Illmatic

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Illmatic
ArtistaNas
Tipo albumStudio
Pubblicazione19 aprile 1994
Durata39:50
Dischi1
Tracce10
GenereHip hop[1]
East Coast hip hop[1]
Hardcore hip hop[1]
Gangsta rap[1]
EtichettaColumbia Records
ProduttoreMC Serch (esec.), Faith Newman (co-esec.), DJ Premier, L.E.S., Pete Rock, Large Professor, Q-Tip
RegistrazioneBattery Studios, New York; Unique Studios, New York; Chung King Studios, New York; D&D Recording, New York
1992-1993
NoteIl disco verrà ristampato in edizione speciale a dieci anni dall'uscita
Certificazioni
Dischi d'oroCanada Canada[2]
(vendite: 50 000+)
Dischi di platinoStati Uniti Stati Uniti[3]
(vendite: 1 000 000+)
Nas - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1996)
Singoli
  1. Halftime
    Pubblicato: 13 ottobre 1992
  2. It Ain't Hard to Tell
    Pubblicato: 18 gennaio 1994
  3. Life's a Bitch
    Pubblicato: 19 aprile 1994
  4. The World is Yours
    Pubblicato: 31 maggio 1994
  5. One Love
    Pubblicato: 25 ottobre 1994

Illmatic è l'album in studio di debutto del rapper statunitense Nas, pubblicato il 19 aprile 1994 dalla Columbia. Dopo aver firmato un contratto con l'etichetta grazie all'aiuto di MC Serch, Nas registra l'album a New York negli studi Chung King, D&D Recording, Battery e Unique Recording. Le produzioni sono affidate a DJ Premier, Large Professor, Pete Rock, Q-Tip, L.E.S. e allo stesso Nas. Disegnato come un album hardcore hip hop, Illmatic presenta rime interne e narrazioni basate sull'esperienza di Nas nel Queensbridge, New York.

L'album debutta alla posizione numero 12 della Billboard 200, vendendo 60.000 copie fisiche nella prima settimana. Tuttavia, le vendite iniziali sono scese al di sotto delle aspettative e i suoi cinque singoli non sono riusciti ad avere successo nelle classifiche statunitensi. Nonostante l'iniziale basso numero di vendite, Illmatic ha ricevuto critiche entusiastiche dalla maggior parte dei critici musicali, che hanno elogiato la produzione e i testi di Nas. Il 17 gennaio 1996 la RIAA certifica Illmatic disco d'oro. L'11 dicembre del 2001, l'album è certificato disco di platino per il milione di copie vendute.

Fin dalla sua prima accoglienza, Illmatic è stato riconosciuto dagli scrittori e dai critici musicali come un album di riferimento nell'East Coast hip hop. La sua influenza sugli artisti hip hop successivi è attribuita alla produzione e ai testi del rapper. Il primo album di Nas contribuisce inoltre alla rinascita della scena rap di New York City, introducendo una serie di tendenze stilistiche nella regione. L'album è considerato uno dei più grandi album hip hop di tutti i tempi, apparendo in diverse liste dei migliori album di critici e di pubblicazioni.[4][5]

Il 3 maggio 2014, a distanza di più di vent'anni dalla pubblicazione, Illmatic rientra nella Billboard 200 alla diciottesima posizione.[6]

Background[modifica | modifica wikitesto]

Da adolescente, Nas voleva intraprendere la carriera di rapper e ingaggiare il suo amico e vicino di casa Willie "Ill Will" Graham, come suo DJ.[7] Inizialmente il suo nickname era "Kid Wave" prima di adottare il nick "Nasty Nas".[7] All'età di quindici anni, incontra il produttore Large Professor che lo introduce al suo gruppo Main Source. Nas fa il suo debutto registrando con loro un verso nella canzone Live at the Barbeque presente nell'album del 1991 Breaking Atoms.[8] In seguito, realizza il suo debutto da solista nel 1992 con Halftime per la colonna sonora del film Zebrahead. Il singolo attira le attenzioni dell'ambiente e i paragoni con il rapper della golden age Rakim.[9] Nonostante sia già conosciuto nella scena underground, Nas non riceve alcuna offerta per un contratto discografico ed è rifiutato dalle etichette major rap dell'epoca, Cold Chillin' Records e Def Jam Recordings. Nas e Ill Will continuano a lavorare assieme, ma il loro sodalizio termina quando Graham è assassinato da un sicario il 23 maggio del 1992, nel Queensbridge.[10] Anche il fratello di Nas è rimasto coinvolto nella sparatoria quella notte, ma è sopravvissuto.[11] Nas ha citato questo momento come una «sveglia» per lui.[11]

A metà 1992, MC Serch, il cui gruppo 3rd Bass si era sciolto, aveva iniziato a lavorare a un progetto solista e si era avvicinato a Nas.[12] Su suggerimento del produttore T-Ray, Serch collabora con Nas per Back to the Grill, singolo inserito nell'album solista di MC Serch del 1992 Return of the Product.[13] Alla sessione di registrazione per la canzone, Serch scopre che Nas non ha un contratto discografico e successivamente contatta Faith Newman, una A&R executive nella Sony Music.[14] Come ha raccontato MC Serch «Nas era in una posizione dove il suo demo era già in giro, Live at the Barbeque era già un classico, e stava cercando di trovare un contratto decente... quindi quando mi ha dato il suo demo, l'ho portato in giro. L'ho portato per primo a Russell, ma mi ha detto che suonava come G Rap, non era con lui. Quindi lo portato a Faith. Faith lo amava, ha detto che stava cercando Nas da un anno e mezzo. Non volevano lasciarmi uscire dall'ufficio senza un contratto sul tavolo.»[15]

Una volta che MC Serch ha assunto il ruolo di produttore esecutivo per il progetto d'esordio di Nas, ha cercato di mettere Nas in contatto con diversi produttori. Sulla base dell'entusiasmo dell'epoca, molti produttori di New York volevano lavorare con lui e andarono a registrare al Power House Studios con Nas. Tra questi produttori c'era DJ Premier,[15] all'epoca riconosciuto per la sua produzione grezza e aggressiva basata su campionamenti di jazz e scratches pesanti e per il suo lavoro con il rapper Guru come parte del duo hip hop Gang Starr.[16] Dopo la sua produzione sull'album del 1990 Funky Technician di Lord Finesse & DJ Mike Smooth's e sull'album del 1994 The Sun Rises in the East di Jeru the Damaja, Premier inizia a registrare esclusivamente al D&D Studios (New York City), prima di lavorare con Nas su Illmatic.[16][17]

Registrazione[modifica | modifica wikitesto]

Prima di registrare, DJ Premier aveva ascoltato il singolo d'esordio di Nas, in seguito disse: «quando ho sentito Halftime, questa era la prossima roba per me. Questo era già un classico per me come Eric B. is President e The Bridge. Ha avuto quel tipo di effetto. Per quanto sia semplice, tutti gli elementi erano lì. Quindi da quel momento, dopo che Serch mi aveva contattato per fare qualche taglio, è stato automatico. Dovresti essere stupido per lasciar perdere, anche se non mi avrebbe pagato nulla.»[15] In seguito Serch nota l'affiatamento tra Nas e DJ Premier, raccontando che «Primo e Nas potrebbero essere stati separati alla nascita. Non c'era una situazione dove i suoi beat s'incastravano alle rime, si adeguavano l'un l'altro.»[15] Mentre Serch ha contattato DJ Premier, Large Professor ha contattato Pete Rock per collaborare con Nas su quello che sarebbe diventato The World is Yours. Poco dopo, anche i produttori Q-Tip e L.E.S. hanno deciso di lavorare sull'album.[15] Il padre di Nas, Olu Dara, ha anch'egli contribuito con un assolo di cornetta in Life's a Bitch, dov'è presente la collaborazione con il rapper AZ.[15]

In un'iniziale intervista promozionale, Nas ha affermato che il nome «Illmatic» (che significa "oltre il male" o "l'ultimo") era un riferimento al suo amico del Queensbridge finito in prigione, Illmatic Ince.[18] Al momento della registrazione, le aspettative nella scena hip hop per Illmatic erano alte.[15] In un'intervista del 1994 per la rivista The Source, che ha soprannominato l'album come «the second coming» («la seconda venuta»), Nas ha parlato molto del progetto, dicendo che «questo sembra un grande progetto che influenzerà il mondo [...] Siamo qui giù in basso [...] facendo qualcosa per il mondo. Questo è quello che si sente, questo è quello che è.»[15] Registrando l'album, AZ ha raccontato «sono andato sull'album di Nas e ho fatto la canzone Life's a Bitch, ma anche allora ho pensato che fossi pessimo, a dire il vero. Ma una volta che la gente ha iniziato a sentirlo e a piacergli, è quello che ha rafforzato la mia fiducia. Ho pensato, "OK, probabilmente posso farlo". Quel disco era tutto. Essere l'unica persona presente su Illmatic quando in quel momento Nas è considerato uno dei migliori a New York, uno tra i nuovi artisti più freschi, quello era grande.»[15] Durante la sessione, Nas ha composta la canzone Nas is Like, che in seguito registra come singolo per il suo album del 1999 I Am....[19]

Per quanto riguarda la registrazione della canzone di apertura NY State of Mind, il produttore DJ Premier in seguito ha dichiarato: «Nas – ora è uno dei nostri salvatori. Quando abbiamo fatto NY State of Mind, all'inizio quando ha detto «Straight out the dungeouns of rap / Where fake niggas don't make it back» allora puoi sentirlo dire «I don't know ho to start this shit», perché l'aveva appena scritta. Ha la base in esecuzione in studio, ma non sa come si strutturerà e come si trasmetterà. Quindi dice «I don't know ho to start this shit» e io sto contando per iniziare il suo verso. E lo puoi sentire dire «Yo», e poi ci entra.»[20] In seguito, DJ Premier ha parlato dell'imprevedibilità delle consegne di Nas durante la registrazione, dicendo che lui «non sapeva come sarebbe entrato, ma aveva appena iniziato ad andare perché stavamo registrando. Sto incredibilmente urlando "Stiamo registrando!" contro la finestra della cabina vocale. "Dai, preparati!" E lo senti iniziare la roba: "Rappers..." e tutti nello studio erano come "oh, mio Dio", perché era qualcosa di così inaspettato. Non era pronto. Quindi abbia usato quel primo verso. E quello era quando stava per arrivare il suo primo album. Quindi eravamo come "questo ragazzo diventerà grande"».[20]

Temi[modifica | modifica wikitesto]

Illmatic contiene un accorto trattamento dei suoi argomenti: la rivalità tra gang, la desolazione e la devastazione della povertà urbana.[21][22] Nas, che aveva venti anni quando l'album fu pubblicato, si concentra sul rappresentare le proprie esperienze, creando narrazioni in prima persona molto dettagliate che analizzano punto per punto i problemi della vita di un adolescente del centro città. Uno scrittore descrive i temi dell'album come una «storia di una scrittore di talento nato nello squallore che sta cercando di liberarsi dalla trappola. È qualcosa tra The Basketball Diaries e Native Son...».[23] Le narrazioni presenti in Illmatic nascono dalle esperienze di Nas come adolescente che cresce nel Queensbridge, così come i testi alludono all'edilizia popolare situata a Long Island City, quartiere del Queens, New York.[24] In un'intervista del 2001, Nas ha detto: «quando ho fatto Illmatic ero un giovane bambino del Queensbridge intrappolato nel ghetto. La mia anima è rimasta intrappolata nelle case popolari del Queensbridge.»[25] In un'altra intervista, nel 2012, ha spiegato da dove derivi la sua ispirazione per analizzare questo argomento:

(EN)

« When my rap generation started, it was about bringing you inside my apartment. It wasn't about being a rap star; it was about anything other than. I want you to know who I am: what the streets taste like, feel like, smell like. What the cops talk like, walk like, think like. What crackheads do — I wanted you to smell it, feel it. It was important to me that I told the story that way because I thought that it wouldn't be told if I didn't tell it. I thought this was a great point in time in the 1990s in [New York City] that needed to be documented and my life needed to be told.[26] »

(IT)

« Quando è iniziata la mia generazione rap, si trattava di portarti nel mio appartamento. Non si trattava di essere una star del rap; si trattava di qualcosa di diverso da quello. Voglio che tu sappia chi io sia: a cosa assomigliano le strade, i suoi sapori, i suoi odori. Di cosa parlano i poliziotti, come camminano, cosa pensano. Cosa fanno i crackhead — volevo che lo sentissi, che lo percepissi. Per me era importante che raccontassi la storia in quel modo perché pensavo che non sarebbe stato detto se non l'avessi raccontato. Ho pensato che questo fosse un momento importante negli anni novanta [a New York City] che dovesse essere documentato e che la mia vita dovesse essere raccontata. »

Quando raffigura la vita nelle case popolari, Nas alterna momenti di dolore e piacere a frustrazione e vanteria.[27] Assieme alle sue narrazioni, Illmatic si distingue anche per le sue numerose rappresentazioni di luoghi, persone e interazioni.[28] Nelle sue canzoni, Nas spesso dipinge gli angoli e i viali del Queensbridge, menzionando i nomi di strade, amici, crew locali e spacciatori e utilizzando uno slang vernacolare nella sua città natale.[28] Il poeta e autore Kevin Coval descrive questo approccio al songwriting come quello di un «poeta-reporter hip-hop... radicato nell'intima specificità dell'ambiente.»[28] Commentando l'uso della narrazione di Nas, Sohail Dulatzai, professore all'University of Southern California, paragona l'album al cinema: in Born to Use Mics: Reading Nas's Illmatic, scrive che «come il masterpiece del 1965 La battaglia di Algeri, che ha catturato la resistenza algerina contro il colonialismo francese, Illmatic offusca brillantemente il confino tra finzione e documentario, creando un senso accresciuto di realismo e eloquenza viscerale per le narrazioni in prima persona rinnegate di Nas e per le odi ispirate ai personaggi.»”[29]

