True Blue (album Madonna)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
True Blue
ArtistaMadonna
Tipo albumStudio
Pubblicazione30 giugno 1986
Durata39:48
Dischi1
Tracce9 (Versione 1986)
GenereDance pop[1]
EtichettaWarner Bros./Wea
ProduttoreMadonna, Patrick Leonard, Stephen Bray
Certificazioni
Dischi d'oroBrasile Brasile[2]
(Vendite: 100.000+)
Dischi di platinoArgentina Argentina (4)[3]
(Vendite: 240.000+)
Finlandia Finlandia[4]
(Vendite: 50.000+)
Germania Germania (2)[5]
(Vendite: 1.000.000+)
Hong Kong Hong Kong[6]
(Vendite: 15.000+)
Messico Messico[7]
(Vendite: 250.000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (5)[8]
(Vendite: 75.000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi (3)[9]
(Vendite: 300.000+)
Regno Unito Regno Unito (7)[10]
(Vendite: 2.000.000+)
Stati Uniti Stati Uniti (7)[11]
(Vendite: 7.000.000+)
Dischi di diamanteCanada Canada[12]
(Vendite: 1.000.000+)
Francia Francia[13]
(Vendite: 1.350.000+)
Italia Italia[14]
(Vendite: 1.500.000+)
Madonna - cronologia
Album precedente
(1984)
Album successivo
(1987)
Logo
Logo del disco True Blue
Singoli
  1. Live to Tell
    Pubblicato: 26 marzo 1986
  2. Papa Don't Preach
    Pubblicato: 11 giugno 1986
  3. True Blue
    Pubblicato: 29 settembre 1986
  4. Open Your Heart
    Pubblicato: 12 novembre 1986
  5. La Isla Bonita
    Pubblicato: 25 febbraio 1987

True Blue è il terzo album discografico della cantante statunitense Madonna, pubblicato il 30 giugno del 1986 dall'etichetta discografica Sire Records. Madonna ha partecipato alla produzione dell'intero album, collaborando con Stephen Bray e Patrick Leonard. In True Blue Madonna rivela le sue idee sull'amore, sul suo lavoro, parla dei suoi sogni e delle sue delusioni. L'album è stato dedicato a Sean Penn, l'allora marito della cantante (“This is dedicated to my husband, the coolest guy in the universe”).

Da un punto di vista musicale, le canzoni dell'album presentano un orientamento diverso rispetto ai lavori precedenti di Madonna, incorporando anche la musica classica, con l'obiettivo dichiarato di voler coinvolgere un pubblico più maturo, che fino a quel momento era stato finora scettico sulla sua musica. Per la prima volta Madonna ha scritto e co-prodotto ogni singola canzone dell'album. Anche il look di Madonna cambia, diventando più sobrio e curato. Le immagini di Herb Ritts che appaiono sulla copertina sono un omaggio ai classici glamour Hollywoodiani come Jean Harlow, Grace Kelly e Marilyn Monroe. L'album presenta diversi strumenti, tra cui la chitarra elettrica, la batteria, i sintetizzatori e strumenti cubani. I temi dell'album vanno dall'amore, alla libertà, affrontando alcuni temi sociali come, nel caso di Papa Don't Preach, il tema della gravidanza adolescenziale.

True Blue è stato un successo globale, raggiungendo il vertice delle classifiche in 28 paesi in tutto il mondo, tra cui Australia, Canada, Francia, Germania, Regno Unito e Stati Uniti. L'album è stato il più venduto del 1986 ed è considerato l'album di un'artista femminile più venduto degli anni '80, con un fatturato complessivo stimato di oltre 25 milioni di copie in tutto il mondo. Inoltre, True Blue rimane uno degli album più venduti di tutti i tempi. Tutti e cinque i singoli pubblicati dalla album hanno raggiunto le prime cinque posizioni della Billboard Hot 100, con Live to Tell, Papa Don't Preach e Open Your Heart che si sono piazzate al numero uno della classifica.

Dopo la pubblicazione, l'album ha ottenuto pareri positivi da parte della critica, che oltre ad apprezzare l'album ha anche elogiato Madonna per le sue doti di cantautrice e di artista.

Per pubblicizzare l'album, Madonna decise di intraprendere un secondo tour, il Who's That Girl Tour, che ha toccato le principali città del Nord America, Europa e Asia nel 1987. True Blue è l'album che ha reso Madonna una delle artiste femminili più famose di tutti i tempi, facendola rivaleggiare con artisti maschili come Michael Jackson e Prince. Le canzoni estratte dall'album hanno scatenato dibattiti tra gli studiosi e i gruppi sociali. Proprio per questa Madonna ha ricevuto il Video Vanguard Award agli MTV Video Music Awards del 1986, nel riconoscimento del suo impatto sulla cultura popolare. Inoltre, grazie all'album, l'artista è apparsa per la prima volta nel libro dei guinness dei primati.

