Rebel Heart (Madonna)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rebel Heart
ArtistaMadonna
Tipo albumStudio
Pubblicazione10 marzo 2015
(Vedi date di pubblicazione)
Durata55:06 (standard)
74:26 (deluxe)
Dischi1
Tracce14 (standard)
19 (deluxe)
25 (Super deluxe)
GenerePop[1]
Dance[2]
EtichettaBoy Toy, Live Nation, Interscope
ProduttoreAvicii, Diplo, Blood Diamonds, Billboard, DJ Dahi, Toby Gad, Madonna, Ariel Rechtshaid, Ryan Tedder, Kanye West
Registrazione2014
FormatiCD, LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[3]
(Vendite: 76.490+)[4]
Dischi d'oroAustria Austria[5]
(Vendite: 7.500+)
Brasile Brasile[6]
(Vendite: 20.000+)
Francia Francia[7]
(Vendite: 50.000+)
Messico Messico[8]
(Vendite: 30.000+)
Polonia Polonia[9]
(Vendite: 10.000+)
Dischi di platinoItalia Italia[10]
(Vendite: 50.000+)
Madonna - cronologia
Album precedente
(2013)
Album successivo
(2017)
Logo
Logo del disco Rebel Heart
Singoli
  1. Living for Love
    Pubblicato: 20 dicembre 2014
  2. Ghosttown
    Pubblicato: 13 marzo 2015
  3. Bitch I'm Madonna
    Pubblicato: 15 giugno 2015
  4. Hold Tight
    Pubblicato: 24 luglio 2015 (ITA)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
sentireascoltare[11] (6.0/10)
Distopic.it[12] 48/100

Rebel Heart è il tredicesimo album in studio della cantante statunitense Madonna, pubblicato il 6 marzo 2015 dalla Interscope Records. È stato anticipato dal singolo Living for Love, pubblicato il 20 dicembre 2014. Dopo la pubblicazione e la promozione di MDNA, Madonna lavora sul nuovo album per tutto il 2014, scrivendo e producendo l'album insieme a vari musicisti, tra cui Diplo, Avicii e Kanye West. A differenza dei lavori precedenti, in cui Madonna era solita coinvolgere solo poche persone per la produzione degli album, per questo album la cantante ha coinvolto un grande numero di collaboratori, e ciò ha posto vari problemi nel mantenere un suono coerente nella direzione creativa dell'album.

Da un punto di vista tematico, Rebel Heart rappresenta il lato romantico e il lato ribelle della cantante. Madonna stessa ha commentato a Billboard che “Rebel Heart esplora due distinti lati della mia personalità, la parte ribelle e indisciplinata di me e quella romantica”. I temi emersero compostamente durante la fase di scrittura e registrazione. Da un punto di vista musicale, Rebel Heart è un tipico album pop che unisce una vasta gamma di generi musicali, tra cui la musica house, il trap e il Reggae, la chitarra acustica e la musica gospel. Alcune canzoni sono autobiografiche, mentre altre parlano di amore e della carriera di Madonna. Rebel Heart presenta alcuni ospiti d'onore tra cui il boxer Mike Tyson, la rapper Nicki Minaj, Chance the Rapper e Nas.

Il rilascio dell'album era previsto per marzo 2015, e la pubblicazione del primo singolo era previsto per il giorno di San Valentino. Ma dopo la pubblicazione di alcune canzoni, Madonna decise di rendere acquistabili già da dicembre 2014 sei brani dell'album, tra cui Living for Love. Pochi mesi dopo, un hacker di 39 anni è stato arrestato dall’Unità speciale 433 della polizia israeliana perché sospettato di aver immesso nel web, dietro compenso, numerose canzoni di Madonna che ancora non erano pronte per essere divulgate.[13] Al fine di promuovere il disco, dal 9 settembre 2015 al 20 marzo dell'anno successivo la cantante è impegnata con il Rebel Heart Tour, evento mondiale che ha toccato anche l'Italia nei giorni 19, 21 e 22 novembre al Pala Alpitour di Torino. Quattro furono i singoli pubblicati dall'album: Living for Love, Ghosttown, Bitch I'm Madonna e Hold Tight.

Rebel Heart ricevette pareri positivi dai critici musicali, alcuni dei quali lo definirono il lavoro migliore degli ultimi dieci anni, affermando che, a differenza di Hard Candy e MDNA, questo album aveva un suono più progressivo.

Nonostante si sia piazzato al secondo posto negli Stati Uniti, non ha raggiunto il disco d'oro ed ha anche rappresentato un crollo in termini di vendite rispetto ai lavori precedenti nel Paese. In compenso però, ha conquistato la prima posizione di diversi Stati mondiali che costituiscono i mercati principali per l'industria della musica, fra cui Australia, Canada, Germania, Spagna e Svizzera, ma soprattutto Italia, dove in breve tempo è stato premiato con il disco di platino.

