Playboi Carti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Playboi Carti
Playboi Carti.jpg
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereExperimental hip hop
Cloud rap[1]
Mumble rap
Trap
Periodo di attività musicale2011 – in attività
EtichettaAWGE Label, Interscope
Album pubblicati2
Studio2
Sito ufficiale

Playboi Carti, pseudonimo di Jordan Terrel Carter (Atlanta, 13 settembre 1996[2]), è un rapper statunitense.

Dapprima legato all'etichetta discografica indipendente Awful Records, ha poi firmato un contratto discografico con le etichette discografiche AWGE Label ed Interscope Records.[3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jordan Terrell Carter è nato ad Atlanta, in Georgia, mentre è cresciuto nella città di Riverdale, sempre nello stato della Georgia. Ha frequentato il North Springs Charter School of Arts and Sciences di Sandy Springs.[4] Egli spesso decideva di saltare le lezioni di propria volontà, preferendo invece impegnarsi sulla propria musica o per andare a lavorare da H&M.[5]

Carti era solito fare acquisti ai mercati delle pulci durante la sua infanzia e gioventù, cosa che ha poi avuto una certa influenza sul suo stile e la sua musica.[6]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

2011-2016: Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Carti ha iniziato a rappare in tenera età con lo pseudonimo di Sir Carter, nel 2011 ma successivamente cambiato in Playboi Carti nel 2013. Gran parte dei suoi primi lavori è stata cancellata dal web. Una volta che Carti scelse di dedicarsi alla musica a tempo pieno, si trasferì a New York con alcuni membri della sua famiglia.[7] A New York Carti prese la decisione di vivere nella casa dei suoi spacciatori.[8] Carti, grazie alla permanenza nell'abitazione incontrò ASAP Bari, un membro fondatore del collettivo ASAP Mob che già conosceva la sua musica. Fu grazie a Bari che Carti conobbe il collega ASAP Rocky.[8] Rocky è stato così influente per Carti che quest'ultimo decise di rimanere con lui in Texas invece di tornare a New York.[9] Carti ha iniziato ad attirare l'attenzione nel 2015 con i suoi singoli Broke Boi e Fetti, entrambi pubblicati su SoundCloud.[10] In questo periodo, Jordan ha spesso collaborato con artisti della scena rap underground di Atlanta, tra cui suo cugino UnoTheActivist, Thouxanbanfauni,[11] Yung Bans, Lil Yachty, Ethereal, e i produttori MexikoDro e Icytwat. Inoltre, ha iniziato ad esibirsi nelle tournée con ASAP Ferg e Lil Uzi Vert e successivamente ha firmato un contratto con la Interscope Records.[12]

Nel 2016, è apparso nel singolo Telephone Calls di ASAP Mob estratto dal loro album Cozy Tapes Vol. 1: Friends.[13] Lo stesso anno, Carti ha firmato per la label di ASAP Mob, AWGE.

2017-presente: Playboi Carti e Die Lit[modifica | modifica wikitesto]

Carti ha pubblicato il suo omonimo mixtape di debutto nell'aprile 2017.[14] Il rilascio ha attirato l'attenzione di varie riviste musicali, tra cui XXL,[15] Pitchfork,[16] Spin,[17] e PopMatters,[18] e ha raggiunto il numero 12 della Billboard 200.[19] Il mixtape ha generato due singoli di successo: Magnolia, che ha raggiunto il numero 29 della Billboard Hot 100, e Woke Up Like Thisin collaborazione con Lil Uzi Vert, che ha raggiunto la posizione numero 76.[20] Per promuovere l'uscita del mixtape, Carti ha intrapreso un tour con Gucci Mane e Dreezy.[21] Il 13 giugno 2017, Playboi Carti è stato inserito tra i dieci della "2017 Freshman Class" di XXL.[22] Nello stesso periodo, è apparso nel singolo Raf di ASAP Mob, tratto dal loro album Cozy Tapes Vol. 2: Too Cozy e il singolo Summer Bummer di Lana del Rey estratto dal suo album Lust For Life.