Sviluppo e produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 marzo 1986, ai Kensington Roof Gardens di Londra, durante una conferenza stampa per Shanghai Surprise, Madonna confermò che stava lavorando a un nuovo album chiamato "Live to Tell", che sarebbe poi cambiato in "True Blue".[15] Ha collaborato con Stephen Bray, che aveva lavorato alla precedente Like a Virgin, e con il direttore musicale di The Virgin Tour, Patrick Leonard. "Ero giù nel seminterrato con questi amici idioti, lavorando su una melodia", ha ricordato Leonard nel 1992. "Le piaceva. E quello ha finito per essere una delle tracce di True Blue."[16] Madonna ha scritto o co-scritto ogni canzone, sebbene il suo coinvolgimento in quelli come "Papa Don't Preach" e "Open Your Heart" fosse limitato all'aggiunta di testi. È stata anche attribuita la coproduzione di ogni brano.

L'album è stato dedicato e ispirato a Sean Penn, attore americano e l'allora marito della cantante.

L'album è stato registrato dal dicembre 1985 all'aprile 1986, durante il primo anno del matrimonio di Madonna con l'attore americano Sean Penn. Dedicò l'album proprio a Penn, "Il ragazzo più cool dell'universo".[17][18] Sperimentando la sua immagine, adottando un aspetto più "tradizionale" e incorporando la musica classica nelle sue canzoni, Madonna cercò di attrarre un pubblico più anziano che era stato scettico sulla sua musica.[19] Considerato l'album più femminile di Madonna, True Blue si occupa della visione di Madonna dell'amore, del lavoro e dei sogni, nonché delle delusioni. Secondo Madonna, il titolo deriva da un'espressione preferita del suo allora marito Penn e dalla sua visione purissima dell'amore.[20]

L'album è stato il suo "San Valentino senza scrupoli" per Penn.[21] La maggior parte delle sue canzoni riflette questa idea[17] sebbene ognuna sia stata sviluppata separatamente. Il primo brano, "Papa Don't Preach", è stato scritto da Brian Elliot, che lo ha descritto come "una canzone d'amore, forse incorniciata in modo leggermente diverso".[22] La canzone è basata sul gossip adolescenziale che Elliot ha sentito fuori dal suo studio, che aveva una grande finestra che raddoppiava come uno specchio in cui le studentesse della North Hollywood High School di Los Angeles si fermavano regolarmente per sistemarsi i capelli e chiacchierare. [10] "Open Your Heart" è stato il primo taglio registrato per l'album, già nel dicembre 1985 e alla fine è arrivato alla tracklist finale pubblicata; originariamente era destinato a Cyndi Lauper.[23]

La terza traccia "White Heat" è stata dedicata all'attore James Cagney e prende il nome dall'omonimo film del 1949. Nel brano sono state incluse due citazioni della colonna sonora originale.[24] La quarta traccia "Live to Tell" è stata scritta da Patrick Leonard per la colonna sonora del film drammatico romantico della Paramount Fire with Fire ma, dopo che la compagnia l'ha rifiutata, Leonard ha mostrato la canzone a Madonna.[25] Ha deciso di usarlo per "At Close Range", il nuovo film di suo marito Penn. Madonna ha fatto una demo della canzone; quando il regista, James Foley, lo ascoltò, chiese a Leonard di scrivere la colonna sonora del film, come suggerito da Madonna.[26]

True Blue è stato il primo album in cui Madonna includeva temi spagnoli come evidente nella canzone "La isla bonita".[27] La canzone era stata scritta per l'album Bad di Michael Jackson, ma l'aveva rifiutato. Mentre lavorava con Leonard, Madonna lo accettò al posto di Jackson e riscrisse il testo, guadagnandosi un credito da co-autore.[28] Madonna lo descrisse come il suo omaggio alla "bellezza e mistero del popolo latinoamericano".[29] Inizialmente inteso come il primo singolo, "Love Makes the World Go Round" - eseguito per la prima volta al Live Aid un anno prima, nel luglio 1985 - chiude l'album.[30] La canzone ha ricordato la musica contro la guerra degli anni sessanta.[31]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Musicalmente, True Blue era una direzione diversa per Madonna. I suoi precedenti sforzi l'avevano fatta cantare ad alta voce. Con questo album, Madonna lo ha attenuato per una voce più "pop-bubblegum". Le canzoni dell'album riflettono questo e un certo numero di strumenti sono stati usati nelle canzoni per mettere in evidenza i diversi stati d'animo che il testo sottolineava. "Papa Don't Preach" presenta chitarre acustiche, elettriche e ritmiche, tastiere e arrangiamenti di corde.[32] La canzone mostra l'Appassionata Sonata di Beethoven.[33]Una struttura piena di percussioni continue è stata utilizzata in "Open Your Heart".[24]

Il campionamento della citazione del film da parte di "White Heat" è stato incluso nel discorso e negli spari. È una canzone dance uptempo con synth bass e voce a doppia traccia supportata da voci maschili nel coro.[24] "Non scrivo musica dance e non la vedo come un contributo alla crescita culturale del mondo", brontolò Pat Leonard nel 1992. "All'epoca stavamo facendo le cose solide sull'album True Blue, era semi -innovativo. Non c'era un precedente che ti facesse vomitare. Dio non voglia che io possa aver contribuito al caos in cui ci troviamo adesso."[34] Su ballate come "Live to Tell "c'è una strumentazione di sottofondo da una tastiera, un sintetizzatore, una chitarra funk e un mix di batteria sintetizzata e reale.[35]

