Nastradamus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nastradamus
ArtistaNas
Tipo albumStudio
Pubblicazione23 novembre 1999
Durata62:43
Dischi1
Tracce15
GenereEast Coast hip hop
Hardcore hip hop
Gangsta rap
EtichettaIll Will, Columbia
ProduttoreL.E.S.
Havoc
DJ Premier
Rich Nice
Dame Grease
RegistrazioneSoundtrack Studios, New York; The Hit Factory, New York; Manhattan Center Studios, New York; Chung King Studios, New York; Right Track Recording, New York; D&D Studios, New York; South Beach Studios, Miami Beach
1998-1999
Certificazioni
Dischi di platinoStati Uniti Stati Uniti[1]
(vendite: 1 000 000+)
Nas - cronologia
Album precedente
(1999)
Album successivo
(2001)
Singoli
  1. Nastradamus
    Pubblicato: 26 ottobre 1999
  2. You Owe Me
    Pubblicato: 2000

Nastradamus è il quarto album del rapper statunitense Nas, pubblicato il 23 novembre 1999 dalla Columbia e dall'etichetta di Nas, la Ill Will Records. Originariamente era programmato per essere pubblicato come seguito di I Am..., composto da materiale tratto da sessioni di registrazione per il suo terzo album, il 26 ottobre 1999.[2] A causa della pubblicazione illegale su internet del materiale, Nas ha registrato canzoni separate per Nastradamus per rientrare nei tempi della pubblicazione prevista entro il novembre del 1999.[2]

Performance commerciale[modifica | modifica wikitesto]

L'album debutta in settima posizione nella Billboard 200 e vende 232 copie nella sua prima settimana. Nonostante le recensioni contrastanti, l'album si rivela un successo commerciale, raggiungendo la certificazione di platino da parte della RIAA per il milione di unità vendute il 22 dicembre del 1999.[3] Inoltre, dall'album sono estratti due singoli che riescono a classificarsi.[2]

Ricezione[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 2.5/5 stelle[4]
The Washington Post favorevole[5]
Entertainment Weekly A–[6]
Rolling Stone 2/5 stelle[7]
USA Today 3.5/4 stelle[8]
Chicago Tribune mista[9]
Los Angeles Times 2.5/4 stelle[10]
Robert Christgau né positiva né negativa[11]
PopMatters mista[12]
Yahoo! Music mista[13]

Il quarto sforzo di Nas ottiene generalmente recensioni negative ed è considerato l'album peggiore di Nas.[14] Molte pubblicazioni dedicano al prodotto una recensione mista, mentre Allmusic e Rolling Stone gli assegnano rispettivamente 2.5/5 e 2/5 stelle.

Keith Farley, per Allmusic, scrive: «[...] Nas riemerge sei mesi dopo il suo terzo album con Nastradamus [...] potrebbe essere un intrigante concept album, ma Nastradamus è continuamente compromesso da tracce che non contribuiscono al tema. Per ogni brano emozionale come Some of Us Have Angels o God Love Us, ci sono gli stessi vecchi inni da vita di strada che dovresti aspettarti di sentire come Shoot 'Em Up, Come Get Me o You Owe Me. Suonano bene (grazie alla produzione di L.E.S., DJ Premier e Timbaland), ma il risultato è un altro album hip hop tirato fuori che vaga senza metà e non dice mai veramente nulla.»[4]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. The Prediction – 1:19 (testo: Nasir Jones, Richard Jackson, Jessica Care Moore – musica: Rich Nice)
  2. Life We Chose – 4:08 (testo: Jones, Leshan Lewis, Fred Wesley Jr. – musica: L.E.S.)
  3. Nastradamus – 4:11 (testo: Jones, Lewis, James Brown – musica: L.E.S.)
  4. Some of Us Have Angels – 4:15 (testo: Jones, Damon Blackmon – musica: Dame Grease)
  5. Project Windows (featuring Ronald Isley) – 4:55 (testo: Jones, Nashiem Myrick, Carlos Broady – musica: Nashiem Myrick & Carlos Broady for The Hitmen)
  6. Come Get Me – 5:31 (testo: Jones, Christopher Martin – musica: DJ Premier)
  7. Shoot 'Em Up – 2:35 (testo: Jones, Kejuan Muchita – musica: Havoc)
  8. Last Words (featuring Nashawn) – 5:31 (testo: Jones, Lewis, Ralph Middlebrooks, James Williams, Billy Beck, Clarence Satchell, Leroy Bonner, Marshall Jones, Marvin Pierce, Nashawn Jones – musica: L.E.S.)
  9. Family (featuring Mobb Deep) – 5:16 (testo: Jones, Lewis, Albert Johnson, Blackmon – musica: Dame Grease)
  10. God Love Us – 4:37 (testo: Jones, Blackmon – musica: Dame Grease)
  11. Quite Niggas (featuring Bravehearts) – 4:57 (testo: Jones, Eugene Gray, Jabari Jones, Michael Epps – musica: Dame Grease)
  12. Big Girl – 4:19 (testo: Jones, Lewis, Lamar Bryant, Rob Douglas – musica: L.E.S.)
  13. New World – 4:00 (testo: Jones, Lewis, Jeff Porcaro, David Paich – musica: L.E.S.)
  14. You Owe Me (featuring Ginuwine) – 4:47 (testo: Jones, Tim Mosley, Stephen Garrett – musica: Timbaland)
  15. The Outcome – 1:54 (testo: Jones, Moore, Jackson – musica: Rich Nice)