La violenza della droga[modifica | modifica wikitesto]

Molti dei temi trovati in Illmatic ruotano attorno alla esperienza di Nas che vive in un ambiente dove povertà, violenza e uso di droga abbondano. Durante gli anni ottanta i primi anni novanta, i residenti del Queensbridge hanno subito intense violenze, poiché lo sviluppo abitativo è stato travolto dall'epidemia del crack. Illmatic contiene immagini ispirate da questa prevalenza del crimine di strada. In N.Y. State of Mind, Nas racconta dettagliatamente le porte trappola, i cecchini sul tetto, le vedette agli angoli delle strade e gli spacciatori che pervadono il suo spazio urbano.[30] Sohail Daulatzai descrive questo linguaggio come «agghiacciante» e suggerisce che «descrive e immagina in modo straziante con immagini così surreali, con molta insoddisfazione noir e ancor più fottutissime ambizioni, le fragili e tenue vite degli abitanti del ghetto...».[30] Lo scrittore e musicista Gregory Tate considera questa violenta immagine come parte di una tendenza verso gli argomenti cupi che sono venuti a prevalere tra i rapper dell'East Coast nella scena dell'hardcore hip hop. Tate scrive: «alcuni dei più memorabili, oscuri, depressivi ma fluenti testi nella storia dell'hip hop sono stati scritti da Nas, Biggie e dai membri del Wu-Tang Clan sulla campana mortale del commercio del crack.»[31]

Altri scrittori, come Mark Anthony Neal, hanno descritto questi argomenti lirici come una forma di «introspezione pensierosa», rivelando le dimensioni torturate del crimine legato alla droga e la sue impressioni su un Nas adolescente.[32] Il critico Sam Chennault scrive che «Nas ha catturato la N.Y.C. post-crack in tutta la sua rovinosa gloria... realizzando che le droghe sono sia potenti sia distruttive, i suoi testi alternativamente abbracciano e respingono l'idea del fascino del ghetto.»[22] Secondo Steve Joun di RapReviews.com, Nas «illustra la vita di crimine e povertà del Queensbridge della sua esistenza, mentre allo stesso tempo fornisce la speranza che ci sia qualcosa di più grande rispetto a soldi, armi e droghe.»[33]

Credibilità artistica[modifica | modifica wikitesto]

Il tema di Illmatic è anche composto da nozioni di autenticità artistica.[34] Il foglio di stampa promozionale che accompagnava la pubblicazione dell'album sottintendeva il rifiuto di Nas a conformarsi alle mode commerciali, affermando: «mentre è triste che ci sia tanto successo nel mondo del rap di oggi, questo dovrebbe solo farci alzare in piedi e prestare attenzione quando arriva un rapper che non si occupa di mungere l'ultima tendenza e scappare con il bottino.»[23] All'epoca della pubblicazione dell'album, la comunità hip hop era coinvolta in un dibattito sull'autenticità artistica e commerciale nella musica pop.[34] Il rapper Common descrive, nella prefazione di Born to Use Mics: Reading Nas's Illmatic, le preoccupazioni che sono state avvertite da lui e dai suoi contemporanei: «è stato così serio per così tanti di noi. Noi non siamo solo cresciuti con l'hip hop; noi siamo cresciuti con l'hip hop mentre l'hip hop cresceva con noi, e così abbiamo creato un rapporto molto stretto e intimo che stava diventando sempre più insistente – e lo abbiamo sentito. La nostra arte è stata sfidata in molti modi e i "moneymen" stavano iniziando a mettere i loro denti su di noi.»[35]

Nel contesto di questo dibattito, gli scrittori musicali hanno interpretato Illmatic con un ammonimento per i puristi e i professionisti dell'hip hop.[36][37] Nella sua traccia d'apertura, The Genesis, Nas lamenta la mancanza di credibilità tra gli altri Mcs nelle case popolari, insistendo sul fatto che ha «fatto questa roba da allora.»[37] Citando canzoni come Life's a Bitch, Guthrie Ramsay Jr. sostiene che Nas «ha stabilito un punto di riferimento per i rapper in un campo artistico consumato da nozioni costantemente instabili di "realismo", autenticità e credibilità artistica.»[38] Sohail Daulatzai scrive: «sebbene Illmatic fosse una pubblicazione molto attesa, ben visibile dal radar, Nas lo stava riportando alle «segrete del rap»... una specie di esorcismo o purificazione («dove i falsi niggas non tornano») che era quanto meno un tentativo di rivendicare un'estetica diversa della resistenza e della ribellione che era fin troppo consapevole del nuovo potenziale mainstream dell'hip hop.»[34]

Talento musicale[modifica | modifica wikitesto]

Oltre al suo contenuto lirico, molti scrittori hanno commentato il significato tematico del talento musicale presente in Illmatic. Kenny Waste scrive: «attingendo a tutto dall'old school hip hop al blues alle regolari composizioni di jazz d'avanguardia le scelte campionarie presenti in Illmatic riflettono un individuo con non solo un profondo apprezzamento per la musica, ma anche con una profonda conoscenza della stessa.»[37] Guthrie Ramsay Jr. descrive Illmatic come un «simbolo artistico».[34] Kevin Coval considera i campionamenti di artisti quali Craig G e Biz Markie in Memory Lane come un tentativo di costruire sulla tradizione hip hop del Queens, in particolare della Juice Crew All Stars.[28] Questi campioni sono intesi come omaggi agli «antenati lirici di Nas e alle influenze del ghetto.»[28] Il coinvolgimento di artisti più anziani, incluso il padre di Nas, è altrettanto citato come influenza formativa nella realizzazione dell'album. L'autore Adam Mansbach sostiene che «è la presenza di tutti questi benevoli "anziani" – suo padre e il gruppo di fratelli maggiori composto dai produttori che guidano l'album - a consentire a Nas di riposare confortevolmente nella propria identità di artista e di erede della tradizione e trovando così spazio per innovare.»[34]

Gli scrittori musicali hanno anche descritto i contenuti dell'album come un commento all'evoluzione dell'hip hop. Il professore Imani Perry dell'università di Princeton scrive: «Illmatic incarna l'intera storia dell'hip hop, con tutte le sue caratteristiche e doti. Nas ha i testi grezzi degli "old schoolers", il deejay esperto e i lirismo artistico degli anni ottanta, la parte della vita nel ghetto, e il mito... la storia dell'hip-hop fino al 1994 è incluso in Illmatic[39] Nella traccia Represent, Nas allude al conflitto tra la Juice Crew e la Boogie Down Productions, nato come una disputa attorno alle presunte origini dell'hip hop. Eddie S. Glaude Jr., professore all'università di Princeton, afferma che questo «colloca il Queensbridge e Nas all'interno della storia formativa della cultura hip hop.»[40] È elogiata la scelta d'inserire un campione dell'audio proveniente dal film Wild Style – che mostra il lavoro dei primi pionieri dell'hip hop quali Grand Master Flash, Fab Five Freddy e la Rock Steady Crew – nella skit d'apertura The Genesis: Kenny Waste, suggerisce che il tutto inserito all'interno di questo brano «è una complessa e sottile esposizione dei temi di Illmatic[37] In modo simile, il professore della Cal State Northridge Adilifu Nama scrive che «l'uso di Wild Style... va oltre una semplice tattica per infondere a Illmatic un'aura di autenticità old-school. La vignetta sonica commenta la memoria collettiva della comunità hip hop e il suo inizio reale, ricordato e persino immaginato, come le insidie dell'assimilazione, l'importanza della storia e il passaggio dell'"età dell'innocenza" dell'hip hop.»[41]

Lirismo[modifica | modifica wikitesto]

Illmatic è rinomato tra gli autori musicali per lo stile unico delle consegne e la sostanza poetica e lirica.[27] I suoi testi contengono ritmi a strati, rime composte molti-sillabiche, rime interne imperfette, assonanze ed enjambement.[28] Marc Lamont Hill, critico musicale di PopMatters, approfondisce il testo e il flow di Nas durante l'album, affermando che «i pattern delle rime complesse di Nas, i giochi di parole intelligenti e un vocabolario impressionante ha portato l'arte [del rapping] a un'altezza senza precedenti. Basandosi sull'opera pionieristica di Kool G Rap, Big Daddy Kane e Rakim, tracce come Halftime e il rilassato One Time 4 Your Mind dimostrano un [alto] livello di precisione tecnica e destrezza retorica.»[42] Hill cita Merory Lane (Sittin' in da Park) come un «esempio di lirismo perfetto»,[42] mentre il critico Steve Juon scrive che i testi dell'album più vicini, come in It Ain't Hard to Tell, «sono altrettanto meritevoli di una citazione se non di più – così come qualsiasi altra cosa presente sull'LP» elogiando la strofa con la quale Nas conclude l'album in It Ain't Hard to Tell.[33]

Concentrandosi sulla forma poetica trovata nei suoi testi, la professoressa dell'università di Princeton Imani Perry descrive la performance di Nas come quella di un "poeta-musicista" in debito con le convezioni della poesia jazz. Suggerisce che il lirismo di Nas potrebbe essere stato modellato dagli «album di poesia della black art» di pionieri quali Gil Scott-Heron, The Last Poets e Nikki Giovanni.[36] Kevin Coval attribuisce il lirismo di Nas al suo approccio unico al rapping: «è come se Nas, il poeta, il reporter, portasse il suo taccuino in studio, sentisse la base e tessesse i suoi ritratti con cattiva precisione.»[28] Coval commenta anche le vignette del rapper sulla vita del centro città, che sono dipinte usando strutture di rima elaborate: «tutte le parole, le facce e i corpi di una distopia urbana abbandonata post-industriale sono incorniciate nelle strofe fermamente compatte di Nas. Questi ritratti del suo cervello e della comunità ammanettata sono belli, violenti ed estremamente complessi e si prestano ai complessi e stupendi schemi di rime composti che impiega.»[28]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Illmatic ha raccolto elogi anche per la sua produzione. Secondo i critici, i cinque maggiori produttori dell'album (DJ Premier, Pete Rock, Q-Tip, Large Professor e L.E.S.) hanno contribuito in modo determinante all'atmosfera estetica e coesiva che permeava l'album, pur conservando ognuno il proprio suono individuale e il proprio marchio di fabbrica.[43][44] Ad esempio, la produzione di DJ Premier sull'album è apprezzata dalla critica per il suo stile minimalista, caratterizzata da loop semplici su beat pesanti.[45] Charles Aaron di Spin scrive che il contributo dei produttori «lo spingono verso la riflessione come Rakim, offrono ritmi sommessi, leggermente abbattuti, che nell'hip hop significano jazz, principalmente della varietà keybord-vibe degli anni settanta.»[46] La rivista Q nota che «gli sfondi musicali sono nitidissimi; beat duri ma con gangi e loop melodici, con un atmosferico pianoforte di sottofondo, archi o un attenuata tromba.»[44]

La maggior parte dell'album è composta da campioni jazz, soul e vintage funk.[47] Jeff Weiss di Pitchfork, commentando l'album e l'uso dei campioni presenti, afferma che sia Nas sia i suoi produttori hanno trovato ispirazione per la produzione dell'album attraverso la musica della loro infanzia: «i loop frugano nella collezione dei loro genitori, Donald Byrd, Joe Chambers, Ahmad Jamal, Parliament e Michael Jackson. Nas ha invitato suo padre, Olu Dara per soffiare la cornetta in Life's a Bitch. La fusione jazz rap era già stata sperimentata, ma raramente con questa sottigliezza. Nas non aveva bisogno di rendere esplicita la connessione – ti ha permesso di capire che il jazz era la prima cosa che i tuoi genitori e i tuoi nonni hanno sentito.»[23] Allo stesso modo, il giornalista Ben Yew commenta il suono nostalgico dell'album: «la produzione, accentuata da loop di organi contagiosi, campioni vocali e cuscinetti simili a quelli del sintetizzatore in sottofondo, mettono la tua mente in uno stato d'animo allegro e rievocativo.»[48]

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

L'intro, The Genesis, è composta da un montaggio di ascolto che inizia con un suono di un treno sopraelevato e una voce quasi inudibile che rima al di sotto di esso. Su questi suoni, una sequela di dialoghi, due uomini che litigano.[27] Campiona Subway Theme di Grand Wizard Theodore dal film del 1983 Wild Style, il primo grande film hip hop.[47] Nas fa un altro omaggio a Wild Style, mentre sta girando il video musicale per il suo singolo It Ain't Hard to Tell, girandolo sullo stesso palco della scena finale del film.[49] Il suo verso in Live at the Barbeque è interpretato sullo sfondo di The Genesis.[33] Secondo lo scrittore musicale Mickey Hess, nell'intro, «Nas ci dice tutto quello che vuole che sappiamo su di lui. Il treno è una stenografia per New York; il rap appena percettibile è, in effetti, il suo verso di Live at the Barbeque; e il dialogo viene da Wild Style, uno dei primissimi film focalizzati sulla cultura hip hop. Ognuno dei quali è un punto di genesi. New York per Nas come persona, Live at the Barbeque per Nas come rapper e Wild Style, simbolicamente ultimo, l'hip hop stesso. «Queste sono le mie radici» – sta dicendo Nas – e ha continuato a dimostrarci esattamente quali erano quelle radici che avevano ceduto.»[27]

Impostando il tono generale sporco, ma melodico, dell'album,[47] N.Y. State of Mind presenta un campione di pianoforte jazz e scuro prodotto da DJ Premier.[50] Si apre con note acustiche di chitarra campionato da Flight TIme (1972), canzone del musicista jazz e funk Donald Byrd, mentre il notevole groove delle note del pianoforte è stato campionato dalla composizione Mind Rain (1978) di Joe Chambers.[47] Il testo di N.Y. State of Mind hanno Nas che racconta della sua partecipazione nella violenza delle gang e filosofando sul fatto che «la vita è parallela all'inferno, ma io devo mantenermi», mentre il suo rapping si estende su quaranta barre.[51] N.Y. State of Mind si concentra su uno stato mentale che una persona ottiene vivendo nell'ambiente impoverito di Nas in New York City.[33] Il critico di PopMatters Marc Hill scrive che la canzone «fornisce una rappresentazione chiara della vita nel ghetto come una fotografia a Gordon Parks o un poema di Langston Hughes[42]

