Buddhismo greco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statua raffigurante Gautama Buddha in stile greco-buddhista. I-II secolo d.C., Arte del Gandhāra (moderno Afghanistan orientale).

Il termine Buddhismo greco si riferisce al sincretismo culturale esistente tra l'ellenismo e il buddhismo, il quale si sviluppò attraverso un periodo di circa ottocento anni tra il IV secolo a.C. e il V secolo in Battriana e nel subcontinente indiano, corrispondente ai territori dei moderni Afghanistan, India e Pakistan.

È stata la conseguenza culturale di una lunga catena di interazioni iniziata con l'arrivo dei greci in Asia centrale a partire dal momento in cui Alessandro Magno istituì il regno indo-greco ed ampliatosi durante la fioritura dell'impero Kusana.

Il buddhismo greco condizionò l'arte e forse influenzò lo sviluppo spirituale e filosofico del buddhismo, in particolare quello della scuola del buddhismo Mahayana[1], prima che fosse adottato dall'Asia Centrale e Nord-Est a partire dal I secolo ed approdando successivamente in Cina, Corea e Giappone, fino alla Siberia e al Vietnam.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

"Moneta della vittoria" coniata a Babilonia nel 322 a.C. che mostra la campagna di Alessandro Magno in territorio indiano. Il dritto mostra Alessandro incoronato da Nike, mentre il rovescio Alessandro che attacca Poro in groppa al suo elefante. British Museum.
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del buddhismo.

L'interazione tra Grecia ellenistica e buddhismo risale al periodo in cui Alessandro Magno conquistò l'impero achemenide ed altre regioni dell'Asia centrale nel 334 a.C., attraversando poi l'Indo e il fiume Jhelum a seguito della battaglia dell'Idaspe, per arrivare fino alle rive del Beas e quindi giungere a stabilire un contatto diretto con l'India.

Alessandro fece fondare diverse città nei suoi nuovi territori, tra le aree dell'Amu Darya e della Battriana, con insediamenti greci che si estesero in seguito ulteriormente fino al passo Khyber, a porzioni del regno di Gandhāra (vedi a tal proposito Taxila) e alla regione del Punjab. Tutte queste regioni corrispondono ad un passaggio geografico unico esistente tra la catena montuosa dell'Himalaya e dell'Hindu Kush, attraverso il quale la maggior parte delle interazioni tra subcontinente indiano ed Asia centrale ha avuto luogo, generando un intenso scambio culturale e commerciale.

Dopo la morte di Alessandro avvenuta il 10 giugno 323 a.C., i diadochi o "successori" fondarono ognuno il proprio regno, dai territori dell'Anatolia e dell'Egitto al centro dell'Asia: il generale Seleuco istituì l'impero seleucide, che si estendeva fino ai confini indiani. Più tardi la parte orientale del regno si staccò per venir a formare il regno greco-battriano (250-125 a.C.), seguito dal regno indo-greco (180 a.C.-10 d.C) ed infine dall'impero Kusana (I-III secolo).

L'interazione della cultura greca con quella buddhista durò nel tempo e proseguì florida per diversi secoli, fino a quando non si concluse bruscamente nel V secolo per colpa delle invasioni espansionistiche degli Unni bianchi.

Interazioni religiose[modifica | modifica wikitesto]

La lunghezza della presenza greca nell'Asia centrale e in India settentrionale ha fornito molte opportunità d'interazione, non solo sul piano artistico ma anche su quello religioso.

Alessandro in Battria e in India (331-325)[modifica | modifica wikitesto]

Quando Alessandro invase la Battriana e penetrò nel regno di Gandhāra queste aree risultavano essere già sotto l'influenza degli asceti itineranti detti Śramaṇa, probabilmente nello specifico buddhista e giainista. Secondo una leggenda conservata nel Canone Pali due fratelli mercanti di Kamsabhoga in Battria, Tapassu e Bhallika, porsero i dovuti omaggi compiendo una visita a Gautama Buddha e divenendo così suoi discepoli; la leggenda narra che poi ritornarono verso le loro case per diffondere l'insegnamento ricevuto[2].

Nel 326 a.C. Alessandro arrivò a conquistare la regione più settentrionale dell'India; il re Ambhi di Taxila, conosciuto in lingua greca antica come Taxiles, si arrese e consegnò al condottiero la sua città, allora già un notevole centro buddhista. Alessandro combatté poi un'epica battaglia contro Poro di Paurava, in Punjab, nella battaglia dell'Idaspe del 326 a.C.

Diversi filosofi greci tra cui Pirrone, Anassarco e Onesicrito vennero selezionati per accompagnare l'esercito di Alessandro nelle sue campagne militari in Oriente. Durante i 18 mesi che rimasero presso i confini del territorio indiano, furono in grado d'interagire con asceti e mistici asiatici, generalmente descritti col nome di gimnosofisti o "filosofi nudi". Pirrone, tornato in terra greca divenne il primo fautore dello scetticismo filosofico e fondatore della scuola detta pirronismo.

Il biografo greco Diogene Laerzio spiegò che l'equanimità e il distacco di Pirrone dalle cose del mondo furono il risultato di insegnamenti acquisiti in India[3]; pochi dei suoi detti sono direttamente conosciuti per esser stati tramandati, ma quelli che rimangono ricordano chiaramente il pensiero sramanico dei monaci itineranti buddhisti: "Niente esiste davvero, ma l'intera vita umana è governata dalla convenzione... Niente è di per sé più di questo"[4].

Un altro di questi filosofi, Onesicrito, che seguì la scuola del cinismo, è detto dallo storico Strabone che ebbe imparato in India molti dei suoi precetti:"Nulla di ciò che accade è tutto cattivo o tutto buono, le opinioni non sono altro che sogni... La migliore filosofia è quella che libera la mente sia dal piacere sia dal dolore"[5].

Editto bilingue (greco ed aramaico) di Ashoka. Kandhahar, museo di Kabul.

Impero Maurya (322-183 a.C.)[modifica | modifica wikitesto]

L'imperatore indiano Chandragupta Maurya, fondatore dell'omonimo regno, fece riconquistare nel 322 a.C. circa il territorio indiano del nord-ovest che era stato perso con l'arrivo di Alessandro. Tuttavia i contatti vennero mantenuti, soprattutto con i vicini greco-iranici dell'impero Seleucide; l'imperatore Seleuco I contrattò perfino un accordo coniugale come parte d'un durevole trattato di pace e molti greci come ad esempio lo storico Megastene, vissero per un periodo di temo risiedendo stabilmente all'interno della corte reale dei Maurya.

« Chandragupta marciò su Magadha con un esercito in gran parte persiano con l'intento di conquistare il trono e, dopo aver rovesciato i suoi parenti, l'ultimo Nanda, con questa schiera persiana, procedette poi a costruirsi palazzi direttamente sul modello di Persepoli. Egli riempie questi palazzi con immagini di tipo straniero decorandole però secondo la moda persiana. Organizza la corte in stile puramente persiano seguendone i vari cerimoniali, fino al lavaggio dei capelli reali. Introduce poi anche la scrittura di origine achemenide; le iscrizioni di suo nipote imitano quelle di Dario. I suoi stessi muratori vengono importati dalla Persia; per essi il monarca ha tale riguardo che ordina una speciale serie di sanzioni per tutti quelli che li feriscono[6] »

Il nipote di Chandragupta, Ashoka, abbracciò la fede buddhista e divenne uno dei più grandi fautori del proselitismo nella linea tradizionale del buddhismo Theravada nonché dei compilatori e raccoglitori del Canone Pali, insistendo molto sul precetto della non-violenza sia nei confronti degli esseri umani sia delle altre forme animali (l'Ahimsa) ed istituendo alcuni tra i precetti generali che avrebbero dovuto governare la vita dei laici.