Scrittura e registrazione[modifica | modifica wikitesto]

Da marzo 2014 Madonna ha iniziato a postare su Instagram numerose immagini dove ha accennato a possibili autori e collaboratori per l'album con numerose didascalie hashtag. Ha iniziato postando foto che la ritraevano in studio di registrazione con il dj e produttore Avicii[14][15]. Nel maggio del 2014 ha postato un selfie parlando di una collaborazione con Diplo. Nel corso del 2014 ha continuato a postare foto su Instagram, accompagnate da vari hashtags che si sarebbero poi rivelati essere i titoli delle canzoni presenti all'interno dell'album. Nel mese di novembre vengono diffuse due canzoni, in seguito alla precedente diffusione di uno snippet della canzone Rebel Heart, intitolate Wash All Over Me e Rebel Heart, prodotte da Avicii, ma ancora in fase demo, come confermò Madonna stessa, dopo aver scoperto il furto delle canzoni, sul suo profilo Instagram. Intorno alla seconda settimana di dicembre comprare su internet un leak di un album intitolato Iconic, che presentava al suo interno 13 brani inediti, in versione demo, tra cui i precedenti leak Rebel Heart e Wash All Over Me. Madonna stessa, in quel frangente e in alcune interviste, ha dichiarato di essere profondamente amareggiata e delusa per questo furto, parlando addirittura di "terrorismo" e " stupro artistico" e affermando di essere stata violata come persona e come artista. Madonna però assicura che quelle erano soltanto demo, ancora in fase di produzione e non pronte per essere inserite nell'album[16].

La risposta ufficiale arriva il 20 dicembre da parte di Madonna, la quale pubblica a sorpresa su iTunes l'album Rebel Heart con la cover ufficiale, disponibile su preordinazione, con 6 tracce ufficiali, tra cui il singolo Living for Love, da poter scaricare nel momento in cui si effettuava la prenotazione dell'album. Madonna affermò di aver lavorato velocemente per poter finire le tracce e renderle immediatamente disponibili su iTunes, anche per il fatto che, avvicinandosi le vacanze di Natale, prima della fine delle feste non sarebbe stato possibile pubblicare l'album. Viene considerato come un regalo di Natale anticipato dalla stessa Madonna.

Comincia, quindi, la promozione di Rebel Heart partendo dallo stesso profilo Instagram della cantante, la quale inizia a pubblicare foto di personaggi famosi avvolti dalle stringhe di pelle, le stesse che ricoprono il volto di Madonna sulla cover dell'album. Ciò non fa che attirare le attenzioni su Madonna e le eventuali critiche per essersi paragonata a grandi personaggi come Martin Luther King o Gesù. Madonna sottolinea come effettivamente il suo intento era stato quello di sottolineare la presenza di "Cuori Ribelli" che combattevano per la libertà e i diritti, così come fa lei[17].

L'album, nel momento in cui viene reso disponibile su preordine, raggiunge la prima posizione nella classifica iTunes e i sei brani disponibili si collocano tutti nelle prime sei posizioni della medesima classifica.

Con l'anno nuovo inizia la vera e propria promozione, che inizia nel mese di febbraio, con la pubblicazione del video del singolo Living For Love, e con la performance di quest'ultimo ai Grammy Awards, performance più attesa e più vista della serata, e ai Brit Awards, durante la quale Madonna accidentalmente cade a causa del malfunzionamento del lungo mantello scelto da lei per quella esibizione.

Partecipa in seguito a vari talk show inglesi, francesi e italiani, presentando in anteprima mondiale il brano Devil Pray durante l'intervista a Che tempo che fa in Italia, e Ghosttown, durante il Jonathan Ross Show, rivelando che molto probabilmente proprio quest'ultima canzone sarebbe stata il secondo singolo dell'album.

Durante l'intervista francese a Le grand journal, Madonna incontra il vignettista della rivista Charlie Hebdo, Luz, sopravvissuto alla strage, scambiando con quest'ultimo un caloroso e commovente abbraccio. Madonna, infatti, loda il lavoro di Luz, basato sulla libertà di espressione e sulla libertà in generale[18].

Musica e interpretazione dei testi[modifica | modifica wikitesto]

La traccia d'apertura e primo singolo è Living for Love, una traccia house sperimentale, prodotta da Diplo. Il testo parla di come si può riuscire a superare le difficoltà della rottura di una relazione sentimentale e di come l'amore possa riuscire a risollevarci e ad infondere forza e speranza. Secondo Dean Piper (The Daily Telegraph) la canzone possiede "alcuni tratti classici di Madonna: i riferimenti religiosi, un coro gospel e l'uso del piano"[19], mentre per Jason Lipshutz (Billboard) la canzone ha degli influssi house anni '90 che la possono paragonare a storiche hit della cantante come Like a Prayer ed Express Yourself.