Nelle altre canzoni di Illmatic, Nas celebra i piaceri e le conquiste della vita, riconoscendo la violenza come una delle sue condizioni socio-economiche piuttosto che al centro della sua vita.»[27] Life's a Bitch contiene un campione della hit Yearning for Your Love (1980) dei Gap Band,[47] e presenta il featuring del rapper di Brooklyn AZ.[50] Presenta anche l'aggiunta del padre di Nas, il jazzista Olu Dara, che suona la cornetta mentre la musica svanisce.[50] Un giornalista di OhWord.com scrive che il contributo di Dara alla traccia fornisce una «fine meravigliosamente malinconica a un brano che si sente inzuppato nei raggi morenti di un tramonto color cremisi sulla città.»[47] The World is Yours offre una narrativa maggiormente ottimistica dal punto di vista di Nas[50] che cita il leader spirituale e politico Gandhi come un'influenza nei suoi versi, in contrasto con i precedenti riferimenti a Scarface in N.Y. State of Mind.[52] Mentre cita Life's a Bitch come «possibilmente la canzone hip-hop più triste mai registrata», lo scrittore di Rhapsody Sam Chennault scrive che «The World is Yours trova ottimismo dentro gli oscuri meandri urbani.»[22] The World is Yours è stata nominata come la settima più grande canzone hip hop dal sito About.com.[53]

Il nostalgico Memory Lane (Sittin' in da Park contiene un campione di Reuben Wilson che comprende il suono di un organo hammond, chitarra, voci e percussioni,[47] aggiungendosi alle armonie spettrali del brano.[54] Spence D. di IGN scrive che il testo evoca «il crocevia di old school e new school[52] One Love è composto da una serie di lettere scritte da Nas ai suoi amici incarcerati[55] che raccontano le conoscenze e gli eventi reciproci che si sono verificati dopo l'incarcerazione dei destinatari,[42] dovendo affrontare fidanzate infedeli, madri torturate emotivamente e una lealtà svalutata.[56] La frase «one love» significa lealtà di strada nel brano.[52] Dopo aver pronunciato «shout-outs to locked down comrades» («ringrazio i compagni incarcerati»), Nas rimprovera un giovane che sembra destinato alla prigione nel verso finale.[33] Prodotto da Q-Tip, One Love campiona il contrabbasso e il pianoforte da Smilin' Billy Suite Part II (1975) degli Heath Brothers e il break della batteria da Come in Out the Rain (1970) dei Parliament, completando il paesaggio ipnotico e mistico della traccia.[47]

One Time 4 Your Mind presenta una battaglia rime di Nas.[52] Con un'atmosfera simile a quella di N.Y. State of Mind, il ritmico Represent ha un tono serio, esemplificato dalle linee d'apertura di Nas.[50] Mentre la maggior parte dell'album comprende campioni di funk, soul e jazz, Represent contiene un campione di Thief of Bagdad dell'organista Lee Erwin estrapolato dal film del 1924 Il ladro di Bagdad.[47] Nas parla del suo stile di vita in un ambiente in cui «ama commettere peccati» e «la vita non fa schifo, ma è piena di stress, fake niggas e crab stunts».[19] Anche in It Ain't Hard to Tell è presente uno stile di rap basato sulla vanteria.[27][57] Il brano si apre con chitarre e sintetizzatori della canzone Human Nature (1983) di Michael Jackson; la voce della traccia è campionata per le sezioni dell'intro e del ritornello, creando un vorticoso mix di trombe e di voci ritoccate.[52] Large Professor fa il loop prendendo un campione delle batterie da Slow Dance (1978) di Stanley Clarke e il sossofono da N.T. (1971) di Kool & the Gang.[47]

Lavoro grafico[modifica | modifica wikitesto]

Sui dischi in vinile e sulle cassette di Illmatic, Nas sostituisce la divisione dei tradizionali lati A e B con "40th Side North" e "41st Side South", rispettivamente le strade principali che formano i confini geografici che delimitano le case popolari del Queensbridge. Il professore Sohail Daulatzai considera questa etichettatura come rilevante, dal momento che trasforma Illmatic in una «mappa sonora.» L'album serve come legenda per la cartografia del ghetto di Nas, mentre racconta le sue esperienze e coloro che vivono nel Queensbridge.[36] In un'intervista del 2009 a XXL, Nas ha discusso lo scopo dietro il lavoro grafico dell'album tra gli altri sforzi promozionali, dichiarando «in realtà il disco doveva rappresentare tutto ciò che riguarda Nasir Jones dall'inizio alla fine, dalla copertina dell'album ai miei video musicali. La mia casa discografica ha dovuto pregarmi di smettere di fare le riprese dei video musicali nelle case popolari. Non importa di cosa trattasse la canzone, li avevo già fuori. Questo è quello che era tutto per me, essere un ragazzino delle case popolari, essere un manifesto per quello, che all'epoca non esisteva.»[58]

Copertina dell'album[modifica | modifica wikitesto]

La copertina dell'album di Illmatic presenta una foto di Nas da bambino, che è stata presa dopo che suo padre, il musicista Olu Dara, è tornato a casa dopo un tour oltreoceano.[9] La copertina originale intendeva raffigurare una foto di Nas con Gesù in un headlock,[9] riflettendo l'immagine religiosa del rap di Nas su Live at the Barbeque; «quando avevo 12 anni, sono andato all'inferno per aver fatto fuori Gesù.»[15]

La copertina approvata, disegnata da Aimee Macauley, presenta una foto di Nas da bambino sovrapposta a un sfondo di un isolato di New York City[33] preso da Danny Clinch.[59] In un'intervista del 1994, Nas ha discusso l'idea che c'era dietro alla sua foto all'età di 7 anni, dichiarando: «quello è stato l'anno in cui ho iniziato a riconoscere tutto [attorno a me]. Quello è l'anno in cui è iniziato tutto. Quello è l'anno in cui ho iniziato a vedere il futuro per me stesso e a iniziare a fare ciò che era giusto. Il ghetto ti fa pensare. Il mondo è nostro. Pensavo che non potevo lasciare le mie case popolari. Pensavo che se me ne fossi andato, se mi fosse successo qualcosa, pensavo che non ci sarebbe stata giustizia o che sarei stato solo uno schiavo morto o qualcosa del genere. Le casi popolari erano il mio mondo fino a quando non mi sono educato a vedere che c'era qualcosa di più la fuori.»[18] Fino a ora, Nas non ha indicato alcuna influenza esterna per il lavoro grafico della copertina del suo album. Secondo Ego Trip, la copertina di Illmatic prende spunto dall'album jazz A Child is Born (1974) del Howard Hanger Trio, la cui copertina presenta anch'essa una fotografia di un bambino, sovrapposta a un paesaggio urbano.[60]

Sin da quando è stata pubblicata, la copertina artistica di Illmatic ha guadagnato una reputazione iconica, essendo stato oggetto di numerose parodie e omaggi.[60] Il giornalista Byron Crwaford ha in seguito definito la copertina di Illmatic «una delle più belle copertine di sempre nell'hip-hop.»[61] Commentando il valore della copertina artistica, Rob Marriott di Complex scrive: «la struggente copertina di Illmatic ha abbinato l'umore, il tono e le qualità di questo album introspettivo a un livello così alto che è divenuto un classico istantaneo, acclamato con una illustrazione piena di sfumature e di significato.»[62] La rivista XXL nomina la copertina dell'album un'«idea fotografica di arte elevata per un album rap» e descrive il lavoro grafico come un «rumoroso, confuso paesaggio urbano che guarda attraverso le proprie case popolari e un giovane ragazzo sovrapposto al centro di tutto.»[63]

Sulla traccia Shark Niggas (Biters) dell'album di debutto Only Built 4 Cuban Linx... (1995), i rapper Raekwon e Ghostface Killah criticano la copertina dell'album di The Notorious B.I.G. Ready to Die (1994), pubblicato un po' di mesi dopo Illmatic e che presenta una foto di un bambino con un'acconciatura afro, il che implica il fatto che la sua copertina aveva copiato quella di Nas.[64] Ciò ha generato una lunga controversia tra i rapper, con il risultato di una faida non pubblicizzata alla quale Nas fa riferimento successivamente nel suo album del 2002 God's Son nel brano Last Real Nigga Alive.

Performance commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Illmatic è pubblicato il 19 aprile del 1994 e distribuito dalla Columbia Records negli Stati Uniti.[59] L'album presenta anche una distribuzione internazionale nello stesso anno in molti altri paesi, inclusi Francia, Paesi Bassi, Canada e Regno Unito.[65][66][67][68] Nella sua prima settimana di pubblicazione, Illmatic fa il suo esordio nella Billboard 200 alla posizione numero 12, vendendo 60.000 copie fisiche.[69] Tuttavia, l'iniziale numero di vendite stimato fu al di sotto delle aspettative.[9] I cinque singoli estratti dall'album non riescono a ottenere un buon successo commerciale nelle classifiche statunitensi, non riuscendo a imporsi nella Billboard Hot 100. Il singolo principale Halftime è l'unico ad arrivare nella top ten tra i brani rap, raggiungendo l'ottavo posto come picco massimo, mentre Life's a Bitch non riesce nemmeno a classificarsi.[70] L'album ha anche sofferto di un estensivo contrabbando illegale prima della sua uscita. Il critico musicale Jeff Weiss scrive che «la domanda regionale era così alta che Serch ha dichiarato di aver scoperto un garage con 60.000 copie illegali.»[23]

Mentre le vendite iniziali erano basse, l'album è stato certificato dalla RIAA come disco d'oro il 17 gennaio 1996 per aver venduto 500.000 copie; l'11 dicembre del 2001, l'album è certificato di platino per aver venduto più di un 1.000.000 di copie fisiche.[69] Classificandosi assieme all'originale Illmatic (secondo le regole di Billboard), Illmatic XX vende 15.000 copie nella sua prima settimana tornando alla Billboard 200 alla diciottesima posizione, con un aumento di vendite del 844%.[71] Al 20 aprile 2014, l'album ha venduto 1.686.000 copie negli Stati Uniti d'America.[71] Nell'aprile del 2002, l'album è stato certificato d'oro dalla Canadian Recording Industry Association per aver venduto più di 50.000 copie fisiche in Canada.[72]

Ricezione[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 5/5 stelle[1]
NME 9/10 stelle[73]
Entertainment Weekly A-[74]
Rolling Stone 4/5 stelle[75]
Mojo 5/5 stelle[76]
MSN Music A−[77]
Pitchfork 10/10 stelle[78]
Chicago Tribune 3.5/4 stelle[43]
Encyclopedia of Popular Music 4/5 stelle[79]
USA Today 3.5/4 stelle[80]

Illmatic riceve il plauso universale da parte della critica contemporanea,[81] che lo accoglie come un capolavoro hip hop.[82] NME ha chiamato la sua musica «perfezione ritmica»,[73] e Greg Kot del Chicago Tribune lo ha citato come il miglior album hardcore hip hop «uscito dall'East Coast da anni a questa parte.»[43] Dimitri Ehrlich di Entertainment Weekly ha accreditato Nas per aver dato al suo quartiere il «giusto rispetto» mentre si affermava e ha detto che i testi intelligenti e le basi dure «richiamano gli ascoltatori dentro lo stile di vita del quartiere con efficienza poetica.»[74] Touré, scrivendo per Rolling Stone, salutava Nas come un rapper d'élite per la sua dizione, i suoi testi dettagliati e il tono simile a quello di Rakim: «abbina ogni bellissimo momento [di Illmatic] con la sua dura antitesi.»[75]

Christopher John Farley del Time ha elogiato l'album come una «sveglia per gli ascoltatori [di Nas]» e lo ha elogiato per l'interpretazione rispetto alla glorificazione «del mondo da cui proviene.»[11] James T. Jones IV di USA Today cita i testi come «la poesia più urgente dai tempi dei Public Enemy» e anche elogiato Nas per aver rappresentato onestamente la vita del ghetto senza ricorrere al sensazionalismo e alla misoginia dei rapper gangsta contemporanei.[80] Richard Harrington del Washington Post elogia Nas per «aver bilanciato limitazioni e possibilità, aver distinto ostacoli e trampolini di lancio, e per aver riconosciuto la propria crescita da adolescente appassionato ad adulto maturo che può rispettare e criticare la cultura della violenza che lo circonda.»[83]

In una recensione mista, Heidi Siegmund del Los Angeles Times ha trovato la maggior parte di Illmatic ostacolata da «mentalità stanca e manifesti», e interpreta il plauso dei critici dell'East Coast come un «ovvio tentativo di combattere l'hip-hop lontano dalla West [Coast].»[84] Charles Aaron di Spin riteneva che i paragoni con Rakim «sarebbero più che meritati» se Nas potesse espandere i suoi testi meditativi «rivelando qualcosa di più personale».[46] Nella sua recensioni per Playboy, Robert Christgau lo definisce «la voce tipicamente sprezzante e loquace di New York nella lotteria post-gangsta» e lo raccomanda agli ascoltatori che «bramano l'autenticità totale senza atteggiamenti brutali.»[85]

The Source[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la sua pubblicazione, The Source ha dato a Illmatic il punteggio perfetto di cinque mic,[86] il punteggio più alto della rivista e all'epoca un prestigioso riconoscimento,[87] dando l'influenza della rivista nella comunità hip hop.[9] Jon Shecter, co-fondatore di The Source, ha ricevuto una copia dell'album otto mesi prima della pubblicazione programmata, dopo di che ne era entusiasta e ha presto esercitato pressioni affinché l'album ottenesse il punteggio massimo di cinque mic.[88]

