Bootsy Collins

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bootsy Collins
Bootsy Collins.jpg
Bootsy Collins nel 2009
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereFunk
Rhythm and blues
Periodo di attività musicale1970 – in attività
StrumentoBasso elettrico
GruppiParliament-Funkadelic
Bootsy's Rubber Band
Axiom Funk
Praxis
Material
Sito ufficiale

William "Bootsy" Collins (Cincinnati, 26 ottobre 1951) è un cantante e bassista statunitense, noto per le sue collaborazioni con leggende della black music come James Brown e George Clinton e per i suoi significativi contributi all'evoluzione del basso funk.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Con Kash Waddy, Philippe Wynne e il fratello Phelps 'Catfish' Collins nel 1968 fondò i Pacesetters. Fino al 1971 suonavano per James Brown, con cui si facevano chiamare The J.B.'s.

Brown licenziò Collins, dopo che questi ebbe in concerto un'allucinazione da LSD. Il giovane Bootsy si scontrò varie volte con il cantante, perché contrario alla disciplina che imponeva alla sua band. Una volta lasciati i Pacesetters, su consiglio della cantante Mallia Franklin, si spostò a Detroit (The Parliaments).

P-Funk, Rubber Band[modifica | modifica wikitesto]

Franklin introdusse Bootsy e Catfish a George Clinton, e nel 1972 i due fratelli si unirono ai Funkadelic insieme a Clinton stesso e a Waddy. Bootsy lavorò a molti dei primi album del gruppo, contribuendo anche ai testi. Usava giri di basso duri e molto enfatizzanti il ritmo, e in questo influenzato Funk, Soul e in parte il primo heavy metal.

Come Clinton, Bootsy usò vari nomi d'arte come "Casper the Funky Ghost" e "Bootzilla, the world's only rhinestone rockstar monster of a doll", come parte di un'identità musicale in evoluzione, e si sentiva un “rocker sempre più alieno e bizzarro”. Grazie al particolare rapporto di amicizia che si era instaurato tra Bootsy e George Clinton, cominciò ad esplodere quel Funk spaziale da cartone animato perfettamente rappresentato nella musica e nei costumi dei Parliament, e che sfociò nella nascita del movimento P-Funk (termine che veniva generalmente inteso come abbreviazione di Parliament-Funkadelic ma aveva anche il significato di "Pure Funk"). Il P-Funk di Clinton e Collins è stato nel corso degli anni fonte d'ispirazione per moltissimi artisti di tutti i generi musicali, tra i quali si ricordano Prince, Red Hot Chili Peppers, Beastie Boys, Zapp, Roger Troutman, Captain Sky, N.W.A, Snoop Dogg ed altri. In quel periodo iniziò anche ad adottare i suoi riff di basso distintivi. Contemporaneamente, Bootsy, Catfish, Waddy, Joel Johnson, Gary 'Mudbone' Cooper, Robert Johnson e The Horny Horns formarono la Bootsy's Rubber Band nel 1976.

La Bootsy's Rubber Band pubblicò quattro album dal 1976 al 1979; nel 1980, escono Ultra Wave (primo album solista pubblicato da Bootsy senza la Rubber Band), e un album omonimo con lo pseudonimo Sweat Band, disco realizzato in collaborazione con lo storico sassofonista dei JB di James Brown, dei Parliament, e degli Horny Horns Maceo Parker ed il tastierista Joel "Razorsharp" Johnson. Nel 1982 esce il singolo Body Slam, di nuovo pubblicato sotto il nome di Bootsy's Rubber Band, e l'album The One Giveth, The Count Taketh Away, quest'ultimo accreditato a William "Bootsy" Collins. Nello stesso anno, Bootsy viene citato in giudizio per una causa relativa ai diritti d'uso del nominativo Rubber Band, che, a quanto pare, era stato già usato da un altro gruppo musicale negli anni sessanta. Inaspettatamente Bootsy perse la causa, e si ritrovò pesantemente indebitato con la Warner Bros, sua casa discografica; Bootsy fu costretto a sciogliere il contratto che lo legava alla WBR, e a rimanere fermo fino al 1988 prima di poter siglare un nuovo contratto discografico con la CBS e pubblicare il suo nuovo album What's Bootsy Doin'?. Durante il lungo periodo di inattività discografica, Bootsy nel 1984 collaborò con Jerry Harrison dei Talking Heads ad un progetto intitolato Bonzo Goes To Washington, dal quale viene rilasciato il singolo Five Minutes, brano che campiona un discorso di Ronald Reagan e di cui Bootsy si occupa della produzione. Nel 1986 ha collaborato con George Clinton alla realizzazione del suo album R&B Skeletons In The Closet, disco in cui suona il basso, canta ed è coautore di alcune canzoni.

