Scream (Michael Jackson)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo singolo di Michael Jackson, vedi Scream/Childhood.
Scream
Michael Jackson, Scream (Mark Romanek).png
Screenshot del video musicale
ArtistaMichael Jackson
Janet Jackson
Autore/iMichael Jackson, Janet Jackson, James Harris III, Terry Lewis
GenerePop rock
Edito daEpic Records
Pubblicazione
IncisioneScream/Childhood
Data1995
Durata4 min : 39 s
NoteGrammy Award icon.svg Miglior videoclip 1996
(EN)

«I'm tired of the injustice, I'm tired of the schemes, The lies are disgusting, So what does it mean, damn it, You're kicking me down, I got to get up, As jacked as it sounds, The whole system sucks»

(IT)

«Sono stanco dell'ingiustizia, Sono stanco dei complotti, Le bugie sono disgustose, Quindi cosa significa, dannazione, Mi stai buttando giù, Devo rialzarmi, E' corrotto come sembra, L'intero sistema fa schifo»

(Michael Jackson in Scream)

Scream è una canzone di Michael Jackson cantata in duetto con sua sorella Janet Jackson ed estratta (insieme a Childhood) come singolo di lancio dell'album HIStory: Past, Present and Future - Book I il 31 maggio 1995.

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

Antefatti e i rapporti di Jackson con la stampa[modifica | modifica wikitesto]

Scream è una canzone in primo luogo contro la stampa scandalistica. Già nei tardi anni '80, Jackson e la stampa hanno avuto un rapporto difficile. Nel 1986, i tabloid hanno pubblicato diversi articoli sostenendo che Jackson dormisse in una camera iperbarica per rallentare il processo di invecchiamento[1] quando in realtà l'artista era stato ritratto in tale camera dopo aver visitato un centro ustionati supportato da una sua donazione avvenuta dopo aver subito delle ustioni al cuoio capelluto nel 1984.[2] Quando Jackson salvò uno scimpanzé, assieme ad altre decine di animali cavie da laboratorio e lo portò a vivere con sé e lo chiamò Bubbles, i media dell'epoca lo criticarono parlando di un presunto crescente distacco dalla realtà.[3] Venne anche falsamente riportato che Jackson si era offerto di acquistare le ossa di Joseph Merrick (l'"uomo elefante").[3] Jackson venne inoltre accusato di aver abusato della chirurgia plastica e di essersi "sbiancato" la pelle quando in realtà soffriva di Vitiligine.[3]

Queste continue false storie sui media dell'epoca hanno ispirato il soprannome dispregiativo "Wacko Jacko" o "Jacko"[4] entrambi nomignoli che l'artista detestava.[5][6][7]

Nel 1989, Jackson rispose ad alcune di queste accuse col video musicale di Leave Me Alone. Nel video ci sono immagini di giornali con titoli bizzarri e si vede Jackson che balla con le ossa dell'"uomo elefante".[8]

Nell'agosto del 1993, Michael Jackson venne accusato di presunte molestie sessuali verso un minore da parte di Evan Chandler, padre di Jordan "Jordie" Chandler, l'accusatore.[9] Tali accuse portarono ad un grande trambusto mediatico e Jackson finì suo malgrado su tutte le prime pagine dei giornali, telegiornali e tabloid dell'epoca, subendo un vero e proprio linciaggio mediatico ancora prima che le accuse venissero formalizzate, con un conseguente calo di popolarità e stress che lo costrinsero a cancellare varie tappe del Dangerous World Tour (comunque tutte già sold out) e infine a sospenderlo del tutto.[9] Inoltre la Pepsi Cola, sponsor del tour, recise il contratto con Jackson per non accostare il proprio marchio all'artista in difficoltà.[9] Jackson si dichiarò innocente:[10]

«Voglio dire che sono particolarmente sconvolto dalla manipolazione incredibile delle notizie dei terribili mass media. In ogni occasione, i media hanno sezionato e manipolato tali accuse per raggiungere le proprie conclusioni. Chiedo a tutti voi di aspettare di ascoltare la verità prima di condannarmi. Non trattatemi come un criminale. Perché sono innocente.»