Alla fine, la recensione di Illmatic è stata gestita dalla giornalista della rivista Miss Info (pseudonimo di Minya Oh), che condivideva l'entusiasmo di Shecter per l'album di Nas. Nella sua recensione di Illmatic, Oh scrive: «devo sostenere che questo è uno dei migliori album hip-hop che io abbia mai ascoltato» e sul contenuto scrive che «liricamente, l'intera roba è sul pezzo. Nessun cliché metaforico, nessun espediente. Niente di troppo astratto, niente di superficiale.»[86] Ha anche elogiato l'impatto del «realismo poetico» della scrittura di Nas,[86] per poi assegnare il punteggio massimo all'album.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

All'epoca, non c'erano precedenti per un artista esordiente che avesse ottenuto la valutazione massima.[88] L'autore Matthew Gasteier scrive: «è difficile sopravvalutare l'impatto della ricezione dei cinque microfoni su cinque, dato che è la prima volta che il punteggio è assegnato a una qualsiasi nuova pubblicazione dalla rivista da quando Reginald Dennis, il redattore di allora, aveva messo una moratoria sulle pubblicazioni di debutto.»[89] Reginald Dennis, ex redattore musicale della rivista e co-fondatore di XXL, in seguito ha raccontato: «l'assegnazione di cinque microfoni – status di classico – è sempre stata preoccupante per me su vari livelli. Voglio dire, non stiamo solo dicendo che un particolare brano musicale è superiore a tutto ciò che è fuori adesso, ma sarà altrettanto migliore della maggior parte delle pubblicazioni future [...] ho dato solo un cinque sotto la mia redazione ed è andato a Illmatic di Nas.»[88] Dennis lo ha citato come «l'unica volta che ho rotto la mia "regola del nessun cinque"» e ha aggiunto «ho detto a Jon che avremmo dovuto lavorare su tutte quelle cose quando sarebbe stato il tempo di recensirlo. Ma ogni giorno, Jon era come "yo, questo album è 5 mics – seriamente, Reg, 5 mics!"»[88]

Il punteggio non è arrivato senza la sua scia di controversie.[89] Reginald Dennis descrive la reazione che ha seguito la recensione di Minya Oh come: «ero felice, Jon era felice, Nas era felice, tutti erano felici – eccetto per tutte quelle persone che pensavano che The Chronic avrebbe dovuto ottenere un punteggio di 5 mic.»[88] Solo due anni prima, il rivoluzionario The Chronic di Dr. Dre aveva fallito nell'ottenere il punteggio massimo della rivista, pur ridefinendo il panorama musicale hip hop. In seguito è stato rivelato che, mentre tutti quelli della rivista sapevano che era un classico istantaneo, hanno deciso di rispettare la severa politica di stare alla larga dall'assegnare un punteggio perfetto.[90] Successivamente, quando l'album di Nas è stato esentato da questa moratoria, molti fan hanno indicato questa decisione come una conferma del pregiudizio giornalistico nei confronti dell'East Coast hip hop.[62][89] Nonostante abbia ricevuto critiche da parte del suo staff per la precedente recensione di The Chronic, Reginald Dennis continua a difendere la decisione di premiare Illmatic con il punteggio più alto della rivista: «sono solo felice che Illmatic sia universalmente acclamato come un classico, così nessuno può accusarmi di far cadere la palla [...] e se non avessi vissuto quello che ho fatto con The Chronic, non avrei avuto la flessibilità necessaria per consentire la flessione della mia politica. Quindi penso che tutto abbia funzionato bene.»[88]

Retrospettiva[modifica | modifica wikitesto]

Fin dalla sua prima accoglienza, Illmatic è stato visto dagli scrittori musicali come una delle quintessenze delle pubblicazioni hip hop degli anni novanta, mentre veniva classificato vicino ai vertici delle classifiche di molte liste dei «migliori album» delle pubblicazioni di generi disparati, dandogli la reputazione di uno dei più migliori album hip hop di tutti i tempi.[91][92][93] Jon Pareles del New York Times cita Illmatic come «una pietra miliare nel tentativo di catturare l'"essenza del ghetto di strada".»[94] L'album è stato descritto da un numero di scrittori e critici musicale come «classico».[1][95][96][97] Chris Ryan, scrivendo nel The New Rolling Stone Album Guide (2004), ha definito Illmatic come «un ritratto di una artista come una persona del ghetto, un solitario, un'anima torturata, un giovane delinquente e un critico sociale alle prime armi» aggiungendo che «si eleva ancora come uno dei successi incoronati del rap.»[98] In modo simile all'iniziale sentimento di The Source, XXL in seguito ha dato all'album il punteggio «XXL» – ovvero lo status di classico – in una recensione retrospettiva.[99] In una recensione retrospettiva per MSN Music, Robert Christgau dice che la registrazione era «meglio di quanto pensassi all'epoca di sicuro – come accade a volte con gli esteti, i puristi hanno ascoltato sottigliezze di sani principi che persone volgari come me non erano inclini a godere», anche se lo trovava ancora inferiore all'album di debutto di The Notorious B.I.G. Ready to Die (1994).[77] Nel 2002, Matthew Gasteier di Prefix Mag riesamina Illmatic e il suo significato musicale, affermando:

(EN)

« Illmatic is the best hip-hop record ever made. Not because it has ten great tracks with perfect beats and flawless rhymes, but because it encompasses everything great about hip-hop that makes the genre worthy of its place in music history. Stylistically, if every other hip-hop record were destroyed, the entire genre could be reconstructed from this one album. But in spirit, Illmatic can just as easily be compared to Ready to Die, It Takes a Nation of Millions to Hold Us Back, and Enter the Wu-Tang as it can to Rites of Spring, A Hard Day's Night, Innervisions, and Never Mind the Bollocks. In Illmatic, you find the meaning not just of hip-hop, but of music itself: the struggle of youth to retain its freedom, which is ultimately the struggle of man to retain his own essence.[51] »

(IT)

« Illmatic è il miglior album mai registrato nella storia hip hop. Non perché ha dieci grandi tracce con basi perfette e rime impeccabili, ma perché racchiude tutto ciò che è eccezionale sull'hip hop che rende il genere degno del suo posto nella storia della musica. Stilisticamente, se tutti gli altri dischi hip-hop fossero stati distrutti, l'intero genere sarebbe potuto essere ricostruito da questo unico album. Ma nello spirito, Illmatic può essere facilmente paragonato a Ready to Die, It Takes a Nation of Millions to Hold Us Back e Enter the Wu-Tang così come Rites of Spring, A Hard Day's Night, Innervisions, e Never Mind the Bollocks. In Illmatic, puoi trovare il significato non solo dell'hip-hop, ma della musica stessa: la lotta della gioventù per mantenere la propria libertà, che è in definitiva la lotta dell'uomo per conservare la propria essenza. »

Illmatic è stato inserito in diverse liste dei «migliori album» da parte di pubblicazioni dei generi più disparati.[93] Pitchfork lo ha inserito al numero 33 della sua lista sui 100 migliori album degli anni novanta e la pubblicazione del giornalista Hartley Goldstein lo nomina «l'essenza meticolosamente elaborata di tutto ciò che rende grande la musica hip hop, è praticamente un filone sonoro del DNA del genere.»[100] È stato elencato come uno dei 33 album hip hop/R&B nella «pubblicazioni essenziali degli anni novanta» di Rolling Stone.[101] È quinto tra i «cento migliori album di musica nera di tutti i tempi secondo i critici» e terzo nella «top 100 del sondaggio dei lettori» di Hip Hop Connection.[102][103] L'album è ancora classificato in quarta posizione nella lista dei migliori 10 album rap della rivista Vibe e al secondo posto nella lista dei migliori album hip hop di sempre di MTV.[104] Nel 1998, l'album è stato classificato al primo posto nella lista dei cento migliori album rap della rivista The Source.[105] Cinque anni dopo, Rolling Stone lo piazza alla posizione numero 400 nella sua lista dei 500 migliori album della storia;[106] nella lista del 2012, l'album è salito alla 314 posizione.[107] Il 30 marzo del 2004, Illmatic è rimasterizzato e ripubblicato con un disco bonus di remix e materiale nuovo prodotto da Marley Marl e Large Professor, in commemorazione del decimo anniversario dall'uscita dell'album.[108] Durante la ristampa del 2004, Marc Hill di PopMatters lo ha definito «il più grande album di sempre» e ha dichiarato «dieci anni dopo la sua pubblicazione, Illmatic non è solo il miglior album hip-hop mai realizzato, ma è anche una delle migliori produzioni artistiche del ventesimo secolo.»[42] L'album è anche incluso nel libro 1001 Albums You Must Hear Before You Die.[109] Il 19 febbraio 2014, un articolo di The Village Voice classifica Illmatic come l'album più newyorkese di sempre («Most New York City album ever»).[110]

Eredità e influenza[modifica | modifica wikitesto]

East Coast hip hop[modifica | modifica wikitesto]

Illmatic è stato ritenuto come uno degli album hip hop più influenti di tutti i tempi, con gli esperti che lo descrivono come un archetipo dell'album East Coast hip hop.[7][99] Jeff Weiss di Pitchfork scrive: «nessun album riflette meglio il suono e lo stile di New York, 94.»[23] Citando Illmatic come parte di una serie di album notevoli pubblicati nel 1994, David Drake di Stylus Magazine scrive: «questo era il punto critico per l'East Coast, un tempo dove i rapper dell'area di New York pubblicavano secchiate di lavori elettrizzanti.»[111] John Bush di Allmusic paragona Illmatic alle altre produzioni di DJ Premier, The Sun Rises in the East (1994), come «una delle quintessenze delle produzioni East Coast.»[17] Assieme all'album acclamato dalla critica Einter the Wu-Tang (36 Chambers) (1993) dei Wu-Tang Clan e al successo di Ready to Die (1994) di Notorious B.I.G., Illmatic è stato anche determinante nel ripristinare l'interesse nella scena dell'East Coast hip hop. «Raramente la culla dell'hip-hop è stata così unanime nel lodare la pubblicazione rap e l'MC che l'ha fatta.» scrive Rob Marriott di Complex.[62] Successivamente, Nas ha raccontato: «è stato incredibile essere accettato da New York City in questo modo... in un periodo in cui un grande numero di pubblicazioni West Coast hip hop era venduta; l'East Coast non vendeva molto, specialmente per un nuovo artista. Quindi all'epoca non si poteva dire [di essere accettato] nelle vendite, ma si poteva dire [di essere accettato] nelle strade.[112]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Illmatic è stato ritenuto un punto culminante creativo per l'East Coast hip hop, in quanto ha visto la produzione dei famosi produttori di New York Large Professor, Pete Rock e DJ Premier.[111] L'album consolida la reputazione di questi produttori – specialmente DJ Premier, che Illmatic contribuisce a istituire tra le figure centrali della produzione East Coast grazie ai suoi suoni jazz e blues[62] – i cui contributi all'album divennero influenti nel plasmare il paesaggio sonoro della scena regionale di New York.[62]

In seguito alla pubblicazione dell'album, gli artisti hip hop hanno iniziato sempre di più ad attingere a una vasta gamma di produttori per i loro progetti. All'epoca, l'assemblaggio di grandi nomi della produzione non aveva precedente, poiché la maggior parte degli album hip hop era principalmente il lavoro di un solo produttore dedicato e a volte di un gruppo di produzione incorporato.[9] Eppure l'autore Adam Mansbach riflette sull'impatto dei produttori degni di nota di Illmatic, scrivendo: «l'impatto psicologico sull'ascoltatore di avere tutti questi produttori d'élite – alcuni dei quali, come Q-Tip, non erano ancora realmente noti per fare produzioni esterne ai propri lavori – s'incontra per ornare col merletto il debutto di questo ragazzo del Queensbridge che era straordinario.»[36] Questo stesso modello sarebbe stato utilizzato da altri rapper di successo dell'East Coast. In un articolo sul New York hip hop, Mosi Reeves di Creative Loafing scrive che Illmatic di Nas [...] è il primo a riunire i migliori produttori hip hop dell'industria discografica. Questa formula, estratta con maggior successo più tardi da Notorious B.I.G. (Life After Death, 1997), da Puff Daddy (No Way Out, 1997) e da Jay-Z (Vol. 2... Hard Knock Life, 1998), è quello che la maggior parte dei prospetti di New York usa ancora oggi.[113] Jon Caramanica del The New York Times scrive che dopo la pubblicazione di Illmatic «è diventato comune per i rapper cercare tra diversi produttore che avrebbe potuto migliorare il loro suono.»[114]

Tuttavia, mentre gli artisti hip-hop continuano ad attingere da questo standard per la produzione dall'album, la pratica ha ottenuto anche alcune critiche. In un articolo intitolo «How Nas' Illmatic Ruined Hip-Hop», Insanul Ahmed di Complex nota che una delle «conseguenze non intenzionali» di Illmatic era il declino generale della coesione e della qualità degli album rap: «la prossima cosa che sapevi, è che gli album hanno iniziato ad avere un produttore diverso per ogni canzone. E come un film che ha un regista diverso per ogni scena, l'album diventa una storia sfocata. E questo significa anche che i produttori non erano più legati agli artisti.»[115]

Queensbridge[modifica | modifica wikitesto]

Havoc racconta l'impatto di Illmatic nel Queensbridge in un'intervista del 2004

Noi lo ascoltavamo sempre [Illmatic] rilassandoci con Nas [nel Queensbridge]. La cosa divertente è che era umile con questo. Lo ascoltavo e le canzoni erano talmente malate, che ti faceva venir voglia di piangere. Era tranquillo, «come ti sembra?» L'abbiamo ascoltato traccia dopo traccia, quindi quando è stato pubblicato, non eravamo sorpresi nell'ascoltare la reazione di tutti. Stavano impazzendo tutti. Non si poteva camminare nel ghetto senza ascoltare Illmatic. Era nel tuo cervello.[116]

