Hip Hop Is Dead

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hip Hop Is Dead
ArtistaNas
Tipo albumStudio
Pubblicazione19 dicembre 2006
Durata60:18
Dischi1
Tracce16
GenereHip hop[1]
East Coast hip hop[1]
Hardcore hip hop[1]
EtichettaDef Jam, Columbia, The Jones Experience
ProduttoreNas (anche esec.), L.E.S., Wyldfyer, Scott Storch, will.i.am, Salaam Remi, Kanye West, Stargate, Dr. Dre, Mark Batson, Chris Webber, Devo Springsteen, Paul Cho
RegistrazioneChunk King Studios, New York; Sony Music Studios, New York; Legacy Recording Studios, New York; The Hit Factory, New York; Record Plant, Los Angeles; Westlake Studios, Los Angeles; NRG Studios, North Hollywood; Sunset Studio; Ameraycan Studios, North Hollywood; Encore Studios, Burbank; The Studio, Filadelfia
2005-2006
FormatiCD, download digitale
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[2]
(vendite: 60 000+)
Dischi d'oroStati Uniti Stati Uniti[3]
(vendite: 500 000+)
Nas - cronologia
Album precedente
(2004)
Album successivo
(2007)
Singoli
  1. Hip Hop Is Dead
    Pubblicato: 5 novembre 2006
  2. Can't Forget About You
    Pubblicato: 23 gennaio 2007

Hip Hop Is Dead è l'ottavo album del rapper statunitense Nas, pubblicato il 19 dicembre 2006. È il primo album di Nas dopo la firma con l'etichetta Def Jam e il disco è distribuito assieme alla Columbia e all'etichetta di Nas The Jones Experience. Il titolo dell'album è stato ispirato dal punto di vista di Nas sull'industria musicale e sullo stato della musica hip hop dell'epoca.

L'album debutta al primo posto nella Billboard 200 vendendo 355.880 copie nella sua prima settimana. Al novembre 2008, le copie vendute salgono a 764.000, ottenendo la certificazione di disco d'oro dalla RIAA il 12 marzo 2007. Generalmente accolto in modo positivo dai critici musicali, Hip Hop Is Dead ha ricevuto una nomination ai Grammy Awards 2008 come miglior album rap.[4][5]

Background[modifica | modifica wikitesto]

Nas annuncia il titolo dell'album dopo una esibizione il 18 maggio 2006.[6][7] Nel tardo settembre del 2006, in un'intervista, Nas dice che «l'hip hop è morto perché noi come artisti non abbiamo più il potere»,[8] come ribadito in un'altra intervista per MTV, dove il rapper afferma «quando dico che "l'hip hop è morto", in pratica dico che l'America è morta. Non si ha voce in politica. La musica è morta.»[9]

Nel giugno del 2006, esce il singolo promozionale Where Y'all At, prodotto da Salaam Remi.[10] Contiene un campione da Made You Look di Nas,[11] ma non è stato inserito nella tracklist finale dell'album.[12] Tuttavia, è stato reso disponibile come traccia bonus per il mercato nipponico.[13]

Controversie per il titolo[modifica | modifica wikitesto]

Nas ha affermato di aver scelto il titolo al fine di indurre entusiasmo e una reazione da parte degli artisti hip hop.[1] Il prodotto ha un grande impatto sul mondo hip hop e ottiene molte reazioni contrastanti da parte della comunità,[1] ricevendo supporto dagli artisti East Coast e pesanti critiche specialmente dagli artisti del southern hip hop, spesso ritenuti d'aver rovinato la qualità dell'hip hop contaminandolo con il crunk e la snap music. In particolare, Lil' Wayne, Ludacris e Big Boi (quest'ultimo, assieme ad André 3000 negli Outkast, dove Andre 3000 aveva dichiarato che l'hip hop è morto nella canzone del 2001 Funkin' Around presente in Big Boi and Dre Present... Outkast), hanno attaccato il titolo dell'album di Nas affermando che è rivolto al southern hip hop.[14][15]