Tali accuse vennero ritirate con un accordo extra-giudiziario dopo che la famiglia dell'accusatore fece richiesta di una somma di denaro di svariati milioni di dollari. Il cantante era pronto ad affrontare la giustizia con un processo giudiziario ma pagò su consiglio dei suoi numerosi avvocati che non potevano assicurargli che sarebbe stato assolto.[9]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Con Scream Michael Jackson tornò pertanto sulle scene dopo le accuse di presunte molestie risalenti a due anni prima e il testo della canzone tratta della pressione soffocante dei mass media e di generiche ingiustizie, ma l'allusione diretta che emerge dal testo nel ritornello riguarda le vicende giudiziarie che in quel periodo erano pesate su Jackson. Nella canzone, Jackson invita i media a fermare le pressioni e smettere di falsare la verità.[11]

La canzone venne scritta e composta da Jackson stesso, da sua sorella Janet Jackson e dai produttori R&B Jimmy Jam e Terry Lewis.[11]

Janet Jackson volle essere coinvolta nel progetto come una dimostrazione di sostegno al fratello. Fu la prima volta che lavorarono insieme ad un'intera canzone ed era dal 1982, quando Janet fornì dei cori per P.Y.T. (Pretty Young Thing), e dal 1984, quando Michael cantò nei cori di Don't Stand Another Chance, che non lavoravano insieme. Fu invece la prima volta che Michael Jackson lavorò con Jam e Lewis, mentre Janet aveva lavorato con loro con successo in tutti i suoi album sin dal 1986.[11]

Nel libretto dell'album HIStory e nel retro di copertina dei singoli di Scream/Childhood, c'è un'immagine del 1981 acquerello di Gottfried Helnwein ("Das Lied / The Song "), che è l'immagine di una bambina in difficoltà che sta urlando verso il soffitto. Il testo di Scream è stato aggiunto sul muro accanto alla bambina.[12] Verso la fine del libretto invece c'è una copia della lettera di un bambino indirizzata al presidente degli Stati Uniti, Bill Clinton, chiedendogli di porre fine alla guerra, all'inquinamento e di fermare le notizie di stampa negative su Jackson.

Il video[modifica | modifica wikitesto]

Il videoclip del brano, girato completamente in bianco e nero, vede Michael e la sorella Janet esibirsi e vagare all'interno di una navicella spaziale super-attrezzata. Questo video è citato nei Guinness dei primati del 1996 come il più costoso della storia con oltre 7 milioni di dollari per la sua realizzazione. Il primato apparteneva al video di Bedtime Story di Madonna, che venne a costare circa 5 milioni di dollari; entrambi furono girati sotto la direzione di Mark Romanek.[13]

Nel video, Janet Jackson assume una personalità più scura, inedita nei suoi video musicali. Janet sfoggia un bikini striminzito in alcune scene, afferra i seni, fa il dito medio e simula l'urinazione maschile.

Il video ha influenze giapponesi di fantascienza anime: vari spezzoni della serie anime Zillion e del film Akira possono essere visti nelle immagini di sfondo.[14]

Il video ha debuttato nell'estate del 1995 in contemporanea su MTV, BET, VH1 e FOX andando in onda anche in 27 paesi, con una stima di 500 milioni di spettatori e anche durante l'intervista di Diane Sawyer con Jackson e Lisa Marie Presley.[11]

Il video è uno dei pezzi più acclamati dalla critica di Jackson, Heather Phares di Allmusic ha descritto il video come "elegante video interstellare". James Hunter di Rolling Stone lo definì un "video contemporaneo". Jim Farber l'ha definito "un bel video in bianco e nero, il grande fascino del video è che nessuno dei due fratelli sembra abbastanza reale".

Nel 1995, Scream è stato nominato a 11 MTV Video Music Award, all'epoca record di nomination per un video musicale[15][16], e ha vinto come "Miglior Video Dance" , "Miglior Coreografia" e "Miglior regia artistica". Jackson ha dichiarato di essere molto onorato, spiegando di aver lavorato molto duro ed era molto felice della positiva ricezione del video.[17]

Nel 1996, il video ha vinto un Grammy Award per il miglior video musicale; poco dopo il Guinness World Records l'ha elencato come il video musicale più costoso mai realizzato nella storia con un costo di $ 7 milioni.[18][13] Nel 2001, VH1 inserì Scream al numero nove sulla loro lista dei migliori 100 video musicali.[19]

Il singolo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Scream/Childhood.

Scream è stato il primo singolo estratto dall'album HIStory, e il primo singolo dopo le accuse, e venne pubblicato in un singolo doppio lato A assieme alla canzone Childhood estratta invece dalla colonna sonora del film Free Willy 2 e contenuta anch'essa in HIStory.

