  51. ^ (EN) Culture – 40 years on from the party where hip hop was born, BBC, 9 agosto 2013. URL consultato il 24 agosto 2014.
  52. ^ (EN) Ryan Lott, AKAI MPC 2000/The History of Sampling, Joyful Noise Recordings. URL consultato il 27 settembre 2013.
  53. ^ (EN) David Dye, NPR: The Birth of Rap: A Look Back, NPR, 22 febbraio 2007.
  54. ^ (EN) Robert Philen, Robert Philen's Blog: Mythic Music: Stockhausen, Davis and Macero, Dub, Hip Hop, and Lévi-Strauss, Robertphilen.blogspot.com, 5 novembre 2007. URL consultato il 12 gennaio 2010.
  55. ^ a b (EN) Muhammad Ali: World's Greatest Boxer Was Also Hip-Hop Pioneer, in Rolling Stone, 4 giugno 2016.
  56. ^ (EN) Muhammad Ali: 4 Ways He Changed America, in Rolling Stone, 5 giugno 2016.
  57. ^ (EN) A database of sampled music, WhoSampled. URL consultato il 12 gennaio 2010.
  58. ^ a b Fitzpatrick, Rob (EN) "The 101 strangest records on Spotify: Warp 9 – It's A Beat Wave," May 14, 2014 [1]
  59. ^ (EN) The Story Of The Beginning and End Of The First Hip Hop Female MC...Luminary Icon Sha-Rock [2]
  60. ^ Campbell, K.E. (2005). (EN) Gettin' our groove on: rhetoric, language, and literacy for the hip hop generation, Wayne State University Press
  61. ^ (EN) Michele Hilmes, Radio Voices: American Broadcasting, 1922-1952, U of Minnesota Press, 1997, ISBN 978-0-8166-2621-2.
  62. ^ (EN) https://spinditty.com/industry/BB-KING-AND-THE-KING-WERE-AMATEURS-ON-BEALE-STREET
  63. ^ (EN) William Patton, A Guide to Historic Downtown Memphis, Arcadia Publishing Incorporated, 20 agosto 2010, pp. 57–, ISBN 978-1-61423-168-4.
  64. ^ (EN) Marsha Washington George, Black Radio ... Winner Takes All: America's 1St Black Djs, Xlibris Corporation, 28 marzo 2002, pp. 100–, ISBN 978-1-4628-1993-5.
  65. ^ (EN) http://www.tennesseeradiohalloffame.wildapricot.org/2015Inductees
  66. ^ (EN) http://www.tennesseeradiohalloffame.wildapricot.org/page-1633927
  67. ^ <cite id="CITEREFISSN 00062510 (WC · ACNP)" class="citation libro" style="font-style:normal">(EN) Nielsen Business Media, Inc., Billboard, Nielsen Business Media, Inc., 13 dicembre 1986, pp. 21–.
  68. ^ (EN) Bill Brewster, pg.249 Last Night a DJ Saved My Life: The History of the Disc Jockey, Grove/Atlantic, Incorporated, 13 maggio 2014, ISBN 978-0-8021-9436-7.
  69. ^ Cepeda, R., George, N. 2004. (EN) And It Don't Stop: The Best American Hip-Hop Journalism of the Last 25 Years, New York, Faber and Faber Inc.
  70. ^ (EN) Melissa Castillo-Garsow e Jason Nichols, La Verdad: An International Dialogue on Hip Hop Latinidades, Columbus, Ohio University Press, 2016, pp. ix, ISBN 978-0-8142-1315-5.
  71. ^ Steve Barrow and Peter Dalton's, (EN) The Rough Guide to Reggae (Rough Guides)
  72. ^ a b (EN) History of Hip Hop – Old School, nciMUSIC. URL consultato il 12 gennaio 2010.
  73. ^ (EN) Article about Mele Mel (Melle Mel), AllHipHop.com.
  74. ^ Schloss, J.G. (2009) (EN) Foundation: b-boys, b-girls, and hip-hop culture in New York, Oxford University Press
  75. ^ a b Toop, pp. 94-96
  76. ^ Bynoe, Y. (2006). (EN) Encyclopedia of rap and hip-hop culture, Greenwood Press
  77. ^ (EN) Mickey Hess, Hip Hop in America: A Regional Guide, ABC-CLIO, 2009, p. xxxiii, ISBN 978-0-313-34323-0.
  78. ^ Chris Heard, Thursday, October 14, 2004, 08:52 GMT 09:52 UK. (EN) "Silver jubilee for first rap hit", BBC News.
  79. ^ (EN) eteksciki.info (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2013).
  80. ^ Greenberg, Steve; Light, Alan [ed.] (1999). (EN) The VIBE History of Hip Hop. Three Rivers Press. p. 28. ISBN 0-609-80503-7
  81. ^ Talbot, M,.(2000). (EN) The musical work: reality or invention?, Liverpool University Press
  82. ^ Toop, David (2000). (EN) Rap Attack 3: African Rap to Global Hip Hop. (Expanded Third Edition) London: Serpent's Tail, pp. 150–151 ISBN 1-85242-627-6.
  83. ^ (EN) Keyboard, vol. 14, nº 11, 1988, p. 34.; come citato in (EN) Théberge, Paul, Any sound you can imagine: making music/consuming all counts of technology, Middletown, Conn, Wesleyan University Press, 1997, pp. 197, ISBN 0-8195-6309-9.
  84. ^ Toop, David (2000). (EN) Rap Attack 3: African Rap To Global Hip Hop (Expanded Third Edition), London: Serpent's Tail, p. 151, ISBN 1-85242-627-6.
  85. ^ (EN) Jennifer Lucy Allan, Oren Ambarchi, Matt Anker, Lindsay Barrett, Marcus Boon, Carla Bozulich, Can, Brian Case, Philip Clark, Byron Coley, Richard Cook, Jack Cooke, Julian Cowley, Alan Cummings, Einsturzende Neubauten, Phil England, Kodwo Eshun, Mark Fell, Edward Fox, Phil Freeman, Jason Gross, Alexander Hacke, Mike Hames, Andy Hamilton, Max Harrison, Richard Henderson, Tony Herrington, Ken Hollings, Simon Hopkins, David Ilic, David Keenan, Biba Kopf, Ulrich Krieger, Alan Licht, Eric Lumbleau, Lydia Lunch, Howard Mandel, Merzbow, Keith Moliné, Will Montgomery, Brian Morton, Joe Muggs, Alex Neilson, Andrew Nosnitsky, Kasper Opstrup, Ian Penman, Edwin Pouncey, Brian Priestley, Reinhold Friedl, Adrian Rew, Simon Reynolds, Sam Richards, Robin Rimbaud, Bruce Russell, Sarah Angliss, Irmin Schmidt, Peter Shapiro, Brian Shimkovitz, Mark Sinker, Mark E. Smith, Daniel Spicer, Joseph Stannard, Sue Steward, David Stubbs, Atao Tanaka, David Toop, Dan Warburton, Richard Whitelaw, Barry Witherden, Rob Young, A-Z of Electro, in The Wire. URL consultato il 24 agosto 2014.
  86. ^ (EN) Kurtis Blow Ministries and Holy Hip Hop Music form Strategic Alliance (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2008).
  87. ^ (EN) Wilson, Greg, "Electro-Funk-What Did It All Mean" November 2002, Globaldarkness.com. URL consultato il 24 agosto 2014.
  88. ^ (FR) H.I.P H.O.P – L'émission Mythique de Sidney, MCM Musique. URL consultato il 9 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2009).
  89. ^ (EN) International Man of Mystery, in Theme Magazine, 8 gennaio 2010. URL consultato il 12 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2014).
  90. ^ Toop, p. 151
  91. ^ (EN) Stephen Thomas, Licensed to Ill, AllMusic. URL consultato il 12 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2010).
  92. ^ Jon Caramanica, (EN) "Hip-Hop's Raiders of the Lost Archives", New York Times, June 26, 2005.
    Cheo H. Coker, (EN) "Slick Rick: Behind Bars", Rolling Stone, March 9, 1995.