L'11 maggio 2018, Carti ha pubblicato il suo album in studio di debutto Die Lit, che ha raggiunto il numero 3 della Billboard 200 degli Stati Uniti. Nel corso dei due anni successivi, molte delle canzoni di Carti sono trapelate su Internet e hanno accumulato decine di milioni di stream. Non ha pubblicato alcuna musica originale, ma è apparso in numerosi singoli, tra cui Baguettes in the Face con NAV e A Boogie wit da Hoodie dall'album di Mustard e nel singolo di successo Earfquake di Tyler, the Creator. Nell'aprile 2020, Carti ha pubblicato il primo singolo dopo due anni, intitolato @ Meh, che ha raggiunto il numero 35 della Hot 100. Carti ha iniziato a lavorare al suo prossimo e secondo album Whole Lotta Red alla fine del 2018, che sarà poi pubblicato sulle piattaforme streaming il 25 dicembre 2020.[23][24][25][26]

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

Carti è stato spesso etichettato come un "mumble rapper",[27] mentre la sua musica è stata descritta come "giocosa e melodica".[28] Briana Younger per Pitchfork, in merito a Playboi Carti, ha affermato:[29]

(EN)

«Carti’s music is less about lyricism and more about atmosphere [...] whatever Carti lacks in substance he makes up in sheer audacity.»

(IT)

«La musica di Carti è meno impegnata per quanto riguarda i testi, mentre da grande aspetto all'atmosfera [...] In qualunque cosa Carti pecchi di sostanza lirica, si rifà in pura audacia»

Il suo stile è stato influenzato da rapper come Gucci Mane, Young Thug, A$AP Rocky, Lil Uzi Vert, Chief Keef, Yung Lean e Lil Wayne.[27]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Vive e lavora attualmente nella città di New York City, New York.[5]

Dal 2018 ha iniziato una relazione con la rapper e modella australiana Iggy Azalea.[30] Nel 2020 Iggy ha annunciato di aver dato alla luce un bambino, figlio suo e di Carti. La rapper australiana non aveva mai annunciato di essere incinta.[31][32]

Problemi legali[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 2017 Carti fu arrestato per accuse di violenza domestica dopo aver litigato con la sua fidanzata dell'epoca fuori l'Aeroporto Internazionale di Los Angeles.[33] Nell'agosto seguente fu poi affermato che Carti non avrebbe dovuto scontare alcun tipo di pena.[34]

Durante il mese di aprile del 2020 fu arrestato dopo che vennero trovati dodici sacchi di marijuana, tre pistole, xanax, codeina e ossicodone all'interno della sua Lamborghini.[35] Fu rilasciato su cauzione il giorno dopo.[36]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Playboi Carti.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