Secondo gli Editti di Aśoka fissati nella pietra, alcuni dei quali scritti in greco[7] ed alcuni altri in alfabeto aramaico, questi ultimi da inviare all'impero achemenide, l'imperatore mandò alcuni emissari buddhisti nelle terre asiatiche abitate dai greci, facendoli giungere fino alle rive del Mar Mediterraneo.

Infine, alcuni degli emissari di Ashoka, come il famoso Dharmaraksita, vengono descritti nelle fonti Pali come "Yona", monaci greco-buddhisti attivi nel proselitismo (Mahavamsa, XII[8]), fondando l'omonima scuola di buddhismo Dharmaguptaka[9].

La città ellenistica di Ai-Khanum (300-145 a.C.) del regno greco-battriano era situata proprio alle porte dell'India.

Presenza greca in Battriana (325-125 a.C.)[modifica | modifica wikitesto]

Alessandro aveva stabilito in Battria diverse città tra cui Ai-Khanum (l'Alessandria sull'Oxus) e Bagram, con un'amministrazione che doveva durare più di due secoli, prima sottoposta all'impero seleucide e poi al regno greco-battriano; per tutto questo tempo le postazoni e "colonie" greche rimasero a contatto diretto con il territorio indiano.

I greci inviarono ambasciatori presso la corte dell'impero Maurya, come lo storico Megastene sotto Chandragupta Maurya, e più tardi Deimaco (storico) sotto il figlio Bindusara, che ha riferito ampiamente sulla civiltà degli indiani. Megastene inviò rapporti dettagliati sulle religioni indiane, conosciute, apprezzate e diffuse in tutto il mondo classico da tempo[10].

« Megastene compie una diversa ripartizione dei filosofi, dicendo che sono di due tipi, uno dei quali egli chiama i Brachmanes (brahmani), e l'altro il Sarmanes (sramana) ... "Strabone XV. 1. 58-60[5] »

I greco-battriani hanno mantenuto una forte cultura ellenistica sui confini dell'India durante la dominazione della dinastia reale Maurya, come vien ben esemplificato anche dalsito archeologico di Ai-Khanum. Quando l'impero dei Maurya venne rovesciato dall'impero costituito dagli Shunga (famiglia) all'incirca verso il 180 a.C., i greco-battriani riuscirono ad ampliarsi in direzione dell'India, laddove riuscirono a stabilire il regno indo-greco, in base al quale il buddhismo è stato in grado di fiorire ed espandersi.

Regno indo-greco e buddhismo (180 a.C.-10 d.C.)[modifica | modifica wikitesto]

I greco-battriani arrivarono a conquistare parti dell'India settentrionale a partire dal 180 a.C., la ove sono conosciuti come indo-greci. Hanno controllato diverse zone del territorio indiano del nord fino al 10 d.C.

Il buddhismo prosperò sotto i re indo-greci, ed è stato suggerito che la loro invasione dell'India avesse come scopo primario proprio quello di proteggere la fede buddhista dalle persecuzioni religiose avviate dagli Shunga (185-73 a.C.) che avevano da poco rovesciato i Maurya loro protettori. Zarmanochega era uno sramana (forse, ma non necessariamente un buddhista) che, secondo le antiche fonti storiche (Strabone, Dione Cassio e Nicola di Damasco) si recò ad Antiochia e poi fino ad Atene quando nell'impero romano governava ancora Augusto (morto nel 14 d.C.)[14][15].

Impero Kusana (I-III secolo)[modifica | modifica wikitesto]

Influenze artistiche[modifica | modifica wikitesto]

Numerose opere dell'arte greco-buddhista mostrano una mescolanza implicita tra arte greca e arte buddhista, soprattutto attorno a taluni centri di creazione come a quella riferita all'arte di Gandhāra, produzione dell'omonimo regno; l'oggetto d'arte qui è decisamente buddhista, mentre la maggior parte dei motivi di contorno sono di origine ellenistica o dell'Asia occidentale.