Ricezione[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 3.5/5 stelle[1]
The Village Voice favorevole[16]
Entertainment Weekly B[17]
Rolling Stone 4/5 stelle[18]
The Guardian 4/5 stelle[19]
PopMatters 8/10 stelle[20]
Pitchfork Media 7.8/10 stelle[21]
MSN Music A−[22]
USA Today 3.5/4 stelle[23]
RapReviews 10/10 stelle[24]

Hip Hop Is Dead ottiene generalmente recensioni positive da parte dei critici musicali.[24] Metacritic gli assegna 79/100, punteggio basato su 22 recensioni.[24] Come i precedenti sforzi, anche questo è paragonato a Illmatic.[1][21][24] Secondo Entertainment Weekly l'album «assomiglia a Nas: impossibile non ammirarlo, ma difficile da amare.»[25] Jason Rubin di The A.V. Club assegna una «A» all'album, elogiandone la qualità della produzione e il concept lirico dichiarando che il prodotto «è spregiudicato nella diagnosi dei mali del rap, ma alla fine è pieno di speranza, contiene un'analisi intelligente, stretta e coesa di dove si è perso il rap, ma anche dei semi della rinascita e del rinnovamento del genere.»[26]

Steve Juon di RapReviews gli assegna un punteggio perfetto di dieci decimi: «Nas ha realizzato un album appassionato per risvegliare il tuo amore per l'arte e se il tuo cuore non batte nel tuo petto entro la fine, allora non è l'hip-hop che è morto, sei tu.»[24] Robert Christgau lo recensisce positivamente,[27] così come Dot Music («la conoscenza, l'erudizione e l'intensità poetica di Nas prevalgono su tutte le altre preoccupazioni»),[24] Mojo («è l'erudizione poetica di Nas che lo rende un classico spietato»),[24] PrefixHip Hop Is Dead [...] tira fuori il meglio dell'MC, che potrebbe aver prodotto la sua performance lirica più forte da Illmatic»),[24] The New York Times («ecco l'approccio vecchio stile di Nas all'hip hop: funziona ancora»)[24] e Rolling Stone («Nas ha sempre suonato in maniera più vecchia rispetto alla sua età, ma ci sono momenti nel suo ottavo album in cui suona come il protagonista di Grumpy Old Men versione ghetto»).[24]

Marisa Brown recensisce l'album per Allmusic: «Hip Hop Is Dead non è Illmatic. Illmatic si pone come uno dei debutti più impressionanti della musica rap e, di conseguenza, ha stabilito inevitabili, e spesso sfavorevoli, confronti con ciascuna delle successive pubblicazioni di Nas. Quindi è praticamente un dato di fatto che i due album, in effetti, non si confrontino, che i battiti, le rime, l'intuizione, il flusso che Mr. Jones ha avuto su Illmatic non siano stati replicati qui, e in tutta onestà, probabilmente non lo faranno mai.» Brown dà all'album tre stelle e mezzo su cinque, pur criticando la seconda parte dell'album nella quale Nas «perde parte dell'intensità e dell'intelligenza che aveva mostrato prima.»[1]

Nonostante consideri il suono e la qualità musicale come punti deboli, Soren Baker del Los Angeles Times assegna all'album 3/4 stelle, scrivendo che «Nas dimostra perché rimane uno degli artisti più venerati del rap, poiché la sua difesa della cultura hip hop è appassionata e consapevole, anche se non pienamente realizzata»,[28] aggiungendo inoltre: «come molti dei suoi precedenti sforzi, liricamente e concettualmente, non è secondo a nessuno. Ma musicalmente e in termini di esecuzione, non sempre ha colpito nel segno.»[24] Critiche più fredde arrivano dalla rivista NOW («qualche lampo di brillantezza, ma niente di duraturo»),[24] Blender,[24] Stylus Magazine («Nas è a capo di un anno di delusioni [nella musica hip hop] di New York e forse anche la più schiacciante») e Austin Chronicle («Con Dr. Dre, Kanye West e persino Jay-Z nella sua lista degli ospiti, Hip Hop Is Dead crea un'ampia, ma alla fine macabra, festa»).[24]

Hip Hop Is Dead è candidato come miglior album rap ai Grammy Awards 2008, dove perde a scapito di Graduation (2007) di Kanye West.[29]