Illmatic è anche accreditato per aver fatto rivivere la scena rap del Queensbridge.[9] Una volta casa di prestigiosi pionieri come Marley Marl, MC Shan e Roxanne Shanté, il Queensbridge era stata una delle scene hip hop più produttive del Paese durante gli anni ottanta. In un articolo dell'aprile del 2006, un giornalista di XXL scrive della storia e dell'impatto della scena hip hop del Queensbridge, affermando: «a partire dagli anni ottanta, le casi popolari del Queensbridge di New York City sono state documentate meglio di qualsiasi altra posizione geografica. Partendo dal super produttore della dominante Juice Crew Marley Marl negli anni ottanta fino ai primi Nas, Cormega e Capone degli anni novanta, il Ponte ha prodotto il più alto talento pro-capite di qualsiasi altro ghetto.»[117] Nonostante ciò, durante i primi anni novanta, a differenza del passato la scena rap del Queensbridge era stagnante. Secondo Nas: «venivo dall'eredità di Marley Marl, MC Shan e dal tipo di suono della Juice Crew. Conoscendo questi ragazzi nel quartiere, a quel tempo la scena del Queensbridge era morta. Pubblicare lì quell'album ha detto molto per me per portare avanti l'eredità dei pionieri del Queensbridge.»[112]

In seguito all'uscita di Illmatic, il Queensbridge ritorna alla ribalta dopo anni d'oscurità, con un ascendente dell'influente gruppo hardcore hip hop Mobb Deep (che ha acquisito credibilità grazie alla loro affiliazione con Nas) e in seguito con l'emergere del duo di tendenza Capone-N-Noreaga.[9] Nas appare sull'album in studio acclamato dalla critica dei Mobb Deep The Infamous (1995).[9] Inoltre, l'album è accreditato per aver lanciato la carriera del rapper del Brooklyn AZ. AZ, che ha ottenuto visibilità immediata e credibilità underground grazie alla sua presenza in Life's a Bitch, è diventato un collaboratore frequente di Nas, che a sua volta cambia il favore nell'album d'esordio di AZ Doe or Die (1995).

Declino dell'alternative hip hop[modifica | modifica wikitesto]

Illmatic è stata una delle prime pubblicazioni importanti a emergere dalla nascente scena hardcore hip hop di New York, in un periodo in cui gran parte dell'East Coast hip hop era ancora dominata da artisti alternative hip hop come A Tribe Called Quest e De La Soul. Adam Heimlich del New York Press commenta l'attrattiva dell'alternative hip-hop nella scena musicale di New York City e sottolinea che «nel 1994, sembrava che ci fossero più soldi (e sicuramente più riconoscimenti culturali) lavorando con Arrested Development o Digable Planets[118]

Tuttavia, secondo Heimlich, l'album fornisce un «rifiuto esplosivo ed esplicito della assimilazione culturale della maggior parte dell'hip-hop precedente», dovuto al suo uso ruvido del linguaggio e al suo ritratto intransigente del crimine.»[118] Heimlich cita il ruolo di Nas nel risorgente movimento hardcore, scrivendo: «[Nas] è arrivato sulla scena come il bambino d'oro dell'hardcore. Assieme ai Wu-Tang Clan, Nas e Mobb Deep [...] hanno quasi inventato il New York rap degli anni novanta, quando la nozione di "East Coast gangsta" significava ancora Schoolly D o Kool G Rap. Questi tre [...] progettarono il modo e lo stile con cui gli artisti di New York avrebbero affrontato ciò che Snoop e Dre avevano fatto degli argomenti più caldi del rap: droghe e violenza.»[118] Allo stesso modo, il professore della Duke University Mark Anthony Neal, scrive: «Nas era in prima linea in una rinascita dell'East Coast hip hop» in cui «apperve uno stile distinto dell'East Coast del cosiddetto gangsta rap», come ascoltato in pubblicazioni dallo stile simile come C.R.E.A.M. dei Wu-Tang Clan e Everyday Struggle di Notorious B.I.G.[36]

Secondo Steve Huey di AllMusic, nonostante Illmatic contiene forti elementi di jazz rap, ha segnato un importante spostamento regionale verso l'estetica hardcore, segnando «l'inizio di uno spostamento dall'alternative rap ispirato ai Native Tongues[1] Il professore Sohail Dalautzai della University of Southern California commenta l'indebitamento di Illmatic nei confronti dell'hardcore hip hop: «perché nel colmare il divario e rappresentare la strada da spaccone di Kool G Rap, la metafisica di Rakim e le rivoluzionarie filosofie proletarie di Ice Cube, Nas [...] ha unificato i disparati fili di ribellione urbana che stavano divampando dai ciphers delle strade dell'hip-hop.»[114]

West Coast hip hop[modifica | modifica wikitesto]

Il plauso della critica che circonda l'album ha contribuito a spostare l'attenzione dal melodico, basato sul sintetizzatore e indotto dal funk sottogenere del g-funk, che aveva dominato le classifica per un po' di tempo dopo The Chronic (1992) di Dr. Dre.[119] Citando per esempio il popolarissimo Doggystyle (1993) di Snoop Dogg, l'autore Matthew Gasteier scrive: «la prima cosa che si nota immediatamente sulla recensione [della rivista The Source], è che, come essenzialmente ogni altra recensione su Illmatic in pubblicazione come Vibe, Spin, Rolling Stone e il New York Times, menziona Doggystyle di Snoop Doggy Dogg nel primo paragrafo.»[89] Quasi tutti i recensori sentivano il bisogno di contestualizzare la loro risposta a Illmatic all'interno della cornice del g-funk «è un promemoria di quanto lo stile fosse pervasivo all'interno del mondo hip hop e della comunità musicale nel suo complesso.»[89]

Eppure, secondo l'autore Mickey Hess, Illmatic è stato tra quei dischi East Coast che hanno contribuito «a creare paesaggi sonori sparsi, ruvidi e aspri che chiaramente differivano dalle melodie multistrato di Dre.»[120] Come scrive Steve Huey di AllMusic, «ha contribuito a comandare la rinascita artistica del New York hip hop nell'epoca post-Chronic, che porta a un ritorno dell'estetica della strada.»[1] Contrariamente a queste estetiche con gli argomenti trovati nel g-funk, lo scrittore e regista Dream Hampton scrive: «Illmatic era una sporca bomba lanciata alla colonna sonora orchestrale che era The Chronic[121]

Nonostante queste differenze regionali, Hampton accredita a Illmatic l'aver procurato un campo artistico comune per i rapper sulle rap della West Coast e dell'East Coast. Nel saggio del 2009 Born Alone, Die Alone, la Hampton racconta l'impatto dell'album sugli artisti West Coast come Tupac Shakur.[121] Mentre lavorava come giornalista per The Source nel 1994, la Hampton ha coprì tre casi giudiziari che coinvolgevano Tupac. Intorno ha ricevuto una copia anticipa di Illmatic e ha immediatamente dato una versione in cassetta per Tupac, che divenne «un convertito istantaneo» dell'album. Il giorno dopo, continua Hampton, Tupac «è arrivato nell'aula assegnatagli, facendo suonare all'improvviso Illmatic così forte che l'ufficiale giudiziario gli ha urlato di spegnerlo prima che il giudice prendesse posto sulla propria sedia.» Nel suo saggio, Hamtpon implica che il lirismo di Nas potrebbe aver probabilmente influenzato l'album acclamato di Tupac Me Against the World, che è stato registrato nello stesso anno.[121]

L'artista West Coast The Game racconta l'impatto di Illmatic per gli appassionati come lui fuori da New York. Nella sua collaborazione con Nas in Hustlers (2006), racconta un episodio che ha vissuto in gioventù, quando ha deciso di taccheggiare sia Illmatic sia The Chronic in un negozio di dischi nel 1995.

Lirismo[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo della sua uscita, Illmatic ha portato una rinnovata attenzione sul lirismo per l'hip hop – riportando all'epogeo di Kool G Rap, Big Daddy Kane e Rakim.[9][18] Il giornalista musicale Kelefa Sanneh del New York Times scrive di Illmatic, affermando che Nas «ha perfezionato uno stile di rima denso e ra-ta-ta basato sull'eredità dei pionieri degli anni ottanta come Rakim e Big Daddy Kane.»[97] Nel suo libro To the Break of Dawn: A Freestyle on the Hip Hop Aesthetic, William Jelani Cobb scrive dell'impatto di Nas sul lirismo e il paragone con l'eminente Rakim all'epoca:

(EN)

« Nas, the poetic sage of the Queensbridge projects, was hailed as the second coming of Rakim—as if the first had reached his expiration date. [...] Nas never became 'the next Rakim,' nor did he really have to. Illmatic stood on its own terms. The sublime lyricism of the CD, combined with the fact that it was delivered into the crucible of the boiling East-West conflict, quickly solidified [his] reputation as the premier writer of his time.[122] »

(IT)

« Nas, il sapiente poetico delle case popolari del Queensbridge, fu salutato come la seconda venuta di Rakim – come se quest'ultimo avesse raggiunto una sua data di scadenza. [...] Nas non è mai diventato «il nuovo Rakim», né è stato necessario. Illmatic stava alle proprie condizioni. Il sublime lirismo del CD, combinato col fatto d'esser stato consegnato nel crogiolo del ribollente conflitto East-West, solidificò rapidamente la [sua] reputazione come il primo autore del suo tempo. »

Nonostante le basse vendite iniziali, l'album ha avuto un profondo impatto sul circuito underground e a segnato un importante cambiamento stilistico nella musica hip hop introducendo un nuovo standard di lirismo.[48] Prima della pubblicazione dell'album, il lirismo hip hop era per lo più definito da due forme popolari. La prima era caratterizzata da un frenetico flow ragga accompagnato da una consegna lirica eccentrica, spesso senza senso e che era stata resa popolare da gruppi di Brooklyn quali Das EFX e Fu-Schnickens.[123]

L'altro era caratterizzato da un pigro slittamento che sacrificava la complessità del testo per un ritmo più cadenzato e chiaro ed è stato portato al successo da MCs della West Coast hip hop come Snoop Dogg e Warren G.[124] Tuttavia, il contenuto di Nas, la velocità verbale e gli intricati schemi di rime interne ha ispirato diversi rapper ha modificare le proprie abilità liriche.[9][18] Rob Marriott, critico musicale, nota che «rapper come Mobb Deep, Nature, Cormega, Capone, Noreaga, Tragedy Khadafi, Raekwon, Ghostface e persino il paroliere della Città Ventosa Common sembravano trovare nuova ispirazione nella autocoscienza di Nas, nei suoi schemi di rime interne e nella sua padronanza dei dettagli stradali.»[62] Marriott descrive anche l'impatto dell'«approccio poetico» di Illmatic su Jay-Z, scrivendo: «l'MC di Brooklyn ha cambiato il suo stile dai giorni dei suoi discorsi veloci con Jaz-O al produrre Reasonable Doubt, un album segnato dall'introspezione tipica di Nas...».[62]

Molti rapper hanno preso atto dell'influenza di Illmatic sul proprio lirismo. Ghostface Killha racconta: «quando ascoltavo Nas all'epoca, era come "Oh merda! L'ha ucciso." Questo mi ha costretto a fare un passo in più con la mia penna [...] l'intero Illmatic ti ha costretto ad andare avanti a fare roba [...] è stato d'ispirazione.»[125]

Poesia hip hop[modifica | modifica wikitesto]

In aggiunta al suo rapping, Nas ha ottenuto valore per il suo poetico del linguaggio. Il professore Adilifu Nama della California State University Northridge scrive: «con Illmatic, l'hip hop ha assistito alla nascita di un griot urbano che raccontava storie dure dell'alienazione e del trionfo del ghetto come una spoken word di un romanzo di Chester Himes[114] L'autore e lo scrittore musicale Todd Boysd ha scritto del realismo urbano di Nas, affermando che i suoi «testi poetici sono alcune delle parole più toccanti che descrivono l'esperienza urbana postindustriale [...] e assieme al nitido uso della metafora lo pongono ai vertici del gioco in termini di abilità complessive come MC e come critico culturale.»[21] Un editorialista di OhWord.com descrive Nas come «un genio introverso che s'eleva dalle macerie di Reaganomics per benedire il microfono con uno stile sfrontato di poesia di strada introspettiva e redentiva.»[24] Imani Perry, professore all'università di Princeton, descrive Illmatic come «ars poetica, una affermazione definitiva per l'arte della poesia hip hop.»[114]

Secondo l'autore e poeta Kevin Coval, Nas «ha elevato il livello delle barre per gli MCs» facendo progredire il suo lirismo «da punch lines e hot lines a intere immagini di pensieri chiari in forma di rima.» Assieme alla raccolta di poesie di Paul Beatty, Joker Joker Deuce (1994), Coval cita la pubblicazione di Illmatic come un «momento generazionale» che ha segnato lo sviluppo della poesia hip hop.[28] Propria come la poetica hip-hop che veniva scritta e pubblicata per la prima volta su carta, Nas forniva una produzione sonora che catturava definitivamente «la risposta poetica» alla musica hip hop.[28]

Molti dei tropi poetici trovati dentro Illmatic sono diventati termini e frasi presenti nel lessico hip hop.[62] The World is Yours, il riferimento di Nas al dirigibile presente in Scarface, scrive Rob Marriott, «è rimasto un tropo che l'hip-hop a preso a cuore [...] anche la stessa parola "Illmatic" [...] è diventata sinonimo di qualcosa che è sorprendentemente eccellente, nato in strada e/o inaspettato.»[62] Nel 2013, lo scrittore musicale Jeff Weiss ha commentato l'ampio utilizzo del vocabolario di Illmatic, scrivendo: «le frasi e le immagini sono così profondamente radicate nella coscienza del rap da essere diventate un cliché.»[23]

Artisti hip hop[modifica | modifica wikitesto]

Molti rapper mainstream e underground rispettati hanno riconosciuto l'influenza di Illmatic. Questa vasta gamma di artisti include, tra gli altri, Talib Kweli,[126] Lupe Fiasco,[127] i produttori Just Blaze[128] e 9th Wonder,[129] oltre a Wiz Khalifa,[130] Alicia Keys[131] e The Game, che ha inserito dei riferimenti al disco nel suo album d'esordio The Documentary.[132] Nel 2006, Illmatic è stato inserito in una lista di album hip hop acclamati compilata dai Clipse. Malice, membro del duo hip hop, ha dichiarato: «Illmatic ha catturato l'intero stato mentale di New York per me. Ha abbracciato tutto ciò che conoscevo di New York. L'album ha 10 tracce, tutte impeccabili. Io e i miei amici abbiamo grandi ricordi andando in giro ad ascoltarlo, fumando e rilassandoci. Rappresentava tutto ciò che era giusto con l'hip-hop. Questo CD non è più uscito dalla mia collezione.»[133] Il produttore britannico DJ Semxtex, nel 2012 dice che Illmatic è «un album esemplare di perfezione che ha costretto il lirismo e i valori di produzione a evolversi all'interno dell'hip hop. Diciotto anni dopo resta onnipotente.»[134]

Nel 2006 Marc Mac del duo di musica elettronica 4hero, produce una cover di The World is Yours come parte di un progetto che fonde jazz e hip hop, The Visioneeers. I testi di Illmatic sono stati anche campionati da altri rapper, in particolare Ebonics di Big L (campiona It Ain't Hard to Tell), Keep it Real di Milkbone (campiona Life's a Bitch), Real Live Shit di Real Live (campiona It Ain't Hard to Tell), Prosper di Damu the Fudgemunk featuring Raw Poetic (campiona N.Y. State of Mind), In Remembrance di Blu & Exile (campiona The World is Yours e One Love), Nikes on my Feet di Mac Miller (campiona The World is Yours) Rap Game/Crack Game (campiona Represent) e Dead Presidents II entrambe di Jay-Z (campiona The World is Yours).