Esibizioni dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Michael Jackson ha interpretato la canzone dal vivo, In una versione accorciata e da solista, come canzone di apertura in tutte le tappe del suo HIStory World Tour nel 1996/1997. Inoltre ne interpretò uno snippet durante un medley sia durante gli MTV Video Music Awards 1995 che nei due concerti benefici Michael Jackson & Friends del 1999.[20][21][22]

Janet Jackson ha interpretato invece la canzone in un medley, duettando con una registrazione della voce del fratello, nei suoi tour Number Ones, Up Close and Personal World Tour (2011), Unbreakable World Tour (2015-2016) e State of the World Tour (2017-2018).[23][24][25]

Tributo agli MTV Video Music Awards 2009[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre del 2009, Janet Jackson eseguì Scream live agli MTV Video Music Awards 2009 come parte di un medley-tributo a suo fratello Michael Jackson, morto tre mesi prima.[26]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Remembering Michael Jackson 6 years after his death, in CBS news, 25 giugno 2015.
  2. ^ (EN) 1984: Michael Jackson burned in Pepsi ad, in BBC, 27 gennaio 1984.
  3. ^ a b c Michael Goldberg and David Handelman, Is Michael Jackson For Real?, in Rolling Stone, 24 settembre 2987.
  4. ^ (EN) Michael Jackson: how he came to be known as Wacko Jacko, in The Daily Telegraph, 26 giugno 2009.
  5. ^ TheUnrealRocker, Michael Jackson- Im not a Jacko Im Jackson, 3 settembre 2009.
  6. ^ ALL Michael Jackson Interview Barbara Walters, su www.allmichaeljackson.com.
  7. ^ Pixel Theme Studio, Michael’s 1997 Barbara Walters Interview: Sad, Prophetic and Tender | AllForLoveBlog, su www.allforloveblog.com.
  8. ^ michaeljacksonVEVO, Michael Jackson - Leave Me Alone (Official Video), 2 ottobre 2009.
  9. ^ a b c d J. Randy Taraborrelli, The Magic, the Madness, the Whole Story, Pan; Unabridged edition, 4 giugno 2010, ISBN 978-0330515658.
  10. ^ Niico Tordoya, Michael Jackson | Neverland Statement 1993 | HQ (Widescreen), 3 luglio 2016.
  11. ^ a b c d Joseph Vogel, Man in the Music: The Creative Life and Work of Michael Jackson, Sterling Pub Co Inc, 13 ottobre 2011, pp. 190, 191, ISBN 978-1402779381.
  12. ^ Gottfried Helnwein, Gottfried Helnwein | NEWS | News Update | Helnwein art-works for Michael Jackson's "HISTORY" album, su www.helnwein.com.
  13. ^ a b (EN) Hugh McIntyre, The 5 Most Expensive Music Videos Of All Time, in Forbes, 24 agosto 2014.
  14. ^ Michael Jackson - Scream features a short clip of 'Akira' within the music video! • r/akira, su reddit.
  15. ^ (EN) David Hinckley, RUDY, JACKO IN DUET TO HYPE MTV AWARDS, in NY Daily News, 26 luglio 1995.
  16. ^ Msflower5552, Michael Jackson MTV Video Music Awards Nominations 1995, 7 settembre 2014.
  17. ^ VMA 1995 - MTV Video Music Awards - MTV, su MTV.
  18. ^ Jennifer Michalski, The Most Expensive Music Videos Of All Time, in Business Insider, 20 gennaio 2014.
  19. ^ Rock On The Net: VH1: 100 Greatest Videos, su www.rockonthenet.com.
  20. ^ MJRules1958, Michael Jackson Live - Brunei 1996 HIStory Tour, Scream/TDCAU/In the Closet Medley (HD), 12 febbraio 2010.
  21. ^ franco castro :p, Michael Jackson- MTV 1995 (1080p 60fps), 22 gennaio 2018.
  22. ^ Michael Jackson MJ & Friends Live In Seoul 1999.
  23. ^ Fanny Fung, Janet duet with Michael 'Scream' at Number Ones Tour, 14 febbraio 2011.
  24. ^ reveamourpaix, "If", "Scream", "Rhythm Nation" Janet Jackson Unbreakable World Tour, Hawaii night 1, 25 dicembre 2015.
  25. ^ ritchkraft, Janet Jackson: Scream, Rhythm Nation & Dancers - SOTW Tour 2017 Hollywood Bowl - PT 1, 9 ottobre 2017.
  26. ^ 20 Best MTV VMAs Opening Performances: 2. Janet Jackson's Michael Jackson Tribute (2009), su Rolling Stone, 22 agosto 2014.