Diaspora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Diaspora (disambigua).

Diaspora è un termine di origine greca (deriva dal verbo greco διασπείρω, letteralmente disseminare). Il significato originario è quello della "dispersione di un popolo nel mondo dopo l’abbandono delle sedi di origine" (Garzanti)[1] o della "dispersione in varie parti del mondo di un popolo costretto ad abbandonare la sua sede di origine" (Treccani),[2] e per via estensiva "Dispersione di individui in precedenza riuniti in un gruppo".[3]

La diaspora per antonomasia è quella degli ebrei nel mondo antico (diaspora ebraica), dopo le successive deportazioni in Assiria (721 a.C.) e a Babilonia (586 a.C., esilio babilonese) e soprattutto a seguito della fine di un'entità politica ebraica in Palestina dopo le persecuzioni subite dai romani e la duplice distruzione del Tempio di Gerusalemme nel 70 e nel 135 d.C.. Il tema del ritorno in Palestina degli ebrei dispersi divenne uno dei più comuni della letteratura apocalittica e del messianismo giudaico. [2]

Altre diaspore storiche includono:

Diaspora e migrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il termine diaspora è stato ripreso in epoca recente per indicare "la dispersione di membri di una comunità in paesi dove la maggioranza degli abitanti segue una fede diversa".[2] Nella sociologia delle migrazioni, esso è usato per indicare le relazioni (più o meno istituzionalizzate) tra membri di una comunità migrante in un paese terzo, volte al mutuo supporto e allo sviluppo del paese d'origine tramite l'invio di rimesse.[4]. Altri studiosi contestano tuttavia l'uso del termine.[5]

Diaspora in linguistica[modifica | modifica wikitesto]

In linguistica, si usa il termine diaspora per indicare la frantumazione della originaria unità linguistica indoeuropea, ossia "la ramificazione e successiva differenziazione del nucleo di dialetti da cui si svilupparono le varie lingue storiche oggi assegnate alla famiglia indoeuropea, in conseguenza degli spostamenti dei popoli che, dall’area molto più ristretta dove in origine tali dialetti erano parlati, si diffusero (a partire dalla fine del 3° millennio a.C.) nell’Europa centrale e poi occidentale, in Asia Minore e in India".[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND: (DE4012089-2