La rappresentazione antropomorfa del Buddha[modifica | modifica wikitesto]

Anche se sussiste ancora un certo dibattito a tal proposito, le prime rappresentazioni del Buddha in stile antropomorfico sono spesso considerate essere come un risultato dell'interazione greco-buddhista; prima di questa innovazione, l'arte rifacentesi al buddhismo seguiva l'aniconismo: il Buddha veniva cioè rappresentato solamente attraverso i suoi simboli riconoscibili (un trono perfettamente vuoto, l'albero della Bodhi], l'impronta del Buddha, il dharmacakra o "ruota del dharma).

Questa riluttanza nei confronti delle raffigurazioni antropomorfiche, assieme al sofisticato sviluppo dei simboli aniconici (il tutto anche per evitare in scene narrative la visualizzazione di altre figure umane), sembra esser collegato ad uno degli stesi "detti" del Buddha riportato nel Dīgha Nikāya o "Raccolta dei discorsi lunghi" in cui scoraggiava le rappresentazioni di se stesso dopo l'estinzione del proprio corpo[16].

Probabilmente, non sentendosi vincolati da queste restrizioni ed a causa del loro "culto della forma", furono proprio i greci i primi a tentare una rappresentazione scultorea del Buddha[17]. In molte parti del mondo antico i greci hanno attivamente prodotto lo sviluppo di divinità sincretiche, le quali avrebbero più facilmente potuto diventare un obiettivo religioso comune per le popolazioni di diverse tradizioni: un esempio ben noto è quello dato da Serapide, introdotto da Tolomeo I in terra egizia, che univa per l'appunto gli aspetti della divinità greca con quella egizia.

Così anche in India era più che naturale per i greci cercare di creare una singola divinità comune, combinando quindi l'immagine di un dio-re greco (come Apollo, o forse come il fondatore divinizzato del regno indo-greco, Demetrio I di Battria) , con le tradizionali caratteristiche fisiche del Buddha. Molti degli elementi stilistici presenti nelle rappresentazioni dell'aspetto fisico del Buddha sono di influenza greca: l'himation indossato, la posizione in contrapposto delle figure in piedi, vedi ad esempio i Buddha eretti dell'arte di Gandhāra del I-II secolo i cui capelli ricci stilizzati e l'Uṣṇīṣa (protuberanza ovale sulla sommità del cranio) deriverebbero in apparenza dallo stile dell'Apollo del Belvedere datato 330 a.C.; infine la qualità misurata dei volti, il tutto reso con forte realismo artistico.

Una gran quantità di sculture combinanti lo stile buddhista e quello puramente ellenistico, assieme ad una notevole e numerosa iconografia, sono stati rinvenuti durante gli scavi nel sito archeologico di Hadda nel moderno Afghanistan. I capelli ricciuti di Buddha vengono descritti nella famosa lista delle sue principali caratteristiche fisiche riconoscibili; nei sutra buddhisti i capelli con i riccioli che svoltano a destra vengono per la prima volta descritti nel Canone Pali, ma troviamo la stessa descrizione anche nel Prajñāpāramitā Sūtra

Gli artisti greci sono stati con tutta probabilità i primi autori di tali descrizioni rappresentate, in particolar modo nelle statue in piedi le quali mostrano un "trattamento realistico delle pieghe e in alcuni casi anche un accenno di volume, che caratterizza da sempre il lavoro migliore dell'arte greca; questa forma è classica o greco-ellenistica, non quella arcaizzante trasmessa dall'arte persiana presente in Battriana né quella tipica dell'arte romana"[18].

L'influenza stilistica greca sulla rappresentazione del Buddha, attraverso il suo "realistico idealismo", ha permesso anche una visualizzazione di gran lunga più accessibile, comprensibile ed attraente dello stato ultimo di illuminazione del buddhismo, permettendogli in tal modo di raggiungere anche un pubblico più vasto.

