La Toya Jackson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Toya Jackson
La Toya Jackson nel 2010
La Toya Jackson nel 2010
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Pop
Rhythm and blues
Dance
Periodo di attività 1972 – in attività
Sito web

La Toya Jackson (Gary, 29 maggio 1956) è una cantante e modella statunitense.

Quintogenita della famiglia Jackson, riconosciuta come sorella maggiore di Michael Jackson. Fu la prima figlia femmina della famiglia Jackson ad entrare nel business della musica.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

1956-1979: Primi anni di vita e The Jacksons[modifica | modifica wikitesto]

Nasce nel giorno del sesto compleanno della sorella Rebbie, il 29 maggio 1956 a Gary, Indiana. E' quinta di nove figli di Joseph Jackson e Katherine, la figlia di mezzo tra Rebbie e Janet. Da giovanissima, insieme a sua madre, devota Testimone di Geova, e i suoi fratelli, viaggiava per diffondere la parola di Geova. Nel 1972, all'età di sedici anni, si unisce ai suoi fratelli per uno spettacolo di tip tap, organizzato dal padre a Las Vegas.

La Toya aspirava a diventare un avvocato specializzato in diritto commerciale. Per un breve periodo ha frequentato l'università, prima che suo padre la convicesse a continuare la carriera nel mondo dello spettacolo, come il resto della famiglia.
Nel 1976 e nel 1977, La Toya e le sue sorelle Rebbie e Janet Jackson appaiono in tutti i dodici episodi di "The Jacksons", un programma di varietà, con i loro fratelli Jackie, Tito, Marlon, Michael e Randy. Hanno ballato, cantato, suonato insieme ai suoi fratelli, tranne Jermaine.

Nel 1978 durante le riprese di "The Wiz", La Toya giunge a New York insieme a sua sorella Rebbie. Condividono un appartamento, per la prima volta senza la presenza di adulti. Sotto la tutela di Rebbie Jackson, La Toya compie una breve esperienza musicale in gruppo. Tuttavia, non hanno mai suonato dal vivo e si separarono presto a causa di "differenze creative".L'anno successivo, La Toya ha iniziato a lavorare sul suo primo album come solista.

1980-1983: Inizio della carriera solista[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1980, ha pubblicato il suo primo album. Al fine di distinguersi dai suoi celebri fratelli, i Jackson, La Toya desiderava che sull'album comparisse solo il suo nome. "Ho pregato tanto per averlo, ma mio padre disse: 'È il tuo cognome. Devi usarlo.' Ma ho voluto vedere cosa avrei potuto fare tutta da sola". Il primo singolo "If You Feel the Funk ", fu un modesto successo nella Top 40 della R & B Chart americana. Il suo secondo singolo, "Night Time Lover", venne prodotto da Michael, anche lui presente nei cori. In cambio, lei partecipò nel coro del brano, Pretty Young Thing.

L'album raggiunge la 116ª posizione della Billboard 200 degli Stati Uniti, la 26° della R & B album chart Billboard e la 178° il nella UK Top 200. Nel 1982, pubblica un secondo album, "My Special Love", da cui si possono estrarre due singoli, "Stay the Night" e "I don't want you to go". Nel 1983 è apparsa nel video "Say Say Say" del fratello Michael e Paul McCartney.

1984-1987: Heart don't lie e il successo internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il 1984 vede l'uscita dell'album "Heart don't lie" acclamato dalla critica. Con questo album la Toya ottiene il suo più grande successo nella Billboard Hot 100 con il brano "Heart don't lie", raggiungendo la 56ª posizione. In questo album troviamo anche i brani : "Bet'cha Gonna Need My Lovin '", "Hot Potato", e una cover di Prince,"Private joy". Jackson e Amir Bayyan hanno scritto "Reggae Nights" per "Heart don't lie". Sempre nel 1984 la sua popolarità aumenta grazie alla pubblicità alla linea di moda "David Laurenz per La Toya" Secondo il contratto triennale, la Jackson accettò di indossare durante le sua apparizione pubbliche abiti di David Laurenz.

Apparve anche nelle pubblicità delle fotocamere Nikon e l'anno successivo testimonial di Mahogany, ditta di cosmetici che per l'occasione ha lanciato un profumo chiamandolo "La Toya". Nel 1985, partecipa al singolo "We Are the World", un appello per combattere la fame in Etiopia. Nello stesso anno recita nel video musicale contro la droga, "Stop the Madness". Nel 1985 lancia il suo singolo "Baby Sister", con il quale riceve uno dei cinque premi della canzone alla sedicesima edizione del Festival Mondiale della Canzone popolare in Giappone. "Baby Sister" venne incluso nell'album Imagination del 1986.

1988-1989: Partenza dalla famiglia Jackson e Playboy[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1987, Jack Gordon venne assunto come manager insieme a suo padre Joseph. In seguito divenne suo manager ufficiale. Sotto la gestione di Gordon, l'immagine pubblica della Jackson divenne sempre più sexy. Nel 1988, Katherine Jackson rimase sconvolta dalla provocante danza della La Toya, lo stesso anno in cui scrisse la sua autobiografia "My Family, The Jacksons", Katherine credeva che Gordon tendesse ad allontanarla dalla sua famiglia. Fu in questo periodo che abbandonò i Testimoni di Geova.

Verso la fine del 1988, pubblica l'album "La Toya", con i singoli, "You're Gonna Get Rocked!" e "(Ain't Nobody Loves You) Like I Do". L'album conteneva anche un brano intitolato "Just Say No", scritto per promuovere una campagna antidroga. L'album include quattro tracce prodotte dai Full Force, e tre dai Stock Aitken Waterman. Nel marzo 1989, posa in topless per la rivista Playboy. "Voglio mostrare ai miei genitori che non possono impormi ciò che devo fare, io ho il controllo la mia vita".

La copertina e il layout fu uno dei temi di maggior successo nella storia di Playboy, trasformando La Toya in un sex symbol. Quando venne rilasciato, vendette oltre 8 milioni di copie, in quell'anno la rivista più venduta. Ha posato di nuovo su Playboy nel novembre 1991 per promuovere la sua autobiografia e, successivamente nel 1994, gira un video per la rivista. Nel 1989, inizia a registrare il suo sesto album "Bad girl".

1989-1996: notorietà pubblica, l'abuso e l'esilio dalla famiglia Jackson[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 settembre 1989, dopo il suo concerto Sizzling Spectacular in Nevada, sposa Jack Gordon, secondo lui per giustificare, in funzione di una sorta di protezione, i continui tentativi di sequestro da parte della sua famiglia Jackson. Ma La Toya ha successivamente affermato che questo questo matrimonio venne pianificato contro la sua volontà : "Ho detto a Jack Gordon, 'Non è possibile, Jack non ti posso sposare. Sai cosa significa per me il matrimonio, di te non sono mai stata innamorata ! Nemmeno oggi. Io non ti amo. Io non provo qualcosa per te '". Nel corso del matrimonio forzato, La Toya ha cercato sottrarsi per tre volte, ma la guardia del corpo di Jack Gordon, Antonio Rossi l'ha afferrata dicendole:" Ci sono alcune cose che si devono fare. Anche se non si vuole ". La Jackson ha riferito alla rivista Ebony che il matrimonio venne contratto solo per immagine. Sei mesi, mentre si trovavano a Roma, La Toya chiede a Gordon di divorziare. In risposta, Gordon le ha ripetutamente sbattuto la testa contro lo spigolo del tavolo della camera d'albergo dicendole che non l'avrebbe mai lasciata andare.

Alcun paparazzi successivamente fotografano la Jackson con gli occhi pesti : Gordon li ha giustificati a causa di un intruso. Da questo momento, la Jackson perse ogni contatto con la sua famiglia, e scrisse un'autobiografia "La Toya: Growing Up in the Jackson Family", dove accusò il padre di abusi fisici. Katherine credeva che La Toya avesse ricevuto "il lavaggio del cervello", mentre Gordon ha sostenuto che Katherine aveva tentato di uccidere la figlia. La sorella Janet, d'accordo con i suoi genitori, disse: "Penso che questo ragazzo che è con lei le abbia fatto il lavaggio del cervello. Lui la tiene lontano dalla famiglia, e ora è il lavaggio del cervello che tiene lei lontano da noi".

Nel 1990 ha partecipato al Festival di Sanremo, cantando "You and Me", una versione in lingua inglese di "Verso l'ignoto" di Marcella e Gianni Bella. "You and Me" entra nella hit parade italiana, piazzandosi alla 28ª posizione. Nello stesso anno rilascia il singolo "Why don't you want my love?". Nel 1991 uscie l'album "No Relations", un album con influenze funk. Nel 1992 firma un contratto con il Moulin Rouge a Parigi e la rivista stessa, Formidable. La Jackson eseguiva due spettacoli a notte per sei notti a settimana. La Jackson è stata la prima donna nella storia del cabaret a guadagnare una somma di 5 milioni di $. Il suo successo fu formidabile, quasi tutte le sere lo spettacolo era esaurito.

Nel mese di ottobre 1992, La Toya si avvicina alla sorella Janet. Nel 1993 nella loro casa di New York, Gordon picchiò nuovamente La Toya, causando, la perdita di conoscenza, un'ecchimosi agli occhi e labbra gonfie, inducendo Gordon a pensare di averla uccisa.

Ha ricordato di aver chiamato i suoi amici : "È morta. L'ho uccisa, perché era distesa in una pozza di sangue mentre io ero fuori". Gordon venne arrestato, ma successivamente rilasciato. Secondo La Toya, Gordon minacciò di uccidere i fratelli Michael e Janet, se lei non eeguiva i suoi ordini. Nel 1993 ha tenuto un concerto al Polonia Song Festival Sopot International. Nel 1994, ancora una volta posa per la Playboy Entertainment. In seguito rilascia due album, uno di musica country, "From Nashville to You", e un altro di successi : "Stop in the name of love".

1996-2002: fuga e solitudine[modifica | modifica wikitesto]

Quando si accorse che Gordon stava progettando per lei un ruolo in un film pornografico, La Toya decise che ne aveva avuto abbastanza. Jackson telefonò il fratello Randy, che vola a New York per aiutarla nella fuga, approfittando di una momentanea assenza di Gordon. Qualche giorno dopo, La Toya presenta istanza di divorzio, citando in giudizio civile Gordon, per gli anni di abusi e di violenza subiti. A seguito di tali decisioni La Toya ha potuto rivedere tutta la sua famiglia, stabilendosi a Hayvenhurst e perdonando i suoi genitori. L'ultimo singolo di Jackson del 1990 è stato "Don't Break My Heart".

Dopo la separazione da Gordon, visse per la prima volta da sola. Dichiarò poi di essere rimasta chiusa in casa per sei mesi temendo di venire nuovamente terrorizzata da Gordon. Aveva paura di esibirsi, si vergognava, non sapeva cosa fare della sua vita. La additavano come priva di talento :"Sono arrivata al punto di, [...] dove, beh, sai nei media dicono cose come, 'Oh, lei non può cantare. Lei non ha talento. Lei non sa ballare.' Ho iniziato a credere che, e pensavo, 'Oh mio Dio'. Ed ho cominciato a pensare, 'Oh accidenti, come è potuto succedere a me?' Come potrei cominciare a credere a questo? ". Dopo questo periodo ha iniziato ad esibirsi sia in Europa che Sud America, mossa soprattutto dalla necessità di ripagare gli enormi debiti, lasciati in eredità da Gordon. In seguito agli attentati dell'11 settembre Jackson compose "Free the World". '.

2003-2009: Tornare alla musica e la morte del fratello Michael[modifica | modifica wikitesto]

La Toya Jackson ha annunciato il suo primo progetto musicale dopo sei anni, "Startin 'Over". Nel 2004 pubblica "Just Wanna Dance ", in modo indipendente con lo pseudonimo di "Toy", al fine di evitare i pregiudizi del passato. La strategia ha funzionato, con "Just Wanna Dance" raggiunge la 13ª posizione nella Dance US Billboard Hot. "Free the World" viene pubblicato in quello stesso anno e fu un successo simile. Il 10 gennaio 2007, la Toya, insieme ad altre celebrità debutta al "TV reality show Armed & Famous", un programma della CBS. Lo spettacolo venne poi soppresso a causa della sua incapacità di competere con un analogo programma concorrente, American Idol. Successivamente il canale VH1 mandò in onda gli episodi rimanenti.

