Holiday (Madonna)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Holiday
Olidei.png
Screenshot del video
ArtistaMadonna
Tipo albumSingolo
Pubblicazione7 settembre 1983
Durata6:07
Album di provenienzaMadonna
GenereDance
EtichettaSire
ProduttoreJohn "Jellybean" Benitez
Registrazione1983
Formati7", 12", CD, EP, musicassetta
Certificazioni
Dischi d'oroRegno Unito Regno Unito[1]
(Vendite: 795.000+)[2]
Madonna - cronologia
Singolo precedente
(1983)
Singolo successivo
(1983)
Logo
Logo del disco Holiday

Holiday è una canzone della cantante statunitense Madonna, contenuta nel suo album d'esordio Madonna (1983). La Sire Records pubblicò il disco come terzo singolo estratto dall'album Madonna. "Holiday" dopo fu incluso nella raccolta di remix You Can Dance (1987), nella raccolta dei suoi più grandi successi The Immaculate Collection (1990), e nella sua forma originale nella racconta Celebration (2009). Dopo la prima pubblicazione, il singolo fu ristampato altre tre volte: nel 1985, a seguito del successo del secondo album Like a Virgin; il 4 giugno 1991 (solo per il mercato inglese) in occasione dell'uscita del greatest hits The Immaculate Collection e del film A letto con Madonna e il 5 febbraio 1999 (solo per il mercato giapponese) per promuovere il film The Wedding Singer nella cui colonna sonora era incluso Holiday.

La canzone, una delle poche incise da Madonna che non porta la sua firma, è stata composta da Curtis Hudson e Lisa Stevens dei Pure Energy. La canzone fu offerta a Madonna dal produttore John "Jellybean" Benitez, e prima di essere offerta a Madonna fu proposta alla ex cantante delle Supremes, Mary Wilson, che però la rifiutò. Dopo aver accettato la canzone, Madonna e Jellybean lavorarono su di essa, alterandone la composizione, aggiungendo un assolo di piano suonato dal loro amico, Fred Zarr.

"Holiday" è il primo successo di Madonna ad arrivare alle prime posizioni della classifica statunitense "Billboard Hot 100" e a raggiungere la prima posizione nella "Billboard Hot Dance Club Play". La canzone ha raggiunto le prime cinque posizioni in vari paesi europei, tra cui Austria, Belgio, Germania, Irlanda, e Regno Unito. Mondialmente il singolo ha venduto 2.650.000 copie.

Per ogni edizione del singolo sono state realizzate diverse copertine: quella originale, per la prima edizione, mostra per la prima volta una foto di Madonna realizzata da Gary Heery. Holiday è a tutt'oggi l'unica canzone concessa dalla cantante per essere campionata da un altro artista: è stata infatti utilizzata dal gruppo The Avalanches per il brano Stay Another Season, pubblicato sul loro album del 2000 Since I Left You.

Madonna ha eseguito "Holiday" in quasi tutti i suoi tour mondiali. La versione live del brano eseguita durante il Re-Invention Tour del 2004 è stata pubblicata sull'album I'm Going to Tell You a Secret uscito nel 2006.

Molti artisti hanno realizzato versioni cover della canzone, ed è anche apparsa nella colonna sonora della sitcom Will & Grace.

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1983, Madonna registrava il suo album di debutto, Madonna, ma Madonna non aveva abbastanza materiale per l'album.[3] Lucas aggiunse due nuove canzoni al progetto e John "Jellybean" Benitez, un dj che lavorava alla discoteca Funhouse, fu chiamato per mixare i brani disponibili. Nel frattempo, a causa di un conflitto di interessi, Steve Bray vendette un'altra canzone "Ain't No Big Deal" ad un altro progetto, rendendola non più disponibile per Madonna.[3] Benitez trovò una canzone scritta da Curtis Hudson e Lisa Stevens del gruppo pop Pure Energie.[4] Madonna e Jellybean mandarono la demo della canzone all'amico Fred Zarr, che abbellì l'arrangiamento con un sintetizzatore. Successivamente fu aggiunta la voce e Benitez spese alcuni giorni per aumentare l'attrattiva commerciale del brano, prima della scadenza fissata nell'aprile del 1983.[3] Prima che la canzone fosse completa, Zarr aggiunse l'assolo del piano che si ascolta alla fine della canzone.[4] Il testo della canzone esprime il sentimento universale - che tutti hanno bisogno di una vacanza.[5]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Nel suo libro The Complete Guide to the Music of Madonna, Rikky Rooksby commentò che "Holiday" era contagiosa come la peste. "Un solo ascolto bastava per non poterti più togliere quel dannato hook dalla testa".[6] Jom Farber di Entertainment Weekly commentò che "Holiday" soddisfa l'orecchio musicale di entrambi i lati dell'Atlantico. Mentre recensiva The Immaculate Collection, David Browne di Entertainment Weekly commentò che "Holiday era la prima di una serie apparentemente interminabili di canzoni astutamente elaborati" e elogiò la produzione esperta della canzone.[7] Mary Cross nella sua biografia di Madonna, descrisse "Holiday" come "una canzone semplice, con un'attrativa frasca e di buon umore".[8] Sal Cinquemani di Slant Magazine descrisse la canzone come "leggera". Stephen Thomas Erlewine di AllMusic la definisce "effervescente e una delle migliori canzoni dell'album Madonna.[9] Don Shewey di Rolling Stone commentò che il semplice testo della canzone suona ingegnoso.[10]