È la mia ultima affermazione su cosa significhi stare nel mezzo di questa roba della stampa con tutti sulla schiena, il mio mondo sta per scavare. Ogni volta che mi sento così - e a volte mi capita - dico 'Aspetta un minuto, dovrei divertirmi qui, quindi dov'è la festa? Non deve essere così. Posso ancora godermi la vita.[24]

"Where's the Party" è una traccia dance standard con arrangiamenti di grancasse, sintetizzatore, ritmi rumorosi e un approccio remixato all'intera composizione.[24] La traccia del titolo presentava la strumentazione di una chitarra ritmica, un sintetizzatore, tastiere e batteria per la linea di basso, con una base musicale che utilizzava una progressione di accordi comunemente usata in doo-woop[36] tamburi cubani e chitarra spagnola, vengono utilizzate maracas e armoniche in "La isla bonita".[37] "Jimmy Jimmy" ha un'influenza pop dei primi anni sessanta, i suoi testi sono un tributo alla star del cinema James Dean.[24] Liricamente, True Blue riflette le idee di Madonna sull'amore. "Where's the Party" racconta di una ragazza che lavora godendosi la pista da ballo dopo il lavoro.[24]

Ero solita fantasticare sul fatto che siamo cresciuti nello stesso quartiere e che lui (James Dean) si sia allontanato e sia diventato una grande star.[24]

"Jimmy Jimmy" parla dell'ammirazione di Madonna per il cattivo ragazzo del quartiere.[17] Lo spagnolo "La Isla Bonita" e "L'amore fa girare il mondo" affrontano l'evasione dalla vita normale, con quest'ultima che parla di guerra e di povertà e di usare tamburi latini e ritmi influenzati dalla samba.[17] "White Heat" affronta la fermezza e cita la frase di "Make my day" di Clint Eastwood.[24] I testi di "Papa Don't Preach" parlano di una giovane donna che dice a suo padre che è incinta dal matrimonio, ma che terrà il suo bambino.

"Live to Tell" ritrae la complessità dell'inganno e della sfiducia.[35] La canzone parla anche di cicatrici infantili e ha avuto un tono emotivo estremo, raggiungendolo in senso divino.[38] La traccia del titolo aveva Madonna che parlava di romanticismo e di gruppi pop femminili ispirati agli anni '50.[39] I testi di "True Blue" sono costruiti in una forma in versi-coro, con il tema dei sentimenti di Madonna per Sean Penn; usa persino la parola d'amore arcaica del 1929 "cara" nella riga "Basta ripensare e ricordare, cara".[40] Madonna ha espresso i suoi desideri sessuali nei testi di "Open Your Heart"[33] e ha descritto la bellezza di un paradiso latino in "La Isla Bonita".[41]

Titolo e copertina[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Madonna, True Blue prende il titolo da un'espressione che l'allora marito Sean Penn usava frequentemente, e che rispecchiava la sua visione pura dell'amore[42] La copertina dell'album, realizzata dal fotografo Herb Ritts, è una delle immagini più riconosciute di Madonna. Nella copertina si vede Madonna dal collo in su. I colori principali della foto sono le sfumature di grigio, il bianco e le varie tonalità di blu, per rafforzare che richiama il titolo stesso dell'album. Madonna nella foto assume una elegante posa da cigno, ravvivata da un trucco leggero e dalle labbra rosse[43]. Secondo Lucy O'Brien, autore di 'Madonna: Like an Icon' la copertina dell'album era assimilabile al concetto di pop art dato da Andy Warhol[44].

La visione della pop art dell'artista Andy Warhol è stata una delle ispirazioni dietro alla copertina dell'album.

Lucy O'Brien afferma che l'immagine è un misto di innocenza e idealismo, pur incorporando le caratteristiche del disegno serigrafato di Warhol, diffuso nel 1960. Lucy O'Brien afferma inoltre che la copertina annunciava l'arrivo di una nuova Madonna, una Madonna che ha reso evidente il legame tra Warhol e se stessa, il legame vivido tra pop art e commercio[44]. Randy Taraborrelli in Madonna: An Intimate Biography, ha affermato che la copertina dell'album True Blue ha messo in mostra la crescita di Madonna. L'autore afferma che l'immagine dai colori sbiaditi, di una Madonna con la testa piegata all'indietro e gli occhi chiusi è stata "sottovalutata", in particolare quando è stata messa a confronto con le pose più sensuali a cui la cantante è spesso associata[45].

Negli Stati Uniti e in Canada, la copertina non aveva alcun logo, ma nelle nazioni europee venivano vendute con il nome di Madonna e il titolo dell'album sulla copertina. Heiden ha spiegato in un'intervista con la rivista Aperture che hanno pensato che sarebbe stato "bello" usare una pellicola termoretraibile sulle copertine degli Stati Uniti, in modo che quando uno lo togliesse, ci sarebbe stata solo la foto di Madonna.[46] Per le nazioni europee, Warner sentiva che il nome era necessario sulla copertina, poiché non volevano rischiare con la popolarità di Madonna lì. La manica posteriore e il libretto all'interno contenevano i titoli delle canzoni nella calligrafia di Heiden.[46] A proposito di ritagliare l'immagine per la cassetta e le versioni in vinile, Heiden ha dichiarato: "Penso che l'immagine sia diventata più interessante ritagliata in un quadrato - e in quel momento abbiamo sempre iniziato con la configurazione della copertina dell'album. Era come se stesse fluttuando - i suoi vestiti non era visibile. Assunse l'aspetto di una statua di marmo, come una Dea. Nel taglio verticale vedi la sua giacca di pelle e il muro, e diventa più tipico, editoriale, terrestre."[46]

Promozione e uscita[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Live to Tell è stato il primo singolo estratto dall'album, nel marzo del 1986. La canzone è la seconda ballata di Madonna dopo Crazy for You,[47] e fa parte della colonna sonora del film A distanza ravvicinata che vede come protagonista l'allora marito di Madonna Sean Penn. La canzone è stata accolta positivamente dalla critica, che la descrisse come "un'eccezionale ballata che riscrive le regole del contemporaneo degli adulti"[1]. Live to Tell è divenuto il terzo singolo di Madonna a raggiungere la posizione numero uno della Billboard Hot 100.[48] Il singolo è diventato anche un successo a livello internazionale, raggiungendo la top ten in Canada, Francia, Paesi Bassi, Svizzera, Regno Unito e Italia.[49][50][51][52][53] Papa Don't Preach è stato pubblicato come secondo singolo nel giugno del 1986. La canzone è stata giudicata positivamente dalla critica, che è stata definita come "il passaggio di transizione di Madonna da star del pop ad artista del calibro di Michael Jackson e Prince".[54] La canzone divenne il quarto singolo di Madonna a raggiungere la posizione numero uno negli Stati Uniti, in Canada, Irlanda, Italia e Regno Unito.[55][56][57][58]

True Blue è stato il terzo singolo estratto dall'album nel settembre del 1986. Si tratta di una canzone dance-pop ispirata ai gruppi femminili degli anni '60[42]. La risposta della critica rispetto alla canzone non è stata univoca: alcuni critici hanno accolto positivamente la canzone, sottolineando di essa il sapore anni '50, altri invece hanno giudicato la canzone "semplicemente carina ma non degna di dare il titolo all'album"[59]. La canzone ha raggiunto la posizione numero tre della Billboard Hot 100 chart[60], e la posizione numero uno in Irlanda e nel Regno Unito.[61][62] Open Your Heart è stato il quarto singolo estratto dall'album, pubblicato nel novembre del 1986. La canzone è diventata il quinto singolo numero uno di Madonna nella Billboard Hot 100 chart. A livello internazionale la canzone ha raggiunto la top ten in diversi paesi europei, tra cui Belgio, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, e Regno Unito.[63][64][65][66][67]

La isla bonita è stato pubblicato come quinto e ultimo singolo dell'album nel febbraio del 1987. La canzone rievoca l'isola del Belize chiamata San Pedro e descrive Madonna come un turista che prega "che i giorni durino di più, ma sono passati così in fretta".[68][69] La canzone è stata ricevuta positivamente dalla critica, che la considerano ancora oggi una delle canzoni più importanti e rappresentative della carriera di Madonna, nonché la migliore canzone dell'album[70]. La Isla Bonita è stato un successo commerciale in tutto il mondo, raggiungendo la posizione numero uno in Canada, Francia, Germania, e Regno Unito.[71][72][73]

Ottakes & Demos[modifica | modifica wikitesto]

  • Spotlight (Madonna, Stephen Bray, Curtis Hudson) - originariamente registrata per l'album "True Blue", fu poi scartata, probabilmente perché inizialmente era troppo simile a Holiday. Fu poi modificata nel testo e nell'arrangiamento e successivamente inserita nella compilation del 1987 You Can Dance
  • Working My Fingers to the Bone (Madonna, Stephen Bray)

Esibizioni dal vivo e tour promozionale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Who's That Girl Tour.

Prima dell'uscita dell'album, Madonna ha presentato per la prima volta "Love Makes the World Go Round" al concerto Live Aid del 1985.[74] Il resto dei brani dell'album sono stati inclusi nella scaletta del suo Who's That Girl Tour del 1987, ad eccezione di "Jimmy Jimmy", che rimane ancora l'unica canzone dell'album che Madonna non ha eseguito in nessuna apparizione dal vivo.[75] Era il suo secondo tour di concerti e promuoveva True Blue insieme al progetto cinematografico Who's That Girl.[76] È stato il primo tour mondiale di Madonna, raggiungendo l'Asia, il Nord America e l'Europa. Musicalmente e tecnicamente superiore al suo precedente Virgin Tour, il tour Who's That Girl ha incorporato componenti multimediali per rendere lo spettacolo più attraente.

Verso la fine della scaletta del tour, Madonna si esibisce con "La isla bonita"(sinistra) e "Who's That Girl" (destra).