Nello show, La Toya si rivela nella sua fobia per i gatti, dopo aver urlato istericamente rifugiandosi su una macchina della polizia. Questa paura, ha rivelato, venne causata da un episodio avvenuto durante l'infanzia, durante il quale venne attaccata e ferita da un gatto. Per ridurre il dolore psicologico dovuto all'evento, La Toya si è persino sottoposta ad una terapia psicologica. Venne pianificato un singolo, dal titolo, "Armed and Famous", ma successivamente cambiato in "I don't Play That", poco prima di essere inviato alle stazioni radio, il 29 gennaio 2007, ma non ebbe lo stesso successo dei singoli precedenti, soprattutto a causa dell'annullamento di uno spettacolo. Nel gennaio 2009, le venne pagato un cachet di 103.000 £ per apparire come un concorrente nel programma televisivo britannico Celebrity Big Brother. Fu il secondo membro della famiglia Jackson a partecipare allo show.[1]

La versione finale di "Startin' over" venne completata verso la fine del 2008, poco prima che Jackson è entrato nel cast di Celebrity Big Brother. Un nuovo primo singolo, "Love, Honor, and Obey", in programma per l'estate 2009, è stato messo in attesa a causa della morte del fratello minore Michael. La Toya Jackson è stata una dei fratelli presenti all' UCLA Medical Center il 25 giugno 2009, dopo che il fratello Michael venne dichiarato morto dopo un arresto cardiaco. La sorella richiese di effettuare una seconda autopsia dopo aver notato la presenza di attrezzature medicali sospette in casa di Michael, comportamenti elusivi dei suoi medici, e la scoperta che erano stati trafugati 2 milioni di dollari in contanti e diversi gioielli. Il 13 luglio 2009, La Toya rilascia un'intervista al News of the World e al Daily Mail in cui, secondo lei, suo fratello Michael è stato assassinato. Il Los Angeles County Coroner ha successivamente stabilito qualche settimama dopo che la morte di Michael era dovuta ad un omicidio.

2010-oggi: televisione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010, pubblicizza una crema per le mani : "Dream Cream". Ha inoltre partecipato al programma della NBC, Celebrity Apprentice in onda da marzo a maggio 2011, raccogliendo un cachet di $ 65.000 devolvendoli poi al AIDS Project di Los Angeles. Era anche il giudice primo ospite ad apparire in due episodi della terza stagione di RuPaul Drag Race. Inoltre ha servito da giudice ospite della stagione 17 di America's Next Top Model. Nel 2013 parteciperà in una nuova serie di Oprah Winfrey, su OWN, chiamata, "Vita con La Toya".

Cronologia della carriera[modifica | modifica wikitesto]

  • 1980 - esce il suo primo disco album "LaToya Jackson".
  • 1981 - esce il suo secondo "My Special Love".
  • 1983 - coautrice della canzone "Reaggae Nights" per Jimmy Cliff. La canzone rimane tutt'oggi il singolo più venduto in Francia e ha ricevuto una nomination per un Grammy.
  • 1983 - appare nel video di Michael Jackson e Paul McCartney "Say Say Say".
  • 1984 - esce il suo singolo di maggior successo "Heart don't lie".
  • 1985 - si esibisce al Lincoln Memorial insieme ai Beach Boys e a Julio Iglesias.
  • 1989 - inizia il suo primo World Tour.
  • 1989 - sposa il suo manager Jack Gordon.
  • 1989 - posa nuda per Playboy magazine, la copertina diventa la più venduta di tutti i tempi[2].
  • 1991 - esce la sua autobiografia "Growing Up In The Jackson Family".
  • 1991 - posa nuda una seconda volta per Playboy magazine.
  • 1992 - dopo 4 mesi LaToya interrompe il suo "Moulin Rouge Cabaret Show" a Parigi.
  • 1993 - esce un album country "From Nashville to You".
  • 1994 - realizza un video per Playboy.
  • 1995 - esce un cover album della Motown chiamato "Stop in the name of love" che include la hit dei the Jackson Five "I'll be there".
  • 1997 - divorzia da Jack Gordon.
  • 2003 - firma un contratto con la JA-TAIL Enterprises.

Fratelli[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il primo fu il fratello Jermaine, nel 2007.
  2. ^ Biography of La Toya Jackson for Appearances, Speaking Engagements, Endorsements Talent Agent

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN112082964 · LCCN: (ENn91011953 · ISNI: (EN0000 0001 1780 0205 · GND: (DE118998927 · BNF: (FRcb12240132h (data)