Moghul

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Gran Mogol" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Gran Mogol (disambigua).
Impero Moghul
Impero Moghul – BandieraImpero Moghul - Stemma
(dettagli)(dettagli)
Mughal Empire (orthographic projection).svg
Dati amministrativi
Nome completoDinastia Mughal
Nome ufficialeدولتِ مغل
Lingue ufficialipersiano, urdu
Lingue parlatepersiano, urdu, hindi
CapitaleDelhi
Altre capitaliAgra, Fatehpur Sikri
Dipendente daFlag of the Maratha Empire.svgImpero Maratha (1760 - 1803)
Flag of the British East India Company (1801).svg Company Raj (1803 - 1858)
Politica
Forma di StatoImpero di carattere islamico
Forma di governoMonarchia assoluta
Gran Mogol (1526 - 1857)
Imperatore di tutta l'India (1857)
elenco
Nascita21 aprile 1526 con Babur il Conquistatore
CausaPrima battaglia di Panipat
Fine20 giugno 1858 (de jure) 21/22 Settembre 1857 (de facto) con Bahadur Shah II
CausaMoti indiani del 1857
Territorio e popolazione
Bacino geograficoSubcontinente indiano
Territorio originalePakistan
Massima estensionePakistan, India, Bangladesh, Afghanistan, Birmania, Bhutan, Nepal nel 1700
Economia
Valutarupia
EsportazioniTessile
Religione e società
Religioni preminentiIslam sunnita, Induismo
Religione di StatoIslam sunnita (1526–1857)
Religioni minoritarieBuddhismo, Sikhismo, Jainismo
Mughal1700.png
Evoluzione storica
Preceduto daDelhi flag.png Sultanato di Delhi
Timurid.svgImpero Timuride
Sultanati del Deccan
Succeduto daFlag of the British East India Company (1801).svg Company Raj
Flag of the Maratha Empire.svgImpero Maratha
Flag of Herat until 1842.svg Impero Durrani
Impero Sikh
Drapeau du régiment de la Compagnie des Indes en 1756.pngCompagnia francese delle Indie Orientali
Paesi BassiIndia olandese
Danimarca India danese
Flag of Portuguese India (proposal).svgIndia portoghese
Ora parte diIndia India
Pakistan Pakistan
Bangladesh Bangladesh
Afghanistan Afghanistan
Tagikistan Tagikistan

La Dinastia Moghul, anche conosciuta come Mughal (persiano: دولتِ مغل‎, Doulat Mughal, "dinastia Mughal", in urdu: مغلیہ سلطنت‎, Moghlī Salṭanat) è stata la più importante dinastia imperiale indiana di religione musulmana, che regnò su quasi tutto il territorio dell'Asia meridionale durante la dominazione islamica in India. Il termine "Mughal" (o "Moghul") deriva dall'arabo e dal persiano, come alterazione del vocabolo "Mongolo", per enfatizzare l'origine mongola della dinastia timuride.

Fu l'economia più forte del mondo, e globalmente, ebbe le più alte uscite industriali nel XVII secolo, valendo quasi un quarto del PIL mondiale.[1][2] Inoltre, l'Impero rappresentò il culmine dell'architettura indiana, con monumenti famosi come il Taj Mahal, una delle nuove sette meraviglie del mondo. Gli imperatori principali della dinastia, discendenti diretti di Tamerlano e Gengis Khan, furono Bābur, Humāyūn, Akbar, Jahāngīr, Shāh Jahān, Aurangzeb, e Bahādur Shāh I.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'impero Moghul fiorì dal 1526 al 1707, il suo fondatore fu Bābur detto il Conquistatore. Egli era un discendente del grande conquistatore turco-mongolo Tamerlano, e governava una delle tante città della Transoxiana, in buona parte l'odierno Uzbekistan.

Bābur il Conquistatore

Scacciato dalle sue terre in seguito all'invasione dei nomadi Uzbeki, Bābur, desideroso di conquistare un altro regno, decise di conquistare l'India. Con un piccolo ma ben armato esercito invase l'India, allora sotto il dominio del Sultanato di Delhi, e si scontrò con l'esercito del sultano Ibrāhīm Lōdī nella battaglia di Panipat, uscendone vincitore.

Babur regnò per altri quattro anni, estendendo il suo nuovo impero dall'Afghanistan al Bengala, e incrementando le migrazioni turche in India dall'Asia centrale, accrescendo così il peso della religione islamica in questo paese. L'impero raggiunse l'apogeo con il terzo imperatore Akbar ("il [più] Grande"), che completò la conquista del Bengala e sottomise il Gujarat e i principati indù Rajput, che furono ammessi nell'apparato amministrativo Moghul come esattori delle tasse. Akbar fondò la nuova capitale di Fatehpur Sikri e cercò di creare una nuova religione sincretistica, accostando l'Induismo all'Islam.

