International Business Times

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
International Business Times
Logo
Abbreviazione IBT
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Lingua Inglese, Spagnolo, Tedesco, Italiano, Cinese, Giapponese, Coreano[senza fonte]
Periodicità quotidiano
Genere in rete
Formato 24/7
Fondazione Aprile 2006
Sede 7 Hanover Square, Fl 5
Manhattan, New York, USA
Editore IBT Media[1]
Direttore Peter S. Goodman
Redattore capo Etienne Uzac
Distribuzione
multimediale
Sito web it.ibtimes.com
Tablet PC si
Smartphone si
 

L'International Business Times è un quotidiano in rete con sede a New York[1] che veicola 10 edizioni nazionali in sette lingue[senza fonte]. Il giornale, a volte chiamato IBTimes o IBT, offre notizie, opinioni e commenti editoriali sulle imprese e relative alle storie imprenditoriali.[2] È classificato da Alexa come il quarto sito più visitato tra i quotidiani economici.[3]

IBTimes è stato lanciato nel 2006 da Etienne Uzac e Johnathan Davis ed è di proprietà di IBT Media.[1] Ha sede in un ex ufficio di Newsweek nel distretto finanziario di New York.[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La versione italiana ha chiuso il 30 giugno 2017 [5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) About us, su International Business Times, IBT Media. URL consultato il 6 agosto 2013.
  2. ^ (EN) Talking Business News, TalkingBizNews.com. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  3. ^ (EN) Alexa - Top Sites by Category: Business/News, Alexa.com. URL consultato il 10 ottobre 2011.
  4. ^ (EN) Braving bad juju International Business Times moves into Newsweek's old newsroom, su The New York Observer. URL consultato il 9 ottobre 2011.
  5. ^ [1]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]