Il video[modifica | modifica wikitesto]

Per Holiday fu realizzato un videoclip dello stesso tipo di quello girato per Everybody: un'esibizione dance in una discoteca con due ballerini (il fratello di Madonna Christopher Ciccone e l'amica Erica Bell). È sconosciuto il regista del filmato, ma si sa che esso risultò troppo mediocre e non fu mai distribuito per promuovere il singolo. Al suo posto fu utilizzata una performance registrata per i programmi televisivi Solid Gold in America e Top of the Pops per l'Europa.

Per la promozione del documentario A letto con Madonna, uscito nel 1991, venne realizzato un video live di Holiday registrato durante il Blond Ambition Tour (1990), da Alek Keshishian, a Parigi.

Madonna canta Holiday durante uno show del Blond Ambition Tour.

Esecuzioni dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1983 Madonna ha interpretato Holiday nei club Uncle Sam's e Roxy di New York. Inoltre apparve in numerose trasmissioni televisive in giro per il mondo: nella tv americana (Solid Gold e American Bandstand), in quella francese (Blue Shirt e Formal Eins), alla tv tedesca (Super TV! Formula 1), in quella francese (Les enfants du rock), in quella inglese (Top of the Pops) e anche alla tv italiana nello storico programma di Raiuno Discoring e nel programma Di-Gei registrato da 'Le Rotonde' a Garlasco (PV).

Holiday fu anche eseguita dal vivo nella memorabile performance di Madonna al Live Aid del 1985, nonché al concerto tenuto alla Brixton Academy di Londra nel 2000.

Come segno di riconoscenza al successo che questo brano le ha tributato, Madonna lo ha inserito nella scaletta di quasi tutti i suoi tour: è stato escluso solo nel Confessions Tour del 2006. Ad eccezione del Virgin Tour, Holiday è sempre stato il pezzo di chiusura degli spettacoli di Madonna, che ha saputo regalare al brano una veste sempre nuova in ognuna delle sue performance: rock nel Who's That Girl Tour, brasileno nel Blond Ambition Tour, marziale nel Girlie Show, dance nel Drowned World Tour (con l'inserimento di un campionamento da Music Sounds Better with You degli Stardust), tribale nel Re-Invention Tour. La canzone venne inserita anche nella scaletta dello Sticky & Sweet Tour 2.0 del 2009, includendo le note di Celebration e parti di Everybody ed un tributo a Michael Jackson. Viene anche inserita, come pezzo di chiusura, nel suo Rebel Heart Tour.

Edizione Italiana[modifica | modifica wikitesto]

Uscì nel 1983 con Everybody incisa nel Lato B del singolo. Nel 1985 Fu ristampato con una copertina differente e con la canzone I Know It come Lato B ottenendo un discreto successo.

Cover[modifica | modifica wikitesto]

  • 1986 Famosa cover rap del duo MC Miker G & DJ Sven dal titolo Holiday rap
  • 1999 il gruppo Heaven 17 ne incide una per l'album-tributo a Madonna Virgin Voices: A Tribute to Madonna, volume one

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

7" Single 1983 - Regno Unito (Sire ‎– W 9405, 92-9405-7)
  1. A: Holiday (Edit) - 3:50
  2. B: I Know It - 3:45
7" Single 1991 - Regno Unito (Sire ‎– W 0037)
  1. A: Holiday (LP Edit) - 3:50
  2. B: True Blue (LP Version) - 4:16
12" Single 1983 - Germania (Sire ‎– 92-0176-0)
  1. A: Holiday - 6:08
  2. B: Lucky Star - 5:30
12" Single 1991 - Regno Unito/Europa (Sire ‎– 9362-40098-0, W0037T)
  1. A1: Holiday (LP Version) - 3:50
  2. B1: Where's The Party - 4:16
  3. B2: Everybody - 4:57