Devil Pray è una canzone con influssi country mixati con dance pop, che affronta una tematica seria e autobiografica, quella della droga. La stessa cantante affermò durante un'intervista come le droghe vengano usate superficialmente, per elevarsi spiritualmente e riuscire a vedere le cose da un punto di vista diverso rispetto agli altri, sottolineando l'erroneità di questa convinzione, poiché esse sono pericolose e piuttosto che elevarci spiritualmente, ci rendono più soggetti alle tentazioni del diavolo. Madonna ha confessato di aver abusato agli inizi della carriera di queste sostanze, affermando di trovare la cosa poco piacevole e di esserne uscita attraverso l'assunzione di molta acqua per disintossicarsene.

Ghosttown è una ballad intensa scritta da Madonna e prodotta dal dj Billboard. Ha una tematica post-apocalittica, come la stessa Madonna afferma. In un mondo che potrebbe crollare, rimarrebbero due anime in una città di fantasmi per ricostruire tutto. La cantante ha rivelato che la canzone è particolarmente incentrata su lei e suo figlio Rocco.

Unapologetic Bitch è una canzone prodotta da Diplo ed è stata scritta da Madonna in collaborazione con Mozella. Ha forti influssi reggaeton con un beat potente. La canzone parla di come superare la rottura di una relazione, anche a costo di essere considerata una "cagna impenitente". Madonna ha spiegato che la canzone incita a divertirsi a prescindere dalla situazione in cui ci si trova.[20]

Illuminati è una canzone prodotta da Kanye West e Madonna, scritta da quest'ultima con Mozella. È un manifesto attraverso il quale Madonna cerca di smentire le voci che la vedrebbero, insieme ad altre celebrità quali Nicki Minaj, Lil Wayne, Rihanna, Lady Gaga, Jay-Z, Beyoncé, Oprah e personaggi politici quali Obama, membro della setta degli Illuminati, i cui aderenti, essendo personaggi influenti, aspirerebbero a controllare il mondo. All'interno del brano si parla dei simboli degli illuminati, mostrando che in definitiva i veri illuminati erano uomini toccati dal lume della ragione. La canzone contiene diverse parti rap che ricorda il rap inserito nel brano Vogue.

Bitch I'm Madonna è un duetto con Nicki Minaj prodotto da Diplo. La traccia contiene influssi tipicamente disco ed esprime la volontà di divertirsi, di non lasciarsi criticare per l'età, e di essere costantemente al centro dell'attenzione e sotto i riflettori. Durante le fasi di scrittura Minaj ha riferito di aver dovuto riscrivere il testo parecchie volte, prima di incontrare le esigenze di Madonna.

Hold Tight è un brano pop dal ritmo sincopato che rimanda al periodo di Ray of Light e si avvale della collaborazione di Cherry Cherry Boom Boom, già autore di Lady Gaga.

Joan of Arc, è una ballata in cui Madonna parla del controllo che i media hanno sulla sua vita. Nella strofa iniziale canta "Ogni volta che mi scattano una foto prendono una parte di me che non tornerà indietro". Il titolo è un riferimento alla santa cattolica Giovanna D'Arco, bruciata sul rogo dopo aver subito un duro processo dal tribunale dell'inquisizione, e Madonna afferma di non essere come lei ma di essere "solo umana".

Iconic include una parte di rap di Chance the Rapper e un'introduzione "proclamata" in stile Mussolini del pugile Mike Tyson. La canzone ha un crescendo epico in cui Madonna incita a considerarsi come un'icona.

HeartBreak City è una ballata malinconica il cui testo parla di un amore perduto: qui Madonna canta con un registro vocale più profondo e ispirato al baroque pop. La canzone è sostenuta da un ritmo di marcia ed ampi cori maschili che conferiscono al brano ricchezza e solennità.

Body Shop è una canzone mid-tempo con influenze orientali.

Holy Water ripropone il tema del contrasti tra sacro e profano, in particolare tra religione e sesso.

In Rebel Heart ci sono diversi omaggi da parte di Madonna ad alcune hit e album che l'hanno vista trionfare nelle classifiche nella sua lunga carriera, ad esempio nella canzone Veni Vidi Vici Madonna parla di come sia stato difficile sopportare le critiche e tutto il peso della sua celebritá, e per farlo ha citato diverse sue canzoni tra cui Holiday, Like A Virgin, Like A Prayer, Express Yourself, Vogue, Justify My Love, Ray Of Light, The Power of Good-Bye, Music, Borderline, Open Your Heart e Into the Groove. Nella canzone Best Night Madonna canta le parole "wanting"/ "waiting" riprese direttamente dalla celebre hit Justify My Love mentre in Holy Water riprende alcuni passaggi di Vogue con le strofe "Ladies with an attitude, don't just stand there, let's get to it, strike a pose that's nothing to it". Holy Water è la seconda canzone della cantante che riporta frasi di Vogue: già nel 1992 Madonna aveva reso omaggio a questa hit, con il singolo Deeper and Deeper contenuto nell'album Erotica che ne faceva riferimento sul finale.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Madonna ha iniziato a dicembre 2014 a parlare di una sua probabile partecipazione ai Grammy Awards[21].