Eredità e omaggi[modifica | modifica wikitesto]

Fin dalla sua pubblicazione, Illmatic è diventato un punto di riferimento per i rapper debuttanti i cui album sono ampiamente anticipati dalla critica. Gli esperti di hip hop hanno visto gli album d'esordio come cruciali nel generare pubblicità e dare forma all'eredità della carriera di un artista. Dando l'anticipazione storica e il successo che ha accompagnato il debutto di Nas, Illmatic è diventato sinonimo di questo genere di fenomeno. Come scrive un editorialista della rivista Complex, «pensa alla domanda che ti viene in mente ogni volta che un nuovo rapper lascia uscire il suo primo album: "sarà il nuovo Illmatic?"»[135] Nel 2012, la pubblicazione dell'album di Kendrick Lamar Good Kid, M.A.A.D. City è stata paragonato da giornalisti e critici a Illmatic.[136][137] In un'intervista con 2 Dope Boys, Lamar ha commentato il paragona, dichiarando: «Illmatic? Per le persone persino mettere il mio album alla luce di ciò è un risultato. È pazzesco persino essere menzionato con questo, ma allo stesso tempo è spaventoso [...] Quell'epoca – voglio dire che la fascia d'età adesso dovrebbe essere 30, dai 30 ai 40 – loro possono riconoscere che questo era l'album. Illmatic è l'album per l'era degli anni novanta, quando io stavo crescendo [...] è una strana sensazione essere sotto quello stesso tipo di luce, perché ci vuole un sacco di responsabilità per mantenerlo nel lungo periodo e longevo, ed è qualcosa ce non ho ancora [...] quindi Illmatic sarà sempre il numero uno.»[138]

Illmatic è stato anche nominato come modello musicale per altri artisti hip hop. L'album acclamato dalla critica di Common, Be (2005), si dice sia stato modellato sullo standard di Illmatic.[139][140][141] L'esordio di Nas è stato omaggiato anche dal rapper underground Fashawn nel suo mixtape Ode to Illmatic (2010)[142] e dal rapper di Detroit Elzhi che ha pubblicato un album intitolato Elmatic (2011).[143] Prendendo nota della tendenza nell'omaggiare Illmatic, nel 2011 Richard Watson del Guardian scrive «come direbbe Nasir Jones stesso... It Ain't Hard to Tell (non è difficile da dire) perché i rapper di oggi tributino questo album d'esordio. Illmatic è diventato un totem, un'opera che ha riguardato sia la storia dell'hip hop sia che punta verso il proprio futuro.»[144]

Lavori successivi di Nas[modifica | modifica wikitesto]

Mentre il successo dell'album ha aiutato incommensurabilmente la carriera di Nas, gli appassionati hip hop hanno citato l'album come il suo inevitabile «dono e maledizione.»[27][42] A causa della sua fama critica, i successi album in studio di Nas sono stati valutati paragonandoli a Illmatic, nonostante tutti abbiano superato il suo album d'esordio.[27] Attraverso questo standard, sono stati spesso giudicati come dei seguiti mediocri.[42] Dopo che il manager Steve Stoute ha convinto Nas ha puntare i suoi sforzi in una direzione più commerciale per l'album successivo del 1996, It Was Written, Nas chiama il team di produzione Trackmasters, che erano noti per il lavoro lavoro mainstream all'epoca.[9] Il seguito è stato criticato per l'aver abbracciato temi gangsta/mafioso rap e argomenti materialistici, ma si è dimostrato un successo commerciale vendendo oltre tre milioni di copie.[9] I critici hanno dato giudizi contrastanti e il consenso generale è che non è riuscito a mantenere lo status di classico di Illmatic.[145] Molti fan di Illmatic hanno etichettato i suoi lavori successivi come una svendita, grazie alla sua sensibilità crossover (ad esempio partecipando con il gruppo hip hop The Firm) e ai suoi successi radiofonici nelle classifiche pop, come per esempio If I Ruled the World (Imagine That) (1996) e Hate Me Now (1999).[9]

Quando ha pubblicato il suo terzo e il suo quarto album in studio, rispettivamente I Am... e Nastradamus (entrambi nel 1999), che hanno subito continue modifiche a causa dell'immissione di copie illegali delle sessioni di registrazione,[9] molti appassionati e critici temevano che la sua carriera si stesse deteriorando, poiché entrambi gli album hanno ricevuto ulteriori critici per il loro suono orientato ancora verso un pubblico commerciale.[9] Riflettendo questa percezione diffusa nella comunità hip hop e poiché all'epoca era ancora in corso la sua faida con Nas, Jay-Z lo ha deriso in Takeover (2001) per aver fatto «in media un album buono [Illmatic] ogni dieci anni.»[146] Un giornalista scrivendo per The Source ha commentato l'esigente eredità dell'esordio di Nas: «incolpa l'eccellenza, incolpa la perfezione e l'aggressione. Incolpa uno dei momenti più belli dell'hip-hop per la prigione che oggi intrappola Nasir Jones – incolpa Illmatic[147] Tuttavia, Nas, ha fatto una specie di ritorno con il suo quinto album Stillmatic (2001) e col il successivo sforzo, l'acclamato God's Son (2002), così come The Lost Tapes (2002), una raccolta dei suoi brani precedentemente registrati nelle sessioni per gli album I Am... e Nastradamus, ma non pubblicati.[9] In seguito, i suoi album successivi furono tutti ben accolta dalla critica.[148] Ciò nonostante, la maggior parte degli appassionati ha considerato Illmatic come il suo album definitivo.[42]

Illmatic è stato pubblicato in un'edizione deluxe inclusa in un libro di 48 pagine contenente foto, illustrazioni, testi e note di copertina grazie al fondatore di The Source Jon Schecter.[149] Nel 2014 Nas annuncia Illmatic XX, l'edizione del ventesimo anniversario dall'uscita originale di Illmatic: Illmatic XX esce il 15 aprile, quattro giorni prima dell'anniversario originale e include una versione rimasterizzata di Illmatic, un disco extra di demo, remix e inediti di quell'epoca della carriera di Nas.[150][151]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. The Genesis – 1:45 (musica: Faith Newman, Nas)
  2. NY State of Mind – 4:53 (testo: Christofer Martin, Nasir Jones – musica: DJ Premier)
  3. Life's a Bitch (featuring AZ) – 3:29 (testo: Jones, Anthony Cruz, Oliver Scott, Ronnie Wilson, Olu Dara – musica: L.E.S.. Co-produzione: Nas. Cornetta: Olu Dara)
  4. The World is Yours – 4:50 (testo: Jones, Pete Phillips – musica: Pete Rock)
  5. Halftime – 4:20 (testo: Jones, William Paul Mitchell, Gary Byrd – musica: Large Professor)
  6. Memory Lane (Sittin' In Da Park) – 4:07 (testo: Jones, Martin, Peg Barsella, Reuben Wilson – musica: DJ Premier)
  7. One Love – 5:24 (testo: Jones, Jonathan Davis, Jimmy Heath – musica: Q-Tip)
  8. One Time 4 Your Mind – 3:18 (testo: Jones, Mitchell – musica: The Large Professor)
  9. Represent – 4:13 (testo: Jones, Martin – musica: DJ Premier)
  10. It Ain't Hard to Tell – 3:22 (testo: Jones, Mitchell – musica: The Large Professor)

Durata totale: 39:41

Edizione bonus rimasterizzata del 2004
  1. Life's a Bitch (Remix) (featuring AZ) – 3:00 (testo: Jones, Dana Stinson – musica: Rockwilder)
  2. The World Is Yours (Remix) – 3:56 (testo: Jones, Kenny Rankin, O. Glover, T. Aviles, M. Fortunato – musica: Vibesmen)
  3. One Love (Remix) – 3:29 (testo: Jones, N. Loftin, Thom Bell, Deniece Williams – musica: Nick Fury)
  4. It Ain't Hard to Tell (Remix) – 3:26 (testo: Jones, N. Loftin – musica: Nick Fury)
  5. On the Real – 3:26 (testo: Jones, Marlon Williams, Isaac Hayes, David Porter – musica: Marley Marl)
  6. Star Wars – 4:08 (testo: Jones, Mitchell – musica: Large Professor)
Illmatic XX
  1. I'm Villain – 4:30 (musica: Jae Supreme)
  2. The Stretch Armstrong And Bobbito Show On Wkcr October 28, 1993 (featuring 6'9", Jungle & Grand Wizard) – 7:46 (musica: Stretch Armstrong)
  3. Halftime (Butcher Remix) – 4:36 (musica: Joe "The Butcher" Nicolo)
  4. It Ain't Hard to Tell (Remix) – 2:49 (musica: Large Professor)
  5. One Love (LG Main Mix) – 5:32 (musica: The LG Experience)
  6. Life's a Bitch (Arsenal Mix) featuring AZ) – 3:30 (musica: Def Jef & Meech Wells)
  7. One Love (One L Main Mix) (featuring Sadat X) – 5:43 (musica: Godfather Don, The Groove Merchantz & Victor Padilla)
  8. The World Is Yours (Tip Mix) – 4:28 (musica: Q-Tip)
  9. It Ain't Hard to Tell (The Stink Mix) – 3:20 (musica: Dave Scratch)
  10. It Ain't Hard to Tell (The Laidback Remix) – 3:36 (musica: The Creators)

Campioni[modifica | modifica wikitesto]

The Genesis[152]
N.Y. State of Mind[152]
Life's a Bitch[152]
The World Is Yours[152]
Halftime[152]
Memory Lane (Sittin' in da Park)[152]
One Love[152]
One Time 4 Your Mind[152]
  • Walter L di Jimmy Gordon & His Jazznpops Band
Represent[152]
It Ain't Hard to Tell[152]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Nas – voce, produttore (traccia 1), co-produttore (traccia 3)
  • AZ – voce aggiuntiva (traccia 3)
  • Olu Dara – cornetta
  • Q-Tip – voci, produttore (traccia 7)
  • Pete Rock – voci, produttore (traccia 4)
  • DJ Premier – produttore (tracce 2, 6 e 9)
  • Diego Garrido – ingegnere audio, missaggio
  • Jack Hersca – assistente ingegnere audio
  • Large Professor – produttore (tracce 5, 8 e 10)
  • Tim "The Funky Red" Lathem – ingegnere audio
  • L.E.S. – produttore (traccia 3)
  • Faith Newman – produttrice esecutiva
  • MC Serch – produttore esecutivo
  • Anton "Sample This" Pushansky – ingegnere audio
  • Kevin Reynolds – ingegnere audio
  • Eddie Sancho – ingegnere audio
  • Jamey Staub – ingegnere audio
  • Louis Tineo – assistente ingegnere audio
  • Jason Vogel – ingegnere audio
  • Stan Wallace – ingegnere audio
  • Aimee Macauley – direttore artistico
  • Danny Clinch – fotografia
  • Tony Dawsey – capo ingegnere audio

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche settimanali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1994) Posizione
massima
Stati Uniti[153] 12
US Top R&B/Hip-Hop Albums[154] 2
Classifica (2012) Posizione
massima
UK R&B[155] 38
Classifica (2014) Posizione
massima
Belgio (Fiandre)[156] 181
Belgio (Vallonia)[156] 163
Francia[156] 151
Regno Unito[157] 57
UK R&B[158] 5
Stati Uniti[159] 18
US Catalog Albums[160] 1
US Digital Albums[161] 18
US Tastemaker Albums[162] 2

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1994) Posizione
massima
US Top R&B/Hip-Hop Albums[163] 42

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Le informazioni riguardanti i riconoscimenti attribuiti a Illmatic sono adattate da Acclaimed Music.[93]

