HIStory/Ghosts

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
HIStory/Ghosts
Ghosts.png
Screenshot dal video di Ghosts
ArtistaMichael Jackson
Tipo albumSingolo
Pubblicazione30 luglio 1997
Durata3:58 (HIStory)
3:50 (Ghosts)
Album di provenienzaHIStory: Past, Present and Future - Book I, Blood on the Dance Floor: HIStory in the Mix
GenerePop
Musica house
EtichettaEpic Records
ProduttoreMichael Jackson, Jimmy Jam & Terry Lewis, Teddy Riley
Registrazione1993-1996
FormatiCD
Michael Jackson - cronologia
Singolo precedente
(1997)
Singolo successivo
(1997)

HIStory/Ghosts è un singolo pubblicato il 30 luglio del 1997 da Michael Jackson come secondo estratto dall'album Blood on the Dance Floor: HIStory in the Mix. Non è mai stato pubblicato negli USA ma arrivò nella top 5 nel Regno Unito e alla numero 3 in Italia.

Questo singolo è un doppio A-side con i remix di HIStory estratta dall'omonimo album e Ghosts tratta dall'album di remix Blood on the Dance Floor.

Contenuti[modifica | modifica wikitesto]

HIStory[modifica | modifica wikitesto]

Composta da Michael Jackson, James Harris III e Terry Lewis, la canzone parla delle ingiustizie e delle guerre nel mondo e di personaggi storici come Martin Luther King e Rosa Parks, che si sono sacrificati per la giustizia, ed è composta da vari cambi di stile e vari campionamenti di discorsi storici. La canzone include i cori dei Boyz II Men e del Andraé Crouch Singer Choir. La versione del singolo è stata remixata da Tony Moran e inserita nell'album Blood on the Dance Floor: HIStory in the Mix.[1]

Videoclip di HIStory (Tony Moran's HIStory Lesson)[modifica | modifica wikitesto]

Fu girato anche un videoclip con immagini di repertorio in promozione al singolo, senza la presenza di Michael Jackson, all'epoca impegnato nell'imponente HIStory World Tour. Nel tour la canzone veniva eseguita per concludere i concerti tra bandiere di tutte le nazioni e fuochi d'artificio.[1] Il video è ambientato in un ipotetico futuro dove una ragazza, attraverso la realtà virtuale, entra in un locale futuristico dove diverse persone ballano la canzone mentre sugli schermi appaiono immagini di repertorio di Jackson e di avvenimenti storici come lo sbarco sulla Luna o i discorsi di Martin Luther King e Robert Kennedy.[2]

Ghosts[modifica | modifica wikitesto]

Ghosts (detta anche Ghost) è la canzone trainante del singolo. Fu registrata inizialmente una prima versione demo nel 1990 per l'album Dangerous ma in seguito venne scartata dalla track list del disco. La canzone venne scritta e composta da Jackson e Teddy Riley e presenta sonorità all'avanguardia per gli anni novanta, vicine all'House e definita "Gothic Pop". Nominata da alcuni critici come "la nuova Thriller", Ghosts non raggiunse il successo e la fama del suo predecessore ed ebbe un impatto decisamente inferiore rispetto a Thriller nel 1983, soprattutto negli Stati Uniti, mentre in Europa, Asia e Australia il video venne presentato con grande successo in alcune anteprime esclusive nei cinema come ad esempio al Festival di Cannes 1997.[1]

Videoclip di Ghosts[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Michael Jackson's Ghosts.

Per accompagnare il singolo venne realizzato un video di 40 minuti di lunghezza, entrato nel Guinness dei Primati per 16 anni come il video più lungo nella storia della musica[3], intitolato Michael Jackson's Ghosts. Parte del video era in realtà stato girato nel 1993 come video per la canzone Is This Scary (poi divenuta Is It Scary) che avrebbe dovuto far parte della colonna sonora del film La famiglia Addams 2 ma, a causa di problemi giudiziari di Jackson, il video e la canzone rimasero incompiuti fino al 1996.[4] Jackson rimise mano al girato e lo completò pensando inizialmente di realizzarlo come video per 2 Bad, canzone dell'album HIStory. Infine inserì nel video anche le canzoni Ghosts e Is It Scary trasformandolo in un cortometraggio con tre canzoni.[4] Per la sola Ghosts venne realizzata una "short version" (versione corta) del video, con vari montaggi dal cortometraggio, portandolo alla durata di 3:58 minuti, che è la durata del singolo.[5]

Il successo[modifica | modifica wikitesto]

Il singolo entrò in classifica tra i primi dieci e i primi venti in più paesi. La vetta più alta la ebbe in Italia dove raggiunse il 3º posto[6], mentre raggiunse il 4º posto in Francia e il 5º posto in Gran Bretagna. Nei Paesi Bassi, Belgio e Svezia trascorse dalle diciassette alle diciotto settimane nelle classifiche. Non essendo stato pubblicato negli Stati Uniti, il singolo non entrò in nessuna classifica di Billboard.[7]

Lista Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Versione UK #1 (HIStory/Ghosts)[modifica | modifica wikitesto]

  1. "HIStory" (7" HIStory Lesson Edit) – 4:09
  2. "HIStory" (Radio Edit) – 3:58
  3. "Ghosts" (Radio Edit) – 3:50
  4. "Ghosts" (Mousse T's Club Mix) – 6:03

Versione UK #2 (HIStory)[modifica | modifica wikitesto]

  1. "HIStory" (Tony Moran's HIStory Lesson) – 8:00
  2. "HIStory" (Tony Moran's HIStorical Dub) – 7:56
  3. "HIStory" (MARK!'s Vocal Club Mix) – 9:10
  4. "HIStory" (The Ummah Radio Mix) – 4:59
  5. "HIStory" (The Ummah Urban Mix) – 4:19

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Paese Posizione massima
UK Singles Chart 5
Italia[6] 3
Francia 4
Germania 14
Australia 43

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Joseph Vogel, Man in the Music: The Creative Life and Work of Michael Jackson, Sterling Pub Co Inc, 13 ottobre 2011, pp. 207-216, ISBN 978-1402779381.
  2. ^ Carlos Gomes, Michael Jackson - HIStory (Remix) (Tony Moran's History Lesson), 7 aprile 2010.
  3. ^ (EN) Longest music video, in Guinness World Records.
  4. ^ a b (EN) DAMIEN SHIELDS, Snippet of unreleased Michael Jackson song “Seeing Voices” and never-seen footage from 1993’s “Is This Scary” leaks online, su damienshields.com, 30 maggio 2015.
  5. ^ michaeljacksonVEVO, Michael Jackson - Ghosts (Official Video), 3 ottobre 2009.
  6. ^ a b FIMI - Classifiche - FIMI, su fimi.it.
  7. ^ Michael Jackson Chart History, in Billboard.