Nel febbraio 2015 Madonna si è esibita ai Brit Awards con il brano Living for Love, singolo che anticipa l'uscita del suo nuovo album Rebel Heart. L'esibizione è stata molto discussa dai vari social e media nei giorni successivi, in particolare per un incidente che ha causato a Madonna una caduta di alcuni gradini su una scalinata, appena l'inizio della performance, arrivata sul palco. Il mantello indossato da Madonna, come costume di scena, creato da Armani e modificato su richiesta dalla popstar, non si è slacciato al momento opportuno, ed i ballerini, tirando il mantello, durante l'esibizione del brano Living for Love, sono stati, anche secondo la stampa, una concausa dell'accaduto. Nonostante ciò Madonna si è subito rialzata portando a termine l'esibizione.

Dopo l'esibizione ai BRITs, nel mese di marzo 2015 Madonna promuove il suo nuovo album Rebel Heart. Tra i vari talk show Madonna è ospite del Johnatan Ross Show, durante il quale si esibisce in un remix di Living for Love e per la prima volta canta dal vivo il suo secondo singolo Ghosttown.

In Italia, dai cui talk show mancava dal 2000, registra il 1 marzo 2015, una puntata come ospite a Che tempo che fa che verrà trasmessa l'8 marzo in occasione della festa delle donne e durante la quale, in anteprima mondiale, esegue i brani Devil Pray e Ghosttown[22]. Subito dopo Madonna vola alla volta di Parigi, dove verrà ospitata a Le Grand Journal. Durante il talk show francese si esibirà in un remix di Living for Love e in Ghosttown. Il 9 marzo, su RTL, viene trasmessa un'intervista con Madonna effettuata agli inizi di febbraio, a New York.

Dal 16 al 20 marzo Madonna è protagonista della #MadonnaWeek nello show televisivo di Ellen Degeneres. Durante questa settimana Madonna performerà: Living for Love, Ghosttown, Joan of Arc e il singolo degli anni '80 Dress You Up.

Il 29 marzo Madonna si esibisce agli IHeartRadio Awards in America, manifestazione musicale che premia i vari cantanti per diverse categorie. In questa occasione canta il suo secondo singolo Ghosttown in una versione acustica con l'accompagnamento della chitarra suonata dalla popstar americana Taylor Swift.

Il 9 aprile Madonna si è esibita al Tonight Show del conduttore statunitense Jimmy Fallon esibendosi con la canzone Bitch I'm Madonna, terzo singolo del suo disco, e cantando anche la sua storica hit Holiday proprio insieme al conduttore. L'esibizione è stata di grande impatto facendo entrare la canzone Bitch I'm Madonna immediatamente nella classifica Billboard Hot 100 e facendo risalire l'album di parecchie posizioni nella Billboard Hot 200.

Il 12 aprile Madonna si è esibita al Coachella Festival 2015, stavolta però non promuovendo le canzoni del suo nuovo disco, ha cantato infatti la sua celebre hit del 2005 Hung Up e il singolo del 1995 Human Nature. L'esibizione è stata al centro dell'attenzione mediatica per il bacio tra la cantante e il rapper statunitense Drake[23].

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Dal momento della pubblicazione l'album ha ricevuto opinioni positive da parte della critica.[24]

Sal Cinquemani di Slant Magazine scrisse che l'album era "un minestrone", ma aggiunse che era "sorprendentemente coerente".[25] Billboard definì l'album "sottile" paragonato "ai trend odierni"; "Si tratta di canzoni che si sviluppano lentamente, inaugurate da introduzioni elaborate prima che gli hook vengano messi in bella mostra, in un frusciare di tessuti diversi".[26] Rolling Stone scrisse che Rebel Heart "raggiunge la sua massima forza quando Madonna mette tutti all'angolo e ci parla direttamente", e aggiunse: "Dentro di sé Madonna ha senz'altro un cuore ribelle — e non si può biasimarla se ci ricorda che la migliore musica pop scaturisce da quello".[27] Jamieson Cox del Time lodò l'album per essere coerente nel suo sound e nella produzione, la resa vocale di Madonna e le sue capacità autorali.[28] Entertainment Weekly etichettò Rebel Heart "la migliore uscita di Madonna da Music del 2000".[29] The Guardian scrisse che le due nature contenute nell'album "non si amalgamano molto bene assieme", definendolo un possibile contrasto tra "la musica che Madonna vuole realizzare e quella che si sente costretta a fare".[30] Time Out scrisse "Rebel Heart può mancare di coesività, ma non è un aspetto che gioca contro di esso: è l'album con alcune dei pezzi migliori di Madonna in dieci anni a questa parte".[31]

Non mancò qualche voce meno positiva: NME stroncò l'album, definendolo "quella che sembra un'opportunità sprecata. Lo stanco inno all'autostima 'Iconic' ci informa che ci sono solo due lettere che distinguono Icon da I Can't. Poche lettere che fanno la differenza fra un lavoro di classe e uno fatto col c-".[32]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Edizione standard
  1. Living for Love – 3:38 (Madonna, Thomas Wesley Pentz, Maureen McDonald, Toby Gad, Ariel Rechtshaid, Uzoechi Emenike)
  2. Devil Pray – 4:05 (Madonna, Tim Bergling, Carl Falk, Rami Yacoub, Savan Kotecha, Dacoury Natche, Michael Diamonds, Arash Pournouri)
  3. Ghosttown – 4:08 (Madonna, Jason Evigan, Sean Douglas, Evan Bogart)
  4. Unapologetic Bitch – 3:50 (Madonna, Thomas Wesley Pentz, Maureen McDonald, Toby Gad, Ariel Rechtshaid)
  5. Illuminati – 3:43 (Madonna, Maureen McDonald, Toby Gad, Larry Griffin Jr., Mike Dean, Kanye West, Tommy Brown)
  6. Bitch I'm Madonna (feat. Nicki Minaj) – 3:47 (Madonna, Thomas Wesley Pentz, Ariel Rechtshaid, Maureen McDonald, Toby Gad, Nicki Minaj, Samuel Long)
  7. Hold Tight – 3:37 (Madonna, Thomas Wesley Pentz, Maureen McDonald, Toby Gad, Uzoechi Emenike, Philip Meckseper)
  8. Joan of Arc – 4:01 (Madonna, Toby Gad, Maureen McDonald, Larry Griffin Jr.)
  9. Iconic (feat. Chance the Rapper & Mike Tyson) – 4:33 (Madonna, Toby Gad, Maureen McDonald, Larry Griffin Jr., Chancelor Bennett, Dacoury Natche, Michael Tucker)
  10. HeartBreakCity – 3:33 (Madonna, Tim Bergling, Tobias Jimson, Arash Pournouri, Paloma Stoecker)
  11. Body Shop – 3:39 (Madonna, Toby Gad, Maureen McDonald, Larry Griffin Jr., Michael Tucker, Dacoury Natche)
  12. Holy Water – 4:09 (Madonna, Martin Kierszenbaum, Natalia Cappuccini, Mike Dean, Kanye West, Tommy Brown)
  13. Inside Out – 4:23 (Madonna, Mike Dean, Jason Evigan, Sean Douglas, Evan Bogart)
  14. Wash All Over Me – 4:00 (Madonna, Mike Dean, Tim Bergling, Arash Pournouri, Magnus Lidehäll, Tommy Brown, Kanye West, Vincent Pontare)
  15. Autotune Baby (Traccia bonus) – 4:00 (Madonna, Thomas Wesley Pentz, Mike Dean, Kanye West, Tommy Brown)Edizione di Media Markt
Edizione deluxe
  1. Best Night – 3:33 (Madonna, Toby Gad, Maureen McDonald, Larry Griffin Jr., James Napier, Andrew Swanson)
  2. Veni Vidi Vici (feat. Nas) – 4:39 (Madonna, Thomas Wesley Pentz, Maureen McDonald, Toby Gad, Ariel Rechtshaid, Nasir Jones)
  3. S.E.X. – 4:11 (Madonna, Toby Gad, Maureen McDonald, Larry Griffin Jr., Mike Dean, Tommy Brown, Kayne West)
  4. Messiah – 3:22 (Madonna, Tim Bergling, Arash Pournouri, Salem Al Fakir, Magnus Lidehäll, Vincent Pontare)
  5. Rebel Heart – 3:21 (Madonna, Tim Bergling, Arash Pournouri, Salem Al Fakir, Magnus Lidehäll, Vincent Pontare)
  6. Autotune Baby (Traccia bonus) – 4:00 (Madonna, Thomas Wesley Pentz, Mike Dean, Kanye West, Tommy Brown)Edizione di Media Markt
Edizione Super deluxe (disco 2)
  1. Beautiful Scars – 4:19 (Madonna, Rick Nowels, Dacoury Natche, Michael Tucker)
  2. Borrowed Time – 3:24 (Madonna, Dacoury Natche, Michael Tucker, Tim Bergling, Arash Pournouri, Carl Falk, Rami Yacoub, Savan Kotecha)
  3. Addicted – 3:33 (Madonna, Dacoury Natche, Michael Tucker, Tim Bergling, Arash Pournouri, Carl Falk, Rami Yacoub, Savan Kotecha)
  4. Graffiti Heart – 3:39 (Madonna, Toby Gad, Maureen McDonald, Larry Griffin Jr.)
  5. Living for Love (Paulo & Jackinsky Full Vocal Mix) – 7:14 (Madonna, Thomas Wesley Pentz, Maureen McDonald, Toby Gad, Ariel Rechtshaid, Uzoechi Emenike)
  6. Living for Love (Funk Generation & H3drush Dub) – 6:07 (Madonna, Thomas Wesley Pentz, Maureen McDonald, Toby Gad, Ariel Rechtshaid, Uzoechi Emenike)
Edizione deluxe Fnac (disco 2)
  1. Living for Love (Thrill Remix) – 5:11 (Madonna, Thomas Wesley Pentz, Maureen McDonald, Toby Gad, Ariel Rechtshaid, Uzoechi Emenike)
  2. Living for Love (Offer Nissim Dub Mix) – 7:12 (Madonna, Thomas Wesley Pentz, Maureen McDonald, Toby Gad, Ariel Rechtshaid, Uzoechi Emenike)
Edizione deluxe giapponese ed edizione deluxe mediaworld Italia
  1. Living for Love (Dirty Pop Remix) – 4:59 (Madonna, Thomas Wesley Pentz, Maureen McDonald, Toby Gad, Ariel Rechtshaid, Uzoechi Emenike)

Tour[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Rebel Heart Tour.
Madonna il 10 dicembre 2015, durante il secondo concerto tenutosi in Parigi.

