Lil Pump

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lil Pump
Lil Pump's mugshot.jpg
Foto segnaletica di Lil Pump nel dicembre 2018
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereTrap
Periodo di attività musicale2016 – in attività
Strumentovoce
EtichettaWarner Bros. Records, Tha Light Global
Album pubblicati2
Studio2
Sito ufficiale

Lil Pump, pseudonimo di Gazzy Garcia (Miami, 17 agosto 2000), è un rapper e produttore discografico statunitense.

È uno dei principali rapper della new school americana e che si caratterizza per le sonorità trap. Il suo successo è inoltre dovuto all'utilizzo della piattaforma di streaming musicale SoundCloud per la pubblicazione dei suoi primi brani.

La sua canzone Gucci Gang del 2017 ha raggiunto la terza posizione della Billboard Hot 100, ed è stata certificata quarta platino l'8 febbraio 2019 dalla Recording Industry Association of America.[1] I suoi maggiori successi sono I Love It (con Kanye West), Esskeetit, Drug Addicts, Boss e D Rose.[2] Ha pubblicato il suo album di debutto in studio Lil Pump il 6 ottobre 2017.[3][4] La sua canzone Welcome to the Party è stata inclusa nella colonna sonora di Deadpool 2.[5] Il 22 febbraio 2019 pubblica il suo secondo album in studio Harverd Dropout.[6]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Della sua vita si conosce poco, anche perché è stato lo stesso Lil Pump a cercare di tenere nascosto il suo vero nome.[7] Frequentò la Charles W. Flanagan High School, ma fu espulso per rissa con un altro studente. Un tema, spesso, ricorrente nelle canzoni del giovane rapper è la scuola, addirittura il suo nome "Lil Pump" è, appunto, il nome di una scuola elementare di Miami.[8]

Il suo rapporto con la musica è relativamente controverso. Si è sempre detto poco interessato alla musica, almeno da ragazzino, e il suo impegno nel mondo del rap è legato essenzialmente alla figura di Smokepurpp, suo collega nonché amico d'infanzia, con cui incominciò a collaborare ai tempi delle scuole superiori.[9]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

2016: Inizi e primi singoli[modifica | modifica wikitesto]

La carriera da rapper di Lil Pump è iniziata quando Omar Pineiro, in arte Smokepurpp, produsse un brano e gli chiese di farci un freestyle sopra. Il singolo prodotto è stato rilasciato indipendentemente nel 2016 sul sito di streaming musicale SoundCloud e si chiama Lil Pump.[10] Più tardi, Lil Pump ha composto altri singoli come Elementary, Ignorant, Gang Shit e Drum$tick, ricevendo oltre tre milioni di stream per ciascuno di essi. Il successo delle sue tracce su SoundCloud gli è valso il riconoscimento della scena rap underground della Florida del Sud, in uno stile noto come SoundCloud rap. È stato uno degli artisti principali del tour No Jumper del 2016 e si è esibito anche al Rolling Loud Festival.[11][12]

2017: Popolarità e Lil Pump[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del 2017, Lil Pump ha pubblicato i singoli D Rose e Boss, in seguito diventati i suoi successi più importanti di SoundCloud, totalizzando oltre 70 milioni di stream tra entrambi. La popolarità di D Rose ha portato alla creazione di un video musicale prodotto dal regista Cole Bennett, conosciuto anche come Lyrical Lemonade. Il video musicale è stato pubblicato su YouTube il 30 gennaio 2017 e ha guadagnato 145 milioni di visualizzazioni a partire dal luglio 2018.[13] Il 9 giugno 2017, Lil Pump ha firmato un contratto discografico con Tha Lights Global e Warner Bros. Records, appena due mesi prima del suo diciassettesimo compleanno.[14] Tuttavia, nel gennaio 2018, il suo contratto con la Warner Bros. Records fu annullato perché era ancora minorenne al momento della firma.[15]

Nel mese di luglio 2017, Lil Pump ha annunciato tramite Twitter che il suo album di debutto era in lavorazione e che sarebbe stato pubblicato ad agosto.[16] Sebbene l'album non sia stato rilasciato ad agosto, Lil Pump ha comunque pubblicato la canzone Gucci Gang, diventando la sua prima canzone ad entrare nella Billboard Hot 100, raggiungendo persino la posizione numero tre l'8 novembre 2017.[17][18][19] L'11 gennaio 2018, la canzone è stata certificata oro e platino dalla Recording Industry Association of America e dal 31 luglio 2018 è stata certificata triplo platino.[20]

Il 6 ottobre 2017, ha pubblicato il suo album di debutto commerciale Lil Pump, con i featuring di Smokepurpp, Gucci Mane, Lil Yachty, Chief Keef, Rick Ross e 2 Chainz.[21]

2018-presente: Harverd Dropout[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 gennaio 2018, Lil Pump ha pubblicato I Shyne, prodotta da Carnage. Dopo aver riferito di aver lasciato la sua ex etichetta Warner Bros. Records in seguito all'annullamento,[22] la concorrenza lo portò a firmare dagli 8 milioni a oltre 12 milioni di dollari,[23][24] con l'interessamento di artisti come Gucci Mane e DJ Khaled.[25][26] Nel febbraio 2018 stavano girando voci riguardo il fatto che Lil Pump avesse firmato per la 1017 Records di Gucci Mane.[27][28] Ciononostante, il 12 marzo 2018 ha firmato nuovamente un altro contratto con la Warner Bros. per 8 milioni di dollari.[24]

Il 13 aprile 2018, Lil Pump ha pubblicato Esskeetit, che ha raggiunto la posizione numero 24 della Billboard Hot 100.[19] Nel luglio 2018, ha pubblicato il singolo Drug Addicts insieme ad un video musicale con Charlie Sheen.[29]

Il 7 settembre 2018, Lil Pump ha collaborato con Kanye West e la comica Adele Givens nel brano I Love It.[30] La canzone è passata direttamente alla prima posizione della Canadian Hot 100.[31]

Nell'agosto 2018, Lil Pump ha annunciato un tour per promuovere il suo album inedito Harverd Dropout, ma è stato cancellato un mese dopo a causa di "circostanze impreviste".[32][33] Il 5 ottobre 2018 pubblicò il singolo Multi Millionaire con Lil Uzi Vert.[34]

Il 25 ottobre 2018, il produttore Skrillex ha pubblicato la canzone Arms Around You, in collaborazione con Lil Pump, XXXTentacion, Maluma e Swae Lee.[35]

Il 16 dicembre 2018, Garcia fu accusato di essere razzista nei confronti della comunità asiatica dopo aver visionato un frammento della sua nuova canzone Butterfly Doors, i testi contenevano stereotipi e insulti asiatici. Ciò ha causato una buona dose di copertura mediatica negativa e ha indotto i rapper cinesi a rilasciare tracce dissing nei suoi confronti.[36][37] Il video è stato infine rimosso dalla sua pagina Instagram ma non è stato rimosso dalla sua pagina Twitter. Il 24 dicembre 2018, ha caricato un video di scuse su Instagram per quanto riguarda l'incidente.[38]

Il 31 gennaio 2019, Garcia ha pubblicato il singolo Racks on Racks, insieme al relativo video musicale.[39]

Il 21 febbraio 2019, Garcia ha pubblicato la canzone Be Like Me con Lil Wayne, assieme al video musicale dove compaiono entrambi gli artisti.[40]

Stile e influenze[modifica | modifica wikitesto]

I brani di Lil Pump si rifanno a un tipico stile trap-lo-fi, con bassi distorti che richiamano anche lo stile di artisti quali XXXTentacion. L'hip-hop di Lil Pump è ostentazione, vanità e auto-elogio. Lil Pump ritiene di poter costituire un'enorme svolta per il rap statunitense, e, oltretutto, non ritiene possibile un paragone fra di lui e qualche altro artista.[41]

Tra gli artisti che lo hanno ispirato, figurano Soulja Boy, Lil B, Chief Keef e Fredo Santana.[41]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Foto segnaletica di Garcia nell'agosto del 2018

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 febbraio 2018, Lil Pump fu arrestato per aver scaricato un'arma in un luogo abitato.[42] Secondo il suo manager, tre uomini hanno tentato di irrompere nella sua casa a San Fernando Valley intorno alle 16:00 prima di sparare alla porta. La polizia ha scoperto che il proiettile potrebbe provenire dall'interno della casa, tornando più tardi con un mandato di perquisizione prima di trovare una pistola scarica sotto il balcone con le munizioni altrove nella residenza.[43] La madre di Lil Pump è stata successivamente indagata per aver messo in pericolo una minorenne e avere un'arma non protetta a casa.[44]

