New school hip hop

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
New school hip hop
Origini stilistiche
Origini culturali New York
Strumenti tipici Rapping
Batteria
Mixer
Chitarre
Campionatore
Tromba
Basso
Sintetizzatore
Popolarità 1984 - 1992
Categorie correlate

Gruppi musicali new school hip hop · Musicisti new school hip hop · Album new school hip hop · EP new school hip hop · Singoli new school hip hop · Album video new school hip hop

KRS-One rappresenta l'estetica hardcore e political della new school come parte dei Boogie Down Productions.

La new school hip hop (detto anche new school rap o semplicemente new school) era un movimento all'interno della musica hip hop iniziato attorno al 1983-1984 con le prime pubblicazione di Run-D.M.C. e LL Cool J. Come la forma precedente di hip hop, arrivava prevalentemente da New York City. La new school era caratterizzata inizialmente dal suono minimalista della drum machine, spesso unito a elementi della musica rock. Era notevole per le proteste, le provocazioni e il commento socio-politico, spesso consegnato con un stile assertivo e aggressivo. Attraverso la canzone, gli artisti proiettavano un atteggiamento di sé stessi duro, cool e da b-boy. Questi elementi contrastavano con il funk e la disco music che avevano influenzato la musica hip hop precedente al 1984, che divenne nota come old school. Gli artisti new school iniziarono a creare brani più corti e più facili da trasmettere alla radio e dischi più coesi rispetto ai loro colleghi della old school. Dal 1986, questi artisti iniziarono a cementare gli album hip hop come parte della musica commerciale.

La golden age hip hop era un periodo che spesso incornicia la fine degli anni ottanta nella musica hip hop mainstream,[1] che si diceva caratterizzata dalla sua diversità, qualità, innovazione e influenza,[2] e associata ad artisti come Public Enemy, KRS-One e la sua Boogie Down Productions, Eric B. & Rakim, Ultramagnetic MCs,[3][4] De La Soul, A Tribe Called Quest e i Jungle Brothers[5] per via dei loro temi riguardanti la militanza politica e l'afrocentrismo, i loro esperimenti musicali e i loro campionamenti eclettici.[6] Questo stesso periodo era talvolta nominato come «mid-school» o «middle school» nell'hip hop, termine con cui si coprivano i lavori di Gang Starr, The UMC's, Main Source, Lord Finesse, EPMD, Just-Ice, Stetsasonic, True Mathematics e Mantronix.[7][8][9]

Le innovazioni di Run-DMC, MC Shan e LL Cool J e di produttori new school come Larry Smith e Rick Rubin della Def Jam erano velocemente superate da Beastie Boys, Marley Marl e la sua Juice Crew, Boogie Down Productions, Public Enemy ed Eric B. & Rakim. La produzione hip hop divenne più densa, con rime e basi musicali più veloci, poiché la drum machine era unita alla tecnologia del campionatore. Rakim portava i testi sull'arte del rapping a nuove altezze, mentre KRS-One e Chuck D spingevano il «messaggio rap» attraverso l'attivismo nero. Con il sopraggiungere del dominio commerciale del gangsta rap proveniente dalla West Coast, in particolare con l'emergere del suono rilassato del g-funk nei primi anni novanta, la new school/golden age della East Coast poteva dirsi conclusa. Rapper hardcore come Wu-Tang Clan e rapper gangsta quali Nas e The Notorious B.I.G. iniziarono a dominare la scena East Coast.

Oggi, i termini «old school» e «new school» sono diventati sempre più sinonimi di «vecchio» e «nuovo» e possono essere applicati a qualsiasi cosa, creando confusione tra gli scrittori che usano i termini. La frase «leader della new school», coniata da Chuck D nel 1988, è rimasta popolare e può essere applicata ad artisti come Jay-Z e Lupe Fiasco.[10][11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Caramanica, Jon. (EN) "Hip-Hop's Raiders of the Lost Archives", New York Times, June 26, 2005. Retrieved on July 2, 2008.
    Coker, Cheo H. (EN) "Slick Rick: Behind Bars", Rolling Stone, March 9, 1995.
    O'Neal Parker, Lonnae. (EN) "U-Md. Senior Aaron McGruder's Edgy Hip-Hop Comic Gets Raves, but No Takers" Archiviato l'11 maggio 2011 in Internet Archive., Washington Post, August 20, 1997. Retrieved on July 2, 2008.
  2. ^ Coyle, Jake. (EN) "Spin magazine picks Radiohead CD as best", Associated Press, published in USA Today, June 19, 2005.
    Coker, Cheo H. (EN) "Slick Rick: Behind Bars", Rolling Stone, March 9, 1995.
    Drever, Andrew. (EN) "Jungle Brothers still untamed", The Age [Australia], October 24, 2003. Retrieved on July 2, 2008.
  3. ^ (EN) Denis Wilson, Kool Keith Preps New Album, Ponders Retirement, Rolling Stone. URL consultato il 24 dicembre 2014.
  4. ^ (EN) Stanton Swihart, Critical Beatdown - Ultramagnetic MC's, su AllMusic. URL consultato il 24 dicembre 2014.
  5. ^ Per Coker, Hodgkinson, Drever, Thill, O'Neal Parker and Sariq. Additionally:
    Coker, Cheo H. (EN) "KRS-One: Krs-One", Rolling Stone, November 16, 1995.
    Pettie, Andrew. (EN) "'Where rap went wrong'", Daily Telegraph, August 11, 2005.
    Reeves, Mosi. (EN) "Easy-Chair Rap", Village Voice, January 29th 2002.
    Kot, Greg. (EN) "Hip-Hop Below the Mainstream", Los Angeles Times, September 19, 2001.
    Coker, Cheo Hodari. (EN) "'It's a Beautiful Feeling'", Los Angeles Times, August 11, 1996.
    Mervis, Scott. (EN) "From Kool Herc to 50 Cent, the story of rap -- so far", Pittsburgh Post-Gazette, February 15, 2004. Retrieved on July 2, 2008.
  6. ^ Sariq, Roni. (EN) "Crazy Wisdom Masters" Archiviato il 23 novembre 2008 in Internet Archive., City Pages, April 16, 1997.
    Thill, Scott. (EN) "Whiteness Visible" Archiviato il 19 aprile 2012 in WebCite. AlterNet, May 6, 2005.
    Hodgkinson, Will. (EN) "Adventures on the wheels of steel", The Guardian, September 19, 2003. Retrieved on July 2, 2008.
  7. ^ Scholtes, Peter S. (EN) "True MCs" Archiviato l'11 luglio 2012 in Archive.is., City Pages, January 7, 1998. Retrieved on July 2, 2008.
  8. ^ DJ Shadow in conversation with William E. Ketchum III, (EN) "DJ Shadow Knockin' Doorz Down" Archiviato il 18 novembre 2007 in Internet Archive., XXL, August 24, 2006. Retrieved on July 2, 2008.
  9. ^ Downes, Maurice. (EN) "Talking Philosophy with DJ Nu-Mark", The Free Williamsburg issue 53, August 2004.
  10. ^ Dinco D, in conversation with Derek Phifer, (EN) "Leader of The New School: Dinco D." Archiviato il 22 febbraio 2008 in Internet Archive., HHNLive, October 15, 2007. Retrieved on July 4, 2008.
  11. ^ (EN) Callahan-Bever, Noah. "Lupe Fiasco - Grindin'" Archiviato il 15 gennaio 2008 in Internet Archive., Vibe, January 18, 2006. Retrieved on July 2, 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]