Jangle pop

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jangle pop
Origini stilistiche Post-punk
Power pop
Pop rock
Folk rock
Origini culturali metà anni ottanta, USA
Strumenti tipici voce, chitarra, basso, batteria
Popolarità ridotta
Generi correlati
Paisley Underground
Categorie correlate

Gruppi musicali jangle pop · Musicisti jangle pop · Album jangle pop · EP jangle pop · Singoli jangle pop · Album video jangle pop

Jangle pop è un genere musicale dell'alternative rock sviluppatosi, negli Stati Uniti, verso la metà degli anni ottanta e che segnò il ritorno del guitar pop melodico degli anni sessanta.[1]

Ispirati dalle sonorità jingle-jangle e con alcune divagazioni in territori folk-rock, la nuova ondata jangle pop declinava la grande capacità melodica della forma canzone pop degli anni sessanta, filtrata attraverso le nuove esperienze post punk e new wave dei primi anni ottanta.[1][2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nei pieni anni sessanta, grazie a band come Byrds, Beatles, Hollies e Paul Revere & The Raiders, il termine jangle pop deriva onomatopeicamente proprio dal tipico suono tintinnante (jingle-jangle) delle chitarre Rickenbacker a dodici corde, utilizzate da quegli stessi gruppi in sala di registrazione. Secondo altri, invece, etimologicamente sembrerebbe derivare da una lirica (In the jingle jangle morning, I'll come following you) del brano Mr. Tambourine Man, scritto da Bob Dylan e reinterpretato proprio dai Byrds.

Negli Stati Uniti d'America il genere venne utilizzato per descrivere gruppi college rock come R.E.M. (e di tutta la scena di Athens, Georgia), The Smithereens, Let's Active, 10,000 Maniacs, The dB's, The Feelies, Guadalcanal Diary, Game Theory, The Connells, oltre che tutte quelle band della scena Paisley Underground californiana votati alla riscoperta della psichedelia e con un debito particolare verso le melodie e le chitarre jingle jangle dei Byrds.

Nel Regno Unito tra i progenitori del genere si possono annoverare gruppi come The Soft Boys[3]. Il termine venne poi attribuito anche alla nuova ondata di guitar band della cosiddetta scena C86.

Verso la fine degli anni ottanta, il genere cominciò un lento declino dovuto principalmente al mancato rinnovamento delle stesse sonorità che portò ad una situazione paradossale con tutta una serie di band quasi indistinguibili l'una dall'altra[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c allmusic.com - Jangle pop
  2. ^ (EN) Denise Sullivan, Jangle-Pop, Allmusic.com. URL consultato l'11-9-2011.
  3. ^ The Soft Boys | AllMusic
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock