Parliament

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Parliament
Voodoo Experience 2009 (15 of 37).jpg
George Clinton (2009)
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenereFunk
Periodo di attività musicale1970 – 1980
EtichettaCasablanca, Invictus

I Parliament sono stati un gruppo musicale statunitense, considerati fra le formazioni più innovative del funk e fra i massimi ispiratori dell'hip hop.[1] Essi vengono considerati, assieme ai Funkadelic (che erano in realtà composti dagli stessi musicisti), la principale formazione P-Funk, stile contaminato da James Brown, Sly Stone, dal sound della Tamla Motown e al rock degli MC5 e degli Stooges.[2][3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Originariamente conosciuti come Parliaments, un gruppo doo-wop degli anni sessanta fondato da George Clinton, i Parliament esordirono con l'album Osmium del 1970, segnato dal caratteristico sound del produttore Bernie Worrell e da cui fu estratto il singolo Breakdown, che raggiunse il trentesimo posto delle classifiche.[4] Nel 1972 entrò nell'organico il bassista Bootsy Collins, che aveva già collaborato con i J.B.'s di James Brown.[4] I Parliament pubblicarono i primi dischi di successo a partire dalla metà degli anni settanta fra cui i singoli Up for the Down Stroke (1974) e Chocolate City, giunti rispettivamente al decimo e al ventiquattresimo posto della classifica R&B.[4] Il seguente Mothership Connection (1975) è considerato uno dei capolavori del gruppo e contiene svariati brani considerati classici del genere funk fra cui la title track, P. Funk (Wants to Get Funked Up) e Tear the Roof off the Sucker (Give Up the Funk).[4] L'album Funkentelechy Vs. the Placebo Syndrome (1977) fu il primo album del collettivo a raggiungere il primo posto in classifica.[4] Poco più tardi, nel 1978, la band riuscì nuovamente raggiungere il primo posto delle classifiche R&B con i singoli Flash Light e Aqua Boogie (A Psychoalphadiscobetabioaquadoloop).[5] La band è inoltre celebre per i concerti esuberanti e colmi di riferimenti all'afrofuturismo come quelli che tenne durante il P-Funk Earth Tour. Alcuni brani registrati in occasione di questi concerti sono documentati su Live: P-Funk Earth Tour (1977).[1] Il gruppo si sciolse nel 1980 dopo la pubblicazione dell'album Trombipulation.[2]

Nel 2018, i Parliament pubblicarono, durante una reunion temporanea, l'album Medicaid Fraud Dogg, uscito solamente in formato digitale.[6]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia dei Parliament.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Eddy Cilìa, Federico Guglielmi, Rock 500 dischi fondamentali, Giunti, 2002, p. 156.
  2. ^ a b (EN) George Clinton, Parliament, Funkadelic, Bernie Worrell, su scaruffi.com. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  3. ^ Ezio Guatamacchi, La storia del rock: Con la prefazione di Renzo Arbore, Hoepli, 2014, capitolo 10.
  4. ^ a b c d e (EN) Parliament, su allmusic.com. URL consultato il 28 febbraio 2020.
  5. ^ (EN) George Clinton, su georgeclinton.com. URL consultato il 28 febbraio 2020.
  6. ^ George Clinton rientra in Parlamento, su giornaledellamusica.it. URL consultato il 27 febbraio 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN148850890 · ISNI (EN0000 0001 0944 655X · LCCN (ENn79116157 · BNF (FRcb13961537b (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n79116157
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica