HIStory: Past, Present and Future - Book I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "HIStory" rimanda qui. Se stai cercando la serie televisiva taiwanese, vedi HIStory (serie televisiva).
HIStory: Past, Present and Future - Book I
ArtistaMichael Jackson
Tipo albumStudio
PubblicazioneUnione europea 16 giugno
Stati Uniti 20 giugno 1995
Durata71:38
(disco 1)
77:20
(disco 2)
Dischi2
Tracce30
GenerePop[1][2]
Contemporary R&B[2]
Hip hop[3]
EtichettaEpic Records
ProduttoreMichael Jackson, Jimmy Jam & Terry Lewis, Dallas Austin, David Foster, Bill Bottrell e R. Kelly
Registrazionesettembre 1993 - marzo 1995 (per quanto riguarda il solo disco di inediti)
Certificazioni
Dischi d'oroBrasile Brasile[4]
(vendite: 100 000+)
Messico Messico[5]
(Vendite: 100.000+)
Norvegia Norvegia[6]
(Vendite: 25.000+)
Dischi di platinoArgentina Argentina[7]
(Vendite: 60.000+)
Australia Australia (8)[8]
(Vendite: 560.000+)
Austria Austria (2)[9]
(Vendite: 40.000+)
Canada Canada (4)[10]
(Vendite: 400.000+)
Danimarca Danimarca (10)[11]
(vendite: 200 000+)
Europa Europa (6)[12]
(Vendite: 6.000.000+)
Finlandia Finlandia[13]
(Vendite: 60.000+)
Germania Germania (3)[14]
(Vendite: 1.500.000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi (3)[15]
(Vendite: 300.000+)
Polonia Polonia[16]
(Vendite: 100.000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (9)[17]
(vendite: 135 000+)
Regno Unito Regno Unito (4)[18]
(Vendite: 1.200.000+)
Spagna Spagna (3)[19]
(Vendite: 240.000+)
Stati Uniti Stati Uniti (8)[20]
(Vendite: 8.000.000+)
Svezia Svezia[21]
(Vendite: 100.000+)
Svizzera Svizzera (3)[22]
(Vendite: 150.000+)Taiwan Taiwan (4)[23]
(vendite: 239 365+)
Dischi di diamanteFrancia Francia[24]
(Vendite: 1.644.200+)
Michael Jackson - cronologia
Album in studio di Michael Jackson - cronologia
Album precedente
(1991)
Album successivo
(2001)
Singoli
  1. Scream/Childhood
    Pubblicato: 31 maggio 1995
  2. You Are Not Alone
    Pubblicato: 15 agosto 1995
  3. Earth Song
    Pubblicato: 27 novembre 1995
  4. They Don't Care About Us
    Pubblicato: 31 marzo 1996
  5. Stranger in Moscow
    Pubblicato: 4 novembre 1996
  6. HIStory
    Pubblicato: 30 luglio 1997

HIStory: Past, Present and Future - Book I, solitamente abbreviato in HIStory, è il nono album da solista del cantante statunitense Michael Jackson, pubblicato dalla Sony Music il 16 giugno 1995 in Europa e il 20 giugno negli Stati Uniti.[25]

HIStory risulta il doppio album più venduto di sempre da un artista solista, con oltre 30 milioni di copie vendute nel mondo (corrispondenti a 60 milioni di unità).[26][27]

L'album e i suoi singoli ricevettero molti premi e nomination. Tra questi il record di 11 nomination agli MTV Video Music Awards 1995, vincendo in tre categorie: Miglior video dance, Miglior coreografia e Miglior direzione artistica per il video di Scream. Ricevette anche cinque nomination ai Grammy Award nel 1996, fra le quali quella al premio album dell'anno, e vinse come Miglior video musicale sempre con il video di Scream.[28][29] Lo stesso anno ai World Music Award 1996 Jackson ricevette cinque premi e stabilì il record per il maggior numero di premi ottenuti da un artista nello stesso anno. Tra questi quello per Miglior artista maschile per vendite nel 1996. La rivista Billboard premiò Jackson con un Premio speciale Billboard Hot 100 per You Are Not Alone, che fu il primo singolo nella storia a esordire direttamente alla posizione numero uno nella classifica di Billboard.[30]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'album è costituito da due dischi. Il primo CD, HIStory Begins, consiste in un Greatest Hits di 15 tra le canzoni di maggiore successo del cantante, mentre il secondo, HIStory Continues, contiene 15 tracce inedite.[31]

Durante una simulchat nel 1995, Jackson definì l'album HIStory come "un libro musicale"[32]:

(EN)

«If you want to hear my feelings and thoughts, it's in HIStory. It's a musical book.»

(IT)

«Se volete sentire i miei sentimenti e pensieri, sono in HIStory. È un libro musicale.»

(Michael Jackson, Simulchat live dalla MTV Arena, 17 agosto 1995)

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il successo dell'album Dangerous, uscito nel 1991, Jackson si imbarcò nel 1992 nel secondo tour da solista, il Dangerous World Tour. Nel 1993, in piena promozione dell'album, piovvero su di lui delle accuse di presunte molestie sessuali da parte di un ragazzino di nome Jordan Chandler. La pubblicità negativa e il forte stress che queste gli causarono lo portarono a una dipendenza dagli antidolorifici, costringendolo a concludere il tour prima del tempo e a rifugiarsi a Londra, lontano dai media, in una clinica di riabilitazione. Regolò poi il contenzioso legale per via extragiudiziale.[33]

Nel 1994 sposò in segreto l'unica figlia di Elvis Presley, Lisa Marie Presley. Fu in questo periodo di tumulto che incominciò la lavorazione del suo nuovo album.[34]

L'idea[modifica | modifica wikitesto]

L'idea iniziale per HIStory era di realizzare un greatest hits con alcune tracce inedite. Col procedere della lavorazione, la Sony decise di realizzare un album doppio, un disco per i classici e uno per le nuove canzoni, anche se il cantante non amava i greatest hits e avrebbe preferito un album di solo nuovo materiale. In merito a questo infatti disse: "Per me gli album di greatest hits sono noiosi, e io voglio continuare a creare".[34]