    (EN) Lonnae O'Neal Parker, U-Md. Senior Aaron McGruder's Edgy Hip-Hop Comic Gets Raves, but No Takers, Washington Post, 20 agosto 1997 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2011).
  93. ^ Jake Coyle of Associated Press, (EN) "Spin magazine picks Radiohead CD as best", published in USA Today, June 19, 2005.
    Cheo H. Coker, (EN) "Slick Rick: Behind Bars" Archiviato il February 2, 2010 Data nell'URL non combaciante: 2 febbraio 2010 in Internet Archive., Rolling Stone, March 9, 1995.
    Andrew Drever, (EN) "Jungle Brothers still untamed", The Age [Australia], October 24, 2003.
  94. ^ Roni Sariq, (EN) "Crazy Wisdom Masters" Archiviato il November 23, 2008 Data nell'URL non combaciante: 23 novembre 2008 in Internet Archive., City Pages, April 16, 1997.
    Scott Thill, (EN) "Whiteness Visible" AlterNet, May 6, 2005.
    Will Hodgkinson, {[en}} "Adventures on the wheels of steel", The Guardian, September 19, 2003.
  95. ^ Per Coker, Hodgkinson, Drever, Thill, O'Neal Parker e Sariq. In aggiunta
    Cheo H. Coker, (EN) "KRS-One: Krs-One", Rolling Stone, November 16, 1995.
    Andrew Pettie, (EN) "'Where rap went wrong'", Daily Telegraph, August 11, 2005.
    Mosi Reeves, (EN) "Easy-Chair Rap" Archiviato il November 4, 2006 Data nell'URL non combaciante: 4 novembre 2006 in Internet Archive., Village Voice, January 29, 2002.
    Greg Kot, (EN) "Hip-Hop Below the Mainstream", Los Angeles Times, September 19, 2001.
    Cheo Hodari Coker, (EN) "'It's a Beautiful Feeling'", Los Angeles Times, August 11, 1996.
    Scott Mervis, (EN) "From Kool Herc to 50 Cent, the story of rap – so far", Pittsburgh Post-Gazette, February 15, 2004.
  96. ^ Cheo H. Coker, (EN) "Slick Rick: Behind Bars", Rolling Stone, March 9, 1995. Archiviato il February 2, 2010 Data nell'URL non combaciante: 2 febbraio 2010 in Internet Archive.
  97. ^ a b Jake Coyle of Associated Press, (EN) "Spin magazine picks Radiohead CD as best", published in USA Today, June 19, 2005.
  98. ^ Scott Mervis, (EN) "From Kool Herc to 50 Cent, the story of rap – so far", Pittsburgh Post-Gazette, February 15, 2004.
  99. ^ (EN) Cobb, Jelani William, 2007, To the Break of Dawn, NYU Press, p. 47.
  100. ^ (EN) The '80s were golden age of hip-hop – RAP/HIP-HOP MUSIC, MSNBC, 4 agosto 2004. URL consultato il 23 aprile 2010.
  101. ^ a b c (EN) Chuck Philips, COVER STORY : The Uncivil War : The battle between the Establishment and supporters of rap music reopens old wounds of race and class, in Los Angeles Times, 19 luglio 1992. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  102. ^ (EN) Gangsta Rap – What Is Gangsta Rap, Rap.about.com, 31 ottobre 2009. URL consultato il 23 aprile 2010.
  103. ^ (EN) Ryan Ritchie, Eazy to be hard, in Press Telegram, Los Angeles Newspaper group, 28 febbraio 2007. URL consultato il 26 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2007).
  104. ^ (EN) Mathieu Deflem, Rap, Rock, and Censorship: Popular Culture and the Technologies of Justice., 1993. URL consultato il 21 luglio 2012.
  105. ^ a b (EN) Chuck Philips, COVER STORY : 'Arnold Schwarzenegger blew away dozens of cops as the Terminator. But I don't hear anybody complaining.' : A Q & A with Ice-T about rock, race and the 'Cop Killer' furor, in Los Angeles Times, 19 luglio 1992. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  106. ^ a b (EN) James T Jones IV, MAINSTREAM RAP;Cutting-edge sound tops pop in a year of controversy;Video's child take beat to new streets, in USA Today, 20 dicembre 1990, p. 1.A. URL consultato il 7 giugno 2012.
