Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Die Another Day (singolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Die Another Day
Daianaderdei.png
Screenshot del video
Artista Madonna
Tipo album Singolo
Pubblicazione 22 ottobre 2002
Durata 4:38
Album di provenienza La morte può attendere
Dischi 1
Genere Electroclash
Elettropop
Etichetta Warner Bros.
Produttore Mirwais Ahmadzaï
Registrazione 2002
Certificazioni
Dischi d'argento Francia Francia[1]
(Vendite: 125.000+)
Regno Unito Regno Unito[1]
(Vendite: 200.000+)
Dischi d'oro Australia Australia[1]
(Vendite: 35.000+)
Grecia Grecia[1]
(Vendite: 10.000+)
Belgio Belgio[1]
(Vendite: 25.000+)
Dischi di platino Canada Canada[1]
(Vendite: 20.000+)
Madonna - cronologia
Singolo precedente
(2001)
Singolo successivo
(2003)
Logo
Logo del disco Die Another Day

Die Another Day è una canzone di Madonna, motivo principale del film La morte può attendere del 2002.

Il brano è stato pubblicato come singolo il 22 ottobre 2002 dalla Maverick Records incluso nell'album di Madonna American Life uscito nel 2003.

La versione del brano proposta durante il Re-Invention Tour del 2004 è stata inserita nell'album dal vivo I'm Going to Tell You a Secret. Ai Grammy Awards 2004, il brano è stato candidato nella categorie miglior brano dance e miglior cortometraggio musicale.

Una versione remix del brano è stata eseguita come video interlude su maxischermo durante lo Sticky & Sweet Tour del 2008. La canzone è stata revisionata, la velocità è stata aumentata e aggiunti sono anche suoni elettronici e suoni di una sfida tra pugili (tra botte e suoni della campanella della fine del ring).

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Die Another Day è un brano electroclash che si apre con un tonfo sordo e una solenne cornice di corde sinistre[2]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Nel suo libro Madonna: Like an Icon, Lucy O'Brien ha affermato che per la composizione techno e le balbuzie vocali il brano è "quasi un'antitesi di una colonna sonora di James Bond".[3] La recensione di James Hannaham di Spin invece è stata eccellente che lo ha definito "un brano favoloso e melodrammatico che suona come una reazione stoica a un mondo impazzito".[4]

Video[modifica | modifica wikitesto]

Durante il video vengono trasmesse alcune scene del film La morte può attendere dove si vede lei nelle varie versioni. Come "007", lei viene catturata dai coreani, che all'inizio la torturano per farla confessare (la tortura consiste nell'affogarla nell'acqua ghiacciata), mentre dopo tentano di ucciderla sulla sedia elettrica. Nel frattempo come nel film 007 combatte con il figlio del generale coreano che lo aveva fatto prigioniero, Madonna, combatte con un'altra "Madonna" (una con una tuta da scherma bianca e una con la stessa tuta solo che nera): all'inizio le due si scontrano in un normale duello di sherma, mentre dopo finiscono col duellare senza più regole, né esclusioni di colpi, tentando di uccidersi a vicenda. Alla fine la "'Madonna" vestina di bianco uccide l'altra "Madonna", sparandole dritta al petto con un fucile subacqueo, mentre i coreani azionano la sedia elettrica convinti di averla uccisa, ma colpo di scena Madonna riesce a scappare e a mettersi in salvo lasciando sulla sedia elettrica oltre ad un intenso fumo bianco, una scritta ebraica: "לאו", che significa "grande fuga" o "libertà". Il video si conclude con la sequenza Gun Barrel.

Il video è stato girato dal 22 al 27 agosto 2002 a Hollywood, negli Center Studios, in Hollywood, California.

Con un costo pari a 6 milioni di dollari, si aggiudica il secondo posto come video più costoso della storia.

Crediti Video[modifica | modifica wikitesto]

  • Regista: Traktor (Mats Lindberg, Pontus Löwenhielm, Ole Sanders)
  • Produttore: Jim Bouvet
  • Direttore della fotografia: Harris Savides
  • Montatore: Rick Russell
  • Casa di produzione: Traktor Films

Il singolo[modifica | modifica wikitesto]

Il singolo del brano è uscito nell'autunno del 2002, in concomitanza del ventesimo anniversario dall'uscita del primo singolo di Madonna, Everybody, uscito nell'ottobre del 1982. Il singolo è uscito nella versione CD e 12".

