Sparatoria da auto in corsa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La sparatoria da auto in corsa («drive-by shooting» in inglese) è una tattica mordi e fuggi, nata ai tempi del brigantaggio.[1][2]

Pratica[modifica | modifica wikitesto]

Consiste nell'assaltare, da un'automobile in movimento oppure temporaneamente ferma, il bersaglio: uno o più individui, muniti di armi da fuoco, sparano contro l'obiettivo.[3] La modalità con cui viene eseguito l'attacco può causare danni collaterali, come il ferimento - o l'uccisione - involontari di altre persone.[4]

È spesso utilizzato anche in forma di attentato, per eliminare il maggior numero possibile di persone.[3]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

L'idea risale all'epoca del banditismo e del brigantaggio, quando gli aggressori - a cavallo - armati di pistole e fucili raggiungevano l'obiettivo per colpirlo: la vittima, generalmente colta di sprovvista, non aveva tempo di organizzare un contrattacco e di rispondere al fuoco.[5] Per tentare di prevenire simili azioni criminose, si intervenne più volte riguardo le leggi sul controllo delle armi da fuoco.[6] Tra i tanti casi che hanno visto il ricorso a questa tattica, è possibile citare:

  • le uccisoni di politici durante gli anni di piombo, spesso compiute con questo sistema. Si ricorda, per esempio, l'aggressione di Via Prati di Papa (1987) che, sebbene attuato con altri obiettivi (rapina di denaro), ebbe una modalità simile.[7] L'agguato costò la vita a 2 agenti di polizia, oltre al ferimento di un terzo.[7]
  • la morte di 2 rapper, uccisi a pochi mesi di distanza l'uno dall'altro: Tupac Shakur (1996) e Notorious BIG (1997). Entrambi morirono in seguito alle ferite riportate nelle sparatorie, compiute da mezzi lanciati in corsa.[8][9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Marincovich, Tra bufere e miraggi carovana di utilitarie all' assalto del deserto, in la Repubblica, 16 aprile 1985, p. 17.
  2. ^ California, uomo spara da auto in corsa: è strage, repubblica.it, 24 maggio 2014.
  3. ^ a b Enrico Franceschini e Paolo Gallori, Londra, auto su pedoni e spari a Westminster. Quattro morti, tra cui l'assalitore, repubblica.it, 22 marzo 2017.
  4. ^ A.F., Spari dall'auto inseguita colpiti due poliziotti, repubblica.it, 23 marzo 2002.
  5. ^ Pavia, profugo aggredito: spari da un’auto in corsa, repubblica24.com, 9 maggio 2016.
  6. ^ Legge sulle armi del 18 aprile 1975, n.110
  7. ^ a b Massimo Lugli, "Sulle volanti come bersagli", in la Repubblica, 15 febbraio 1987, p. 4.
  8. ^ Ernesto Assante, È morto 2Pac, tragico rapper, in la Repubblica, 15 settembre 1996, p. 31.
  9. ^ Mario Tedeschini Lalli, Assassinio a ritmo di rap Ucciso un altro cantante, in la Repubblica, 10 marzo 1997, p. 14.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra