Conflitto del Kashmir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Conflitto del Kashmir
parte Guerre Indo-Pakistane
Data 1947 - in corso
Luogo Regione himalayana del Kashmir
Modifiche territoriali Divisione del Kashmir in due distinte zone di influenza
Schieramenti
Voci di guerre presenti su Wikipedia

Il Conflitto del Kashmir si riferisce in generale alla disputa tra India, Pakistan e Cina per la regione del Kashmir. Questa disputa è sfociata più volte in confronti armati fra i tre stati.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Quasi immediatamente dopo l'Indipendenza, le tensioni fra l'India e il Pakistan cominciarono a degenerare. In base agli accordi stipulati, il sub-continente sotto dominio britannico avrebbe visto il sorgere di due distinti Stati: uno, l'India, a prevalenza induista, col corredo delle regioni che a tale cultura religiosa si richiamavano, e l'altro, il Pakistan, a maggioranza marcatamente islamica, con le regioni i cui abitanti abbracciavano tale credo.

Fu così che la prima di tre guerre totali fra le due nazioni scoppiò in relazione al Principato del Kashmir. Quest'ultimo era governato dal Maharaja induista mentre la popolazione era a maggioranza musulmana. Pertanto, a seguito della riluttanza del Maharaja induista del Kashmir di entrare a far parte del Pakistan, esso organizzò un'invasione tribale di parti del Kashmir e, in un secondo momento l'invio di proprie truppe per annettere lo Stato.

Il Maharaja, Hari Singh, si appellò all'India e a Lord Mountbatten, il Governatore Generale, chiedendo aiuto, ma gli fu risposto che l'India non vedeva alcuna ragione per intervenire. Fu così che il Maharaja firmò l'Atto di Accessione e il Kashmir, unilateralmente, entrò a far parte dell'Unione Indiana e ne divenne il 25º Stato, detto "Jammy-Kashmir". Mentre l'annessione del Kashmir all'India fu ratificata dalla Gran Bretagna, il Pakistan al contrario rifiutò di riconoscere tale atto unilaterale e continuò a rivendicare l'annessione integrale del Kashmir di cui occupava già un terzo del territorio (circa 72 000 km²). Immediatamente dopo, le truppe indiane furono aviotrasportate a Srinagar e, in una famosa operazione, respinsero i nemici.

Nel 1962, la regione de l'Aksai Chin (Ladakh) appartenente originariamente al Kashmir fu annessa alla Cina.

Una guerra intensa fu combattuta da un capo all'altro del Paese e quelli che erano stati colleghi si ritrovarono a combattere su due fronti opposti. Entrambi gli Stati riuscirono ad assicurarsi alcuni territori, ma subirono perdite significative.

Una non facile pace, sponsorizzata dalle Nazioni Unite si raggiunse tra i due contendenti alla fine del 1948, con i soldati indiani e pakistani che restarono a fronteggiarsi sulla Linea di controllo che, da allora, divide il Kashmir in due zone.

Le tensioni fra l'India e il Pakistan, soprattutto con riguardo al Kashmir, hanno ripreso forza dopo il 1989 e non sono mai state totalmente eliminate da allora.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]