Nel corso dei secoli successivi questa rappresentazione antropomorfa del Buddha ha definito il canone dell'arte peculiarmente buddhista, ma ha nonostante ciò continuato ad evolversi per incorporare vieppiù anche gli elementi più generalmente asiatici e specificamente indiani

Un pantheon buddhista ellenizzato[modifica | modifica wikitesto]

Diverse altre figure divine buddhiste posson esser state influenzate dalle divinità greche: ad esempio Eracle che indossa una pelle di leone, la divinità protettrice di Demetrio I di Battria, "è servito come modello artistico per ritrarre Vajrapani, uno dei protettori del Buddha"[19][20]. In Giappone questa espressione ulteriormente tradotta, con piena fierezza irosa e forza muscolare si può notare nei Nio (divinità guardiane del Buddha posizionate in piedi) che si possono ammirare fino ai giorni nostri all'ingresso di molti templi buddhisti.

Buddhismo greco e ascesa del Mahayana[modifica | modifica wikitesto]

Il contesto geografico, culturale e storico della nascita del buddhismo Mahayana nel corso del I secolo a.C. nel nordovest indiano, mantiene innumerevoli punti di contatto col regno indo-greco ed intense influenza multiculturali. Secondo l'esperto canadese di storia delle religioni Richard Foltz le "influenze formative chiave per lo sviluppo precoce del Mahayana e del movimento della Terra Pura (Amidismo), che sono diventati presto parte fondamentale della civiltà dell'Asia orientale, sono da ricercare in precedenti incontri del Buddismo lungo la Via della Seta"[21].

Dal momento in cui il buddhismo Mahayana è emerso, esso ha ricevuto "influenze popolari dai culti devozionali indù (la bhakti ad esempio), persiani e delle teologie greco-romane che filtravano in India da nord-ovest[22]

Influenze concettuali[modifica | modifica wikitesto]

Proselitismo[modifica | modifica wikitesto]

Monaci buddhisti provenienti dalla regione del regno di Gandhāra, là ove il buddhismo greco risultava essere più influente, hanno svolto un ruolo chiave nello sviluppo e conseguente trasmissione delle idee buddhiste in direzione dell'Asia settentrionale

Buddhismo greco e Occidente[modifica | modifica wikitesto]

Nella direzione della civiltà occidentale, il sincretismo greco-buddhista può anche aver avuto una certa influenza formativa sulle religioni del bacino del Mediterraneo

Scambi[modifica | modifica wikitesto]