  107. ^ (EN) Janice C. Simpson, Yo! Rap Gets on the Map, in Time, vol. 135, New York, 5 febbraio 1990, p. 60. URL consultato il 7 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 13 novembre 2007).
  108. ^ (EN) About Us, su Hip Hop Movement. URL consultato il 26 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  109. ^ (EN) The Son Of Hip-Hop, Ronald Savage, Speaks About His Disability, Discrimination &…, su kriphopnation.com, 6 febbraio 2017. URL consultato il 20 giugno 2017.
  110. ^ (EN) http://nebula.wsimg.com/c76a8fcce85a67bf6f082216067fa335?AccessKeyId=675D7983D578D24BBD95&disposition=0&alloworigin=1
  111. ^ (EN) archived, su community.allhiphop.com. URL consultato il 23 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2009).
  112. ^ (EN) Please Hammer, Don't Hurt 'Em: Overview, AllMusic.
  113. ^ (EN) archived, su prnewswire.com. URL consultato il 31 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2003).
  114. ^ (EN) CHRISTOPHER JOHN FARLEY, Rap's Teen Idols Return, in Time, 24 giugno 2001. URL consultato il 7 settembre 2012.
  115. ^ (EN) John Cassidy, The Talk of the Town: Under the Hammer, in The New Yorker. URL consultato il 7 settembre 2012.
  116. ^ (EN) Mc Hammer Biography, Sing365.com. URL consultato il 7 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2012).
  117. ^ (EN) Tommy Kyllonen, An unorthodox culture: hip-hop's history, in Un.orthodox: Church. Hip-Hop. Culture, Zondervan, 2007, p. 92, ISBN 0-310-27439-7.
  118. ^ a b (EN) hip-hop (music and cultural movement) – Britannica Online Encyclopedia, in Encyclopædia Britannica, 13 febbraio 2005. URL consultato il 7 settembre 2012.
  119. ^ (EN) Robert Hilburn, Rap—The Power and the Controversy : Success has validated pop's most volatile form, but its future impact could be shaped by the continuing Public Enemy uproar, in Los Angeles Times (Los Angeles Times), 4 febbraio 1990. URL consultato il 7 giugno 2012.
  120. ^ (EN) Angus Batey, The hip-hop heritage society, in The Guardian (London), 7 ottobre 2010. URL consultato l'8 novembre 2011.
  121. ^ (EN) Ta-Nehisi Coates, Hip-hop's Down Beat, in Time, 17 agosto 2007. URL consultato il 16 aprile 2012.
  122. ^ (EN) Michael Martinez, The music dies for once popular 'Guitar Hero' video game, CNN, 9 febbraio 2011. URL consultato il 27 novembre 2011 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2011).
  123. ^ (EN) Hardcore Rap : Significant Albums, Artists and Songs, Most Viewed, AllMusic. URL consultato il 7 settembre 2012.
  124. ^ (EN) Steve Huey, The Infamous at Allmusic, su allmusic.com. URL consultato il 1º gennaio 2007.
  125. ^ (EN) Steve Huey, Hell on Earth at Allmusic, su allmusic.com. URL consultato il 1º gennaio 2007.
  126. ^ (EN) Kim Osorio, 1994: The (Second) Most Important Year In Hip Hop, The Source.
  127. ^ (EN) The Murders of gangsta rappers Tupac Shakur and Notorious B.I.G. - Crime Library on truTV.com, Trutv.com, 30 novembre 1994. URL consultato il 12 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 1º giugno 2009).
  128. ^ (EN) The Chronic > Charts & Awards > Billboard Albums, AllMusic, 15 dicembre 1992. URL consultato il 12 gennaio 2010.
  129. ^ (EN) Havelock Nelson, The Chronic : Dr. Dre : Review, in Rolling Stone, 18 marzo 1993. URL consultato il 12 gennaio 2010.