Composizione e collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

La composizione del materiale inedito per HIStory Continues incominciò durante la seconda metà del Dangerous World Tour, nel 1993, assieme al tecnico del suono Brad Buxer, con i brani Stranger in Moscow, Money e Little Susie. Le registrazioni ufficiali dovevano cominciare nel gennaio del 1994 a Los Angeles ma a causa del Terremoto di Northridge in quello stesso mese, che terrorizzò Jackson, furono spostate a New York al The Hit Factory. Qui Jackson incominciò a lavorare con un team di vecchi e nuovi collaboratori. Tornarono a collaborare con lui in studio, oltre a Buxer, Bill Bottrell e Teddy Riley, che avevano già partecipato alla produzione all'album Dangerous, Bruce Swedien, presente in tutti i suoi album da solista, Slash, per incidere D.S., l'Andraé Crouch Singers Choir, che fu presente in Earth Song e nella title track,[34] e la sorella Janet Jackson, che duettò in Scream. Prima di allora Janet aveva solo partecipato ai cori di P.Y.T. di Michael, e Michael aveva solo partecipato a quelli Don't Stand Another Chance di Janet, rendendo pertanto Scream il primo, e unico, duetto tra i due.[34] Tra i nuovi collaboratori vi erano invece Jimmy Jam & Terry Lewis, che avevano prodotto gli ultimi 3 album di successo della sorella Janet e che scrissero col cantante il duetto Scream, il pezzo contro i mass media e i tabloid, Tabloid Junkie, 2 Bad e la title-track, il produttore R&B Dallas Austin, che contribuì alla stesura di This Time Around e 2 Bad, R. Kelly, che firmò You Are Not Alone, e David Foster, che lo aiutò a produrre Childhood, Earth Song e Smile. Jackson collaborò per la prima volta anche col rapper Notorious B.I.G. e col giocatore dell'NBA Shaquille O'Neal, che rapparono rispettivamente sulle tracce This Time Around e 2 Bad, e con il gruppo Boyz II Men, che parteciparono ai cori di HIStory.[34]

HIStory è stato il primo album in cui Jackson mostra le sue abilità di musicista, suonando tastiera, sintetizzatori, chitarre, batteria e altre percussioni.[35] Inizialmente doveva essere pubblicato in autunno, come gli album precedenti, nel novembre del 1994, ma non essendo l'artista ancora soddisfatto dei risultati ottenuti, continuò a limarlo fino alla primavera del 1995.[34]

Contenuti[modifica | modifica wikitesto]

Per i temi affrontati, che spaziano dalle menzogne dei mass media all'ingiustizia, all'avidità, alla solitudine e alla consapevolezza ambientale, HIStory è considerato dalla critica e dal pubblico l'album più personale realizzato dall'artista e quello più organico e vicino a un concept album.[34][36]

La copertina[modifica | modifica wikitesto]

La copertina fu realizzata da Diana Walczak, artista degli effetti speciali, che aveva lavorato ad alcuni film hollywoodiani.[37][38] Jackson voleva che rappresentasse un'enorme statua di sé e che facesse riferimento al titolo dell'album, HIStory (con le prime tre lettere rigorosamente in maiuscolo), che stava a significare sia "storia" ma anche "LA SUA storia". La copertina avrebbe dovuto sintetizzare in un'unica immagine l'idea della sua storia personale e quella dell'intera umanità. Per realizzare quest'opera il cantante chiese a Walczak di ispirarsi all'imponente monumento russo La Madre Patria Chiama!, alto 52 metri. Decise anche che la posa più adeguata era quella dall'apertura del suo Dangerous World Tour del 1992/1993 e dell'esibizione all'Halftime Super Bowl XXVII del 1993.[38] Walczak lo fotografò in quella posa dalle varie angolazioni e creò a mano una copia della statua in scala ridotta in argilla. Con l'aiuto di due suoi assistenti, lavorò ininterrottamente per una settimana per modellare i 300 chilogrammi di materiale necessari. Una volta messe a punto le rifiniture, inviò delle foto e dei video della scultura, alta circa 1 metro e 20 cm, sia alla Sony sia alla popstar, le quali chiesero che vi fossero apportate alcune modifiche.[38] Dopo una settimana di ulteriore lavoro, Sony diede il via libera a Walczak per avviare il processo di fusione, che trasformò l'argilla a base d'acqua nella base per uno stampo in silicone simile a gesso. Quindi, utilizzando un pennarello indelebile, l'artista disegnò oltre 10 000 poligoni sulla statua per prepararla il processo di digitalizzazione, che si svolse a Los Angeles. Lo sfondo, le luci e altri materiali in computer grafica presenti sulla copertina dell'album furono aggiunti dopo la digitalizzazione. L'opera originale creata da Walczak, che fu presentata nel settembre del 1994, riproduceva il cantante a figura intera con alla base del piedistallo piccole sagome umane, che servivano ad accentuare la grandezza della scultura. Sony, per creare la copertina, decise infine di ritagliarne la maggior parte, lasciando solo il busto. L'immagine completa venne comunque utilizzata per alcuni poster promozionali e per la copertina della VHS e del DVD Video Greatest Hits – HIStory.[38]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

L'album fu pubblicato con il pieno supporto della Sony Music, che investì la cifra record di 40 milioni di dollari nella sua realizzazione e pubblicizzazione, grazie anche all'accordo multimilionario firmato lo stesso anno in cui Jackson fondeva il suo catalogo musicale (incluso quello dei "Beatles" o ATV) con quello della Sony, diventando di fatto socio al 50% di Sony/ATV Music Publishing.[39][40]. La campagna promozionale incluse l'uscita di numerosi singoli, un altrettanto vasto corredo di video musicali, un imponente tour mondiale e un album di remix, pubblicato nel 1997 con il titolo Blood on the Dance Floor: HIStory in the Mix, nel quale furono incluse 5 canzoni inedite e 8 remix tratti dall'album.[41] A tutto ciò si aggiungevano numerosi spot radiofonici e televisivi in tutto il mondo.

Il teaser[modifica | modifica wikitesto]

Il costume con cui Jackson apparve nel teaser trailer per l'album HIStory[42]

Per anticipare l'uscita dell'album venne realizzato un teaser trailer, conosciuto come HIStory Teaser, della durata di circa 4 minuti, costato circa 8 milioni di dollari, con centinaia di comparse. In questo teaser si vede Jackson marciare alla guida dell'Armata Rossa, acclamato da migliaia di persone ai bordi delle strade, dietro le transenne, e si conclude con l'inaugurazione di una gigantesca statua rappresentante l'artista, tra fuochi d'artificio, elicotteri e urla di gioia dei presenti[25].