Gli anni recenti[modifica | modifica wikitesto]

Bootsy Collins nel 1998

Nel 1990 esce per la 4th & Broadway l'EP Jungle Bass, disco nuovamente accreditato alla Bootsy's Rubber Band. Nello stesso anno, Bootsy collabora con il trio di house music Deee-Lite per il loro singolo Groove Is in the Heart, aggiungendovi giri di basso e parti vocali. Apparve anche nel relativo video, mentre la Bootsy's Rubber Band accompagnò in tour il gruppo. Nel 1992 inizia a partecipare come bassista insieme al chitarrista Brian Patrick "Buckethead" Carroll (divenuto in seguito suo stretto collaboratore), al batterista dei Primus Brain (Bryan Mantia) e al tastierista dei Parliament Bernie Worrell al combo Praxis, progetto di musica sperimentale ideato già nel 1984 dal produttore Bill Laswell in cui viene proposto un crossover di vari generi musicali, tra i quali metal, hard rock, funk, dance e musica elettronica; Bootsy comparirà negli album Mutatis Mutandis del 1992 e Sacrifist del 1993 della band. Nel 1994 esce l'album Blasters of The Universe, seguito nel 1995 dall'album dal vivo Keepin' Dah Funk Alive 4-1995, entrambi pubblicati come Bootsy's New Rubber Band. Inoltre nello stesso periodo pubblica anche un album con lo pseudonimo Zillatron intitolato Lord of The Harvest, un progetto da cui nasce un (insolito per Bootsy) disco di musica elettro-dance e techno tipica degli anni novanta, e partecipa all'album Funkcronomicon degli Axiom Funk, altro progetto di musica sperimentale creato da Bill Laswell. Nel 1997 firma dopo 15 anni un nuovo contratto con la Warner Bros, etichetta per la quale pubblica nello stesso anno l'album Fresh Outta 'P' University, e nel 2002 Play With Bootsy. Nell'intermezzo tra i due dischi, nel 1999 esce Live In Louisville 1978, disco live che riprende un concerto tenuto dalla Bootsy's Rubber Band nella città del Kentucky il 15 marzo 1978; nel 2001 esce un altro album live della Bootsy's Rubber Band Live In Oklahoma 1978, e la Rhino, una sussidiaria della Warner, fa uscire Glory B Da Funk's On Me - The Bootsy Collins Anthology, un album raccolta dei brani pubblicati nel suo primo periodo con la WBR. Nel 2006 esce il DVD Live in Concert 1998, che riprende lo show tenuto da Bootsy e la Rubber Band in quell'anno al North Sea Jazz Festival nei Paesi Bassi. Nello stesso anno esce anche Christmas Is 4 Ever, un'opera in omaggio al Natale. Nel 2008 pubblica l'album The Official Boot-Legged-Bootsy-Cd, un disco autoprodotto contenente remix di alcune sue precedenti canzoni. Nel 2011 esce il suo nuovo album Tha Funk Capital of The World, a cui fa seguito nel 2017 World Wide Funk, entrambi pubblicati per la Mascot Records. All'inizio del 2019, con una dichiarazione ufficiale apparsa sulla sua pagina Facebook, Bootsy Collins, ormai sessantasettenne, ha comunicato il suo ritiro dalle scene (più o meno come aveva fatto George Clinton l'anno precedente), soprattutto a causa di problemi di salute dovuti ad una lesione interna alle sue orecchie e a disturbi alla sua mano destra: d'ora in poi non effettuerà più tour ed esibizioni dal vivo, ma si limiterà ad operare in studio, basando i suoi lavori principalmente sulla promozione di nuovi artisti dediti allo sviluppo della musica ed assicurando che comunque continuerà a comporre a canzoni.[1][2]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Ad ottobre del 2005 ha collaborato a scrivere una canzone dedicata ai Cincinnati Bengals, "Fear Da Tiger", “rappata” da molti giocatori tra cui Duane Clemons, Stacy Andrews e Ben Wilkerson. Per la versione ufficiale di questo brano esiste anche un video, in cui appaiono molti altri Bengals. È stata molto trasmessa sulle TV locali, e si può vedere sul sito ufficiale della squadra[3]. Inoltre la Cincinnati Bell offer "Fear Da Tiger" come suoneria, in formato sia polifonico che MP3. Bootsy ha cantato anche "Marshal Law", per la squadra Cincinnati Marshals, che ha debuttato il 29 aprile durante una partita contro i West Palm Beach Phantoms.