  130. ^ (EN) Snoop Dogg Music News & Info |, in Billboard. URL consultato il 12 gennaio 2010.
  131. ^ (EN) Maggie Burks, Southern Hip-Hop, in Jackson Free Press, 3 settembre 2008. URL consultato l'11 settembre 2008.
  132. ^ (EN) John Lomax, Mouth of the South, in Houston Press, 5 maggio 2005. URL consultato il 1º novembre 2011.
  133. ^ (EN) Ben Westhoff, Dirty South, in The Village Voice, 18 marzo 2011. URL consultato il 1º novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 23 aprile 2011).
  134. ^ (EN) Joe Ambrose, Moshing – An Introduction, in The Violent World of Moshpit Culture, Omnibus Press, 2001, p. 5, ISBN 0-7119-8744-0.
  135. ^ (EN) The Slim Shady LP > Charts & Awards > Billboard Albums, AllMusic, 23 febbraio 1999. URL consultato il 12 gennaio 2010.
  136. ^ (EN) Matt Miller, Dirty Decade: Rap Music from the South: 1997–2007, Southernspaces.org, 10 giugno 2008. URL consultato il 12 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 18 settembre 2010).
  137. ^ Vibe, (EN) June 2006, "Oh Snap!"
  138. ^ (EN) After 21% Decline In Sales, Rap Industry Takes A Hard Look At Itself, Futuremusic.com, 9 aprile 2006. URL consultato il 12 gennaio 2010.
  139. ^ (EN) Ta-Nehisi Coates Friday, August 17, 2007, Hip-Hop's Down Beat, in Time, 17 agosto 2007. URL consultato il 12 gennaio 2010.
  140. ^ Milloy, Courtland. (EN) "Gangsta Rap, Dying in the Street". The Washington Post, September 19, 2007.
  141. ^ (EN) Dizzee Rascal – Dizzee And Eminem Land Fastest-Selling No 1S Of 2009, Contactmusic.com, 24 maggio 2009. URL consultato il 12 gennaio 2010.
  142. ^ (EN) Sexton, Paul, Kanye Defeats 50 Cent On U.K. Album Chart, in Billboard, 17 settembre 2007. URL consultato il 31 maggio 2012.
  143. ^ (EN) Spike Jonze, The 2009 – TIME 100, in Time, 30 aprile 2009. URL consultato il 12 gennaio 2010.
  144. ^ (EN) The 2009 TIME 100, in Time. URL consultato il 12 gennaio 2010.
  145. ^ (EN) Christian Hoard, Kid Cudi: Hip-Hop's Sensitive Soul, in Rolling Stone, nº 1087, 17 settembre 2009, p. 40.
  146. ^ (EN) Jon Caramanica, The Mining of Hip-Hop's Golden Age, in The New York Times, 12 settembre 2008. URL consultato il 18 luglio 2012.
  147. ^ (EN) https://www.vibe.com/2017/07/hip-hop-popular-genre-nielsen-music/
  148. ^ (EN) https://www.forbes.com/sites/hughmcintyre/2017/07/17/hip-hoprb-has-now-become-the-dominant-genre-in-the-u-s-for-the-first-time/
  149. ^ (EN) http://www.xxlmag.com/news/2017/07/nielsen-hip-hop-rb-most-consumed-genres-u-s/
  150. ^ (EN) https://hypebeast.com/2017/7/hip-hop-rock-most-consumed-music-genre-united-states
  151. ^ (EN) The trap phenomenon explained, DJ Mag. URL consultato il 30 maggio 2013.
  152. ^ (EN) Trap kings: how the hip-hop sub-genre dominated the decade, su theguardian.com. URL consultato il 16 aprile 2018.
  153. ^ (EN) How Trap Music Came to Rule the World, su complex.com. URL consultato il 16 aprile 2018.
  154. ^ (EN) Miles Raymer, Who owns trap?, Chicago Reader. URL consultato il 30 maggio 2013.
  155. ^ (EN) Rick Rubin Says Eminem Is Frustrated With 'Mumble Rap', su billboard.com. URL consultato il 9 aprile 2018.