Il video, che fu girato a Budapest alla fine del 1994 e venne soprannominato "The Eastern Europe Redeemer" ("il redentore dell'Europa orientale"), fu diretto da Rupert Wainwright e creò qualche polemica all'uscita perché fu accusato di avere ricalcato parzialmente le immagini del documentario Il trionfo della volontà di Leni Riefenstahl.[43] In un'intervista con Diane Sawyer Jackson negò che il video avesse qualcosa a che vedere con le ideologie politiche e i dogmi di cui trattava il documentario. Sostenne che nel suo video si celebrava invece l'amore, che non vi si vedevano carri armati o violenza ma solo persone che si riunivano per festeggiare, e che il regista aveva tentato di creare un'opera d'arte.[44][45][46] Spiegò anche che il teaser era costruito in modo tale da attirare l'attenzione di tutti e che ottenne l'effetto desiderato.[47] Il teaser fu anche presentato in alcuni cinema degli Stati Uniti di proprietà della Sony, prima della proiezione dei film, mentre nel resto del mondo venne mostrato in anteprima in televisione, Italia inclusa, a Super, condotto da Gerry Scotti, dove però, per questioni di durata della trasmissione, se ne mostrò una versione accorciata.[48]

Le statue[modifica | modifica wikitesto]

Una delle varie statue costruite per promuovere l'album

Varie statue, di circa dieci metri di altezza, raffiguranti Michael Jackson, repliche di quella creata in computer grafica e che appariva nella copertina dell'album, furono costruite, appositamente per la promozione, e collocate nelle seguenti città:

Un'altra di queste statue seguì le prime tappe dell'HIStory World Tour nel 1996. Per il primo concerto a Praga venne eretta sul gigantesco piedistallo dove una volta si trovava una statua di Stalin, creando anche alcune polemiche.[57][58] Quando il cantante fece tappa ad Amsterdam, donò la statua alla Fondazione per l'Infanzia Ronald McDonald. La scultura, con dedica apposta dalla popstar, fu in seguito restaurata e collocata all'esterno di uno dei ristoranti della famosa catena a Best nei Paesi Bassi, fino al 2019, anno in cui venne rimossa a causa delle polemiche sollevate dal documentario Leaving Neverland.[59][60]

Un'altra replica, però in prospettiva forzata, fu invece collocata in cima alla sede del negozio di dischi Tower Records di Los Angeles.[61]

La statua italiana, dopo essere stata abbandonata per anni a Desio, Milano, nel parcheggio della ditta che si era occupata del suo trasporto e montaggio[56], è stata poi venduta al Luna Park Europark Idroscalo che l'ha restaurata, ricolorata ed esposta nel suo parco il 22 giugno 2019, per commemorare i 10 anni dalla scomparsa di Michael Jackson e dove è ancora oggi esposta.[62]

HIStory World Tour (1996-1997)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: HIStory World Tour.

L'HIStory World Tour fu la terza e ultima tournée da solista di Michael Jackson. Il tour, con oltre 4,5 milioni di spettatori paganti stimati, superò ogni record (il precedente era stato stabilito dallo stesso Jackson). Esordì a Praga il 7 settembre 1996 e si concluse a Durban (Sudafrica) il 15 ottobre 1997, per un totale di 82 concerti in 57 città, 35 paesi e 5 continenti.[63]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Le vendite dei singoli di HIStory risultarono essere le quarte migliori per album, dietro a quelle dei singoli estratti da Thriller, Bad e Dangerous, con 26 milioni di copie in tutto il mondo.[64]

  • Scream/Childhood - Fu il singolo di lancio dell'album, pubblicato nel maggio del 1995 come doppio singolo contenente due canzoni: Scream, un duetto con la sorella Janet, accompagnato dal video più costoso della storia (circa 7 milioni di dollari) che raggiunse la top 5 negli Stati Uniti, venne certificato "disco di Platino" dalla RIAA[65] e vendette più di 3,5 milioni di copie nel mondo.[64] Il video del brano vinse un Grammy come "miglior video dell'anno" nel 1996.[66][67] Childhood invece è la canzone più personale e autobiografica di Jackson, dato che è l'unica che tratta in prima persona della sua difficile infanzia. In un'intervista spiegò:[68]

«Se volete davvero conoscermi, c'è una canzone che ho scritto, la più sincera che abbia mai creato... Si chiama Childhood. La gente dovrebbe ascoltarla se vuole comprendermi davvero. Childhood è un riflesso della mia vita... è il mio specchio, è la mia storia»

  • You Are Not Alone - Fu il secondo singolo estratto dall'album, nell'agosto del 1995. Alla sua uscita raggiunse il primo posto nella Billboard Hot 100 e risollevò le vendite dell'album, riportandolo in cima alle classifiche. Il video fu molto criticato in quanto Jackson e Lisa Marie Presley, allora moglie del cantante, venivano ritratti seminudi in alcune scene ambientate in un paradiso terrestre. Malgrado ciò, il video non fu rifiutato da nessuna rete televisiva e nel corso degli anni venne riproposto costantemente da MTV. Il singolo fu venduto in oltre 4,5 milioni di copie.[63][64][66]
  • Earth Song - Fu il terzo singolo, estratto nel novembre del 1995 in tutto il mondo tranne che negli Stati Uniti, dove uscì solo come singolo radiofonico, e fu accompagnato da un videoclip dai costi milionari. Il video ottenne una nomination ai Grammy Awards del 1996 assieme a Scream. Il singolo raggiunse la vetta delle classifiche del Regno Unito, dove diventò il più venduto tra quelli del cantante.[66]. Totalizzò una vendita di 4,5 milioni di copie in tutto il mondo.[64]
  • This Time Around - Fu un singolo promozionale ed esclusivamente radiofonico trasmesso solo negli Stati Uniti. Il brano, che include un rap di Notorious B.I.G, raggiunse la posizione numero 23 della Billboard Hot 100 Airplay. Di Notorious, nel successivo album Invincible, Jackson avrebbe utilizzato un rap postumo.[69][70]
  • They Don't Care About Us - Fu il quinto singolo estratto dall'album. Uscì nel marzo del 1996 e vendette circa 3 milioni di copie.[64] Causò qualche controversia a causa del testo, a detta di qualcuno antisemita, al punto da costringere Jackson a registrarne una nuova versione censurandone alcune parti[71]. Tuttavia Jackson avrebbe inteso affermare il contrario: in un'intervista dichiarò, infatti, che il brano parlava del dolore provocato dal pregiudizio e dall'odio.[72]
  • Stranger in Moscow - Fu estratto come sesto e ultimo singolo dal disco e pubblicato nel novembre 1996. La canzone fu concepita in un momento di solitudine in un albergo di Mosca, nel 1993, durante una tappa del Dangerous World Tour. Si tratta di una ballata che mette in evidenza lo stato d'animo del cantante dopo essere stato accusato, per la prima volta, di molestie sessuali nei confronti di un minore. Il brano si rivelò un successo in Europa, raggiungendo la prima posizione in molti paesi, tra cui Italia e Regno Unito, dove rimase in vetta alle classifiche per 5 settimane consecutive. Contrariamente alle aspettative, fu invece un flop negli Stati Uniti, dove raggiunse solo la posizione numero 91. Il singolo venne venduto in oltre 700 000 copie.[64]