Performance commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Vendendo 355.880 copie nella sua prima settimana, l'album diviene il terzo di Nas dopo It Was Written (1996) e I Am... (1999) a debuttare al primo posto nella Billboard 200.[30] La title track Hip Hop Is Dead (prodotta da will.i.am), contiene campioni da In-A-Gadda-Da-Vida degli Iron Butterfly e da Apache degli Incredible Bongo Band (campione già usato da Nas precedentemente per Made You Look), ottiene una grande rotazione radiofonica,[7][31] raggiungendo la posizione numero 48 tra le Hot R&B/Hip-Hop Songs[32] e il quarantunesimo posto nella Hot 100.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Money Over Bullshit – 4:18 (musica: L.E.S., Wyldfyer)
  2. You Can't Kill Me – 3:14 (musica: L.E.S., Al West)
  3. Carry On Tradition – 3:49 (musica: Scott Storch)
  4. Where Are They Now – 2:44 (musica: Salaam Remi, Nas)
  5. Hip Hop Is Dead (featuring will.i.am) – 3:45 (musica: will.i.am)
  6. Who Killed It? – 3:10 (musica: Salaam Remi, will.i.am)
  7. Black Republican (featuring Jay-Z) – 3:45 (musica: L.E.S., Wyldfyer)
  8. Not Going Back (featuring Kelis) – 4:09 (musica: Stargate)
  9. Still Dreaming (featuring Kanye West & Chrisette Michele) – 3:37 (musica: Kanye West)
  10. Hold Down the Block – 3:58 (musica: Mark Batson)
  11. Blunt Ashes – 4:03 (musica: Chris Webber)
  12. Let There Be Light (featuring Tre Williams) – 4:28 (musica: Kanye West. Co-produzione: Devo Springsteen, Paul Cho)
  13. Play on Playa (featuring Snoop Dogg) – 3:33 (musica: Scott Storch)
  14. Can't Forget About You (featuring Chrisette Michele) – 4:34 (musica: will.i.am)
  15. Hustlers (featuring The Game & Marsha) – 4:06 (musica: Dr. Dre)
  16. Hope – 3:05 (musica: L.E.S., Nas, Alexander "Spanador" Mosely)

Durata totale: 60:18

Tracce bonus
  1. Shine on 'Em (pre-ordine su iTunes) – 2:42 (musica: Salaam Remi)
  2. The N (Don't Hate Me Now) (per Regno Unito e Circuit City) – 2:48 (musica: Salaam Remi)
  3. Where Y'all At (per Best Buy) – 4:09 (musica: Salaam Remi)

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche settimanali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2006) Posizione
massima
Australia[33] 50
Belgio (Fiandre)[33] 76
Francia[33] 89
Paesi Bassi[33] 95
Regno Unito[34] 68
Stati Uniti[35] 1
US Digital Albums[36] 1
US Top Rap Albums[37] 1
US Top R&B/Hip-Hop Albums[38] 1
Svizzera[33] 22

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2007) Posizione
massima
Stati Uniti[39] 64
US Top Rap Albums[40] 7
US Top R&B/Hip-Hop Albums[41] 14