L'Intenso scambio fisico verso ovest in questo momento lungo la via della Seta è confermato dall'acuto interesse romana per la seta a partire dal I secolo, al punto che il Senato romano emise, invano, diverse disposizioni per vietare l'uso della seta, per motivi economici e morali. Ciò è attestato da almeno tre autori: Strabone, (64/63 a.C,-circa 24 d.C.) Lucio Anneo Seneca (circa 3 a.C.-65 d.C.) e Plinio il Vecchio (23-79 d.C.). Il suddetto Strabone e Plutarco (circa 45-125 d.C.) hanno anche scritto sul re Menandro del regno Indo-greco buddhista, a conferma che le informazioni sui buddisti nel mondo indo-greco stavano circolando in tutto il mondo ellenistico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Greek as well as Iranian influences appear to have shaped the evolution of Mahayana images (and perhaps thought as well)". Foltz, Richard, Religions of the Silk Road, Palgrave Macmillan, 2nd edition, 2010, p. 46 ISBN 978-0-230-62125-1
  2. ^ Foltz, Religions of the Silk Road, p. 43
  3. ^ "He would withdraw from the world and live in solitude, rarely showing himself to his relatives; this is because he had heard an Indian reproach Anaxarchus, telling him that he would never be able to teach others what is good while he himself danced attendance on kings in their court. He would maintain the same composure at all times." (Diogenes Laertius, IX.63 on Pyrrhon)
  4. ^ (Diogenes Laërtius IX.61Template:Full
  5. ^ a b Strabo, XV.I.65: Strabo XV.1, Perseus.tufts.edu. URL consultato il 1º settembre 2010.
  6. ^ D.B. Spooner (Director-General of Archeology in India), p. 417. The Zoroasterian Period of Indian History
  7. ^ For an English translation of the Greek edicts: Religions and Trade: Religious Formation, Transformation and Cross-Cultural Exchange between East and West, BRILL, 2 dicembre 2013, pp. 65–, ISBN 978-90-04-25530-2.
  8. ^ Mahavamsa, chapter XII
  9. ^ Bhikkhu Sujato. Abstract: Sects & Sectarianism. The Origin of the three existing Vinaya lineages: Theravada, Dharmaguptaka, and Mulasarvastivada
  10. ^ Surviving fragments of Megasthenes:Full text
  11. ^ Cuthbert Collin Davies, An Historical Atlas of the Indian Peninsula, Oxford University Press, 1959.
  12. ^ A.K. Narain, The Coin Types of the Indo-Greek Kings, Ares, 1976, ISBN 0-89005-109-7.
  13. ^ Hans Erich Stier, Ernst Kirsten, Ekkehard Aner. Grosser Atlas zur Weltgeschichte: Vorzeit. Altertum. Mittelalter. Neuzeit. Georg Westermann Verlag 1978, ISBN 3-14-100919-8.
  14. ^ Strabo, xv, 1, on the immolation of the Sramana in Athens (Paragraph 73).
  15. ^ Dio Cassius, liv, 9.
  16. ^ "Due to the statement of the Master in the Dighanikaya disfavouring his representation in human form after the extinction of body, reluctance prevailed for some time". Also "Hinayanis opposed image worship of the Master due to canonical restrictions". R.C. Sharma, in "The Art of Mathura, India", Tokyo National Museum 2002, p.11
  17. ^ Linssen, "Zen Living"
  18. ^ BoardmanTemplate:Full
  19. ^ Foltz, Religions of the Silk Road, p. 44
  20. ^ Vedi "Images of the Herakles-influenced Vajrapani": Image 1, Image 2
  21. ^ Foltz, Religions of the Silk Road, p. 9
  22. ^ Tom Lowenstein, The vision of the Buddha p63

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Richard Foltz, Religions of the Silk Road, 2nd edition, New York: Palgrave Macmillan, 2010 ISBN 978-0-230-62125-1
  • The Diffusion of Classical Art in Antiquity by John Boardman (Princeton University Press, 1994) ISBN 0-691-03680-2
  • The Shape of Ancient Thought. Comparative studies in Greek and Indian Philosophies by Thomas McEvilley (Allworth Press and the School of Visual Arts, 2002) ISBN 1-58115-203-5
  • Old World Encounters: Cross-cultural contacts and exchanges in pre-modern times by Jerry H.Bentley (Oxford University Press, 1993) ISBN 0-19-507639-7
  • Alexander the Great: East-West Cultural contacts from Greece to Japan (NHK and Tokyo National Museum, 2003)
  • Living Zen by Robert Linssen (Grove Press New York, 1958) ISBN 0-8021-3136-0
  • Echoes of Alexander the Great: Silk route portraits from Gandhara by Marian Wenzel, with a foreword by the Dalai Lama (Eklisa Anstalt, 2000) ISBN 1-58886-014-0
  • "When the Greeks Converted the Buddha: Asymmetrical Transfers of Knowledge in Indo-Greek Cultures" by Georgios T. Halkias, In Trade and Religions: Religious Formation, Transformation and Cross-Cultural Exchange between East and West, ed. Volker Rabens. Brill Publishers, 2013: 65-115. https://www.academia.edu/5974580/When_the_Greeks_Converted_the_Buddha_Asymmetrical_Transfers_of_Knowledge_in_Indo-Greek_Cultures
  • The Edicts of King Asoka: An English Rendering by Ven. S. Dhammika (The Wheel Publication No. 386/387) ISBN 955-24-0104-6
  • Mahayana Buddhism, The Doctrinal Foundations, Paul Williams, Routledge, ISBN 0-415-02537-0
  • The Greeks in Bactria and India, W.W. Tarn, South Asia Books, ISBN 81-215-0220-9
  • Lowenstein, Tom, The vision of the Buddha, Duncan Baird Publishers, 1996, ISBN 1-903296-91-9.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]