  156. ^ (EN) Snoop Dogg says new generation of rappers sound identical, su nme.com. URL consultato il 9 aprile 2018.
  157. ^ (EN) Black Thought On Mumble Rap: 'I Essentially Invented It', su complex.com. URL consultato il 16 aprile 2018.
  158. ^ (EN) How Streaming Revolutionized Rap's Album Rollouts On The Road To No. 1, su npr.org. URL consultato il 16 aprile 2018.
  159. ^ (EN) How Streaming Is Changing Music, su artplusmarketing.com. URL consultato il 16 aprile 2018.
  160. ^ (EN) What Chance the Rapper's Streaming-Only Grammy Nod Means for Pop's Future, su rollingstone.com. URL consultato il 16 aprile 2018.
  161. ^ (EN) Chance The Rapper's 'Coloring Book' Is First Streaming-Only Album To Win a Grammy, su billboard.com. URL consultato il 16 aprile 2018.
  162. ^ (EN) Kanye Announces the Death of CDs (His Own, Anyway), su vulture.com. URL consultato il 16 aprile 2018.
  163. ^ (EN) More Life Is Another Smart Career Swerve for Drake, su theatlantic.com. URL consultato il 16 aprile 2018.
  164. ^ (EN) The Rowdy World of Rap’s New Underground, su nytimes.com. URL consultato il 9 aprile 2018.
  165. ^ (EN) Lil Peep: SoundCloud rap pioneer who fell victim to the drug use and depression his music highlighted, su independent.co.uk. URL consultato il 9 aprile 2018.
  166. ^ (EN) XXXTentacion Hit With Even More Felony Charges, su xxlmag.com. URL consultato il 9 aprile 2018.
  167. ^ (EN) 6ix9ine (Tekashi69) Pleads Guilty To Three Felony Accounts Of Sexual Misconduct With A Child, su themaven.net. URL consultato il 16 aprile 2018.
  168. ^ (EN) Tay-K will be charged in Chick-fil-A shooting death, su thefader.com. URL consultato il 9 aprile 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) David Toop, Rap Attack II: African Rap To Global Hip Hop, New York, New York: Serpent's Tail, 1984/1991/2000, ISBN 1-85242-243-2.
  • McLeod, Kembrew. Interview with Chuck D and Hank Shocklee. 2002. (EN) Stay Free Magazine.
  • Corvino, Daniel and Livernoche, Shawn (2000). (EN) A Brief History of Rhyme and Bass: Growing Up With Hip Hop. Tinicum, PA: Xlibris Corporation/The Lightning Source, Inc. ISBN 1-4010-2851-9
  • Hess, Mickey (2009). (EN) Hip Hop in America: A Regional Guide: Volume 1: East Coast and West Coast Greenwood. ISBN 0313343233
  • Rose, Tricia (1994). (EN) "Black Noise". Middletown, Connecticut: Wesleyan University Press. ISBN 0-8195-6275-0
  • Potter, Russell (1995) (EN) Spectacular Vernaculars: Hip-Hop and the Politics of Postmodernism. Albany: SUNY Press. ISBN 0-7914-2626-2
  • Light, Alan (ed). (1999). (EN) The VIBE History of Hip-Hop. New York: Three Rivers Press. ISBN 0-609-80503-7
  • George, Nelson (2000, rev. 2005). (EN) Hip-Hop America. New York: Penguin Books. ISBN 0-14-028022-7
  • Fricke, Jim and Ahearn, Charlie (eds). (2002). (EN) Yes Yes Y'All: The Experience Music Project Oral History of Hip Hop's First Decade. New York: Da Capo Press. ISBN 0-306-81184-7
  • Kitwana, Bakar (2004). (EN) The State of Hip-Hop Generation: how hip-hop's culture movement is evolving into political power. Retrieved December 4, 2006. From Ohio Link Database
  • (EN) Jeff Chang, Can't Stop Won't Stop: A History of the Hip-Hop Generation, New York, St. Martin's Press, 2005, ISBN 0-312-30143-X.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4303517-6