TikTok

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il singolo di Kesha, vedi Tik Tok.
TikTok
software
Logo
Schermata di esempio
GenereServizio di rete sociale (non in lista)
SviluppatoreByteDance
Data prima versione2016
Ultima versione11.2.0 (8 maggio 2019)
Sistema operativoAndroid
iOS
LicenzaProprietaria
(licenza libera)
LinguaMultilingua
Sito web

TikTok, noto anche come Douyin in Cina, è un social network cinese lanciato nel settembre 2016.[1]

Attraverso l'app, gli utenti possono creare brevi clip musicali di durata variabile tra i 15 e i 60 secondi ed eventualmente modificare la velocità di riproduzione, aggiungere filtri ed effetti particolari.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Musical.ly Inc. è stata fondata in Cina nel 2014 da Alex Zhu e Luyu Yang. Prima di lanciare musical.ly, Alex Zhu e Luyu Yang hanno creato un social network con scopi educativi, dove gli utenti potevano imparare ed insegnare diverse materie mediante brevi video (3–5 minuti). Tuttavia, pur avendo trovato degli investitori disposti a investire nel progetto, la piattaforma non ebbe successo, così Alex Zhu e Luyu Yang decisero di cambiare target e di puntare sugli adolescenti.[3] L'idea iniziale era di creare una piattaforma che incorporasse musica e video in un social network. La prima versione di musical.ly è stata lanciata ufficialmente nell'agosto 2014.

Il 24 luglio 2016 musical.ly ha lanciato live.ly, una piattaforma per lo streaming video in diretta.[4][5]

A settembre 2017, TikTok ha iniziato ad espandersi nel mercato indonesiano. Nel novembre 2017 l'azienda cinese ByteDance, sviluppatrice dell'aggregatore di notizie Toutiao, ha acquistato musical.ly per una cifra intorno ai 750 milioni di euro.[6] Il 2 agosto 2018 ByteDance unisce attraverso un aggiornamento le piattaforme TikTok e musical.ly al fine di allargare la base utenti, mantenendo TikTok come nome.[7]

Funzionalità[modifica | modifica wikitesto]

Gli utenti possono caricare video della durata da 15 secondi e aggiungere canzoni o altri suoni. musical.ly permetteva anche di creare filmati più brevi, chiamati "momenti live", che sono essenzialmente GIF animate con musica di sottofondo.[8] musical.ly aveva inoltre una funzione di messaggistica istantanea tra gli utenti chiamata direct.ly.[9]

Lingue[modifica | modifica wikitesto]

All'espansione territoriale dell'applicazione è corrisposto anche un aumento delle lingue supportate, per riuscire ad attrarre un maggior numero di utenti. Attualmente TikTok è disponibile in arabo, bengalese, birmano, cebuano, cinese (semplificato e tradizionale), coreano, francese, giapponese, giavanese, gujarati, hindi, indonesiano, inglese, italiano, kannada, malayalam, malese, marathi, oriya, pangiabi, polacco, portoghese, russo, spagnolo, svedese, tagalog, tailandese, tamil, tedesco, telugu, turco, ucraino e vietnamita.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ TikTok: l'app del momento, di cui non avete sentito parlare, su Il Post, 16 marzo 2019. URL consultato il 17 marzo 2019.
  2. ^ Musically, mimare le canzoni per 15 secondi di celebrità, su corriere.it.
  3. ^ (EN) How a failed education startup turned into Musical.ly, the most popular app you've probably never heard of, su businessinsider.com.
  4. ^ (EN) Musical.ly’s Live.ly Is Now Bigger Than Twitter’s Periscope on iOS (Study), su variety.com.
  5. ^ (ENZH) Sito ufficiale di live.ly [collegamento interrotto], su musical.ly.
  6. ^ Musical.ly sarà comprato da un’altra azienda tecnologica cinese, Bytedance, su ilpost.it.
  7. ^ Musical.ly si fonde con Tik Tok e diventa un colosso da 600 milioni di utenti, su lastampa.it.
  8. ^ Musical.ly, per anziani, su ilpost.it.
  9. ^ (EN) Ask KidsPrivacy: Musical.ly adds Direct Messaging and Live Streaming, su kidsprivacy.net. URL consultato il 24 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2017).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Internet Portale Internet: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di internet