L'India divenne parte del cosiddetto Rinascimento timuride tramite i Moghul.[3][4][5]

Gli ultimi grandi imperatori Moghul furono Shāh Jahān ("Imperatore del mondo"), che regnò dal 1628 al 1658, e suo figlio Aurangzeb (1658 - 1707). Artefice di una politica espansionista, quest'ultimo dedicò gli ultimi anni del suo regno a una lotta incessante contro i principi indù Maratha (abitanti nell'attuale Maharashtra), che avevano creato la Confederazione Maratha nell'India meridionale.

Aurangzeb impose in tutta l'India la religione islamica, provocando rivolte e guerre. Alla sua morte, avvenuta nel 1707, l'impero si disgregò, e ciò che ne rimaneva fu definitivamente conquistato dai Britannici dopo la I guerra d'indipendenza indiana - meglio nota in Occidente come l'Ammutinamento dei Sepoy o i Moti Indiani - nel 1859.

I Moghul sono rimasti famosi per lo sfarzo della loro corte imperiale, e per lo splendore delle loro capitali, Delhi e Agra, che esistono ancora oggi, nonché per i loro stupendi monumenti, basti ricordare ad Agra il Taj Mahal, costruito dall'imperatore Shāh Jahān come tomba per la propria amata sposa, l'imperatrice Mumtaz Mahal, morta giovane nel 1631. Inoltre sono rinomati per la scuola artistica Moghul, che l'imperatore Humāyūn arricchì invitando un buon numero di artisti persiani presso la sua corte, con il ruolo di maestri. Tra i pittori più importanti della scuola si annovera Basawan.

La dinastia Moghul fu l'ultima forza unificatrice dell'India prima della conquista europea. La sua fine aprì indirettamente le porte dell'India alla penetrazione e alla dominazione britannica.

Cronotassi della fine dell'impero[modifica | modifica wikitesto]

  • 1759: ʿĀlamgīr II è assassinato da Fīrūz Jang e il nuovo imperatore, Shāh ʿĀlam II è in esilio in cerca di alleati e li trova nei Britannici di Robert Clive; di fatto cessa politicamente l'Impero moghul.
  • 1760: i Maharatti occupano Delhi.
  • 1761 i Maratha del Peshwa sono sconfitti a Pānīpat dagli Afghani di Aḥmad Khān Abdālī e dai loro alleati indiani, che rioccupano Delhi e vi istituiscono un proprio governatore in nome dell'imperatore esule.
  • 1763: l'imperatore Shāh ʿĀlam II si stabilisce ad Allāhābād sotto la protezione britannica e cede alla Compagnia britannica delle Indie Orientali l'amministrazione del Bengala, Orissa e Bihar, dipendenti dal subadar di Murshidabad; inizia la dominazione britannica in India.
  • 1765: i Maharatti e i Jath assediano Delhi; l'imperatore diviene pensionato britannico per la cifra 26 lack (2 600 000) di rupie all'anno (12 agosto 1765); i Britannici annettono il Bihar.
  • 1766: i Jath sono sconfitti dai Rajput presso Jaipur; i Britannici annettono il Circars.
  • 1771: i Britannici annettono Kara, Allāhābād e Benares.
  • 1772: Shāh ʿĀlam II rientra a Delhi con l'aiuto dei Maharatti; l'impero maratha diventa una Confederazione di vari clan dinastici (Bhonsla, Peshwa, Gaekwar, Sindhia, Holkar).
  • 1773: i Moghul occupano Bharatpur, Alwar e Agra; i Sikh marciano su Delhi; la Compagnia delle Indie si dichiara sovrana e indipendente dai Moghul e non versa più i tributi all'Imperatore.
  • 1774: i Moghul ripristinano la legge sui feudi (Jagir).
  • 1782: la corte moghul è dominata dal nuovo visir Afrasyab Khān.
  • 1783: i Moghul chiedono aiuti al maharatto Sindhia contro la tirannia di Afrasyab che viene assassinato; il Peshwa maharatto è nominato viceré dei Moghul e Sindhia diviene suo rappresentante alla corte di Delhi e Agra.
  • 1785: Sindhia è il sovrano effettivo dei territori moghul.
  • 1787: Ghulām Qadīr, emiro dei Rohilla, occupa Delhi e domina la corte.
  • 1788: Shāh ʿĀlam II è accecato da Ghulām Qadīr; Sindhia marcia su Agra, ma è sconfitto dall'esercito moghul di Ghulām Qadīr, tuttavia in seguito occupa Delhi e ricolloca Shāh ʿĀlam II sul trono.
  • 1790: il generale francese de Boigne organizza l'esercito maharatto di Sindhia secondo i canoni europei e sconfigge i maharatti ribelli e i Rajpur di Jaipur.
  • 1791: Sindhia domina anche la corte maharatta di Pune, nominando il nuovo Peshwa.
  • 1792: Calcutta diviene il centro amministrativo (Presidency) della Compagnia inglese delle Indie.
  • 1794: Sindhia muore a Pune a seguito di un agguato.
  • 1795: l'erede di Sindhia, Dawlat Rao, si trasferisce a Delhi; Zaman Shah, nuovo emiro afgano, invade il Punjab, ma è sconfitto dai Sikh; Bajirao II è il nuovo Peshwa.
  • 1803: dopo aver sconfitto i Maharatti, il generale britannico Lake entra trionfante a Delhi, ponendo il vecchio e cieco imperatore Shāh ʿĀlam sotto protezione britannica, chiamandolo "re di Delhi".
  • 1806: Akbar II è il nuovo Imperatore moghul, di fatto posto sotto la pesante tutela britannica; egli governa solo all'interno del suo palazzo (il Forte Rosso - Lal Qila) di Delhi.