Pubblicazione Paese Riconoscimento Anno Classifica
About.com Stati Uniti d'America 100 Greatest Hip-Hop Albums[91] 2008 1
Best Rap Albums of 1994[164] 2008 1
10 Essential Hip-Hop Albums[4] 2008 1
Blender 500 CDs You Must Own Before You Die 2003 *
Ego Trip Hip Hop's 25 Greatest Albums by Year 1980–98 1999 1
Ink Blot Albums of the 90s 2002 11
MTV The Greatest Hip Hop Albums of All Time[165] 2005 2
Music Underwater Top 100 Albums 1990–2003 2004 45
Pitchfork Top 100 Favorite Records of the 1990s 2003 33
Robert Dimery 1001 Albums You Must Hear Before You Die 2006 *
Rolling Stone The 500 Greatest Albums of All Time 2012 314
100 Best Albums of the 90s[166] 2010 26
The Essential Recordings of the 90s 1999 *
The Source 100 Best Rap Albums[105] 1998 *
The Critics Top 100 Black Music Albums of All Time[102] 2006 5
Spin Top 100 Albums of the Last 20 Years 2005 17
Stylus Top 101–200 Albums of All time 2004 143
Tom Moon 1000 Recordings to Hear Before You Die[167] 2008 *
Vibe 51 Albums representing a Generation, a Sound and a Movement 2004 *
Top 10 Rap Albums[44] 2002 4
The Village Voice Albums of the Year 2000 33
Hip Hop Connection Regno Unito Top 100 Readers Poll[103] 2003 3
Mojo Mojo 1000, the Ultimate CD Buyers Guide 2001 *
NME Albums of the Year 1994 33
The New Nation Top 100 Albums by Black Artists 2004 5
Select Albums of the Year 1994 18
The 100 Best Albums of the 90s 1996 99
Juice Australia The 100 (+34) Greatest Albums of the 90s 1999 101
Exclaim! Canada 100 Records That Rocked 100 Issues 2000 *
Les Inrockuptibles Francia 50 Years of Rock'n'Roll 2004 *
Spex Germania Albums of the Year 1994 9
Juice The Hundred Most Influential Rap Albums Ever 2002 4
OOR Paesi Bassi Albums of the Year 1994 42
VPRO 299 Nominations of the Best Album of All Time 2006 *
The Movement Nuova Zelanda The 101 Best Albums of the 90s 2004 51
Dance de Lux Spagna The 25 Best Hip-Hop Records 2001 25
Rock de Lux The 150 Best Albums from the 90s 2000 134
Pop Svezia Albums of the Year 1994 9
(*) quando l'album è inserito in una lista non ordinata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h (EN) Steve Huey, Illmatic – Nas, AllMusic. URL consultato il 20 gennaio 2007.
  2. ^ (EN) This Month's Certifications - Audio Certifications, cria.ca. URL consultato il 4 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2010).
  3. ^ (EN) Gold & Platinum, riaa.com. URL consultato il 26 maggio 2017.
  4. ^ a b (EN) Top 10 Essential Hip-Hop Albums - 10 Essential Rap/Hip-Hop Albums, Rap.about.com, 9 aprile 2014. URL consultato il 16 aprile 2014.
  5. ^ Petrusich, Amanda. (EN) Pop and Rock Listings: Nas. The New York Times. Retrieved on March 20, 2009.
  6. ^ (EN) The Week of May 3, 2014 - Billboard 200, Billboard.com.
  7. ^ a b c Foster, S. (2004). (EN) "Bridging the Gap (Part 2)". Ave Magazine, pp. 48–54.
  8. ^ Huey, Steve. (EN) Review: Breaking Atoms. Allmusic. Retrieved on January 20, 2009.
  9. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q Cowie, Del. (EN) Nas: Battle Ready. Exclaim!. Retrieved on January 20, 2007.
  10. ^ (EN) Nas Fanpage – Untitled in stores NOW!! – Ill Will Records][collegamento interrotto]. Nasty-Nas.de.tl. Retrieved on November 5, 2008.
  11. ^ a b c (EN) Christopher John Farley, Music: Street Stories, in Time, New York, 20 giugno 1994. URL consultato l'8 marzo 2013.
  12. ^ Huey, Steve. (EN) 3rd Bass: Biography. Allmusic. Retrieved on February 22, 2009.
  13. ^ Wheeler, Austin. (EN) "T-Ray Interview". Elemental: 63. 2004.
  14. ^ Wheeler, Austin. (EN) "T-Ray Interview". Elemental: 64. 2004. Archived from the original on August 20, 2009.
  15. ^ a b c d e f g h i j Shecter, Jon.(EN) The Second Coming, su home.gwu.edu. URL consultato il 6 gennaio 2006 (archiviato dall'url originale il 23 agosto 2007). . The Source: 45–46, 84. April 1994.
  16. ^ a b Bush, John. (EN) DJ Premier: Biography. Allmusic. Retrieved on February 22, 2009.
  17. ^ a b Bush, John. (EN) The Sun Rises in the East: Overview. Allmusic. Retrieved on February 22, 2009.
  18. ^ a b c d (EN) Nas: The Genesis. MTV. Retrieved on May 22, 2008.
  19. ^ a b (EN) Wang (2003), p. 120.
  20. ^ a b (FI) NY State of mind-fiilistely ja samalla pettymys-olo topic[collegamento interrotto]. Basso Media. Retrieved on January 19, 2009.
  21. ^ a b Boyd (2004), p. 91.
  22. ^ a b c Chennault, Sam. (EN) Reviews: Illmatic Archiviato il 9 marzo 2009 in Internet Archive.. Rhapsody. Retrieved on March 15, 2009.
  23. ^ a b c d e f (EN) Illmatic Reissue Review Retrieved on March 8, 2013
  24. ^ a b R.H.S. (EN) A Queens Lineage: Mobb Deep – The Infamous Archiviato il 8 luglio 2006 in Internet Archive.. Oh Word. Retrieved on February 9, 2006.
  25. ^ Dyson, Michael Eric., and Sohail Daulatzai. (EN) "Rebel In America" Born to Use Mics: Reading Nas's Illmatic. pp. 33–60
  26. ^ NPR (EN) Nas On Marvin Gaye's Marriage, Parenting And Rap Genius Accessed on July 31, 2012
  27. ^ a b c d e f g h ego trip. (EN) Hess (2007), pp. 345–346.
  28. ^ a b c d e f g h i j (EN) All The Words Past The Margins, Adam Mansbach. URL consultato il 16 aprile 2014.
  29. ^ Dyson, Michael Eric., and Sohail Daulatzai. (EN) Born to Use Mics: Reading Nas's Illmatic. pp. 2–3
  30. ^ a b Dyson, Michael Eric., and Sohail Daulatzai. (EN) "Rebel to America:'N.Y. State of Mind' After the Towers Fells" Born to Use Mics: Reading Nas's Illmatic., pp. 2010. 117–28.
  31. ^ Dyson, Michael Eric., and Sohail Daulatzai. (EN) "Elegy for Illmatic." Born to Use Mics: Reading Nas's Illmatic., pp. 2010. 237–40.
  32. ^ Dyson, Michael Eric., and Sohail Daulatzai. (EN) "Memory Lane: On Jazz, Hip Hop, and Fathers." Born to Use Mics: Reading Nas's Illmatic., pp. 2010. 117–28.
  33. ^ a b c d e f (EN) RapReviews: Illmatic. RapReviews. Retrieved on February 11, 2009.
  34. ^ a b c d e Dyson, Michael Eric., and Sohail Daulatzai. (EN) "This is Illmatic: A Song for My Father, A Letter to My Son" Born to Use Mics: Reading Nas's Illmatic., pp. 2010. 61–74.
  35. ^ Dyson, Michael Eric., and Sohail Daulatzai. (EN) "Preface" Born to Use Mics: Reading Nas's Illmatic. pp. ix – xi
  36. ^ a b c d e Dyson, Michael Eric., and Sohail Daulatzai. (EN) "It Was Signified: 'The Genesis'" Born to Use Mics: Reading Nas's Illmatic. pp. 13–32
  37. ^ a b c d Waste, Kenny (EN) "Niggaz Don't Listen": Communication in Nas's "The Genesis" Accessed on April 12, 2013
  38. ^ (EN) 2005 Pop Conference Bios/Abstracts, su emplive.org. URL consultato il 27 aprile 2006 (archiviato dall'url originale il 27 dicembre 2005).. emplive.org. Retrieved on January 20, 2007.
  39. ^ Dyson, Michael Eric., and Sohail Daulatzai. (EN) "It Ain't Hard to Tell': A Story of Lyrical Transcendence." Born to Use Mics: Reading Nas's Illmatic., pp. 195–212.
  40. ^ Dyson, Michael Eric., and Sohail Daulatzai. (EN) "Represent: Queensbridge and the Art of Living" Born to Use Mics: Reading Nas's Illmatic., pp. 2010. 179–94.
  41. ^ Dyson, Michael Eric., and Sohail Daulatzai. (EN) "It Was Signified: 'The Genesis'" Born to Use Mics: Reading Nas's Illmatic., pp. 2010. 13–32.
  42. ^ a b c d e f g h Hill, Marc. (EN) Review: Illmatic. PopMatters. Retrieved on February 11, 2006.
  43. ^ a b c (EN) Greg Kot, Nas Has It Newcomer's Debut Establishes Him as the King of East Coast Hard-Core, in Chicago Tribune, 5 maggio 1994, Tempo section, p. 7. URL consultato l'8 marzo 2013.
  44. ^ a b c Columnist. (EN) "Review: Illmatic". Q: 142. March 1997.
  45. ^ (EN) iTunes Store: DJ Premier Productions. Apple Inc. Retrieved on February 19, 2009.
  46. ^ a b (EN) Charles Aaron, Nas: Illmatic, in Spin, vol. 10, nº 5, New York, August 1994, p. 84. URL consultato l'8 marzo 2013.
  47. ^ a b c d e f g h i j Love, Dan. (EN) Deconstructing Illmatic Archiviato il 25 marzo 2009[Date non combacianti] in Internet Archive.. Oh Word. Retrieved on February 15, 2008.
  48. ^ a b Yew, Ben.(EN) Retrospect for Hip-Hop: A Golden Age on Record?, su proudfleshjournal.com. URL consultato il 15 marzo 2007 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2007). . Proudflesh: A New Afrikan Journal of Culture, Politics & Consciousness. Retrieved on October 20, 2006.
  49. ^ (EN) Nas Video Retrospective: 'It Ain't Hard to Tell'. The Boombox. Retrieved on February 19, 2009.
  50. ^ a b c d e (EN) MVRemix: Illmatic. MVRemix Media. Retrieved on February 14, 2009.
  51. ^ a b (EN) Nas: A look at a hip-hop masterpiece, ten years removed. PrefixMag. Retrieved on February 12, 2009.
  52. ^ a b c d e D. Spence. (EN) Review: Illmatic (Anniversary Reissue) Archiviato il 17 gennaio 2008 in Internet Archive.. IGN. Retrieved on February 12, 2009.
  53. ^ (EN) Top 100 Rap Songs - These are the Top 100 Rap Songs that helped shaped Hip-Hop - Top 100 Rap Songs, Rap.about.com. URL consultato il 16 aprile 2014.
  54. ^ Ling, Tony. (EN) Treble: Illmatic Archiviato il 1º dicembre 2008, in Internet Archive.. Treble Media. Retrieved on February 22, 2009.
  55. ^ (EN) Icons of Hip Hop. Hess (2007), pp. 360.
  56. ^ (EN) Illmatic: Ten-Year Anniversary Series Review on Blender Archiviato il 3 maggio 2005 in Internet Archive.. Maxim Digital. Retrieved on February 11, 2009.
  57. ^ Sloppy Joe. (EN) Review of Illmatic. MSU. Retrieved on March 15, 2009.
  58. ^ Markman, Rob. (EN) The Genesis Archiviato il 12 marzo 2009 in Internet Archive.. XXL. Retrieved on March 15, 2009.
  59. ^ a b (EN) Discogs.com – Nas – Illmatic. Discogs. Retrieved on August 10, 2008.
  60. ^ a b (EN) 19 Tributes & Parodies of Nas’ Illmatic Album Cover. Ego Trip. Retrieved on May 21, 2013.
  61. ^ (EN) ByronCrawford.com: Illmatic vs. New Miserable Experience. Byron Crawford. Retrieved on February 19, 2009.
  62. ^ a b c d e f g h i Marriott, Rob. (EN) 10 Ways Nas' "Illmatic" Changed Hip-Hop. Complex. Retrieved on 2013-05-20.
  63. ^ (EN) XXLmag.com – » The Carter III > Illmatic Archiviato il 10 marzo 2009 in Internet Archive.. XXL. Retrieved on February 11, 2009.
  64. ^ Raekwon. (EN) "Shark Niggas (Biters)", Only Built 4 Cuban Linx..., Loud, 1995. See also: Nas. "Last Real Nigga Alive", God's Son, Columbia, 2002.
  65. ^ (EN) Discogs.com – Nas – Illmatic (FR). Discogs. Retrieved on August 10, 2008.
  66. ^ (EN) Discogs.com – Nas – Illmatic (NE). Discogs. Retrieved on August 10, 2008
  67. ^ (EN) Discogs.com – Nas – Illmatic (CA). Discogs. Retrieved on August 10, 2008.
  68. ^ (EN) Discogs.com – Nas – Illmatic (UK). Discogs. Retrieved on August 10, 2008.
  69. ^ a b Basham, David. (EN) Got Charts? Nas Lookin' To Grow Legs; Jay-Z Unplugs. MTV News. Retrieved on January 20, 2007.
  70. ^ (EN) allmusic ((( Illmatic > Charts & Awards > Billboard Singles ))). All Media Guide, LLC. Retrieved on January 20, 2007.
  71. ^ a b (EN) Hip Hop Album Sales: Week Ending 04/20/2014, in Hip Hop DX, 23 aprile 2014. URL consultato il 26 luglio 2016.