Tracce CD[modifica | modifica wikitesto]

  1. Die Another Day (Radio Edit)
  2. Die Another Day (Dirty Vegas Main Mix)
  3. Die Another Day (Thee Retrolectro Mix)
  4. Die Another Day (Thunderpuss Club Mix)
  5. Die Another Day (Deepsky Remix)
  6. Die Another Day (Brother Brown's Bond-Age Club)

Tracce 12[modifica | modifica wikitesto]

UK 2 x 12" promo vinyl (SAM 00721)[5]
US 2 x 12" promo vinyl (PRO-A-101005)[6]
  • A "Die Another Day" (Dirty Vegas Main Mix) - 10:08
  • B1 "Die Another Day" (Thee RetroLectro Mix) - 6:59
  • B2 "Die Another Day" (Deepsky Remix) - 7:27
  • C "Die Another Day" (Thunderpuss Club Mix) - 9:25
  • D "Die Another Day" (Thee Die Another Dub) - 8:26
UK 2 x 12" vinyl (W 0595 T)[7]
US 2 x 12" vinyl (42492-0)[8]
EU 12" vinyl (9362 42492-0)[9]
  • A "Die Another Day" (Dirty Vegas Main Mix) - 10:08
  • B "Die Another Day" (Thunderpuss Club Mix) - 9:25
  • C1 "Die Another Day" (Thee RetroLectro Mix) - 6:59
  • C2 "Die Another Day" (Deepsky Remix) - 7:27
  • D "Die Another Day" (Dirty Vegas Dub) - 9:10
US 7" vinyl (7-16684)[10]
  • A "Die Another Day" (Radio Edit) - 3:27
  • B "Die Another Day" (Album Version) - 4:38
US CD single (5439-16681-2)[11]
  1. "Die Another Day" (Radio Edit) - 3:27
  2. "Die Another Day" (Dirty Vegas Main Mix) - 10:08
EU CD single (9362 42494-2)[12]
  1. "Die Another Day" (Radio Edit) - 3:27
  2. "Die Another Day" (Thunderpuss Club Mix) - 9:25
  3. "Die Another Day" (Thee RetroLectro Mix) - 6:59
US Maxi-CD (42492-2)[13]
Japanese CD single (WPCR-11398)[14]
EU Maxi-CD (9362 42492-2)[15]
AU CD single 1 (9362-42492-2)[16]
  1. "Die Another Day" (Radio Edit) - 3:27
  2. "Die Another Day" (Dirty Vegas Main Mix) - 10:08
  3. "Die Another Day" (Thee RetroLectro Mix) - 6:59
  4. "Die Another Day" (Thunderpuss Club Mix) - 9:25
  5. "Die Another Day" (Deepsky Remix) - 7:27
  6. "Die Another Day" (Brother Brown's Bond-Age Club) - 7:51

German CD single (9362 42495-2)[17]

Australian CD single 2 (9362-42495-2)[18]
  1. "Die Another Day" (Radio Edit) - 3:27
  2. "Die Another Day" (Dirty Vegas Main Mix) - 10:08
  3. "Die Another Day" (Deep Sky Edit) - 4:06