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Brown, Marisa. (EN) Review: Hip Hop Is Dead. AllMusic. Retrieved on 2009-10-27.
  2. ^ (EN) BRIT Certified, bpi.co.uk.
  3. ^ (EN) Gold & Platinum, riaa.com.
  4. ^ (EN) List of Grammy Award Nominess. Retrieved on 2011-5-10.
  5. ^ (EN) Grammy Award Winner 2008. Retrieved on 2011-5-10.
  6. ^ (EN) Bolden Janeé Nas Drops New LP In September, Declares Hip-Hop Dead Sohh.com. Retrieved on June 19, 2006.
  7. ^ a b (EN) Latest News: Mariah, Billy Corgan, Wu-Tang and More Rolling Stone. Retrieved on July 30, 2006
  8. ^ (EN) Mixtape Monday: Nas Wants To Join Jay-Z In Africa; Snoop, Dre Reunite. MTV News. Retrieved on October 9, 2006.
  9. ^ (EN) MTV News Exclusive: Nas Previews New LP. MTV.com. Retrieved on December 20, 2006.
  10. ^ (EN) Bhasakar Sunkara, Nas - "Where Y'all At", About.com. URL consultato il 30 marzo 2008.
  11. ^ (EN) Ryan Dombal, Nas: "Where Y'all At" [Track Review], Pitchfork Media, 28 giugno 2006. URL consultato il 30 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2008).
  12. ^ (EN) Radiohead Reveal Tour Plans – Enigmatically; Plus Jordin Sparks, Ashley Tisdale, Amy Winehouse, Deerhunter & More, In For The Record, MTV News, 29 novembre 2007. URL consultato il 30 marzo 2008.
  13. ^ (EN) Hip Hop Is Dead [Limited Pressing] NAS CD Album, CDJapan. URL consultato il 26 agosto 2014.
  14. ^ (EN) Mixtape Monday: Is Hip-Hop Dead? Luda, Big Boi Disagree With Nas. MTV.com. Retrieved on December 29, 2006
  15. ^ Mickey Hess, 2007. (EN) Is Hip Hop Dead?: The Past, Present, and Future of America's Most Wanted Music.
  16. ^ Spies, Michael. (EN) Review: Hip Hop Is Dead. The Village Voice. Retrieved on 2009-10-27.
  17. ^ Rosen, Jody. (EN) Review: Hip Hop Is Dead. Entertainment Weekly. Retrieved on 2009-10-27.
  18. ^ Serpick, Evan. (EN) Review: Hip Hop Is Dead. Rolling Stone. Retrieved on 2009-10-27.
  19. ^ Lynskey, Dorian. (EN) Review: Hip Hop Is Dead. The Guardian. Retrieved on 2010-10-16.
  20. ^ Frauenhofer, Michael. (EN) Review: Hip Hop Is Dead. PopMatters. Retrieved on 2009-10-27.
  21. ^ a b (EN) Peter Macia, Nas: Hip Hop Is Dead, in Album Reviews, Pitchfork Media, 15 dicembre 2006. URL consultato il 17 maggio 2012.
  22. ^ Christgau, Robert. (EN) "Consumer Guide: Hip Hop Is Dead". MSN Music: April 2007. Archived from the original on 2009-10-27.
  23. ^ Gardner, Elysa. (EN) Review: Hip Hop Is Dead. USA Today. Retrieved on 2009-10-27.
  24. ^ a b c d e f g h i j k l m n (EN) Hip Hop Is Dead (2007): Reviews. Metacritic. Retrieved on 2009-10-27.
  25. ^ Rosen, Jody. (EN) Music Review: Hip Hop Is Dead Entertainment Weekly. December 8, 2006.
  26. ^ (EN) AV Club - Hip Hop Is Dead review. AVClub.com. Retrieved on November 15, 2008
  27. ^ (EN) Nas, robertchristgau.com.
  28. ^ Baker, Soren. (EN) Review: Hip Hop Is Dead. Los Angeles Times. Retrieved on 2009-10-27.
  29. ^ (EN) 2008 Grammy Awards - Hip-Hop Nominees & Winners - 50th Annual Grammy Awards Nominations. About.com. Retrieved on November 15, 2008
  30. ^ Hasty, Katie. (EN) Nas Scores Third No. 1 Album With 'Hip-Hop Is Dead' Billboard. December 27, 2006.
  31. ^ Bolden, Janeé. (EN) Nas Drops New LP In September, Declares Hip-Hop Dead. Sohh.com. Retrieved on July 19, 2006.
  32. ^ (EN) Hot R&B/Hip-Hop Songs Billboard. Retrieved on December 6, 2006.
  33. ^ a b c d e (EN) Nas - Hip Hop Is Dead.
  34. ^ (EN) Nas
  35. ^ (EN) Billboard 200, Billboard.com.
  36. ^ (EN) Digital Albums, Billboard.com.
  37. ^ (EN) Rap Albums, Billboard.com.
  38. ^ (EN) Top R&B/Hip-Hop Albums, Billboard.com.
  39. ^ (EN) Top Billboard 200 Albums (Year end 2007), Billboard.com.
  40. ^ (EN) Top Rap Albums (Year end 2007), billboard.com.
  41. ^ (EN) Top R&B/Hip-Hop Albums (Year end 2007), Billboard.com.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]