  72. ^ (EN) Gold & Platinum Certification – April 2002, Canadian Recording Industry Association. URL consultato il 19 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2010).
  73. ^ a b (EN) Ian McCann, Nas – Illmatic, in NME, London, 9 luglio 1994, p. 44. URL consultato l'8 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 17 agosto 2000).
  74. ^ a b (EN) Dimitri Ehrlich, Illmatic, in Entertainment Weekly, nº 219, New York, 22 aprile 1994. URL consultato l'8 marzo 2013 (archiviato il 9 marzo 2013).
  75. ^ a b (EN) Touré, Illmatic, in Rolling Stone, New York, 25 agosto 1994. URL consultato l'8 marzo 2013 (archiviato il 9 marzo 2013).
  76. ^ (EN) Nas: Illmatic, in Mojo, 2004, p. 103. URL consultato l'8 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2010).
  77. ^ a b (EN) Robert Christgau, Nas/The Roots, in MSN Music, 18 giugno 2013. URL consultato il 17 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2013).
  78. ^ (EN) Jeff Weiss, Nas: Illmatic, in Pitchfork, 23 gennaio 2013. URL consultato il 24 gennaio 2013.
  79. ^ (EN) Colin Larkin, Nas, in Encyclopedia of Popular Music, Omnibus Press, 2011, ISBN 0-85712-595-8.
  80. ^ a b (EN) James T. Jones IV, Rapper NAS mines his gritty life for eloquent `Illmatic', in USA Today (McLean), 10 maggio 1994, Life section, p. 10.D. URL consultato l'8 marzo 2013.
  81. ^ (EN) Curtis, 2010, p. 417.
  82. ^ (EN) Alex Abramovicha, Hip-Hop Family Values, in The New York Times, 5 dicembre 2004. URL consultato l'8 marzo 2013 (archiviato il 9 marzo 2013).
  83. ^ (EN) Richard Harrington, Recordings ;Rap That Sticks; Nas's `Illmatic': One Dynamite Debut, in The Washington Post, 4 maggio 1994, Style section, p. c.07. URL consultato l'8 marzo 2013.
  84. ^ (EN) Heidi Siegmund, In Brief, in Los Angeles Times, 22 maggio 1994. URL consultato l'8 marzo 2013 (archiviato il 9 marzo 2013).
  85. ^ (EN) Robert Christgau, Reviews, in Playboy, June 1994. URL consultato il 3 marzo 2013.
  86. ^ a b c (EN) Shortie, Nas: Illmatic, in The Source, nº 55, New York, April 1994, p. 73. URL consultato l'8 marzo 2013 (archiviato il 10 giugno 2010).
  87. ^ (EN) Kim Osorio, 5 Mics: Who Got Next?, The Source. URL consultato il 14 maggio 2012.
  88. ^ a b c d e f (EN) The Greatest Story Never Told, su hiphopdx.com. URL consultato il 9 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2007). . HipHopDX. Retrieved on January 20, 2007.
  89. ^ a b c d e Gasteier, Matthew (EN) Nas's Illmatic 2009 pp. 52–54.
  90. ^ Reginald C. Dennis (EN) Death Of a Dynasty. HipHopdx.com
  91. ^ a b (EN) The Greatest Hip-Hop Albums of all Time, Rap.about.com, 11 aprile 2014. URL consultato il 16 aprile 2014.
  92. ^ (EN) Illmatic: The Best Hip Hop Album of All Time Archiviato il 17 luglio 2009 in Internet Archive.. Hip Hop Blogs. Retrieved on August 31, 2008.
  93. ^ a b c (EN) Acclaimed Music – Illmatic Archiviato il 12 maggio 2008 in Internet Archive.. Acclaimed Music. Retrieved on August 10, 2008.
  94. ^ Pareles, Jon. (EN) The Week Ahead: May 14 – May 20; Pop/Jazz. The New York Times. Retrieved on March 20, 2009.
  95. ^ (EN) Henderson (2002), p. 133.
  96. ^ Leeds, Jeff. (EN) Rapper Nas Is to Join Label Led by Former Rival Jay-Z. The New York Times. Retrieved on March 20, 2009.
  97. ^ a b Sanneh, Kelefa. (EN) Nas Writes Hip-Hop's Obituary. The New York Times. Retrieved on March 20, 2009.
  98. ^ (EN) Ryan et al. 2004, pp. 568–69.
  99. ^ a b Columnist. (EN) "Retrospective: XXL Albums". XXL: December 2007.
  100. ^ Goldstein, Hartley (November 17, 2003). (EN) Top 100 Albums of the 1990s Archiviato il 4 maggio 2007 in Internet Archive.. Pitchfork. Retrieved on January 20, 2007.
  101. ^ (EN) Rolling Stone Lists: The Essential Recordings of the '90s. Rocklist. Retrieved on March 15, 2009.
  102. ^ a b (EN) The Critics Top 100 Black Music Albums of All Time Archiviato il 4 febbraio 2012[Date non combacianti] in Internet Archive.. TrevorNelson.com. Retrieved on January 20, 2007.
  103. ^ a b (EN) Vinyl.com: Illmatic. Vinyl. Retrieved on February 11, 2009.
  104. ^ (EN) The Greatest Hip Hop Albums Of All Time. MTV. Retrieved on January 20, 2007.
  105. ^ a b (EN) The Source: 100 Best Rap Albums. Rocklist. Retrieved on February 22, 2009.
  106. ^ (EN) 500 Greatest Albums: Illmatic – Nas, in Rolling Stone, Jann S. Wenner. URL consultato l'11 maggio 2012.
  107. ^ Wenner, Jann S., ed. (2012). (EN) Rolling Stone – Special Collectors Issue – The 500 Greatest Albums of All Time. USA: Wenner Media Specials. ISBN 978-7098934196
  108. ^ Huey, Steve. (EN) Illmatic – 10th Anniversary Platinum Edition. Allmusic. Retrieved on February 22, 2009.
  109. ^ (EN) Robert Dimery e Michael Lydon, 1001 Albums You Must Hear Before You Die: Revised and Updated Edition, Universe, 23 marzo 2010, ISBN 978-0-7893-2074-2.
  110. ^ (EN) The Village Voice, The 50 Most New York City Albums Ever, in Village Voice (New York City), 19 febbraio 2014. URL consultato il 24 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2014).
  111. ^ a b Gloden, Gabe. (EN) I Love 1994. Stylus Magazine. Retrieved on 2013-04-11.
  112. ^ a b (EN) Nas & Rakim: Meeting of The Kings. MTV. Retrieved on January 20, 2007.
  113. ^ Reeves, Mosi. (EN) Is New York hip-hop dead?. Creative Loafing. Retrieved on January 20, 2007.
  114. ^ a b c d Dyson, Michael Eric., and Sohail Daulatzai. (EN) Nighttime is More Trife Than Ever Born to Use Mics: Reading Nas's Illmatic., pp. 2010. 255–60.
  115. ^ Ahmed, Insanul. (EN) How Nas' "Illmatic" Ruined Hip-Hop. Complex. Retrieved May 20, 2013.
  116. ^ (EN) The Year Hip-Hop Was Reborn: A Look Back At 1994, MTV. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  117. ^ (EN) XXLmag.com | Hip-Hop On A Higher Level | » Mobb Deep's Queensbridge Classics Archiviato il 10 dicembre 2008[Date non combacianti] in Internet Archive.. Harris Publications, Inc. Retrieved on September 1, 2008.
  118. ^ a b c Heimlich, Adam. (EN) Hiphop's Year One: Nas, Mobb Deep and Wu-Tang Clan Face 9/11. New York Press: Volume 15, Issue 4. Retrieved on January 20, 2007.
  119. ^ (EN) Biography: Nas.
  120. ^ (EN) Icons of Hip Hop. Hess (2007), pp. 335–336.
  121. ^ a b c Dyson, Michael Eric., and Sohail Daulatzai. (EN) "Born Alone, Die Alone." Born to Use Mics: Reading Nas's Illmatic., pp. 2010. 241–43.
  122. ^ Cobb (2006), p. 142.
  123. ^ Marshall, Wayne. (EN) Hearing Hip-Hop's Jamaican Accent Archiviato il 14 gennaio 2009 in Internet Archive.. Brooklyn College of the City University of New York. Retrieved on February 22, 2009.
  124. ^ Torgoff (2004), pp. 360–361.
  125. ^ Vasquez, Andres (EN) Ghostface Killah Says "Illmatic" Made Him "Step His Pen Game Up" HipHopDX Retrieved June 16, 2013
  126. ^ Kweli, Talib (EN) My Top 100 Hip Hop Albums talibkweli.tumblr.com Retrieved on March 8, 2013.
  127. ^ Fiasco, Lupe (EN) Lupe Fiasco Talks About Nas On OK Player thelupendblog.com Retrieved on March 8, 2013.
  128. ^ (EN) New Saigon & Just Interview – Speak on Amerikaz Most, Illmatic, Wu & 50 cent slumz.boxden.com Retrieved on March 8, 2013.
  129. ^ (EN) Sampling Soul: 9th Wonder On Illmatic Retrieved on March 9, 2013.
  130. ^ (EN) #10. Nas, Illmatic (1994) — Wiz Khalifa's 25 Favorite Rap Albums, Complex, 29 marzo 2011. URL consultato il 16 aprile 2014.
  131. ^ Keys, Alicia (EN) Alicia Key's 25 Favorite Rap Albums Complex.com Retrieved on March 8, 2013.
  132. ^ The Game. (EN) "Hustlers", The Documentary, Interscope, 2005.
  133. ^ Frederick, Brendan. (EN) Clipse The Untouchables. XXL magazine. Retrieved on January 20, 2007.
  134. ^ (EN) Nas - In His Own Words, Huckmagazine.com, 15 dicembre 2012. URL consultato il 16 aprile 2014.
  135. ^ (EN) The 50 Greatest Debut Albums in Hip-Hop History Retrieved March 10, 2013
  136. ^ Hale, Andreas (EN) The Brilliance Of Kendrick Lamar, Illmatic Comparisons And The Fear Giving Classic Ratings Retrieved March 8, 2013
  137. ^ Murray, Keith (EN) IS KENDRICK LAMAR'S 'GOOD KID, M.A.A.D CITY' THE MOST IMPORTANT DEBUT SINCE 'ILLMATIC'? Retrieved March 8, 2013
  138. ^ Rebello, Ian (EN) Kendrick Lamar Says Nas’ 'Illmatic' Album Will Always Be Number 1 In Comparison To ‘Good Kid, m.A.A.d. City’ Archiviato il 3 aprile 2013 in Internet Archive. Retrieved 2013-03-08
  139. ^ Reid, Shaheem. (EN) Mixtape Mondays: Chronicles of Junior Mafia. MTV. Retrieved on January 20, 2007.
  140. ^ Diaz, Ruben. (EN) 5 Minutes With Common[collegamento interrotto]. BallerStatus. Retrieved on January 20, 2007.
  141. ^ (EN) UniversalUrban: Common. umusic.ca. Retrieved on January 20, 2007.
  142. ^ XXL staff. (EN) Ode To lllmatic Mixtape Archiviato il 13 giugno 2010 in Internet Archive.. XXL magazine. Retrieved on 2010-06-11.
  143. ^ (EN) Elzhi – Elmatic Retrieved 27/02/12
  144. ^ Watson, Richard (EN) That Illmatic magic: revisiting Nas's masterpiece Retrieved April 5, 2013
  145. ^ (EN) Sputnikmusic: Staff Review – It Was Written. Sputnikmusic.com. Retrieved on February 11, 2009.
  146. ^ Hinds, Selwyn Seyfu. (EN) Kings of New York. Village Voice. Retrieved on February 20, 2009.
  147. ^ (EN) The Burden Of An Illmatic MC, Hunting The Great Ghost Of Nas Archiviato il 27 maggio 2014 in Internet Archive.. theparkerreport.com. Retrieved on March 8, 2013.
  148. ^ (EN) Nas Profile, Metacritic. URL consultato il 13 settembre 2012.
  149. ^ (EN) Michael Roffman, Nas’ Illmatic receives deluxe reissue, Consequence of Sound, 7 dicembre 2012. URL consultato l'8 dicembre 2012.
  150. ^ (EN) Edwin Ortiz, Nas Preps "Illmatic XX" 20th Anniversary Edition, Plans to Perform Whole Album on Tour, in Complex Music, 4 febbraio 2014.
  151. ^ (EN) Gerrick D. Kennedy, Nas to mark 20th anniversary of ‘Illmatic’ with reissue, film, tour, in Washington Post, 8 febbraio 2014.
  152. ^ a b c d e f g h i j (EN) TheBreaks.com album samples. TheBreaks.com. Retrieved on January 20, 2007.
  153. ^ (EN) Billboard 200, Billboard.com.
  154. ^ (EN) Top R&B/Hip-Hop Albums, Billboard.com.
  155. ^ 2012-07-22 Top 40 Official UK Albums Archive, Official Charts Company. URL consultato il 2 marzo 2018.
  156. ^ a b c (FR) Nas - Illmatic
  157. ^ (EN) Official Albums Chart 100
  158. ^ (EN) Official R&B Albums Chart Top 40
  159. ^ (EN) Billboard 200, billboard.com.
  160. ^ (EN) Catalog Albums, billboard.com.
  161. ^ (EN) Digital Albums, billboard.com.
  162. ^ (EN) Tastemakers, billboard.com.
  163. ^ (EN) Top R&B/Hip-Hop Albums (Year end), Billboard.com.
  164. ^ (EN) Best Rap Albums of 1994, Rap.about.com, 14 ottobre 2006. URL consultato il 16 aprile 2014.
  165. ^ (EN) MTV.com: List – #2 Illmatic. MTV. Retrieved on February 11, 2009.
  166. ^ (EN) 100 Best Albums of the Nineties: Nas, 'Illmatic', Rolling Stone. URL consultato il 16 aprile 2014.
  167. ^ Moon, Tom. (EN) 1000 Recordings to Hear Before You Die. Tom Moon. Retrieved May 22, 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]