Altri singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • HIStory - Nel 1997 la canzone che dava il titolo all'album venne estratta in doppio singolo, assieme a Ghosts, come ultimo singolo da HIStory e dell'album Blood on the Dance Floor, essendo presente in tale album una versione remixata del brano. In Europa raggiunse la posizione numero 5 della UK Singles Chart e vendette oltre 500 000 copie.
  • Smile - A fine 1997-inizio 1998 si decise inizialmente di estrarre la canzone Smile come singolo natalizio e come ultimo singolo da HIStory, e Jackson aveva pronte le idee per il video che lo avrebbe dovuto accompagnare ma, benché i CD singoli fossero già andati in stampa e pronti alla vendita, la casa discografica ne cancellò improvvisamente l'uscita senza fornire spiegazioni. Il cantante si disse stupito e sconvolto della scelta in un'intervista con la fanzine francese Black&White.[73] I CD singoli sopravvissuti al macero divennero presto pezzi da collezionismo.[74]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[1] 3/5 stelle
Rolling Stone[2] 4/5 stelle
Entertainment Weekly[75] B

HIStory nel complesso ha ricevuto recensioni contrastanti con alcuni recensori che hanno commentato l'insolito formato di un nuovo album in studio accompagnato da una raccolta di grandi successi, come la rivista Q che dichiarò "dal punto di vista delle nuove canzoni è come portare tuo padre con te in una rissa".[76]

Jon Pareles del New York Times scrisse una dura critica all'album di inediti (HIStory Continues) dichiarando riguardo ai sentimenti espressi nell'album dall'artista che "la sua rabbia continua a lacerare la dolce facciata edificante a cui si è aggrappato per tutta la sua carriera. Non sta più fingendo di essere normale" aggiungendo che "nelle sue nuove canzoni è paranoico e ironico, messianico e meschino, vendicativo e sdolcinato. Paragonandosi a John F. Kennedy e Gesù Cristo è un megalomane che si sente vittima" ammettendo poi "eppure rimane uno dei musicisti più dotati in vita" e aggiungendo "è passato molto tempo da quando Michael Jackson era semplicemente un artista performativo. Ora è la principale risorsa della sua stessa società (MJJ Music) che è una proficua filiale della Sony".[77]

Fred Shuster del Los Angeles Daily News ha descritto This Time Around, Money e D.S. come "superbe fette di funk organico che alimenteranno molte delle piste da ballo più frequentate dell'estate".[78]

Jim Farber del New York Daily News ha dato all'album una recensione generalmente mista dichiarando che Jackson "ha interpretato una specie di vittima incompresa per anni da Billie Jean a Leave Me Alone passando per Why You Wanna Trip on Me. [...] Quando avrebbe potuto cogliere l'occasione per fermare finalmente le lamentele e fare semplicemente ottima musica, ora non sta zitto su ciò che ci ha distratto dalla sua arte" aggiungendo però che il brano Money "vanta una delle poche linee di basso abbastanza carnose da farti venire voglia di muoverti" mentre ha definito They Don't Care About Us una canzone "dal ritmo sferragliante e originale" mentre parlando di Stranger in Moscow lo ha definito "un brano che offre un fluido pop adulto". Secondo il critico il vero salto, però, arriva in tre brani orchestrali definiti "Disneyani": Childhood, Little Susie e Smile che "mirano tutti a presentare Jackson come un intrattenitore oltre i gusti dell'età moderna".[79]

James Hunter di Rolling Stone ha dato a HIStory quattro stelle su cinque e ha notato che l'album "si dispiega nella risposta oltraggiata di Jackson a tutto ciò che ha incontrato nell'ultimo anno o giù di lì". In relazione a This Time Around, Hunter l'ha descritta come una "marmellata di dinamite" e ha descritto Scream e Tabloid Junkie come "avventurosi" mentre ha definito Earth Song piena di "sentimenti nobili" che suona "principalmente come un pezzo forte".[80]

Chris Willman del Los Angeles Times ha definito This Time Around "una traccia dura guidata dalla chitarra ritmica, co-scritta e co-prodotta dal produttore di hit, Dallas Austin, che sfoggia uno dei migliori groove dell'album".[81]

Stephen Thomas Erlewine di Allmusic ha dato a HIStory tre stelle su cinque commentando che si trattava di una "conquista monumentale" dell'ego di Jackson. Erlewine ha osservato che HIStory Begins contiene "alcune delle più grandi musiche della storia del pop" mentre ha dichiarato che HIStory Continues è invece "facilmente l'album più personale che Jackson abbia registrato" e che i testi delle sue canzoni che fanno riferimento alle accuse di molestie creano una "densa atmosfera di paranoia" citando You Are Not Alone e Scream come "pop ben realizzato che si colloca perfettamente assieme al suo miglior materiale" e Stranger in Moscow come "una delle sue ballate più struggenti", ma concluse che "tuttavia, HIStory Continues è il suo album più debole sin dalla metà degli anni '70".[82]

David Browne di Entertainment Weekly ha dato a HIStory Begins un voto "A-" ma a HIStory Continues una "C-" dando una "B" all'intero album. Descrivendo il salto dal CD di successi a quello di canzoni nuove, Browne dichiara "in seguito ai singoli precedenti, come Heal the World, il nuovo mondo rappresentato dalle 15 nuove registrazioni di HIStory non è più quello ottimista di una dozzina di anni fa". Browne ha commentato che la musica "sembra raramente trasportare l'ascoltatore su un piano superiore" lodando però alcune canzoni come "lo staccato e le armonie compresse di They Don’t Care About Us o le trame stratificate e meticolosamente organizzate della fluida Stranger in Moscow" che, secondo il critico "non potrebbero provenire da nessun altro che Jackson" aggiungendo che "i tentativi di iniettare un po' di new jack swing nei suoi ritmi, come su Money, dove batte Kelly nel suo stesso gioco, e in This Time Around, sono più sicuri di tentativi simili fatti su Dangerous" mentre Tabloid Junkie il critico lo definisce un pezzo che "si avvicina alla trascendenza come nessun altro brano dell'album" definendo il suo ritornello "il più violento e il più ispirato in anni".[83]

