Wiley-Blackwell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Wiley-Blackwell
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Fondazione1922 a Hoboken (New Jersey)
Sede principaleHoboken (New Jersey)
GruppoJohn Wiley & Sons
SettoreEditoria
Prodottilibri, riviste accademiche
Sito webwww.wiley.com/wiley-blackwell

Wiley-Blackwell è una casa editrice statunitense controllata dalla John Wiley & Sons, che si occupa di monografie e riviste tecniche, mediche, scientifiche e accademiche, trattando principalmente di biologia, medicina, scienze fisiche, tecnologia, scienze sociali e scienze umane.[1]

La casa editrice venne fondata nel 2007, in seguito all'acquisto della Blackwell Publishing, che si occupava di attività scientifiche, tecniche e mediche, da parte della John Wiley & Sons.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Blackwell Publishing nacque nel 2001 dalla fusione di due case editrici academiche di Oxford, le quali avevano mosso i primi passi agli inizi del Novecento all'interno delle librerie della famiglia Balckwell: la Blackwell Science, fondata nel 1939 col nome di Blackwell Scientific Publishing, e la Blackwell Publishers, fondata nel 1922 col nome di Basil Blackwell & Mott e poi ribattezzata Blackwell Publishers nel 1926. La fusione diede vita ad uno dei più importanti riferimenti editoriali per le pubblicazioni delle società di apprendimento.[3] Nel 2004, il gruppo Balckwell acquisì il marchio BMJ Books dalla BMJ Publishing Group, la casa editrice del British Medical Journal.[4] Al 2006, il suo catalogo editoriale includeva 805 riviste e 650 opere di consultazione, relative ad un'ampia varietà di materie accademiche, mediche e professionali; oltre due terzi delle riviste erano pubblicate per conto di un'organizzazione senza scopo di lucro.[2]

Il 17 novembre 2006, la John Wiley & Sons annunciò di aver finalizzato un accordo di acquisizione della Blackwell Publishing, che fu completata nel febbraio 2007 ad un prezzo di acquisto di 572 milioni di sterline, creando così la Wiley-Blackwell, che integrò l'autonoma attività editoriale del settore scientifico della Blackwell Publishing all'interno della casa-madre.

Pubblicazioni (lista parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wiley-Blackwell, Inc.: Private Company Information - Businessweek, su investing.businessweek.com. URL consultato il 4 settembre 2021.
  2. ^ a b (EN) Rebecca Lenzini, Wiley to Acquire Blackwell Publishing, su newsbreaks.infotoday.com, 27 novembre 2006. URL consultato il 4 settembre 2021.
  3. ^ (EN) Richard Poynder, Change Is Very Exciting, su Information Today, 1º settembre 2003. URL consultato il 4 settembre 2021.
  4. ^ Owen Dyer, BMJ Publishing Group sells its books department, in British Medical Journal, vol. 328, n. 7444, 2004, p. 854, DOI:10.1136/bmj.328.7444.854-d, PMC 387509.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9163147270532735700008 · ISNI (EN0000 0004 0639 6288 · LCCN (ENn2008042594 · NLA (EN51934415