Il giorno stesso in cui la cantante venne intervistata da Fabio Fazio in Che tempo che fa, la cantante ha annunciato le prime date del tour, disponibili per la prevendita già dal 9 marzo 2015.[33] Il tour, partito a Montrèal il 9 settembre dello stesso anno,[34] comprende date in Nord America, Europa, Asia ed Oceania per un totale di oltre 80 spettacoli.

L'evento, oltre che rappresentare un grande successo commerciale in quanto molte date andarono sold out in pochi minuti, infranse diversi record: secondo la celebre rivista Forbes infatti esso rappresenta Il più costoso tour dell'anno e il secondo nella carriera della cantante; inoltre, il concerto di Las Vegas del 24 ottobre è diventata la data di un tour mondiale più costosa del 2015 (i biglietti per il concerto della città furono fissati per un prezzo medio di $949,21), mentre la tappa di Edmonton, in Canada, fu l'incasso più economico del 2015, con ogni biglietto venduto per $164,30. Nonostante questo, il tour si è rivelato un successo commerciale globale, tale che diversi concerti sono andati sold out nel giro di pochissimi minuti e ciò ha comportato l'aggiunta di date supplementari in diverse città del mondo come Torino, Parigi, Amsterdam, Città del Messico, Hong Kong, Macao, Tokyo e New York. A proposito di quest'ultima città, la cantante vi ha sostenuto un'esibizione al prestigioso Madison Square Garden che è stata particolarmente elogiata dalla critica musicale globale, riscuotendo un grande impatto e spingendo i media a definirla come una delle esibizioni più spettacolari di tutta la sua carriera.[35] A fine tour, il magazine statunitense Billboard ha affermato che l'evento totalizzó una vendita complessiva di oltre un milione di biglietti e un incasso generale di $169.8 milioni di dollari, facendo di esso il terzo maggiore successo commerciale dell'anno.[36]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Rebel Heart ha debuttato in seconda posizione nella Billboard Hot 100 con 116.000 copie vendute e un totale di 121.000 unità. Si tratta di un pesante arretramento rispetto alle 359.000 copie di MDNA[37]. Nella seconda settimana è crollato dalla 2 alla 21[38]. In Italia il CD è diventato disco d'oro (25.000 copie) in appena una settimana ed ha raggiunto le 57.000 copie vendute.[39] A livello mondiale l'album ha debuttato con 315.000 copie[40], nella seconda settimana è sceso a quota 103.000[41]. L'album, ad oggi, ha venduto più di 1.000.000 copie.[42]

Classifica (2015) Posizione
massima
Australia[43] 1
Austria[44] 1
Belgio (Fiandre)[45] 1
Belgio (Vallonia)[46] 2
Brasile 4
Canada[47] 1
Corea del Sud[48] 1
Croazia[49] 1
Danimarca[50] 2
Finlandia[51] 2
Francia[52] 3
Germania[53] 1
Giappone[54] 1
Grecia[55] 3
Irlanda[56] 5
Italia[57] 1
Norvegia[58] 2
Nuova Zelanda[59] 7
Paesi Bassi[60] 1
Polonia[61] 5
Portogallo[62] 1
Russia[63] 2
Scozia[64] 3
Spagna[65] 1
Svezia[66] 10
Svizzera[67] 1
Regno Unito[68] 2
Repubblica Ceca[69] 1
Stati Uniti[70] 2
Ungheria[71] 1