Il critico musicale Joseph Vogel ha definito HIStory "l'album più personale di Michael Jackson" dichiarando: "Dall'appassionato oltraggio di Scream alla calma resistenza di Smile il disco era, nelle parole di Jackson, un "libro musicale" che ha racchiuso tutte le emozioni turbolente e le lotte dei precedenti anni" aggiungendo che l'album "era il suo esorcismo, la sua confessione, la sua confutazione. [...] Era una sfida. Era spesso arrabbiato. Anche nei suoi momenti più leggeri (You Are Not Alone, Smile) conteneva un residuo di dolore e tristezza. [...] Tematicamente, si è confrontato piuttosto che sfuggire al tempestoso stato emotivo di Jackson [...] spesso legando le esperienze personali dell'artista a esperienze più universali di vulnerabilità (Childhood), alienazione (Stranger in Moscow) o indignazione (They Don't Care About Us)".[84]

A causa di alcune controversie sorte all'uscita dell'album, Jackson ha dovuto ri-registrare, nelle ristampe dell'album, alcune parole del testo in They Don't Care About Us perché accusato di antisemitismo[85] mentre R. Kelly è stato accusato da due autori belgi di aver plagiato la canzone You Are Not Alone, perdendo la causa e portando alla sua messa al bando alla radio belga.[86]

HIStory è stato nominato a cinque Grammy Award, rispettivamente alle cerimonie dei Grammy del 1996 e del 1997, vincendo un solo premio per il video di Scream, che vinse il Grammy al miglior video musicale. You Are Not Alone venne nominata come Miglior performance vocale pop maschile, Scream per la Migliore collaborazione pop mentre l'album è stato invece nominato a un Grammy come Album dell'anno. Il video di Earth Song venne anch'esso nominato come Miglior video l'anno seguente.[87] Nel 1998, l'album si è classificato al numero 96 nella classifica dei migliori album del millennio in Music of The Millennium della BBC, un elenco di 100 album scelti dagli spettatori di Channel 4, i lettori del The Guardian e i clienti di HMV come i migliori del millennio.[88]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

HIStory Begins (Disco 1)[modifica | modifica wikitesto]

  1. Billie Jean – 4:54 (Michael Jackson)tratto dall'album Thriller (1982)
  2. The Way You Make Me Feel – 4:57 (Michael Jackson)tratto dall'album Bad (1987)
  3. Black or White – 4:16 (Michael Jackson)tratto dall'album Dangerous (1991)
  4. Rock with You – 3:42 (Rod Temperton)tratto dall'album Off the Wall (1979)
  5. She's Out of My Life – 3:38 (Michael Jackson)tratto dall'album Off the Wall (1979)
  6. Bad (Single Mix) – 4:07 (Michael Jackson)tratto dall'album Bad (1987)
  7. I Just Can't Stop Loving You (Single Mix) – 4:12 (Michael Jackson)tratto dall'album Bad (1987)
  8. Man in the Mirror – 5:19 (Glen Ballard, Siedah Garrett)tratto dall'album Bad (1987)
  9. Thriller – 5:58 (Michael Jackson, Rod Temperton)tratto dall'album Thriller (1982)
  10. Beat It – 4:19 (Michael Jackson)tratto dall'album Thriller (1982)
  11. The Girl Is Mine – 3:42 (Michael Jackson)tratto dall'album Thriller (1982)
  12. Remember the Time – 4:00 (Teddy Riley, Michael Jackson, Bernard Belle)tratto dall'album Dangerous (1991)
  13. Don't Stop 'Til You Get Enough – 6:05 (Michael Jackson)tratto dall'album Off the Wall (1979)
  14. Wanna Be Startin' Somethin' – 6:04 (Michael Jackson)tratto dall'album Thriller (1982)
  15. Heal the World – 6:25 (Michael Jackson)tratto dall'album Dangerous (1991)

HIStory Continues (Disco 2)[modifica | modifica wikitesto]

  1. Scream (feat. Janet Jackson) – 4:39 (Michael Jackson, Janet Jackson, James Harris III, Terry Lewis)
  2. They Don't Care About Us – 4:44 (Michael Jackson)
  3. Stranger in Moscow – 5:44 (Michael Jackson)
  4. This Time Around – 4:21 (Michael Jackson, Christopher George Latore Wallace, René Moore, Dallas Austin, Bruce Swedien)contiene un breve segmento rap di The Notorious B.I.G.
  5. Earth Song – 6:46 (Michael Jackson)
  6. D.S. – 4:49 (Michael Jackson)
  7. Money – 4:41 (Michael Jackson)
  8. Come Together – 4:03 (John Lennon, Paul McCartney)
  9. You Are Not Alone – 6:02 (R. Kelly)
  10. Childhood – 4:28 (Michael Jackson)Tema di Free Willy 2
  11. Tabloid Junkie – 4:32 (Michael Jackson, James Harris III, Terry Lewis)
  12. 2 Bad – 4:49 (Michael Jackson, James Harris III, Terry Lewis, Shaquille O'Neal)contiene un breve segmento rap di Shaquille O'Neal
  13. HIStory – 6:34 (Michael Jackson, James Harris III, Terry Lewis)contiene un cameo dei Boyz II Men nelle voci di sottofondo
  14. Little Susie – 6:13 (Michael Jackson)
  15. Smile – 4:55 (Charlie Chaplin)

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Ad anticipare l'uscita dell'album fu Scream, in coppia con la sorella Janet,[89] accompagnato da un videoclip che, con una spesa di circa 7 000 000 di dollari, risultò essere il più costoso della storia.[90] Il brano raggiunse la quinta posizione nella classifica Billboard Hot 100[91] e la terza nella Official Singles Chart.[92] Nella settimana di esordio furono vendute circa 390 000 copie dell'album negli Stati Uniti,[93] mentre in Regno Unito HIStory raggiunse le 100 000 copie in due giorni.[49] In Italia esordì alla posizione numero 1 della Classifica FIMI Album, ma alla seconda settimana scese di sette posizioni.[94] Nel giro di un mese Scream uscì dalle classifiche, determinando anche un crollo delle vendite dell'album. Il 15 agosto, però, fu pubblicato il secondo singolo, You Are Not Alone, che esordì al nº 1 nella Billboard Hot 100[95] e ne risollevò le sorti.

