Impero Durrani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Impero Durrani
Impero Durrani – Bandiera
(dettagli)
Durrani Empire 1747 1862 AD.png
L'Impero Durrani alla sua massima estensione
Dati amministrativi
Nome ufficialeد درانیانو واکمني
Lingue ufficialipersiano (lingua ufficiale e di corte)
Lingue parlatepersiano e pashtun
CapitaleKandahar (1747-1776)
Kabul (1776-1823, 1839-1842)
Peshawar (1776-1818, capitale invernale)
Herat (1818-1826)
Politica
Forma di StatoMonarchia
Nascita1747 con Ahmad Shah Durrani
Fine1826 con Ayyub Shah Durrani
Territorio e popolazione
Religione e società
Religioni preminentiIslam
Evoluzione storica
Preceduto daAfsharid Imperial Standard (3 Stripes).svg Afsharidi
Alam of the Mughal Empire.svgImpero mughal
Flag of the Maratha Empire.svg Impero Maratha
War flag of Khanate of Bukhara.svg Khanato di Bukhara
Succeduto daFlag of Afghanistan (1880–1901).svg Emirato dell'Afghanistan
Nishan Sahib.svg Impero Sikh

L'Impero Durrānī (in pashtu د درانیانو واکمني) è stato una monarchia localizzata nell'odierno Afghanistan, il cui territorio si estendeva nell'attuale Iran nord-orientale, nel Pakistan e nello Stato indiano del Punjab. Esso venne fondato nel 1747, con capitale Kandahar, da un capo militare afghano dall'etnia afghana pashtun, di nome Aḥmad Shāh Abdālī (poi noto come Durrānī), che era stato il comandante della cavalleria dello Shāh di Persia Nādir Shāh Afshār.

Dopo l'Impero ottomano, quello Durrānī fu l'entità statuale islamica più estesa della seconda metà del XVIII secolo ed è spesso considerato come la realtà fondatrice dell'attuale Afghanistan.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il fondatore del regno, il comandante di cavalleria Ahmad Shah Durrani, aveva servito Nadir Shah durante la sua campagna contro i Curdi di Bojnurd, comandando un contingente di circa ottocento guerrieri d'élite della sua stessa etnia.
Alla morte di Nādir Shāh Afshār nel 1747, i guerrieri Durrānī approfittarono del vuoto di potere venutosi a creare nell'impero e fecero ritorno a Kandahar, fuggendo con il tesoro reale del sovrano morto assassinato di cui erano stati la scorta.

Il contingente afghano decise di proclamare come nuovo sovrano il suo comandante, con il titolo di Durr-i Durran (Perla delle Perle), e il primo atto da regnante di questi fu di marciare con i suoi uomini alla conquista di Kabul, tolta al governatore Nāṣir Khān, fedele al sovrano deceduto, volgendosi poi verso oriente alla conquista di Peshawar e Lahore che vennero conquistate solo nel 1752.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]