Il 29 agosto 2018, Lil Pump è stato arrestato per aver guidato senza patente a Miami.[45][46] Il 3 settembre ha annunciato che sarebbe andato in prigione per "alcuni mesi" per una violazione della libertà vigilata derivante dall'arresto.[47] Tuttavia, il 29 settembre è apparso sul programma televisivo americano Saturday Night Live.[48] Nell'ottobre 2018, Il manager di Garcia ha dichiarato in un articolo di Billboard che il rapper aveva scontato una pena detentiva, ma non ha fornito ulteriori dettagli.[49]

Più tardi, nel dicembre 2018, Garcia fu arrestato in un aeroporto di Miami per condotta disordinata mentre stava per decollare su un volo; la sicurezza voleva cercare i bagagli di Garcia poiché pensavano di trovare tracce di cannabis, ma Garcia ha insistito sul fatto che non ne aveva. Dopo aver constatato che non portava droghe con se, durante l'incontro con la polizia, Garcia si arrabbiò e cominciò a discutere ad alta voce con gli addetti alla sicurezza. Successivamente è stato preso in custodia.[50]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Mixtape[modifica | modifica wikitesto]

  • 2017 – Let's Get It! Or Die..

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gold & Platinum, su RIAA. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  2. ^ Lil Pump Chart History, su Billboard. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  3. ^ (EN) Lil Pump by Lil Pump. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  4. ^ (EN) Thomas Mackie, Multiple injured as ‘SMOKE BOMB’ sparks panic at Lil Pump concert, su Express.co.uk, 17 novembre 2018. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  5. ^ (EN) Watch Scenes From ‘Deadpool 2’ in Diplo and French Montana’s “Welcome to the Party” Video, su Complex. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  6. ^ (EN) Condé Nast, Lil Pump’s New Album Harverd Dropout Gets Release Date, su Pitchfork. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  7. ^ (EN) Lil Pump: Real Name, Age, Songs, Net Worth & Facts to Know, in Earn The Necklace, 15 giugno 2017. URL consultato il 25 agosto 2017.
  8. ^ Lil Pump, 30 maggio 2017. URL consultato il 25 agosto 2017.
  9. ^ (EN) Lil Pump Net Worth 2017, Bio, Real Name, Age, Height, Weight, su www.celebsolino.com. URL consultato il 25 agosto 2017.
  10. ^ (EN) David Turner, David Turner, Look At Me!: The Noisy, Blown-Out SoundCloud Revolution Redefining Rap, su Rolling Stone, 1º giugno 2017. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  11. ^ Everything You Need To Know About Lil Pump, su HotNewHipHop. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  12. ^ (EN) Peter A. Berry, Chief Keef and Lil Pump Hit the Studio - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  13. ^ Lyrical Lemonade, Lil Pump - D Rose (Dir. by @_ColeBennett_). URL consultato il 17 dicembre 2018.
  14. ^ Lil Pump Signs To Warner Bros Records Imprint Tha Lights Global, su HotNewHipHop. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  15. ^ Lil Pump Now Free Agent, Contract Voided With Warner Bros., su Billboard. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  16. ^ (EN) C. Vernon Coleman II, Lil Pump Announces Debut Project Dropping in August - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  17. ^ (EN) Nick Mojica, Lil Pump Lands His First Song on the Billboard Hot 100 Chart - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  18. ^ Early Release! Billboard Hot 100 Top 10 November 18th 2017 Countdown | Official, su Billboard. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  19. ^ a b Lil Pump Chart History, su Billboard. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  20. ^ (EN) Gold & Platinum, su RIAA. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  21. ^ (EN) Max Weinstein, Listen to Lil Pump's Self-Titled Debut Album - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  22. ^ (EN) Nick Mojica, Lil Pump's Warner Bros. Records Contract Voided - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  23. ^ (EN) Jem Aswad, Jem Aswad, Lil Pump’s Warner Bros. Contract Voided, ‘Gucci Gang’ Rapper Is Entertaining Other Offers, su Variety, 12 gennaio 2018. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  24. ^ a b (EN) Jem Aswad, Jem Aswad, It’s Official: ‘Gucci Gang’ Rapper Lil Pump Re-Signs With Warner Bros. Records, su Variety, 13 marzo 2018. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  25. ^ Gucci Mane Wants to Sign Lil Pump: 'U Name the Price', su Billboard. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  26. ^ (EN) Peter A. Berry, DJ Khaled Wants to Sign Lil Pump to We the Best Music - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  27. ^ (EN) Navjosh, Breakout Rapper Lil Pump Signs With Gucci Mane's 1017 Label, su HipHop-N-More, 10 febbraio 2018. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  28. ^ (EN) C. Vernon Coleman II, Lil Pump Sparks Rumors He Signed to Gucci Mane’s Label - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  29. ^ (EN) Elizabeth Aubrey, Charlie Sheen appears in Lil Pump's latest video, su NME, 5 luglio 2018. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  30. ^ (EN) Kanye and Lil Pump's "I Love It" Video Gets the Memes It Was Made to Inspire, su Complex. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  31. ^ Canadian Music: Top 100 Songs Chart, su Billboard. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  32. ^ Lil Pump Announces Harverd Dropout Tour, su Billboard. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  33. ^ (EN) Elizabeth Aubrey, Lil Pump cancels his upcoming tour amid legal issues, su NME, 30 settembre 2018. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  34. ^ (EN) Elias Leight, Elias Leight, Hear Lil Pump, Lil Uzi Vert Collide on Blistering ‘Multi Millionaire’, su Rolling Stone, 5 ottobre 2018. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  35. ^ (EN) Rhian Daly, Skrillex shares new track 'Arms Around You' featuring XXXTentacion, su NME, 25 ottobre 2018. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  36. ^ (EN) Awkwafina Slams Lil Pump for Using Anti-Asian Racial Slurs in New Track, 'Butterfly Doors', su PEOPLE.com. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  37. ^ (EN) Chinese rappers hit back at Lil Pump’s racial slurs amid backlash, su South China Morning Post, 18 dicembre 2018. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  38. ^ Lil Pump Apologizes For Using Racial Slurs: "I Got Asian Homies", su HotNewHipHop. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  39. ^ Lil Pump Unleashes Explosive Video for 'Racks on Racks,' Tells Beats 1 He Has a Lady Gaga Collab, su Billboard. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  40. ^ (EN) Lil Wayne features on Lil Pump’s new song “Be Like Me”, su The FADER. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  41. ^ a b (EN) The Break Presents: Lil Pump - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 25 agosto 2017.
  42. ^ (EN) Lil Pump Arrested for Firing Weapon at Home, su Complex. URL consultato il 15 febbraio 2018.
  43. ^ (EN) Lil Pump Reportedly Arrested For Firing Gun In His Home, in HotNewHipHop. URL consultato il 15 febbraio 2018.
  44. ^ (EN) Lil Pump Has Been Arrested For Firing A Gun Inside His Home, in UPROXX, 15 febbraio 2018. URL consultato il 15 febbraio 2018.
  45. ^ (EN) Tim Swift, Rapper Lil Pump arrested for driving without license, Miami..., su www.local10.com. URL consultato il 4 settembre 2018.
  46. ^ (EN) Lil Pump's Lawyer Says the Rapper's Arrest Was Due to Racial Profiling, su Complex. URL consultato il 31 agosto 2018.
  47. ^ (EN) Lil Pump Tells Fans He's Going to Jail for a 'Couple Months' After Violating Probation: Watch, in Billboard. URL consultato il 4 settembre 2018.
  48. ^ (EN) Lil Pump’s ’SNL' Performance Proves He’s Not in Jail - XXL, in XXL Mag. URL consultato il 30 settembre 2018.
  49. ^ 21 Under 21: Lil Pump on Recording 'I Love It' With Kanye West and Breaking Through the SoundCloud Noise, su Billboard. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  50. ^ (EN) Lil Pump arrested for disorderly conduct after being accused of bringing drugs on airplane, su Consequence of Sound, 14 dicembre 2018. URL consultato il 7 febbraio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENno2018017189