Date di pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Paese Data Formato Edizione Etichetta Ref.
Australia 6 marzo 2015 CD Deluxe Universal [72]
Germania Standard, Media Markt standard, deluxe, Media Markt deluxe, super deluxe [73]
Francia 9 marzo 2015 Standard, deluxe, super deluxe, Fnac deluxe Polydor [74]
Nuova Zelanda Standard, deluxe, super deluxe Universal [75]
Svezia [76]
Regno Unito Polydor [77]
Canada 10 marzo 2015 Standard, deluxe Universal [78]
Stati Uniti Standard, deluxe, super deluxe Boy Toy, Live Nation, Interscope [79]
Mondo Download deluxe Standard, deluxe [80]
Giappone 11 marzo 2015 CD Deluxe Universal [81]
18 marzo 2015 Super deluxe [82]
Germania 27 marzo 2015 LP Deluxe [83]
Svezia [84]
Francia 30 marzo 2015 Polydor [85]
Regno Unito Standard [86]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Joe Levy, Album Review: Madonna's 'Rebel Heart' Blends Inventive Beats and Maximalist Pop, Billboard, 3 maggio 2015. URL consultato l'8 agosto 2017.
  2. ^ Pop Topoi, REBEL HEART MADONNA, Rockol, 5 marzo 2015. URL consultato l'8 maggio 2017.
  3. ^ Certified Awards
  4. ^ http://www.musicweek.com/businessanalysis/read/official-charts-analysis-muse-s-drones-hover-at-no-1-for-second-week/062117
  5. ^ IFPI Austria, Gold & Platin
  6. ^ ABPD, Rebel Heartcertificados
  7. ^ SNEP musique, Rebel Heart Or
  8. ^ Certificaciones – Madonna
  9. ^ ZPAV :: Bestsellery i wyróżnienia - Wyróżnienia - Złote płyty CD - Archiwum
  10. ^ Copia archiviata, su fimi.it. URL consultato il 19 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2015).
  11. ^ Marco Braggion, Madonna - Rebel Heart, recensione, sentireascoltare.com, 9 marzo 2015.
  12. ^ Distopic, MADONNA Rebel Heart, distopic.it, 11 marzo 2015.
  13. ^ Arrestato in Israele l’hacker che ha rubato le canzoni di Madonna, su lastampa.it.
  14. ^ Madonna Hits The Studio With Natalia Kills, Martin Kierszenbaum | Billboard
  15. ^ Madonna Announces Avicii Collaboration, Pair Hit The Studio Together | Billboard
  16. ^ Madonna, rubato il nuovo album. Lei si infuria: stupro artistico, è come il terrorismo
  17. ^ Madonna usa i "cuori ribelli" della storia per lanciare il suo nuovo album - Tgcom24
  18. ^ Charlie Hebdo, lacrime e abbracci tra Madonna e Luz: «Grazie per essere un difensore libertà»
  19. ^ Piper, Dean, "New Madonna tracks sound like a 'test of loyalty', in The Daily Telegraph.
  20. ^ Ganz, Caryn, "'Rebel Heart': Madonna Reveals the Story Behind Six Surprise Songs, in Rolling Stone..
  21. ^ Keith Caulfield, Madonna On New 'Rebellious and Romantic' Music, Demo Leaks, 'Possibly' Crashing the Grammys and the 'Crazy' Sony Hack, su billboard.com, 21 dicembre 2014. URL consultato il 22 dicembre 2014.
  22. ^ Video Rai.TV - Che tempo che fa 2014-2015 - Madonna - Che tempo che fa del 08/03/2015
  23. ^ http://video.huffingtonpost.it/culture/il-bacio-di-madonna-a-drake-ma-il-rapper-non-gradisce/3864/3855
  24. ^ Lewis Corner, Madonna's new album Rebel Heart: What do the critics say?, su Digital Spy, 9 marzo 2015. URL consultato il 9 marzo 2015.
  25. ^ Cinquemani, Sal (February 26, 2015). "Rebel Heart". Slant Magainze. Retrieved March 5, 2015.
  26. ^ Album Review: Madonna's 'Rebel Heart' Blends Inventive Beats and Maximalist Pop | Billboard
  27. ^ Ganz, Caryn (February 25, 2015). "Rebel Heart". Rolling Stone. Retrieved March 5, 2015.
  28. ^ Cox, Jamieson (March 10, 2015). "Review: Rebel Heart Is Madonna's Most Consistent Album in a Decade". Time. Retrieved March 10, 2015.
  29. ^ Anderson, Kyle; Markovitz, Adam (March 5, 2015). "Madonna's Rebel Heart: A Point/Counterpoint Review". Entertainment Weekly. Retrieved March 5, 2015.
  30. ^ Petridis, Alexis (March 5, 2015). "Madonna: Rebel Heart review – braggadocio v self-examination on an album of two halves". The Guardian. Retrieved March 6, 2015.
  31. ^ Levine, Nick (February 26, 2015). "Madonna - 'Rebel Heart'". Time Out. Retrieved March 6, 2015.
  32. ^ Haynes, Gavin (March 4, 2015). "Reviews – Madonna – 'Rebel Heart'". NME. Archived from the original on March 14, 2015.
  33. ^ Rebel Heart Tour, su madonna.com. URL consultato il 12 settembre 2015.
  34. ^ Madonna, via al Rebel Heart Tour sontuoso con sorprese, su rtl.it. URL consultato il 21 marzo 2016.