Versioni Ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

  • Album Version (4:38)
  • Radio Edit (3:30)
  • DJ Tiësto mix (8:55) (Unreleased)
  • Dirty Vegas Main Mix (10:10)
  • Dirty Vegas Main Dub (9:10)
  • Dirty Vegas Radio Edit (4:24) (Promo Only)
  • Thunderpuss Club Mix (9:26)
  • Felix da Housecat/Thee RetroLectro Mix (7:00)
  • Felix da Housecat/Thee RetroLectro Radio Edit (3:41) (Promo Only)
  • Felix da Housecat/Thee Die Another Dub (8:33) (Promo Only)
  • Brother Brown Bond-Age Club (7:51)
  • Brother Brown Bond-Age Dub (7:19) (Promo Only)
  • Brother Brown Bond-Age Radio Edit (3:36) (Promo Only)
  • Deepsky Mix (7:29)
  • Deepsky Dub (7:35) (Promo Only)
  • Deepsky Radio Edit (4:12)
  • Victor Calderone & Quayle Afterlife Mix (8:52)
  • Calderone & Quayle Afterlife Dub (10:08) (Promo Only)
  • Richard Vission Electrofried Mix (6:02)
  • Richard "Humpty" Vission Radio Edit (3:36)
  • Re-Invention Tour live audio from I'm Going to Tell You a Secret (4:03)
  • Sticky & Sweet Tour Official Studio Version (2:59)

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2002) Posizione
più alta
Australia[19] 11
Austria[20] 2
Belgio (Fiandre)[20] 7
Belgio (Vallonia)[20] 9
Canada[21] 1
Danimarca[20] 2
Finlandia[20] 4
Francia[20] 15
Germania[22] 4
Grecia[23] 2
Italia[20] 1
Norvegia[20] 5
Nuova Zelanda[24] 22
Paesi Bassi[20] 5
Regno Unito[25] 3
Romania[26] 1
Spagna[27] 1
Stati Uniti[28] 8
Stati Uniti (Pop)[29] 4
Stati Uniti (Dance)[30] 1
Svezia[20] 4
Svizzera[20] 4
Classifica di fine anno italiana (2002) Posizione
Classifica italiana[31] 4
Classifica dei singoli Posizione
Classifica italiana[32] 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g ultratop.be - ULTRATOP BELGIAN CHARTS
  2. ^ Francis Whittaker, The history of the Bond theme, MSN, 17 maggio 2012. URL consultato il 20 agosto 2013.
  3. ^ O'Brien 2008, p. 376
  4. ^ James Hannaham, Madonna 'American Life' – Madonna addresses a fearful nation., in Spin, 24 aprile 2003. URL consultato il 6 agosto 2013.
  5. ^ Madonna - Die Another Day (The Remixes)
  6. ^ Madonna - Die Another Day (The Remixes)
  7. ^ Madonna - Die Another Day
  8. ^ Madonna - Die Another Day
  9. ^ Madonna - Die Another Day
  10. ^ Madonna - Die Another Day
  11. ^ Madonna - Die Another Day
  12. ^ Madonna - Die Another Day
  13. ^ Madonna - Die Another Day
  14. ^ Madonna - Die Another Day
  15. ^ Madonna - Die Another Day
  16. ^ Madonna - Die Another Day
  17. ^ Madonna - Die Another Day
  18. ^ Madonna - Die Another Day
  19. ^ (EN) Australian Charts - 17/11/2002, australian-charts.com. URL consultato il 27 febbraio 2011.
  20. ^ a b c d e f g h i j k (EN) Madonna - Die Another Day - austriancharts.at, austriancharts.at. URL consultato il 27 febbraio 2011.
  21. ^ Andamento di Die Another Day nella classifica del Canada, allmusic.com.
  22. ^ Die ganze Musik im Internet: Charts, News, Neuerscheinungen, Tickets, Genres, Genresuche, Genrelexikon, Künstler-Suche, Musik-Suche, Track-Suche, Ticket-Suche - musicline.de
  23. ^ Ελληνικό Chart
  24. ^ (EN) New Zealand Charts - 01/12/2002, charts.org.nz. URL consultato il 27 febbraio 2011.
  25. ^ Chart Stats - Madonna - Die Another Day
  26. ^ "Romanian Top 100" Si prega di scegliere "Issue 48" dell'anno 2002
  27. ^ spanishcharts.com - Madonna - Die Another Day
  28. ^ Die Another Day nella classifica americana
  29. ^ Madonna Album & Song Chart History | Billboard.com
  30. ^ Madonna Album & Song Chart History | Billboard.com
  31. ^ http://www.hitparadeitalia.it/hp_yends/hpe2002htm
  32. ^ Hit Parade Italia - Top Annuali Single: 2002

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Madonna Portale Madonna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Madonna