BET Hip Hop Awards

  • 2017 – Candidatura al premio di miglior artista hip hop emergente
  • 2017 – Candidatura al premio di miglior mixtape per Playboi Carti[37][38]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Henry Owens, Seven of our favorite ad-libs in hip-hop right now, Elevator, 19 novembre 2018. URL consultato l'11 aprile 2019.
  2. ^ (EN) Playboi Carti, HotNewHipHop. URL consultato l'11 aprile 2019.
  3. ^ (EN) BMI - Repertoire Search, BMI. URL consultato l'11 aprile 2019.
  4. ^ (EN) Eli Schwardon, Happy Birthday, Playboi Carti!, XXL, 13 settembre 2016. URL consultato l'11 aprile 2019.
  5. ^ a b (EN) Ross Scarano, Almost Famous: Playboi Carti Talks His Come Up, First Mixtape, and Working With Lil Uzi Vert, Complex, 14 aprile 2017. URL consultato l'11 aprile 2019.
  6. ^ (EN) Liana Satenstein, Playboi Carti Is the Fashion World’s Latest Rapper Heartthrob, Vogue, 18 aprile 2017. URL consultato l'11 aprile 2019.
  7. ^ (EN) Almost Famous: Playboi Carti Talks His Come Up, First Mixtape, and Working With Lil Uzi Vert, su Complex. URL consultato il 18 novembre 2020.
  8. ^ a b Filmato audio Playboi Carti on 'Die Lit', XXL Freshman List, Meeting A$AP Rocky & More!, su YouTube.
  9. ^ (EN) Almost Famous: Playboi Carti Talks His Come Up, First Mixtape, and Working With Lil Uzi Vert, su Complex. URL consultato il 18 novembre 2020.
  10. ^ (EN) Liana Satenstein, Playboi Carti Is the Fashion World’s Latest Rapper Heartthrob, su Vogue. URL consultato il 18 novembre 2020.
  11. ^ (EN) Meet Uno the Activist: Atlanta's Most Eminent SoundCloud Whisperer, su HotNewHipHop. URL consultato il 18 novembre 2020.
  12. ^ (EN) Playboi Carti | Biography, Albums, Streaming Links, su AllMusic. URL consultato il 18 novembre 2020.
  13. ^ (EN) Almost Famous: Playboi Carti Talks His Come Up, First Mixtape, and Working With Lil Uzi Vert, su Complex. URL consultato il 18 novembre 2020.
  14. ^ (EN) Listen To Playboi Carti’s Self-Titled Debut Mixtape, su The FADER. URL consultato il 18 novembre 2020.
  15. ^ (EN) Justin IveyPublished: April 14, 2017, Best Songs of the Week Featuring Kendrick Lamar, Playboi Carti and More - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 18 novembre 2020.
  16. ^ (EN) Playboi Carti: Playboi Carti, su Pitchfork. URL consultato il 18 novembre 2020.
  17. ^ Stream Playboi Carti’s Self-Titled Debut Mixtape, su Spin, 14 aprile 2017. URL consultato il 18 novembre 2020.
  18. ^ (EN) Playboi Carti: Playboi Carti, su PopMatters, 19 aprile 2017. URL consultato il 18 novembre 2020.
  19. ^ Playboi Carti Chart History, su Billboard. URL consultato il 18 novembre 2020.
  20. ^ Playboi Carti: Hot 100, su Billboard. URL consultato il 18 novembre 2020.
  21. ^ (EN) rew SacherPublished: April 18, 2017, Playboi Carti mixtape out now ++ catch him in NYC after Gucci Mane tour, su BrooklynVegan. URL consultato il 18 novembre 2020.
  22. ^ (EN) Georgette ClinePublished: June 13, 2017, 2017 XXL Freshman Cover Revealed, su XXL Mag. URL consultato il 18 novembre 2020.
  23. ^ (EN) Everything We Know About Playboi Carti's New Album 'Whole Lotta Red', su Complex. URL consultato il 18 novembre 2020.
  24. ^ (EN) Is Playboi Carti about to drop Whole Lotta Red?, su The FADER. URL consultato il 18 novembre 2020.
  25. ^ Playboi Carti ha svelato novità su "Whole Lotta Red": ora sappiamo che vale l'attesa, su Outpump, 12 giugno 2019. URL consultato il 18 novembre 2020.
  26. ^ (EN) Peter A. BerryUpdated: September 13, 2020, Here's What We Think Playboi Carti's Been Doing Instead of Dropping Whole Lotta Red, su XXL Mag. URL consultato il 18 novembre 2020.
  27. ^ a b (EN) Maxwell Cavesano, Playboi Carti's "Playboi Carti" (Review), HotNewHipHop, 23 aprile 2017. URL consultato l'11 aprile 2019.
  28. ^ (EN) Jackson Howard, Meet Playboi Carti, the Next Atlanta Rap Prodigy Taking Fashion By Storm, W Magazine, 13 aprile 2017. URL consultato l'11 aprile 2019.
  29. ^ (EN) Briana Younger, Playboi Carti: Playboi Carti Album Review, Pitchfork, 22 aprile 2017. URL consultato l'11 aprile 2019.
  30. ^ (EN) Victoria Johnson, Iggy Azalea's Relationship With Playboi Carti Is Official, Complex, 28 settembre 2018. URL consultato l'11 aprile 2019.
  31. ^ Iggy Azalea conferma: sono mamma di un maschietto, voglio tenere la sua vita privata., su Rnbjunk Musica - ultime notizie e gossip di musica, 11 giugno 2020. URL consultato il 18 novembre 2020.
  32. ^ Iggy Azalea è mamma: “Ho un figlio, non è un segreto ma la sua vita resterà privata”, su Gossip Fanpage. URL consultato il 18 novembre 2020.
  33. ^ (EN) Rapper Playboi Carti Arrested at LAX for Domestic Battery of Girlfriend, TMZ, 7 luglio 2017. URL consultato l'11 aprile 2019.
  34. ^ (EN) Anna Gaca, Playboi Carti Wil Not Face Domestic Battery Charges: Report, Spin, 6 agosto 2017. URL consultato l'11 aprile 2019.
  35. ^ (EN) Maria Pasquini, Rapper Playboi Carti Arrested for Drug Possession and Traffic Charges in Georgia, su People, 3 aprile 2020. URL consultato il 10 dicembre 2020.
  36. ^ (EN) Ben Kaye, Playboi Carti Arrested on Drug, Traffic Charges, su Consequence of Sound, 3 aprile 2020. URL consultato il 10 dicembre 2020.
  37. ^ (EN) Jessica Bennett, 2017 BET Hip Hop Awards Nominees: Kendrick Lamar, Cardi B & More, su EBONY, 14 settembre 2017. URL consultato il 18 novembre 2020.
  38. ^ Hip Hop Awards 2017 | Nominees, su BET.com. URL consultato il 18 novembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7029151002123130280004 · LCCN (ENno2017140927 · WorldCat Identities (ENlccn-no2017140927