  35. ^ Il ʼRebel Heartʼ di Madonna manda in delirio New York, su tgcom24.mediaset.it. URL consultato il 13 aprile 2015.
  36. ^ Madonna Leads Hot Tours Roundup With Final Rebel Heart Shows, su billboard.com, 30 marzo 2016. URL consultato l'8 aprile 2016.
  37. ^ 'Empire' Soundtrack Debuts at No. 1 on Billboard 200 Chart, Madonna Arrives at No. 2, su billboard.com.
  38. ^ MADONNA’S “REBEL HEART” SALES CRASH IN WEEK TWO (UPDATED), su headlineplanet.com.
  39. ^ Rebel Heart fa il boom in Italia: è già disco d’oro! Ecco i dati di vendita e le previsioni, su rnbjunk.com.
  40. ^ ALBUMS week 13 / 2015 - March 28, su mediatraffic.de.
  41. ^ ALBUMS week 14 / 2015 - April 4, su mediatraffic.de.
  42. ^ (ES) Iciar Ochoa De Olano, La caída en barrena de Madonna, El Norte de Castilla, 30 marzo 2016. URL consultato il 4 aprile 2016.
  43. ^ ARIA Australian Top 50 Albums Archiviato il 2 aprile 2015 in Internet Archive.
  44. ^ http://austriancharts.at/showitem.asp?interpret=Madonna&titel=Rebel+Heart&cat=a
  45. ^ http://www.ultratop.be/nl/album/40605/Madonna-Rebel-Heart
  46. ^ http://www.ultratop.be/fr/album/40605/Madonna-Rebel-Heart
  47. ^ Madonna - Chart history | Billboard
  48. ^ http://gaonchart.co.kr/main/section/chart/album.gaon?nationGbn=E
  49. ^ http://www.hdu-toplista.com/index.php?what=arhiva&w=details&id=1467
  50. ^ http://www.danishcharts.com/showitem.asp?interpret=Madonna&titel=Rebel+Heart&cat=a
  51. ^ Madonna: Rebel Heart
  52. ^ Le Top de la semaine : Top Albums
  53. ^ Madonna, Rebel Heart
  54. ^ Copia archiviata, su oricon.co.jp. URL consultato il 7 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2015).
  55. ^ Official IFPI Charts - Top-75 Albums Sales Chart
  56. ^ Irish Music Charts Archive
  57. ^ "s":1} Fimi - Classifica settimanale WK 11, su fimi.it, 24 marzo 2015.
  58. ^ http://www.norwegiancharts.com/showitem.asp?interpret=Madonna&titel=Rebel+Heart&cat=a
  59. ^ Madonna: Rebel Heart
  60. ^ Madonna – Rebel Heart
  61. ^ Oficjalna lista sprzedaży :: OLIS - Official Retail Sales Chart
  62. ^ http://www.portuguesecharts.com/showitem.asp?interpret=Madonna&titel=Rebel+Heart&cat=a
  63. ^ Новый альбом Мадонны стартовал со второй строчки в чартах российского iTunes
  64. ^ Official Scottish Albums Chart Top 100
  65. ^ http://www.spanishcharts.com/showitem.asp?interpret=Madonna&titel=Rebel+Heart&cat=a
  66. ^ Madonna - Rebel Heart
  67. ^ Madonna – Rebel Heart
  68. ^ Madonna | Albums | Official Charts
  69. ^ Czech albums – Top 100
  70. ^ Madonna - Chart history | Billboard
  71. ^ (EN) Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 5 gennaio 2016.
  72. ^ Buy Rebel Heart (BONUS POSTCARDS) Madonna, Pop, CD, Sanity. URL consultato il 15 febbraio 2015.
  73. ^ CD release of Rebel Heart in Germany:
  74. ^ CD release of Rebel Heart in France:
  75. ^ CD release of Rebel Heart in New Zealand:
    • Rebel Heart Standard, WOW Stores. URL consultato il 15 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
    • Rebel Heart Deluxe, WOW Stores. URL consultato il 15 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
    • Rebel Heart Super Deluxe, WOW Stores. URL consultato il 15 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  76. ^ CD release of Rebel Heart in Sweden:
  77. ^ CD release of Rebel Heart in the United Kingdom:
  78. ^ CD release of Rebel Heart in Canada:
  79. ^ CD release of Rebel Heart in the United States:
  80. ^ Madonna Hits Number One On iTunes In Over 40 Countries, PR Newswire, 20 dicembre 2014. URL consultato il 25 dicembre 2014.
  81. ^ マドンナ : レベル・ハート - 音楽, Amazon.com. URL consultato il 15 febbraio 2015.
  82. ^ マドンナ : レベル・ハート(スーパー・デラックス) - 音楽, Amazon.com. URL consultato il 15 febbraio 2015.
  83. ^ Rebel Heart (Limited 2LP) [Vinyl LP]: Amazon.de: Musik, Amazon.com. URL consultato il 15 febbraio 2015.
  84. ^ Rebel Heart (2LP) – Vinyl LP — Madonna — Musik, Cdon.se, 22 gennaio 2015. URL consultato il 15 febbraio 2015.
  85. ^ Rebel Heart — Madonna, Amazon.com, 22 gennaio 2015. URL consultato il 15 febbraio 2015.
  86. ^ Rebel Heart [VINYL] by Madonna: Amazon.co.uk: Music, Amazon.com. URL consultato il 15 febbraio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb44291383t (data)