Durata totale: 62:15

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche settimanali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1999) Posizione
massima
Germania[15] 45
Paesi Bassi[15] 90
Regno Unito[16] 90
Stati Uniti[17] 7
US Top R&B/Hip-Hop Albums[18] 2
Svizzera[15] 92

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2000) Posizione
massima
Stati Uniti[19] 86
US Top R&B/Hip-Hop Albums[20] 18

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gold & Platinum, riaa.com. URL consultato l'11 febbraio 2018.
  2. ^ a b c Birchmeier, Jason. Biography: Nas. Allmusic. Retrieved on 2009-11-21.
  3. ^ (EN) Gold & Platinum: Searchable Database. Recording Industry Association of America (RIAA). Retrieved on 2008-08-09.
  4. ^ a b Farley, Keith. (EN) Review: Nastradamus. AllMusic. Retrieved on 2009-11-21.
  5. ^ Harrington, Richard. (EN) "Review: Nastradamus". The Washington Post: G.14. December 15, 1999. Archived from the original on 2009-11-21.
  6. ^ Diehl, Matt. (EN) Review: Nastradamus. Entertainment Weekly. Retrieved on 2009-11-21.
  7. ^ (EN) Kevin Powell, Nastradamus, Rolling Stone, 20 gennaio 2000. URL consultato il 28 febbraio 2012.
  8. ^ Jones, Steve. (EN) "Review: Nastradamus". USA Today: 08.D. November 23, 1999. (Transcription of original review at talk page)
  9. ^ Baker, Soren. (EN) "Review: Nastradamus". Chicago Tribune: 14. November 28, 1999. (Transcription of original review at talk page)
  10. ^ Baker, Soren. (EN) Review: Nastradamus. Los Angeles Times. Retrieved on 2009-11-21. Note: Original rating at archived page.
  11. ^ >Christgau, Robert. (EN) "Consumer Guide: Nastradamus". The Village Voice: January 2000.
  12. ^ Fuchs, Cynthia. (EN) Review: Nastradamus. PopMatters. Retrieved on 2009-11-21.
  13. ^ Carter, James. (EN) Review: Nastradamus. Yahoo! Music. Retrieved on 2009-11-21.
  14. ^ (EN) Hoard (2004), p. 568.
  15. ^ a b c (EN) Nas - Nastradamus.
  16. ^ (EN) Nas
  17. ^ (EN) Billboard 200, Billboard.com.
  18. ^ (EN) Top R&B/Hip-Hop Albums, Billboard.com.
  19. ^ (EN) Top Billboard 200 Albums (Year end 2000), Billboard.com.
  20. ^ (EN) Top R&B/Hip-Hop Albums (Year end 2000), Billboard.com.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nathan Brackett, Christian Hoard, The New Rolling Stone Album Guide: Completely Revised and Updated 4th Edition, Simon and Schuster, 2004, ISBN 0-7432-0169-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]