Lista degli Imperatori Moghul[modifica | modifica wikitesto]

Nome imperatore Nascita Periodo di regno Morte
Bābur 14 febbraio 1483 1526-1530 26 dicembre 1530
Humāyūn 6 marzo 1508 1530-1540 gennaio 1556
Shēr Shāh Sūrī 1472 1540-1545 maggio 1545
Humāyūn 6 marzo 1508 1555-1556 gennaio 1556
Akbar 15 ottobre 1542 1556-1605 27 ottobre 1605
Jahāngīr 31 agosto 1569 1605-1627 28 ottobre 1627
Shāh Jahān 5 gennaio 1592 1628-1658 22 gennaio 1666
Aurangzeb ʿĀlamgīr I 21 ottobre 1618 1658-1707 3 marzo 1707
ʿAzīm Shāh sconosciuta 1707 1707
Bahādur Shāh I ʿĀlam I 14 ottobre 1643 1707-1712 27 febbraio 1712
Jahāndār Shāh Muʿizz al-Dīn 9 maggio 1661 1712-1713 1713
Farrūkh Siyar 11 settembre 1683 1713-1719 28 aprile 1719
Rafīʿ al-Dawla Jath sconosciuta 1719 1719
Shāh Jahān II sconosciuta 1716-1717 1719
Nikusiyar sconosciuta 1719 1743
Muḥammad Shāh 1702 1719-1748 1748
Aḥmad Shāh Bahādur 1725 1748-1754 1754
ʿĀlamgīr II ʿAzīz al-Dīn 1699 1754-1759 1759
Shāh Jahān III sconosciuta 1759 sconosciuta
Shāh ʿĀlam II 1728 1759-1806 1806
Akbar Shāh II 1760 1806-1837 28 settembre 1838
Bahādur Shāh II 24 ottobre 1775 1837-1857 7 novembre 1862

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Architettura moghul.

Ripartizione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

L'impero era organizzato amministrativamente in varie Province (Suwab); dodici di queste erano viceregni:

Tra le altre province:

  • Chamba, perduta nel 1752
  • Malwa (Ratipur) perduta nel 1752
  • Patna, perduta nel 1764
  • Kandeish e Burhampur
  • Balagat e Aurangabad
  • Buckor perduta nel 1752
  • Nagracut e Jullundur
  • Nawar e Gwalior, perduta nel 1761
  • Pitan e Pilibhit, perduta nel 1754 (Rohilkhand)
  • Sindh e Tatta, perduta nel 175
  • Multan, perduta nel 1752
  • Gherwal e Rampur

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maddison, Angus (2003): Development Centre Studies The World Economy Historical Statistics: Historical Statistics, OECD Publishing, ISBN 9264104143, pages 259–261
  2. ^ Lawrence E. Harrison, Peter L. Berger, Developing cultures: case studies, Routledge, 2006, p. 158, ISBN 9780415952798.
  3. ^ Strange Parallels: Volume 2, Mainland Mirrors: Europe, Japan, China, South Asia, and the Islands: Southeast Asia in Global Context, C.800-1830 di Victor Lieberman, p. 712
  4. ^ Imperial Identity in the Mughal Empire di Lisa, p. 4
  5. ^ Sufism and Society: Arrangements of the Mystical in the Muslim World, 1200–1800, edito da John Curry, Erik Ohlander,p. 141

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) John F. Richards, The Mughal Empire, Cambridge, Cambridge University Press, 1965.
  • (EN) Burton Stein, A History of India, John Wiley & Sons, 2010. ISBN 978-1-4443-2351-1
  • (EN) Peter Robb, A History of India, Macmillan, 2011. ISBN 978-0-230-34549-2
  • (EN) Irfan Habib, Economic History of Medieval India, 1200–1500, Pearson Education, 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN136262178 · LCCN (ENn2007024725 · GND (DE4074930-7 · NDL (ENJA00564084 · WorldCat Identities (ENlccn-n2007024725