Madonna si è allenata fisicamente con l'aerobica, il jogging e il sollevamento pesi, per far fronte alle coreografie e alle routine di danza.[77] Per i costumi, ha collaborato con la designer Marlene Stewart, espandendo l'idea di dare vita ai suoi famosi personaggi dei video sul palco, rielaborando scene di "True Blue", "Open Your Heart", "Papa Don't Preach" e "La Isla bonita".[77] Il palcoscenico era enorme, con quattro schermi video, proiettori multimediali e una rampa di scale nel mezzo. Leonard divenne il direttore musicale e incoraggiò Madonna a seguire l'idea di riordinare le sue canzoni più vecchie e presentarle in un nuovo formato.[78] Madonna ha chiamato il tour "Who's That Girl Tour", dopo aver guardato un'immagine gigantesca di se stessa proiettata su uno schermo sul palco durante le prove.[79]

Lo spettacolo includeva routine e spettacoli teatrali di canzoni e danze, sette cambi di costume e un bis composto da "Who's That Girl" e "Holiday".[80] Il tour ha anche affrontato cause sociali come l'AIDS, durante "Papa Don't Preach".[81] Who's That Girl è stato apprezzato dalla critica, con i recensori che hanno commentato la natura stravagante del concerto e si sono complimentati con Madonna per le sue danze, i cambi di costume e il ritmo dinamico.[82][83][84] Il Who's That Girl Tour è stato un successo commerciale, incassando un totale di $ 25 milioni negli Stati Uniti, con Madonna che ha suonato di fronte a 1,5 milioni di persone nel corso del tour.[85] Secondo Pollstar, è stato il secondo tour femminile del 1987, dietro al Break Every Rule Tour di Tina Turner.[86]

In seguito furono pubblicati due concerti del video musicale, "Who's That Girl: Live in Japan" (1987), in esclusiva per il mercato giapponese e "Ciao Italia: Live from Italy" (1988), che fu distribuito a livello internazionale.[87] Taraborrelli ha commentato che "Molte artiste si comportano come una diva per un periodo in cui raggiungono lo status di superstar e il 'Who's That Girl Tour' segnò l'inizio di quello di Madonna."[88] Il tour è anche noto per aver dato vita al nuovo personaggio di Madonna, un'immagine sessuale più forte e più intelligente di prima, che aveva dato origine al termine "aspirante Madonna", termine con cui si identificano le persone che cercano di attegiarsi, vestirsi ed essere come Madonna, dette anche "Madonna Wannabe".[89] Una statua di Madonna, che indossava un corsetto conico, fu eretta in suo nome, al centro della città di Pacentro in Italia, dove vivevano i suoi antenati.[79]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Papa Don't Preach – 4:29 (Brian Elliott, Madonna)
  2. Open Your Heart – 4:13 (Madonna, Gardner Cole, Peter Rafelson)
  3. White Heat – 4:40 (Madonna, Patrick Leonard)
  4. Live to Tell – 5:51 (Madonna, Patrick Leonard)
  5. Where's the Party – 4:21 (Madonna, Stephen Bray, Patrick Leonard)
  6. True Blue – 4:18 (Madonna, Stephen Bray)
  7. La Isla Bonita – 4:02 (Madonna, Patrick Leonard, Bruce Gaitsch)
  8. Jimmy Jimmy – 3:55 (Madonna, Stephen Bray)
  9. Love Makes the World Go Round – 4:31 (Madonna, Patrick Leonard)

Crediti[modifica | modifica wikitesto]

  • Madonna: Voce, produzione e cori
  • Stephen Bray, Patrick Leonard: Produttori
  • Patrick Leonard: Batteria, tastiere
  • Michael Hutchinson, Michael Verdick: Ingegneri
  • Dan Nebenzal, Michael Verdick: Mixaggio
  • Dan Nebenzal: Assistenza mixaggio
  • Stephen Bray, Patrick Leonard: Programmazione batteria
  • Billy Meyers: Arrangiamenti
  • Fred Zarr: Tastiere
  • Dave Boroff: Sassofono
  • Stephen Bray: Batteria, tastiere
  • Keithen Carter, Siedah Garrett, Jackie Jackson, Edie Lehmann, Richard Marx : Cori
  • Bruce Gaitsch, David Williams, John Putnam : Chitarra, chitarra elettrica, chitarra ritmica
  • Paulinho da Costa: Percussioni
  • Dann Huff, Paul Jackson Jr.: Chitarra
  • Bill Meyers: archi
  • Jonathan Moffett: Percussioni
  • Herb Ritts: Fotografia
  • Jeffrey Kent Ayeroff, Jeri McManus: Direzione artistica
  • Jeri McManus: Design

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la sua pubblicazione, l'album è stato accolto molto positivamente dai critici.[90][91] In particolare i critici musicali lodano la voce di Madonna, che in questo disco sembra più forte. Jon Pareles, in un commento nel The New York Times, afferma che True Blue riprende il tema della fedeltà nei suoi testi, e si è complimentato per un maggiore attaccamento di essi alla realtà, facendo sì che Madonna raggiungesse le "frange dell'ammissibile".[92]

L'album ha venduto mondialmente 25 milioni di copie diventando uno degli album più venduti di tutti i tempi.[93] Nel Regno Unito, l'album è rimasto in classifica per 85 settimane, di cui sei passate in vetta, vendendo oltre 2 milioni di copie.[94] L'album in Francia ha venduto oltre un milione di copie.[13] Anche in Germania l'album è riuscito a vendere oltre un milione di copie.[5] Negli Stati Uniti l'album è stato certificato sette volte disco di platino, diventando il terzo album più venduto in questo Stato della cantante, dopo Like a Virgin e The Immaculate Collection[95] In Italia, l'album ha venduto oltre 1 500 000 di copie, diventando il disco più venduto da un'artista straniero nel paese.[96][97]

Riconoscimenti e candidature[modifica | modifica wikitesto]

Madonna si esibisce con il singolo conclusivo, "La isla bonita", durante una delle tappe del Rebel Heart Tour (2015–2016).

True Blue è uno degli album più premiati della carriera di Madonna, avendo vinto 10 premi, a fronte di 18 candidature. Nel 1987 True Blue ottiene una candidatura e una vittoria per "Live to Tell", rispettivamente agli American Music Awards e agli American Society of Composers, Authors and Publishers (ASCAP) Film Awards, nella categoria "Singolo pop preferito" e "Miglior canzone di un film".[98] Riceve poi due vittorie, a fronte di due candidature, ai Japan Gold Disc Award e una ai Canadian Juno Awards, per la categoria "Miglior album pop dell'anno".[99][100]

"Papa Don't Preach" ricevette il plauso della critica, e venne nominato ai Grammy Awards nella categoria Miglior registrazione pop femminile,[98] a tre MTV Video Music Awards, vincendo quello per il "Miglior videoclip femminile" e una ai Canadian Juno Awards per la "Canzone internazionale dell'anno".[100][101] Con l'uscita di questo album, Madonna ha ricevuto anche, agli MTV Video Music Awards, il premio speciale Video Vanguard, diventando la prima donna a riceverlo.[101] Infine, l'album le è valso le sue prime entrate nel Guinness World Records in almeno tre categorie: l'album musicale più venduto di una donna nella storia, album musicale con il maggior numero uno nel maggior numero di paesi e album musicale di maggior successo del 1986.[102]

Le è stato anche assegnato il premio come "Cantante preferita" ai Kids' Choice Awards e ai People's Choice Awards.[103][104] Inoltre, il Who's That Girl Tour è stato candidato ai Pollstar Concert Industry Awards nella categoria "Scenografia più creativa".[105]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Paese Posizione
massima
Australia[106] 1
Austria[107] 2
Canada[108] 1
Danimarca[107] 29
Europa[109] 1
Francia[107] 1
Germania[110] 1
Giappone[111] 2
Italia[112] 1
Norvegia[107] 2
Nuova Zelanda[107] 1
Paesi Bassi[107] 1
Regno Unito[113] 1
Spagna[114] 1
Svezia[107] 2
Svizzera[107] 1
USA Billboard 200[115] 1

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1986) Posizione
Canada[116] 2
Italia[117] 1
Regno Unito[118] 1

Classifiche decennali[modifica | modifica wikitesto]

Paese (1980–1989) Posizione
Australia[119] 36
Austria[120] 20
Giappone[121] 36
Regno Unito[122] 9

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Stephen Thomas Erlewine, [allmusic.com album]. URL consultato il 10 agosto 2017.
  2. ^ ABPD | Associação Brasileira de Produtores de Disco
  3. ^ Capif Archive
  4. ^ Musiikkituottajat - Tilastot - Kulta- ja platinalevyt, su ifpi.fi. URL consultato il 15 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2009).
  5. ^ a b Bundesverband Musikindustrie: Gold-/Platin-Datenbank
  6. ^ IFPIHK Archiviato il 18 marzo 2012 in Internet Archive.
  7. ^ Certificaciones
  8. ^ rianz certifications
  9. ^ Certificazione Olandese Archiviato il 24 luglio 2011 in Internet Archive.
  10. ^ BRIT Certified
  11. ^ RIAA - Recording Industry Association of America
  12. ^ Gold and Platinum Search Archiviato il 23 ottobre 2012 in WebCite.
  13. ^ a b InfoDisc : Les Certifications (Albums) du SNEP (les Disques de Diamant) Archiviato il 16 ottobre 2015 in Internet Archive.
  14. ^ WHITNEY HOUSTON sono la mia migliore amica o la mia peggior nemica, su books.google.it. URL consultato il 4 gennaio 2016.
  15. ^ McKeen,  p. 232
  16. ^ Robert Sandall, The song and dance debate, February 1992.
  17. ^ a b c d McKeen,  p. 233
  18. ^ Parish e Pitts,  p. 525
  19. ^ Kellner,  p. 277
  20. ^ Metz e Benson,  p. 48
  21. ^ Morton,  p. 789
  22. ^ 'Papa Don't Preach' Stirs Teen Pregnancy Debate, in St. Petersburg Times, September 5, 1986.
  23. ^ Bronson,  p. 655
  24. ^ a b c d e f g h i Rooksby,  pp. 23–26
  25. ^ Bronson,  p. 637
  26. ^ (Spanish) Marco Antonio Perdomo, Vivir para contarlo Madonna (Diario Co Latino), June 6, 2003. URL consultato il March 20, 2009. Lingua sconosciuta: Spanish (aiuto)
  27. ^ Fouz-Hernández e Jarman-Ivens,  p. 68
  28. ^ Bronson,  p. 659
  29. ^ Rettenmund,  p. 98
  30. ^ Live Aid 1985: Looking back at the original event (BBC), July 13, 1985. URL consultato il April 21, 2009.
  31. ^ Taylor,  p. 192
  32. ^ Digital Sheet Music: Papa Don't Preach, Alfred Publishing, Musicnotes. URL consultato il February 28, 2009.
  33. ^ a b Fouz-Hernández e Jarman-Ivens,  p. 61
  34. ^ Robert Sandall, The song and dance debate, February 1992.
  35. ^ a b Marsh,  p. 38
  36. ^ Marsh,  p. 184
  37. ^ Digital Sheet Music: La Isla Bonita, Alfred Publishing, Musicnotes. URL consultato il March 21, 2009.
  38. ^ Metz e Benson,  pp. 16–21
  39. ^ McKeen,  p. 234
  40. ^ Dean,  p. 523
  41. ^ Paul Ciotti, Madonna's La Isla Bonita: Myth or Reality?, March 22, 1987.
  42. ^ a b Metz, Andrew; Benson, Carol, The Madonna Companion: Two Decades of Commentary., Music Sales Group, 1999, p. 48.
  43. ^ Voller, Debbi, Madonna: The Style Book., Omnibus Press., 1999, p. 29.
  44. ^ a b O'Brien, Lucy, Madonna: Like an Icon., Bantam Press, 2007, p. 21.
  45. ^ Taraborrelli, J. Randy, Madonna: An Intimate Biography., Simon & Schuster., 2002, p. 118.
  46. ^ a b c Julia Lewis, True Blue's first twenties (Aperture Foundation), October 15, 2006, pp. 71–72.
  47. ^ DeKnock, Jan, Madonna's Soundtrack Single 'Live To Tell' Lives To Become No. 1, in Chicago Tribune, June 6, 1986. URL consultato il March 13, 2009.
  48. ^ [[[:Template:BillboardURLbyName]] Artist Chart History – Madonna], Billboard. URL consultato il March 12, 2009.
  49. ^ Top Singles – Volume 44, No. 25, September 13, 1986, RPM Music Publications Ltd, September 13, 1986, RPM. URL consultato il March 13, 2009 (archiviato dall'url originale il October 7, 2012).
  50. ^ (French) Madonna – Live to Tell (Chanson), Syndicat National de l'Édition Phonographique, July 12, 1986. URL consultato il March 4, 2009. Lingua sconosciuta: French (aiuto)
  51. ^ (Dutch) Madonna – Live to Tell (song) (week 19–1986), Radio 538, Dutch Top 40. URL consultato il March 4, 2009. Lingua sconosciuta: Dutch (aiuto); Formato sconosciuto: week 19–1986 (aiuto)
  52. ^ (German) Madonna – Live to Tell (song), Hung Medien, June 1, 1986, Swiss Charts. URL consultato il March 4, 2009. Lingua sconosciuta: German (aiuto)
  53. ^ Chart Stats – Madonna – Live to Tell, The Official UK Charts Company. URL consultato il March 4, 2009.
  54. ^ Sal Cinquemani, American Idol: 20 Years of Madonna, 2003, Slant Magazine. URL consultato il February 26, 2009.
  55. ^ Top Singles – Volume 45, No. 8, November 15, 1986, RPM Music Publications Ltd, November 15, 1986, RPM. URL consultato il February 25, 2009 (archiviato dall'url originale il July 7, 2015).
  56. ^ The Irish Charts – All there is to know, Irish Recorded Music Association, June 19, 1986. URL consultato il February 24, 2009.
  57. ^ (Italian) Indice per Interprete: M, HitParadeItalia, July 12, 1986. URL consultato il February 24, 2009. Lingua sconosciuta: Italian (aiuto)
  58. ^ Chart Stats – Madonna – Papa Don't Preach, The Official UK Charts Company. URL consultato il February 24, 2009.
  59. ^ MADONNA'S 'TRUE BLUE' LEAVES BAD AFTERTASTE, su nl.newsbank.com.
  60. ^ "Artist Chart History – Madonna, su billboard.com.
  61. ^ The Irish Charts – All there is to know, Irish Recorded Music Association, October 4, 1986. URL consultato il March 29, 2009.
  62. ^ Chart Stats – Madonna – True Blue, The Official UK Charts Company. URL consultato il March 29, 2009.
