P.Y.T. (Pretty Young Thing)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
P.Y.T. (Pretty Young Thing)
ArtistaMichael Jackson
Tipo albumSingolo
Pubblicazione19 settembre 1983
Durata3:59
Album di provenienzaThriller
GenereSynthfunk[1]
EtichettaEpic Records
ProduttoreQuincy Jones
Registrazione1982
Formati7"/12"
Certificazioni
Dischi di platinoStati Uniti Stati Uniti (2)[2]
(vendite: 2 000 000+)
Michael Jackson - cronologia
Singolo precedente
(1983)
Singolo successivo
(1984)

P.Y.T. (Pretty Young Thing) è una canzone del cantante statunitense Michael Jackson pubblicata il 19 settembre 1983 come sesto e penultimo singolo dell'album Thriller (1982).

Raggiunse la decima posizione della classifica generale di Billboard e fu uno dei sette singoli consecutivi estratti daThriller ad arrivati nei primi dieci posti. Nel 2018 la RIAA lo certificò due volte Disco di platino per vendite superiori a due milioni di esemplari negli Stati Uniti.[3]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Genesi e composizione[modifica | modifica wikitesto]

Originariamente la canzone fu scritta da Jackson e Greg Phillinganes e concepita come una ballata. Quincy Jones voleva però più ritmo e assieme a James Ingram la riscrisse e (nei crediti sull'album risultano infatti Jones e Ingram). Nei cori sono presenti le voci delle sorelle di Michael La Toya e Janet Jackson e dei campionamenti da Alvin and the Chipmunks[4].

La prima versione demo di Pretty Young Thing venne infine inserita nel 2004 nella raccolta Michael Jackson: The Ultimate Collection. La demo è presente anche nell'album del 2008 per celebrare i 25 anni di Thriller, Thriller 25, in versione remixata da will.i.am e in duetto con lui, inserita con il titolo P.Y.T (Pretty Young Thing) 2008.

Il brano non ha mai avuto un video ufficiale e non è mai stato interpretato dal cantante dal vivo in nessuno dei suoi tour e concerti.

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Il singolo raggiunse la decima posizione della classifica generale di Billboard e il 46º posto nella classifica rhythm and blues/hip hop, all'epoca conosciuta come "Hot Black Singles", divenendo il sesto singolo consecutivo dell'album ad essersi piazzato direttamente tra i primi dieci posti negli Stati Uniti; riscosse un ottimo successo soprattutto in Irlanda e in Belgio, dove conquistò rispettivamente la 4ª e la 6ª posizione; si piazzò inoltre all'11ª posizione nel Regno Unito, alla 14ª nei Paesi Bassi, alla 17ª in Canada e alla 51ª in Germania[5].

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Le critiche furono miste. Molti critici dell'epoca si riferirono al pezzo come solo un riempitivo del disco[4]: Stephen Thomas Erlewine di AllMusic definì la canzone come un immancabile pezzo funk all'interno dell'album; Christopher Connelly di Rolling Stone sostenne invece che «non è all'altezza del carattere audace delle altre tracce del disco», definendolo «l'unico punto debole dell'album». Nel 2008 il Rob Sheffield di Rolling Stone disse che tra tutte le tracce di Thriller in Pretty Young Thing Jackson era «al massimo dell'ansimo e della salacia»[6].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Versione 7" USA[modifica | modifica wikitesto]

  1. P.Y.T. (Pretty Young Thing) - 3:58
  2. Workin' Day and Night (Live with The Jacksons) - 4:26 (dall'album dal vivo dei Jacksons del 1981 The Jacksons Live!)

Versione 7" Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

  1. P.Y.T. (Pretty Young Thing) - 3:58
  2. This Place Hotel (o Heartbreak Hotel) (Live with The Jacksons) - 4:41 (dall'album dal vivo dei Jacksons del 1981 The Jacksons Live!)

Versione 12"[modifica | modifica wikitesto]

  1. P.Y.T. (Pretty Young Thing) - 3:58
  2. This Place Hotel (o Heartbreak Hotel) (Live with The Jacksons) - 4:41 (dall'album dal vivo dei Jacksons del 1981 The Jacksons Live!)
  3. Thriller (Instrumental) - 5:58

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1983) Posizione
massima
Belgio[7] 6
Canada[8] 17
Germania[9] 51
Irlanda[10] 4
Paesi Bassi[11] 14
Regno Unito[12] 11
Stati Uniti[13] 10
Classifica rhythm and blues (USA)[13] 46

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ THRILLER, su ondarock.it.
  2. ^ (EN) Michael Jackson’s Catalogue Garners Major New Gold & Platinum Awards, su riaa.com.
  3. ^ (EN) Michael Jackson’s Catalogue Garners Major New Gold & Platinum Awards, su RIAA, 23 agosto 2018.
  4. ^ a b Joseph Vogel, Man in the Music: The Creative Life and Work of Michael Jackson, Sterling Pub Co Inc, 13 ottobre 2011, p. 89, ISBN 978-1-4027-7938-1.
  5. ^ (EN) The King of Pop Keeps Making History & Breaking Records!, su Legacy Recordings, 16 febbraio 2017.
  6. ^ (EN) Rob Sheffield, Thriller 25 Deluxe Edition, su Rolling Stone, 21 febbraio 2008.
    «Thriller has MJ at his breathiest and most salacious (“PYT”)[...]».
  7. ^ Michael Jackson - P.Y.T. (Pretty Young Thing), su ultratop.be.
  8. ^ Library and Archives Canada, Image : RPM Weekly, su www.bac-lac.gc.ca, 17 luglio 2013.
  9. ^ Offizielle Deutsche Charts, su offiziellecharts.de.
  10. ^ The Irish Charts - P.Y.T., su irishcharts.ie.
  11. ^ Steffen Hung, Michael Jackson - P.Y.T. (Pretty Young Thing), su hitparade.ch.
  12. ^ (EN) Official Singles Chart Top 100, su officialcharts.com.
  13. ^ a b (EN) Thriller - Michael Jackson - Awards, su AllMusic.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]