Negli Stati Uniti HIStory raggiunse gli oltre 8 milioni di copie, venendo certificato 8 volte disco di platino dalla RIAA,[96] e in tutto il mondo circa 30 milioni di copie (60 milioni se considerati i 2 CD singolarmente), diventando il doppio album più venduto di tutti i tempi per un solista.[26][97] Nel 2001 il primo CD fu ristampato singolarmente con il titolo Greatest Hits HIStory Vol.1, e vendette oltre 3,5 milioni di copie.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1995) Posizione
Austria[126] 18
Francia[127] 3
Italia[128] 23
Stati Uniti[129] 32
Svizzera[130] 8
Classifica (1996) Posizione
Francia[131] 8
Stati Uniti[132] 177

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Stephen Thomas Erlewine, Michael Jackson - HIStory: Past, Present and Future, Book I - Review, All Music Guide. URL consultato il 6 maggio 2011.
  2. ^ a b c (EN) James Hunter, Michael Jackson - HIStory: Past, Present, Future, Book I, Rolling Stone, 10 agosto 1995. URL consultato il 6 maggio 2011.
  3. ^ (EN) Bernadette McNulty, Michael Jackson's music: the solo albums, The Telegraph, 26 giugno 2009. URL consultato il 31 ottobre 2019.
    «Key sound: Dystopian world rap».
  4. ^ (PT) Associação Brasileira dos Produtores de Discos, Certificados, su abpd.org.br. URL consultato il 20 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2010).
  5. ^ (ES) Certificaciones, AMPROFON. URL consultato il 6 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2012).
  6. ^ (NO) Trofeer, International Federation of the Phonographic Industry (Norvegia). URL consultato il 6 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2006).
  7. ^ (ES) Discos de Oro y Platino, Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 25 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2011).
  8. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2009 Albums, ARIA Charts. URL consultato il 6 maggio 2011.
  9. ^ (DE) Gold & Platin, International Federation of the Phonographic Industry (Austria). URL consultato il 6 maggio 2011.
  10. ^ (EN) Gold and Platinum Database - Michael Jackson - History[collegamento interrotto], Canadian Recording Industry Association. URL consultato il 25 luglio 2012.
  11. ^ (DA) Certificeringer, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 9 ottobre 2019.
  12. ^ (EN) IFPI Platinum Europe Awards - 1996 AWARDS, IFPI. URL consultato il 6 maggio 2011.
  13. ^ (FI) TILASTOT - Michael Jackson, International Federation of the Phonographic Industry (Finlandia). URL consultato il 6 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 4 agosto 2016).
  14. ^ (DE) Gold-/Platin-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 6 maggio 2011.
  15. ^ (NL) Goud/Platina, NVPI. URL consultato il 6 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2010).
  16. ^ (PL) Platynowe płyty, Związek Producentów Audio Video. URL consultato il 26 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 17 dicembre 2007).
  17. ^ (EN) Latest Gold / Platinum Albums, Radioscope. URL consultato il 14 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2011).
  18. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 6 maggio 2011.
  19. ^ (ES) Top 100 Albumes - Semana 32: del 03.08.2009 al 09.08.2009 (PDF), Productores de Música de España. URL consultato il 6 maggio 2011.
  20. ^ (EN) Michael Jackson’s Catalogue Garners Major New Gold & Platinum Awards, Recording Industry Association of America, 23 agosto 2018.
  21. ^ (SV) Guld & Platina År 1987-1998 (PDF), International Federation of the Phonographic Industry (Svezia). URL consultato il 6 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 19 maggio 2012).
  22. ^ (EN) AWARDS 1996, su swisscharts.com. URL consultato il 6 maggio 2011.
  23. ^ (ZH) 認證紀錄, Recording Industry Foundation in Taiwan. URL consultato il 18 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2019).
  24. ^ (FR) Les Album Diamant, InfoDisc. URL consultato il 21 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2015).
  25. ^ a b ERNESTO ASSANTE, L' INVASIONE DEL GENERALE JACKSON - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it, 9 giugno 1995. URL consultato il 21 febbraio 2018.
  26. ^ a b Laura Putti, Il nuovo Michael Jackson fa un tuffo nel passato, La Repubblica, 24 agosto 2001. URL consultato il 10 maggio 2009.
  27. ^ Access Hollywood, The return of the King of Pop, MSNBC, 2 novembre 2006. URL consultato il 25 novembre 2008.
  28. ^ (EN) List of Grammy nominees, CNN, 4 gennaio 1996. URL consultato il 5 maggio 2011.
  29. ^ (EN) 38th Grammy Awards - 1996, RockOnTheNet.com. URL consultato il 5 maggio 2011.
  30. ^ Michael Jackson: King Of Billboard's Pop Charts, su Billboard, 25 giugno 2009.
  31. ^ (EN) HIStory: Past, Present and Future, Book I - Michael Jackson - Overview, All Music Guide. URL consultato il 5 maggio 2011.
  32. ^ Transcript of Jackson's simulchat, su CNN, 17 agosto 1995.
  33. ^ (EN) The Vanishing, su People, 29 novembre 1993.
  34. ^ a b c d e f g Joseph Vogel, Man In The Music, Sterling, 13 ottobre 2011, pp. 171-182, ISBN 978-1-4027-7938-1.
  35. ^ (EN) Michael Jackson - HIStory: Past, Present and Future, Book I - Credits, All Music Guide. URL consultato il 5 maggio 2011.
  36. ^ L'album del giorno: Michael Jackson, HIStory, su Panorama, 1º aprile 2020.
  37. ^ (EN) Diana Walczak – Kingvention [collegamento interrotto], su kingvention.com, 29 marzo 2015.
  38. ^ a b c d (EN) MARTENZIE JOHNSON, The story behind the album and CD cover for Michael Jackson’s 1995 ‘HIStory: Past, Present and Future, Book I’, in The Undefeated, 29 agosto 2016.
  39. ^ Analisi Sul Rapporto Tra Michael Jackson E La Sony: Prima Parte
  40. ^ (EN) Tributes - Michael Jackson[collegamento interrotto], Herald Sun, 25 giugno 2009.
  41. ^ (EN) Blood On The Dance Floor: HIStory In The Mix, Amazon.com. URL consultato il 5 maggio 2011.