  63. ^ Open Your Heart on VRT Top 30, December 20, 1986, VRT Top 30. URL consultato il March 26, 2009 (archiviato dall'url originale il April 9, 2012).
  64. ^ The Irish Charts – Search Open Your Heart, Irish Recorded Music Association, December 12, 1987. URL consultato il March 26, 2009.
  65. ^ Indice per interprete:Madonna, Hit Parade Italia, March 2, 1987. URL consultato il March 26, 2009.
  66. ^ Open Your Heart on Dutch charts, March 7, 1987, MegaCharts. URL consultato il March 26, 2009.
  67. ^ Warwick, Brown e Kutner,  p. 56
  68. ^ Fouz-Hernández e Jarman-Ivens,  p. 144
  69. ^ Hart e Phelan,  p. 341
  70. ^ Cinquemani, Sal, "Madonna, True Blue, Sire 1986", su slantmagazine.com.
  71. ^ Warwick, Neil; Brown, Tony; Kutner, Jon, The Complete Book of the British Charts: Singles & Albums., Omnibus Press, 2004, p. 78.
  72. ^ Chartverfolgung:Madonna – La Isla Bonita, Media Control Charts, May 11, 1987. URL consultato il March 23, 2009.
  73. ^ WarwickBrown e Kutner,  p. 78
  74. ^ Metz e Benson,  p. 11
  75. ^ Cross,  p. 103
  76. ^ Cross,  p. 125
  77. ^ a b Clerk,  p. 66
  78. ^ Chris Farley, Madonna's Moves Are The Stuff Of Shabba-Doo, August 5, 1987. URL consultato il July 8, 2010.
  79. ^ a b Morton,  pp. 199–200
  80. ^ Voller,  p. 29
  81. ^ Guilbert,  p. 78
  82. ^ Ann Ayers, Dressing Up A Material Girl, in USA Today, July 3, 1987. URL consultato il July 14, 2010.
  83. ^ Peter Goddard, Who's That Girl? Madonna-mia!, July 3, 1987. URL consultato il July 12, 2010.
  84. ^ Scott A Zamost, New Madonna Tour Sets Racy Tone, July 2, 1987. URL consultato il July 12, 2010.
  85. ^ (French) Luis Bassets, Madonna convocó en París a 130.000 personas, Ediciones El Pais S.L., August 31, 1987, El País. URL consultato il May 4, 2009. Lingua sconosciuta: French (aiuto)
  86. ^ Bego,  p. 190
  87. ^ Warner Bros. Records Inc. Commits to Furthering DVD Platform, February 11, 1999. URL consultato il July 20, 2010.[collegamento interrotto]
  88. ^ Taraborrelli,  p. 127
  89. ^ Bego,  p. 210
  90. ^ Madonna: Album Guide | Rolling Stone Music, su rollingstone.com. URL consultato il 5 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2011).
  91. ^ True Blue - Madonna : Songs, Reviews, Credits, Awards : AllMusic
  92. ^ Pareles, Jon (Giugno 1990), "Critic's Notebook; On the Edge of the Permissible: Madonna's Evolving Persona", in The New York Times. p. 2.
  93. ^ Madonna And Lionel Richie To Reunite On Billboard Charts? - Music, Celebrity, Artist News | MTV.com
  94. ^ MADONNA | Artist | Official Charts
  95. ^ RIAA - Recording Industry Association of America Archiviato il 23 ottobre 2012 in WebCite.
  96. ^ Alberto Graziola, Madonna, True Blue: recensione, curiosità sull'album uscito il 30 giugno 1986, su Soundsblog, 30 giugno 2013. URL consultato il 22 ottobre 2015.
  97. ^ Riccardo Castellani, Whitney Houston sono la mia migliore amica o la mia peggior nemica, p. 17. URL consultato il 22 ottobre 2015.
  98. ^ a b Fouz-Hernández e Jarman-Ivens,  p. 98
  99. ^ riaj.or.jp, http://www.riaj.or.jp/data/others/gdlist/pdf/gd1-20_list.pdf.
  100. ^ a b junoawards.ca, https://junoawards.ca/artist-profiles/madonna/.
  101. ^ a b books.google.com.ar, ISSN 1070-4701 (WC · ACNP), https://books.google.com.ar/books?id=kyYEAAAAMBAJ&pg=PA58#v=onepage&q&f=false.
  102. ^ McFarlan,  p. 197
  103. ^ ISSN 0734-7456 (WC · ACNP).
  104. ^ peopleschoice.com, http://www.peopleschoice.com/pca/awards/nominees/?year=1987.
  105. ^ pollstar.live, https://www.pollstar.live/AwardsArchive/awards1987.htm.
  106. ^ David Kent, Australian Chart Book 1970-1992, Illustrated, Australia, Australian Chart Book, 1993, pp. 444, ISBN 0-646-11917-6.
  107. ^ a b c d e f g h ultratop.be - Madonna - True Blue
  108. ^ Item Display - RPM - Library and Archives Canada Archiviato il 9 ottobre 2012 in Internet Archive.
  109. ^ (NL) Europarade (Amsterdam, Nationale Hitkrant Productions), Hitkrant, vol. 10, nº 29, 19 luglio 1986, ISSN 0165-4942 (WC · ACNP).
  110. ^ charts.de
  111. ^ Copia archiviata, su www7a.biglobe.ne.jp. URL consultato il 4 luglio 2010 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2007).
  112. ^ Hit Parade Italia - Madonna: Discografia italiana
  113. ^ 1986-07-12 Top 40 Official UK Albums Archive | Official Charts
  114. ^ Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, in Fundación Autor-SGAE, 1°, Spain, settembre 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  115. ^ https://www.billboard.com/#/album/madonna/true-blue/10922
  116. ^ RPM Year-End Albums 1986, su collectionscanada.gc.ca (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2012).
  117. ^ Hit Parade Italia - ALBUM 1986
  118. ^ Rees e Crampton,  p. 343
  119. ^ Kent, David (1993). Australian Chart Book 1970–1992. St Ives, NSW: Australian Chart Book. ISBN 0-646-11917-6.
  120. ^ (DE) Austriancharts.at – Bestenlisten – 80-er album, Hung Medien.
  121. ^ Oricon Album Chart Book: Complete Edition 1970–2005. Roppongi, Tokyo: Oricon Entertainment. 2006. ISBN 4-87131-077-9.
  122. ^ UK decade 80s, everyhit.com. URL consultato il 18 aprile 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb42698213g (data)
Madonna Portale Madonna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Madonna