Bilbao

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Bilbao (disambigua).
Bilbao
comune
(EU) Bilbo
(ES) Bilbao
Bilbao – Stemma Bilbao – Bandiera
Bilbao – Veduta
Localizzazione
StatoSpagna Spagna
Comunità autonomaFlag of the Basque Country.svg Paesi Baschi
ProvinciaBizkaikobanderea.svg Biscaglia
Amministrazione
AlcaldeJuan María Aburto (PNV)
Territorio
Coordinate43°16′N 2°56′W / 43.266667°N 2.933334°W43.266667; -2.933334 (Bilbao)
Altitudinem s.l.m.
Superficie41,26 km²
Abitanti346 843 (2019)
Densità8 406,28 ab./km²
Comuni confinantiAlonsotegi, Arrigorriaga, Barakaldo, Basauri, Erandio, Etxebarri, Galdakao, Sondika, Zamudio
Altre informazioni
Linguespagnolo, basco
Cod. postale48001–48015
Prefisso944
Fuso orarioUTC+1
Codice INE48020
TargaBI
Nome abitantibilbaini (bilbaínos)
PatronoGiacomo il Maggiore
ComarcaGran Bilbao
Cartografia
Mappa di localizzazione: Spagna
Bilbao
Bilbao
Bilbao – Mappa
Sito istituzionale

Bilbao (AFI: /bilˈbao/[1]; in basco: Bilbo) è una città della Spagna settentrionale, la più grande dei Paesi Baschi e capoluogo della provincia di Biscaglia (in spagnolo: Vizcaya; in basco: Bizkaia). La sua popolazione conta 346 843 abitanti.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Importante porto marittimo e centro industriale, sorge sul fiume Nervión, e i suoi sobborghi si estendono fin sulla costa del golfo di Biscaglia. Per l'intera area urbana si stima una popolazione di circa 935 000 persone (al 2000), che la pone al quinto posto fra le più grandi aree urbane della Spagna.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Climogramma di Bilbao (Observatorio del Aeropuerto de Bilbao)

Il clima di Bilbao è di tipo oceanico umido, influenzato dalla calda corrente del Golfo, con temperature miti lungo tutto l'arco dell'anno. La temperatura dell'acqua del mare si aggira sui 14 °C in inverno e in estate arriva ai 23 °C . La stagione marittima va da aprile a novembre, sebbene non sempre si possa approfittare della vicinanza del mare per l'elevata presenza di giorni nuvolosi.

Le piogge sono più frequenti in primavera e in autunno, con inverni miti ed estati abbastanza calde. Il clima è spesso variabile, anche con rapidità inusuale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo insediamento umano nella zona risale a più di 2000 anni fa, sulla cima del monte Malmasín.

Diego López V de Haro, signore di Biscaglia, fondò la città di Bilbao con documento firmato a Valladolid, datato 15 giugno 1300 e confermato dal re Ferdinando IV di Castiglia a Burgos il 4 gennaio 1301. Don Diego fondò la nuova città sulla riva destra della ría del Nervión.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'area metropolitana di Bilbao è la maggiore dei Paesi Baschi e una delle più importanti a livello economico dell'intera Spagna. In quest'area sono presenti settori strategici come quelli dell'acciaio, dell'automazione, energia, industria. La stessa città di Bilbao è stata per decenni nettamente industriale, sebbene attualmente le industrie pesanti si siano spostate fuori dal centro urbano della città.

Da segnalare, infine, che a Bilbao ha sede dal 1996 l'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, organismo dell'Unione europea che ha come obiettivo statutario quello di rendere i luoghi di lavoro europei più sicuri, produttivi e salutari.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica della città (1900-2005)

Nel 1960 era la sesta città della Spagna per numero di abitanti. A partire dagli anni ottanta ha incominciato a spopolarsi, fino ad arrivare ai circa 350 000 abitanti del 2005. A partire dagli anni novanta è in atto una ridistribuzione della popolazione dalle vecchie zone industriali di Sestao, Barakaldo, Portugalete, Santurtzi e Basauri verso la costa.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene la grande maggioranza degli elementi fondamentali della cultura basca siano riprodotti nella capitale, come l'uso della txapela, ci sono tuttavia alcune peculiarità che definiscono le caratteristiche di Bilbao. Tra queste particolarità ci sono parole tipiche come sinsorgo, coitao, ganorabako, sirris o mocordo;[2] [3] oltre alla bilbainada, un genere musicale.[4]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Museo di belle arti di Bilbao

