Death Row Records

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Death Row Records
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Fondazione1992
Fondata daDr. Dre, Suge Knight
Chiusura2006
Sede principaleBarni Hills
SettoreMusicale
ProdottiHip Hop
Sito web

La Death Row Records è stata un'etichetta discografica statunitense, specializzata in produzione di musica hip hop. È stata una delle più importanti etichette degli anni '90, con artisti come Hot Bobby, Tupac Shakur, Snoop Dogg & Dr.Dre.

Verso la fine degli anni '90, l'etichetta cominciò a declinare dopo la morte del suo artista protagonista, Tupac Shakur, la detenzione del co-fondatore Suge Knight e le dimissioni di Dr.Dre e Snoop Dogg. Sebbene la Death Row Records godesse di un successo finanziario, è stata coinvolta in numerose controversie, azioni legali e violenze da parte dei suoi artisti e soci. La Death Row Records ha dichiarato bancarotta nel 2006 ed è stata messa all'asta da WIDEawake Entertainment per $18.000.000 il 15 gennaio 2009.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu fondata nel 1992 da Dr. Dre e Marion "Suge" Knight. Questa casa discografica, con sede a Beverly Hills, quartiere di Los Angeles, California, è stata per vario tempo un riferimento per il genere del gangsta rap, che è nato ed ha sfondato soprattutto sulla West Coast americana, in California appunto. Non è chiaro tuttora da dove provenissero i soldi necessari a "far partire" l'etichetta, e più di un sospetto fa pensare che sia stata creata con i proventi dell'attività di spaccio di stupefacenti di un famoso gangster americano di nome Michael "Harry-O" Harris, probabilmente affiliato ai Bloods, dei quali Knight è stato, e probabilmente è tuttora, membro.

Dal 1993 fino al 1995 l'etichetta ha avuto una sorta di faida con la Ruthless Records capitanata da Eazy-E, vecchia conoscenza di Dr.Dre. Eazy infatti dopo aver ricevuto degli insulti nella canzone Fuck wit Dre Day rispose attaccando e deridendo per anni quasi tutti gli artisti della Death Row e l'etichetta stessa (la più famosa Real Muthaphuckkin G's, in cui attacca Dre e Snoop). La faida Eazy (Ruthless Records) contro Dre (Death Row Records) finisce quando Eazy muore di AIDS nel marzo 1995. Eazy, tuttavia aveva fatto pace con Dre prima di morire, ma Suge Knight, proprietario della Death Row, non provò compassione neanche davanti alla morte di Eazy, continuando a prenderlo in giro per la sua morte a vari Talk Show. Anche se in un'intervista Danny Boy (artista della Death Row) dice di essere andato insieme a Suge Knight a trovare Eazy in ospedale prima della sua morte.

Gli artisti che hanno fatto la fortuna della Row sono stati indubbiamente Tupac Shakur, Snoop Doggy Dogg, e soprattutto Dr. Dre, grande producer e rapper, l'eclettico Mc Hammer, gli Above The Law, Kurupt, solo per citarne alcuni. Ma con l'implicazione della Death Row e di Knight, peraltro non provata, negli omicidi di Tupac Shakur e The Notorious B.I.G., la vita "movimentata" del CEO Suge Knight dentro e fuori dal carcere, le accuse all'etichetta di essere affiliata alla gang dei Bloods, l'abbandono di molti artisti che avevano fatto il successo della Death Row (tra cui lo stesso Dr. Dre) l'ha ridotta a vivere per lo più di rendita.

Anche se successivamente l'etichetta non ebbe sotto contratto artisti di grido, ha avuto non indifferenti guadagni vendendo remix, mixtape, materiale inedito e quant'altro di un grande artista come Tupac Shakur: il rapper in vita ha inciso molto materiale ancora inedito i cui diritti sono stati detenuti dalla Death Row, almeno per quelli che loro stessi possiedono incisi da Pac in sala di registrazione nel suo periodo con loro. Se a questi aggiungiamo i vari mix, best of eccetera appunto, la casa ha continuato a guadagnare, anche se l'artista è morto, visto e considerato quanto sia amato come personaggio, quanto abbia venduto e quanta attenzione ci sia attorno alla sua figura.

Fallimento[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 aprile 2006 sia la Death Row Records che Suge Knight hanno presentato istanza di protezione in caso di fallimento del Chapter 11 in seguito alla nomina di un Receiver per l'acquisto e la vendita di beni sia della Death Row Records che di Suge Knight nella causa intentata da Lydia Harris contro Suge Knight. Tra quelli elencati come creditori non garantiti alla Death Row ci sono Harris, Internal Revenue Service ($ 6,900,000), Koch Records ($ 3,400,000), Interscope Records ($ 2,500,000) e un certo numero di artisti precedentemente firmati per l'etichetta. Suge Knight alla fine perse il controllo del Death Row Records e dei suoi beni personali quando il Chapter 11 Trustees prese in consegna entrambi i casi.

Il cambio di nome[modifica | modifica wikitesto]

Intorno al 2000 il nome della casa discografica è stato temporaneamente cambiato dallo stesso Knight, in un "meno aggressivo" Tha Row Records (Death Row significa infatti "braccio della morte"), che è poi tornato sui suoi passi.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

1992

1993

1993

1994

  • Tha Dogg Pound — Dogg Food (distribuito attraverso la Priority Records).

1995

1998

1999

1999

2000

2001

  • Snoop Dogg — Death Row's Snoop Doggy Dogg Greatest Hits
  • Tha Dogg Pound - 2002

2002

2003

2004

2005

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Ronin Ro, Have Gun Will Travel: The Spectacular Rise and Violent Fall of Death Row Records, Doubleday, 1998, p. 384, ISBN 0-385-49134-4.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN152662182 · ISNI (EN0000 0001 0234 9140 · LCCN (ENn97112984 · BNF (FRcb139882170 (data) · WorldCat Identities (ENn97-112984