  • Attualmente Bootsy è produttore di un gruppo funk dall'Ohio, i Freekbass. Ad aprile ha annunciato di voler inaugurare il locale "Bootsy's Ruby", insieme al ristoratore di Cincinnati Jeff Ruby.
  • In un episodio di Willy - Il principe di Bel-Air, "Sooooooooul Train", Geoffrey s'intrufola nelle registrazioni dei Soul Train alla maniera di Bootsy Collins.
  • La musica di Bootsy fa anche parte della colonna sonora del film Baby Boy.
  • In un episodio di The Mighty Boosh, "The Legend of Old Gregg", il personaggio 'The Funk' atterra a casa di Bootsy e gli insegna a potenziare la vista e a suonare il basso.
  • Il 26 gennaio 2007 Bootsy ha tenuto un discorso di apertura, alla cerimonia per l'Art Institute of Ohio.
  • Dal 2010 la Warwick, casa tedesca produttrice di bassi elettrici, rinomata per la qualità e per l'originalità dei propri strumenti, ha prodotto un modello di basso dedicato a Bootsy, il Bootsy Collins Signature bass, progettato sul precedente modello Infinity NT ma dall'estetica indubbiamente originale e in armonia con lo stile stellare del bassista. Disponibile in due colorazioni.
  • Il rapper Eazy-E membro degli N.W.A. nell'album Niggaz4Life utilizzò la cover della canzone I'd rather be with you trasformandola in I'd rather fuck with you.
  • Nel 2011 a Francoforte sul Meno in occasione della 31ª edizione della Musikmesse Musikmesse Frankfurt e PRG LEA Live Entertainment Award tedesca incontra Veronica Vitale artista Internazionale Cantautore, pianista italiana pluri-premiata all'estero[5][6][7][8] con la quale instaura un rapporto filiale indissolubile. Nel 2017 collabora attivamente alla realizzazione del progetto discografico e cinematografico "Inside The Outsider" per il quale Veronica Vitale ricopre il ruolo di International recording artist e Produttore esecutivo . Registra il singolo "Nobody is Perfect" in duetto con l'artista italiana e diviene uno dei protagonisti del documentario "Diario Di Bordo - Inside the Outsider".
  • Il titolo del nuovo album "World Wide Funk" è stato elaborato nel 2013 a seguito dell'ispirazione tratta dall'artista italiana Veronica Vitale.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Anno Performer Titolo Etichetta
1976 Bootsy's Rubber Band Stretchin' Out In Bootsy's Rubber Band Warner Bros
1977 Bootsy's Rubber Band Ahh... The Name Is Bootsy, Baby! Warner Bros
1978 Bootsy's Rubber Band Bootsy? Player Of The Year Warner Bros
1979 Bootsy's Rubber Band This Boot Is Made For Fonk-N Warner Bros
1980 Bootsy Collins Ultra Wave Warner Bros
1980 Sweat Band Sweat Band Uncle Jam
1982 William "Bootsy" Collins The One Giveth,The Count Taketh Away Warner Bros
1988 Bootsy Collins What's Bootsy Doin'? CBS
1990 Bootsy's Rubber Band Jungle Bass 4th & Broadway
1993 Zillatron Lord Of The Harvest Rykodysc
1994 Bootsy's New Rubber Band Blasters Of The Universe Rykodisc
1995 Bootsy's New Rubber Band Keepin' Dah Funk Alive 4-1995 Rykodisc
1997 Bootsy Collins Fresh Outta 'P' University Warner Bros
1999 Bootsy's Rubber Band Live in Louisville 1978 Disky
2001 Bootsy's Rubber Band Live In Oklahoma 1976 Funk To The Max
2001 Bootsy Collins Glory B Da Funk's On Me - The Bootsy Collins Anthology Rhino
2002 Bootsy Collins Play With Bootsy Warner Bros
2006 Bootsy Collins Christmas Is 4 Ever Evangeline
2008 Bootsy Collins The Official Boot-Legged-Bootsy-Cd Bootzilla Productions
2011 Bootsy Collins Tha Funk Capital Of The World Mascot
2017 Bootsy Collins World Wide Funk Mascot

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN10041249 · ISNI (EN0000 0000 7825 9232 · LCCN (ENn91109066 · GND (DE134696557 · BNF (FRcb139707773 (data)