L'offerta museale comprende più di una dozzina di istituzioni che coprono diversi rami dell'arte, della scienza e dello sport.[5]

Spicca il rinomato Museo Guggenheim di Bilbao, della Fondazione Solomon R. Guggenheim, inaugurato il 19 ottobre 1997 e progettato dall'architetto canadese Frank Gehry. La sua collezione permanente si basa sulle arti visive dopo la seconda metà del XX secolo e oggi, con autori come Richard Serra e Jeff Koons, anche se in diverse mostre temporanee sono state esposte opere di temi più vari, come un'analisi dell'arte russa o incisioni di Albrecht Dürer.

Un'altra importante pinacoteca è il Museo di Belle Arti creato nel 1908, che raccoglie opere realizzate dal XII secolo ai giorni nostri. Il suo repertorio prima del 1900 si concentra principalmente su artisti spagnoli e fiamminghi (El Greco, Zurbarán, Murillo, Goya, Van Dyck) e ospita anche il più vasto repertorio di arte basca, con opere dal XIX secolo ad oggi. Ha anche un sorprendente repertorio di avanguardie internazionali, dal post-impressionismo di Paul Gauguin alla pop art e alla figurazione espressionista di Francis Bacon.

Il Museo Basco di Bilbao, conserva oggetti e ospita mostre che si riferiscono al passato basco,[6]. L'Itsasmuseum di Bilbao è un museo marittimo e portuale situato sulle rive dell'estuario: espone barche e altri elementi relativi a quelle attività, tra le quali la gru Carola, vestigia dei cantieri navali Euskalduna, un tempo la macchina di sollevamento più potente di tutta la Spagna.[7]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il museo Guggenheim

La città ha recentemente subito un rinnovamento urbanistico incentrato attorno al nuovo sistema di metropolitana progettato da Norman Foster e, soprattutto, attorno al Guggenheim Museum di Bilbao, progettato da Frank Gehry. Una nuova tranvia è stata inaugurata nel 2002. Il porto, da sempre sul fiume Nervión, è stato spostato ed ingrandito sul golfo di Biscaglia, liberando così ampi spazi in zona centrale, che sono stati sfruttati per ospitare la maggior parte dei nuovi edifici. Ad accentuare la sua modernità è l'aeroporto di Bilbao, progettato dall'architetto Santiago Calatrava, inaugurato nel 2000.

La città è collegata al suo hinterland dalla rete delle Cercanías di Bilbao con capolinea alla Stazione di Bilbao Abando Indalecio Prieto.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La città è sede della squadra di calcio dell'Athletic Club e della meno nota Santutxu Fútbol Club. La particolarità dell'Athletic Club Bilbao è il tesseramento di soli giocatori nativi dei Paesi Baschi (o discendenti di una famiglia originaria di tale regione) e in grado di parlare la lingua basca. Lo stadio storico di questa squadra è il San Mames. La prima divisa ufficiale è composta da pantaloncini neri e maglia a strisce verticali bianche-rosse, mentre la seconda è composta da pantaloncini rossi e maglia a due tonalità di blu scuro.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Puppy, scultura di Jeff Koons

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bilbo Handia2.jpg
Ingrandisci
Panoramica di Bilbao con evidenziate le principali località

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luciano Canepari, Bilbao, in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0.
  2. ^ MOREJÓN, José Ramón, El txirene. "El bilbaíno neto" (PDF), in Bilbao 700, 24 luglio 2008 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2008).
  3. ^ (ES) Un moderno diccionario botxero, su deia.com (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2009).
  4. ^ (ES) C. ANGULO, «Ésta es una bilbainada más chirene, no tan seria», in 20 minutos, 27 giugno 2006.
  5. ^ Museos, su bilbao.eus.
  6. ^ Presentación, su euskal-museoa.org (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2010).
  7. ^ LA GRÚA CAROLA, su bilbaoturismo.net.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (ES) Foto di Bilbao, su bilbaofotos.com. URL consultato il 25 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 1º settembre 2018).
Controllo di autoritàVIAF (EN139144648664647079691 · LCCN (ENn79006528 · GND (DE4080409-4 · BNF (FRcb11960949x (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n79006528
Spagna Portale Spagna: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Spagna