Azad Kashmir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Azad Kashmir
territorio autonomo
آزاد کشمیر
Azad Kashmir – Stemma Azad Kashmir – Bandiera
Localizzazione
StatoPakistan Pakistan
Amministrazione
CapoluogoMuzaffarabad
Data di istituzione24 ottobre 1947
Territorio
Coordinate
del capoluogo
34°21′N 73°28′E / 34.35°N 73.466667°E34.35; 73.466667 (Azad Kashmir)Coordinate: 34°21′N 73°28′E / 34.35°N 73.466667°E34.35; 73.466667 (Azad Kashmir)
Superficie13 297[1] km²
Abitanti3 965 999[2] (stima 2006)
Densità298,26 ab./km²
Distretti10
Altre informazioni
LingueKashmiri, Urdu, Hindko, Mirpuri, Pahari, Gojri
Fuso orarioUTC+5
ISO 3166-2PK-JK
Cartografia
Azad Kashmir – Localizzazione
Sito istituzionale

Lo stato di Azad Kashmir (آزاد کشمیر, traducibile in Libero Kashmir) è un'entità autonoma che rientra nella porzione della regione del Kashmir amministrata dal Pakistan. Il suo nome ufficiale è Azad Jammu e Kashmir.

Copre un'area di 13.297 km² e conta una popolazione di quasi 4 milioni di individui, amministrati in 8 distretti. La capitale è Muzaffarabad (730.000 abitanti).

Ordinamento dello Stato[modifica | modifica wikitesto]

L'Azad Kashmir è considerato politicamente, costituzionalmente e geograficamente come parte di uno stato separato, Jammu e Kashmir. Questo Stato è un territorio conteso che è stato parzialmente controllato sia dal Pakistan sia dall'India fin dalla loro indipendenza, rispettivamente il 14 e 15 agosto 1947.

L'autonomia[modifica | modifica wikitesto]

L'Azad Kashmir è sottoposto al controllo indiretto del Pakistan, che amministra direttamente solamente i settori della difesa e della politica estera, si riserva la prerogativa di battere moneta. In materia di finanze pubbliche e bilancio, tassazione e economica, l'amministrazione compete al Consiglio dell'Azad Jammu e Kashmir, invece che al Governo Centrale. Il predetto Consiglio è un organo supremo formato da 11 membri, 6 in rappresentanza del Governo dell'Azad Jummu & Kashmir, e 5 del Governo pakistano.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica wikitesto]

L'Azad Kashmir esprime un proprio Presidente, Primo Ministro, alcuni ministri e un'Assemblea legislativa, oltre che una corte suprema.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

L'Azad Kashmir ha due principali divisioni: l'area di Jammu a sud e l'area del Kashmir a nord. A un livello inferiore si divide ulteriormente in 8 distretti, composti a loro volta da 19 unità amministrative minori definite tehsil.

Dispute internazionali[modifica | modifica wikitesto]

L'area orientale di Jammu e quella meridionale del Kashmir (l'intera Valle del Kashmir) sono controllate dall'India. L'area è contesa tra India e Pakistan (la Cina ha occupato le due zone settentrionali). Gli abitanti hanno manifestato contro l'India per essere stati assegnati al Pakistan, la polizia indiana ha agito con la forza. Tutto ciò ha causato una guerra civile con conseguenti violazioni dei diritti umani. Il Pakistan ha segnalato il conflitto all'ONU.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Government of Azad Kashmir Official website, "Introduction:", su ajk.gov.pk. URL consultato il 19 aprile 2006.
  2. ^ (EN) World Gazetteer Stefan Helders, "Pakistan: Administrative Divisions (population and area)", su world-gazetteer.com. URL consultato il 19 aprile 2006 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2007).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Immagini dell'Azad Kashmir, su worldisround.com. URL consultato l'11 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2009).
  • (EN) Immagini di Muzaffarabad, su worldisround.com. URL consultato il 7 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2010).
Controllo di autoritàVIAF (EN147412548 · LCCN (ENn84172443 · GND (DE7717671-6 · WorldCat Identities (ENlccn-n84172443
Pakistan Portale Pakistan: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Pakistan