Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Gwadar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gwadar
città
(UR) گوادر
Gwadar – Veduta
Localizzazione
StatoPakistan Pakistan
ProvinciaBelucistan
DistrettoGwadar
Territorio
Coordinate25°07′35″N 62°19′21″E / 25.12639°N 62.3225°E25.12639; 62.3225 (Gwadar)Coordinate: 25°07′35″N 62°19′21″E / 25.12639°N 62.3225°E25.12639; 62.3225 (Gwadar)
Altitudinem s.l.m.
Abitanti44 592 (2010)
Altre informazioni
Prefisso(+92) 086
Fuso orarioUTC+5
Cartografia
Mappa di localizzazione: Pakistan
Gwadar
Gwadar

Gwadar (in urdu گوادر) è una città del Pakistan, situata nella provincia del Belucistan.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'area mostra di essere stata abitata già nell'età del bronzo con insediamenti intorno ad alcune delle oasi della zona. È da questo modello di insediamento che deriva la parola Makran, il nome originale del Balochistan. Per un certo periodo, era una regione dell'Impero PersianoAchemenide. Si crede che sia stato conquistato dal fondatore dell'impero persiano, Ciro il Grande. Durante la marcia di ritorno verso la macedonia di Alessandro Magno, il suo ammiraglio Nearco guidò una flotta lungo la costa del moderno Makran e registrò che l'area era a clima secco, montuosa e abitata da "Ichthyophagoi" (o "mangiatori di pesci"), versione in greco antico della frase in persiano antico "Mahi khoran" da cui deriva la parola moderna "" Makran "".[1] Dopo il crollo dell'impero di Alessandro, l'area fu governata da Seleuco Nicatore, uno dei generali di Alessandro. La regione venne poi sotto il dominio dell'Impero Maurya intorno al 303 aC. La regione è rimasta ai margini della storia per un millennio finché ʿUmar ibn al-Khaṭṭāb non ha catturato Makran nel 643 dC, per poi essere per un intervallo quasi equivalente di tempo (circa 900 anni) contestata da vari poteri. Questo periodo fu seguito da quasi due secoli di dominî locali da parte delle tribù beluce, dopo aver resistito ai Portoghesi nel XV secolo. Nel 1783 il Khan di Kalat Mir Noori Naseer Khan Beleuco concesse la "souzeraineté" su Gwadar alSultano Tamerlano, il governatore sconfitto di Mascate.[2] Quando in seguito il sultano riguadagnò Mascate, si assicurò il controllo di Gwadar nominando un "wali" (o "[governatore]"). Questo wali fu poi ordinato di sottomettere la vicina città costiera di Chah Bahar (ora in Iran). Il forte di Gwadar è stato costruito durante il domino omanita , mentre le linee del telegrafo furono successivamente estese nella città per gentile concessione del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda. Alla metà del XVIII secolo Nassir I di Kalat catturò Gwadar e le sue aree circostanti dopo aver sconfitto la tribù belluce e le incluse nel Canato del Kalat. Quando Saiad Sultan perse il potere insieme al fratello, il governatore di Mascate, e chiese aiuto, il Khan Nassir consegnò Gwadar, come parte della sua quota di entrate, a Saiad Sultan per il suo mantenimento con l'accordo che la zona venisse restituita a Kalat, quando Saiad Sultan avesse riacquisito il trono. Saiad Sultan salì al trono di Mascate nel 1797 ma non restituì mai l'enclave di Gwadar a Kalat. La lotta che seguì tra gli eredi del Sultano e i Khan di Kalat per il possesso di Gwadar, permise agli inglesi di intervenire. I britannici dopo aver ottenuto concessioni dal Sultano per l'uso della zona sostennero Mascate per mantenere il controllo di Gwadar. Più tardi, gli inglesi affermarono che la zona fu concessa al Sultano da Mir Nasir, tuttavia i conti locali e i documenti declassificati di quel tempo contestano questa pretesa.[3] Dal 1863 al 1879 Gwadar è stata la sede di un Assistente Politico Britannico. Gwadar era un porto di due settimane per i vaporetti britannici di Steamship Navigation Company dell'India e comprendeva unUufficio postale e telegrafico britannico. Gwadar e la sua regione circostante sono rimaste di proprietà d'oltremare del Sultanato di Mascate e Oman dal 1783 fino all'8 settembre 1958 quando il Pakistan ne acquistò il territorio. Il Pakistan assunse così il controllo dell'area che fu quindi integrata nella provincia di Balochistan il 1 luglio 1970 come distretto di Gwadar.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Gwadar è situata sulla costa meridionale del Mar Arabico del Pakistan, nella distretto di Gwadar, nella provincia del Balochistan. Come Ormara più a est, Gwadar si trova su una penisola naturale a forma di martello che forma due baie quasi perfettamente semicircolari da entrambi i lati. La città si trova su un istmo stretto e sabbioso di 12 chilometri che collega la costa pakistana agli affioramenti rocciosi del mare arabo noto come il Promontorio di Gwadar o Koh-e-Batil, che raggiunge un'altitudine di 160 metri e si estende per circa 10 km da est a ovest con una larghezza di un kilometro e mezzo[4]. L'istmo largo di appena 280 metri su cui si trova Gwadar separa le due baie semicircolari quasi perfette l'una dall'altra. La baia occidentale è conosciuta come la Zirr di Paddi ed è generalmente poco profonda (circa 4m) con il massimo a 10 metri[4] . A est dell'istmo si è il porto Demi Zirr, profondo, dove è stato costruito il porto di Gwadar. La zona a nord della città è piana e generalmente sterile. La scogliera in argilla bianca Koh-e-Mehdi (conosciuta anche come Jabal-e-Mehdi) è un'eccezione notevole e sorge notevolmente dai piani a nord-est di Gwadar. Il Koh-e-Mehdi presenta due picchi discreti, con un'altezza di 415 e 420 metri ed è di circa 6,5 km di larghezza e presenta scogliere forti che cadono precipitosamente nel Mar Arabico[4] . A seguito di un terremoto nel settembre 2013 una piccola isola chiamata Zalzala Jazeera ("Isola Terremoto") si è formata a circa 2 chilometri dalla costa.