  42. ^ Michael Bush, The King of Style: Dressing Michael Jackson, Insight Editions, 2012, pp. 130, 133, ISBN 978-1-60887-151-3.
  43. ^ HIStory Teaser, Part 1: Triumph of the Will, su dancing with the elephant, 30 ottobre 2014.
  44. ^ (EN) Tom Shales e Tom Shales, DIANE, MICHAEL & LISA MARIE: ON INTIMATE TERMS, in The Washington Post, 15 giugno 1995.
  45. ^ (EN) Michael Jackson, Lisa Marie Presley interview with Diane Sawyer Transcript - MJ Facts, in MJ Facts, 22 gennaio 1995.
  46. ^ ALL Michael Jackson Prime Time Live, su allmichaeljackson.com.
  47. ^ Ronny Gironi, Michael Jackson e Lisa Marie Prime Time Live 5/5 SOTTOTITOLI ITALIANO, 5 novembre 2009.
  48. ^ L' INVASIONE DEL GENERALE JACKSON - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 17 marzo 2018.
  49. ^ a b c d (EN) The Jackson statues, www.pophistorydig.com, 30 giugno 2009. URL consultato il 5 maggio 2011.
  50. ^ Associated Press (archive), UK - Michael Jackson's Statue Down The Thames, 23 luglio 2015.
  51. ^ Visionary, Michael Jackson HIStory statue Berlin 1995 (amateur video), 18 febbraio 2019.
  52. ^ (ES) Ediciones El País, 'Jacko' reina en Madrid, in EL PAÍS, 17 giugno 1995.
  53. ^ Chi siamo, in Acquatica Park. URL consultato il 10 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 9 settembre 2017).
  54. ^ POP: MICHAEL JACKSON ARRIVA A MILANO, MA È UNA STATUA, su www1.adnkronos.com, 9 giugno 1995.
  55. ^ TUTTI GLI EROI DEL FESTIVALBAR - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it, 10 giugno 1995.
  56. ^ a b Ivan Bavuso, Seregno, Michael Jackson ha "abitato" a Seregno, Il Cittadino di Monza e Brianza, 6 luglio 2009.
  57. ^ (EN) Michael Jackson Kicks Off `History' Tour In Prague, in tribunedigital-chicagotribune, 3 settembre 1996.
  58. ^ Colosso, su fiumewang.blogspot.it, 31 agosto 2014.
  59. ^ Michael Jackson memorial place in Best, The Netherlands, su facebook.com. URL consultato il 10 settembre 2017.
  60. ^ (EN) McDonalds in Best takes down Michael Jackson statue, su NL Times, 2 aprile 2019.
  61. ^ Photographing and sculpting Michael Jackson for the 1995 HIStory album cover, su Diana Walczak, 26 giugno 2009.
  62. ^ Michael Jackson Italian Memorial Place: inaugurazione della statua con flash mob, su mentelocale.it, 17 giugno 2019.
  63. ^ a b J. Randy Taraborrelli, The Magic and the Madness, Headline, 2004, ISBN 0-330-42005-4.
  64. ^ a b c d e f Michael Archiviato il 23 marzo 2009 in Internet Archive.
  65. ^ (EN) Gold & Platinum Searchable Database, RIAA. URL consultato il 5 maggio 2011.
  66. ^ a b c Michael Jackson, The Ultimate Collection booklet.
  67. ^ Guinness World Records, Guinness World Records 2006, Guinness, 2005, ISBN 1-904994-02-4.
  68. ^ (EN) Jackson Interview Transcript Interview With Ed Bradley On '60 Minutes', 28 dicembre 2003.
  69. ^ George, p. 48
  70. ^ Artist Chart History - Michael Jackson, Billboard. URL consultato il 5 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2008).
  71. ^ JACKSON, NUOVO TESTO DOPO IL NO DEGLI EBREI - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it, 23 giugno 1995. URL consultato il 21 febbraio 2018.
  72. ^ (EN) Man in the Music: The Creative Life and Work of Michael Jackson, su joevogel.net, 19 settembre 2012. URL consultato il 15 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2012).
  73. ^ (EN) From the Black and White magazine - Michael Jackson.ru, su Michael Jackson.ru. URL consultato il 29 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2018).
  74. ^ Michael Jackson - Smile, su Discogs.
  75. ^ (EN) David Browne, HIStory: Past, Present, and Future Book I, Entertainment Weekly, 23 giugno 1995.
  76. ^ Bauer Media Group., Album Review: HIStory, in Q Magazine, giugno 1995.
  77. ^ (EN) Jon Pareles, POP VIEW; Michael Jackson Is Angry, Understand?, in The New York Times, 18 giugno 1995.
  78. ^ Fred Shuster, Jackson attempts to rewrite 'history', in Daily News of Los Angeles, 18 giugno 1995.
  79. ^ MICHAEL'S 'HIS'-SY FIT SINGER'S BIG NEW COLLECTION IS LITTLE MORE THAN WHINY JACKSON JIVE ABOUT HIS PERCEIVED MISTREATMENT, su web.archive.org, 19 giugno 1995 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2009).
  80. ^ Michael Jackson: HIStory: Past, Present and Future, Book I : Music Reviews : Rolling Stone, su web.archive.org, 10 agosto 1995 (archiviato dall'url originale il 4 agosto 2008).
  81. ^ POP REVIEW Hits and Missives Michael Jackson takes off the glove and rails at attackers with new songs that take the King of Pop from `Bad' to sad-very sad, su Los Angeles Times, 18 giugno 1995.
  82. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, AllMusic Review by Stephen Thomas Erlewine, su AllMusic, 20 giugno 1995.
  83. ^ (EN) David Browne, HIStory: Past, Present, and Future Book I, su EW.com, 23 giugno 1995.
  84. ^ Joseph Vogel, Man in the Music: The Creative Life and Work of Michael Jackson, Sterling Pub Co Inc., 13 ottobre 2011, ISBN 978-1402779381.
  85. ^ (EN) Bernard Weinraub, In New Lyrics, Jackson Uses Slurs, in The New York Times, 15 giugno 1995.
  86. ^ (EN) Jackson song guilty of plagiarism [collegamento interrotto], su Irish Examiner, 13 settembre 2007.
  87. ^ (EN) Michael Jackson, su GRAMMY.com. URL consultato il 3 febbraio 2020.
  88. ^ The music of the millennium, su BBC News, 24 gennaio 1998.
  89. ^ Gloria Pozzi, Jackson, per " History " si fa un monumento, in Corriere della Sera, 20 maggio 1995, p. 29. URL consultato il 5 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2015).
  90. ^ (EN) The Most Expensive Music Videos Ever Made, music.uk.msn.com, 16 ottobre 2009. URL consultato il 5 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2014).
  91. ^ (EN) Fred Bronson, Jackson rewrites His Story again, Billboard, 17 giugno 1995.
  92. ^ ChartStats - Michael Jackson And Janet Jackson - Scream, ChartStats.com. URL consultato il 5 maggio 2011.