Remix ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

  • Dub Version (6:58)
  • Edit (4:04)
  • Extended Remix [You Can Dance] (6:32)
  • Extended Remix Unmixed [You Can Dance - Promo Only] (6:58)
  • Immaculate Collection Version / Q-Sound Version (4:06)
  • Single Edit of Album Remix [You Can Dance - Promo Only] (4:14)
  • Sticky & Sweet Tour 2009 Studio Version (5:25)

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1984) Posizione
Stati Uniti[24] 79

Crediti[modifica | modifica wikitesto]

  • Scritta da: Curtis Hudson e Lisa Stevens
  • Prodotta da: John "Jellybean" Benitez
  • Madonna: voce, cori, campanaccio
  • Fred Zarr: batteria, basso, sintetizzatore, piano elettrico e piano acustico
  • Curtis Hudson: chitarra
  • Raymond Hudson: basso
  • Bashiri Johnson: percussioni
  • Tina B.: cori
  • Norma Jean Wright: cori
  • Gary Heery: fotografia

Nella versione di You Can Dance:

  • Mixaggio: John "Jellybean" Benitez

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.bpi.co.uk/bpi-awards/
  2. ^ Justin Myers, Official Charts Flashback: 30 years of Holiday, Madonna’s first Top 10 hit, Official Charts Company, 7 febbraio 2014. URL consultato il 7 febbraio 2014.
  3. ^ a b c Rooksby, Rikky, The Complete Guide to the Music of Madonna, Omnibus Press, 2004, p. 10.
  4. ^ a b Cross, Mary, Madonna: A Biography, Greenwood Publishing Group, 2007, p. 26.
  5. ^ Rooksby, RikkyThe Complete Guide to the Music of Madonna, Omnibus Press, 2004, p. 13.
  6. ^ Rooksby, Rikky, The Complete Guide to the Music of Madonna, Omnibus Press, 2004, p. 13.
  7. ^ Browne David, The Immaculate Collection, su ew.com, 14 dicembre 1990.
  8. ^ Cross, Mary, Madonna: A Biography, Greenwood Publishing Group, 2007, p. 27.
  9. ^ Erlewine, Stephen Thomas, Madonna > Overview, su allmusic.com, 10 giugno 1983.
  10. ^ Shewey, Don, Madonna: Madonna, su rollingstone.com, 25 settembre 1983.
  11. ^ Kent, David (1993). Australian Chart Book 1970–1992 (doc). Australian Chart Book, St Ives, N.S.W. ISBN 0-646-11917-6.
  12. ^ Radio2 top 30: 24 oktober 2015 | Radio2 Archiviato il 9 aprile 2012 in Internet Archive.
  13. ^ Item Display - RPM - Library and Archives Canada
  14. ^ (FR) Andamento di Holiday nella classifica della Francia, lescharts. URL consultato il 20 aprile 2012.
  15. ^ (DE) Andamento di Holiday nella classifica della Germania, Media Control. URL consultato il 20 aprile 2012.
  16. ^ Si cerchi Holiday su irishcharts.ie, su irishcharts.ie. URL consultato l'11 gennaio 2010.
  17. ^ Holiday (Celebrate)
  18. ^ (EN) Andamento di Holiday nella classifica della Nuova Zelanda, charts.org. URL consultato il 20 aprile 2012.
  19. ^ (NL) Andamento di Holiday nella classifica dei Paesi Bassi, Dutch Charts. URL consultato il 20 aprile 2012.
  20. ^ holiday (1984) | Album Search | Official Charts
  21. ^ Andamento di Holiday nella Billboard Hot 100, Billboard. URL consultato il 20 aprile 2012.
  22. ^ (SV) Andamento di Holiday nella classifica della Svezia, Swedishcharts. URL consultato il 20 aprile 2012.
  23. ^ (DE) Andamento di Holiday nella classifica della Svizzera, Hitparade. URL consultato il 20 aprile 2012.
  24. ^ Hot 100 Year end issue: 1984, Billboard, vol. 96, nº 51, Nielsen Business Media, Inc, 22 dicembre 1984, p. 14, ISSN 0006-2510 (WC · ACNP). URL consultato il 3 aprile 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Madonna Portale Madonna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Madonna