  93. ^ (EN) Keith Caulfield, 'This Is It' Tops Billboard 200 With 373,000 First-Week Sales, Billboard, 4 novembre 2009. URL consultato il 5 maggio 2011.
  94. ^ History già in calo nell'hit parade. Michael Jackson in crisi, il disco non si vende. E in America è un flop sconcertante 360 000 copie nella prima settimana [collegamento interrotto], in La Stampa, 5 luglio, p. 18. URL consultato il 5 maggio 2011.
  95. ^ (EN) Hot 100, Week of September 02, 1995, Billboard. URL consultato il 5 maggio 2011.
  96. ^ (EN) Michael Jackson’s Catalogue Garners Major New Gold & Platinum Awards - RIAA, in RIAA, 23 agosto 2018.
  97. ^ Jackson talks about return to studio - Access Hollywood - msnbc.com
  98. ^ (EN) Hits of the World - Argentina, Billboard. Nielsen Business Media, Inc., 22 luglio 1995, p. 43. URL consultato il 26 luglio 2012.
  99. ^ (EN) Australian Charts - Michael Jackson - History: Past, Present and Future - Book I (album), australian-charts.com. URL consultato il 6 maggio 2011.
  100. ^ (DE) Austria Top-40 - Michael Jackson - History: Past, Present and Future - Book I (album), austriancharts.at. URL consultato il 6 maggio 2011.
  101. ^ (NL) Charts Vlaanderen - Michael Jackson - History: Past, Present and Future - Book I (album), www.ultratop.be. URL consultato il 6 maggio 2011.
  102. ^ (FR) Charts Belgique Francophone - Michael Jackson - History: Past, Present and Future - Book I (album), www.ultratop.be. URL consultato il 6 maggio 2011.
  103. ^ (PT) CD - Top 10 Semanal - De 06 a 12 de Julho de 2009, Associação Brasileira dos Produtores de Discos. URL consultato il 26 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  104. ^ (EN) Top Albums/CDs - Volume 61, No. 24, July 17 1995, RPM. Collectionscanada.gc.ca. URL consultato il 26 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2012).
  105. ^ (EN) Hits of the World - Chile, Billboard. Nielsen Business Media, Inc., 2 settembre 1994, p. 61. URL consultato il 26 luglio 2012.
  106. ^ (EN) Hits of the World - Denmark, Billboard. Nielsen Business Media, Inc., 15 luglio 1996, p. 43. URL consultato il 26 luglio 2012.
  107. ^ (EN) Hits of the World - Eurochart, Billboard. Nielsen Business Media, Inc., 15 luglio 1996, p. 43. URL consultato il 26 luglio 2012.
  108. ^ (EN) Finnish Charts - Michael Jackson - History: Past, Present and Future - Book I (album), finnishcharts.com. URL consultato il 6 maggio 2011.
  109. ^ (FR) Classements - Michael Jackson - History: Past, Present and Future - Book I (album), lescharts.com. URL consultato il 6 maggio 2011.
  110. ^ (DE) Jackson,Michael: History-past,present And Futu (Longplay), musicline.de. URL consultato il 6 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2013).
  111. ^ (EN) Hits of the World - Ireland, Billboard. Nielsen Business Media, Inc., 15 luglio 1996, p. 43. URL consultato il 26 luglio 2012.
  112. ^ ALBUM - I NUMERI UNO (1995-2006), su it-charts.150m.com. URL consultato il 1º aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2013).
  113. ^ (EN) Mexican Charts - Michael Jackson - History: Past, Present and Future - Book I (album), mexicancharts.com. URL consultato il 6 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2010).
  114. ^ (EN) VG-Lista - Michael Jackson - History: Past, Present and Future - Book I (album), norwegiancharts.com. URL consultato il 6 maggio 2011.
  115. ^ (EN) New Zealand Charts - Michael Jackson - History: Past, Present and Future - Book I (album), charts.org.nz. URL consultato il 6 maggio 2011.
  116. ^ (NL) Dutch Charts - Michael Jackson - History: Past, Present and Future - Book I (album), dutchcharts.nl. URL consultato il 6 maggio 2011.
  117. ^ Sprzedaż w okresie 27.07.2009 - 02.08.2009, OLiS. URL consultato il 6 maggio 2011.
  118. ^ (EN) Hits of the World - Portugal, Billboard. Nielsen Business Media, Inc., 15 luglio 1996, p. 43. URL consultato il 26 luglio 2012.
  119. ^ (EN) Michael Jackson - History - Past, Present and Future - Book 1, www.ChartStats.com. URL consultato il 6 maggio 2011.
  120. ^ (CS) Top50 Prodejní - Jackson Michael - HIStory, International Federation of the Phonographic Industry (Repubblica Ceca). URL consultato il 26 luglio 2012.
  121. ^ (EN) Hits of the World - Spain, Billboard. Nielsen Business Media, Inc., 15 luglio 1995, p. 42. URL consultato il 26 luglio 2012.
  122. ^ (EN) Michael Jackson Album & Song Chart History - Billboard 200, Billboard. URL consultato il 6 maggio 2011.
  123. ^ (EN) Swiss Charts - Michael Jackson - History: Past, Present and Future - Book I (album), swedishcharts.com. URL consultato il 6 maggio 2011.
  124. ^ (DE) Swiss Charts - Michael Jackson - History: Past, Present and Future - Book I (album), hitparade.ch. URL consultato il 6 maggio 2011.
  125. ^ (HU) Keresés lista és dátum szerint - 1995.06.26. - 1995.07.02., Mahasz. URL consultato il 26 luglio 2012.
  126. ^ (DE) Jahreshitparade Alben 1995, su austriancharts.at. URL consultato il 26 luglio 2012.
  127. ^ (FR) Classement Albums - année 1995, Disquenfrance.com. Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 26 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 30 luglio 2012).
  128. ^ Hit Parade Italia - Gli album più venduti del 1995, su hitparadeitalia.it. URL consultato il 1º aprile 2011.
  129. ^ (EN) Best of 1995 - Billboard 200 Albums, Billboard. URL consultato il 26 luglio 2012.
  130. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 1995, su hitparade.ch. URL consultato il 26 luglio 2012.
  131. ^ (FR) Classement Albums - année 1996, Disquenfrance.com. Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 26 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2011).
  132. ^ (EN) Best of 1996 - Billboard 200 Albums, Billboard. URL consultato il 26 luglio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]