Rilevanza economica[modifica | modifica wikitesto]

Per la maggior parte della sua storia, Gwadar è stato un insediamento di piccole e medie dimensioni con un'economia fondata in gran parte su pesca artigianale. Il valore strategico della sua ubicazione è stato riconosciuto per la prima volta nel 1954 quando è stato identificato come un sito idoneo per un porto in acque profonde dall'Indagine Geologica degli Stati Uniti su richiesta del Pakistan (mentre il territorio era ancora sotto il regno dell'Oman).[5] Il potenziale della zona per essere un grande porto è rimasto inutilizzato nei successivi governi pakistani fino al 2001, quando è iniziata la prima fase della costruzione di Porto Gwadar.[6] È stata così inaugurata dal generale Pervez Musharraf nel 2007 questa fase costruttiva con un costo totale di 248 milioni di dollari.[7] È rimasto inutilizzato dopo la costruzione per una serie di motivi, tra cui La mancanza di investimenti, le preoccupazioni in materia di sicurezza e il fallimento del governo del Pakistan nel trasferire il terreno come promesso all'operatore portuale: l'Autorità del Porto di Singapore[8] Nell'aprile 2015, il Pakistan e la Cina hanno annunciato la loro intenzione di sviluppare il Corridoio Cina Pakistan (CPEC) per 46,6 miliardi di dollari,[9] che a sua volta fa parte dell'ambizioso progetto "Una cintura, una strada",[10] a sua volta parte del l'ancora più ambiziosa "Nuova via della seta"[11] Gwadar sarà fortemente coinvolta nel CPEC, ed è anche previsto che sia il legame tra il progetto Una cintura, una strada e Strada marittima della seta[12] $ 1.153 miliardi di progetti infrastrutturali saranno investiti nella città come parte del CPEC.[13] with the aim of linking northern Pakistan and western China to the deep water seaport.[14] La città sarà anche il sito di un impianto per gas naturale liquefatto galleggiante che sarà costruito come parte del segmento Gwadar-Nawabshah del gasdotto Iran-Pakistan[15] Oltre agli investimenti sotto l'egida diretta del CPEC nella città di Gwadar, nel giugno del 2016 la China Overseas Port Holding Company(COPHC) ha dato avvio ad un piano da 2 miliardi di dollari per la Zona Economica Speciale Gwadar,[16] che viene modellato sulle linee delle Zone economiche speciali della Cina..[17] Nel settembre 2016 l'Autorità per lo Sviluppo di Gwadar (Gwadar Development Authority) published a Gara d'appalto per la preparazione all'esproprio e spostamento della Città vecchia di Gwadar.[18]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN146952475 · GND: (DE4844435-2
  1. ^ Livius.org Jona Lendering, Gedrosia, su livius.org. URL consultato il 6 novembre 2006 (archiviato il 24 settembre 2013).
  2. ^ Oman Studies Centre Dott. Beatrice Nicolini, International trade networks: The Omani Enclave of Gwadar, su oman.org. URL consultato il 6 novembre 2006 (archiviato l'8 aprile 2014).
  3. ^ Azhar Ahmad, Unravelling Gwadar town, The Frontier Post Voice of the Federation, 5 maggio 2013. URL consultato il 5 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2013).
  4. ^ a b c Persian Gulf Pilot: Comprising the Persian Gulf, the Gulf of Omán and the Makrán Coast, https://books.google.com/books?id=42sDAAAAYAAJ&dq=gwadar+peninsula+sandy&source=gbs_navlinks_s, Pilot Guides, 1920.
  5. ^ Gwadar port: ‘history-making milestones’ -DAWN - Business; April 14, 2008
  6. ^ Hartpence Mathias, The Economic Dimension of Sino-Pakistan Relations: An Overview., 15 luglio 2011, pp. 581–589.
  7. ^ Declan Walsh, Chinese Company Will Run Strategic Pakistani Port, New York Times, 31 gennaio 2013. URL consultato il 22 giugno 2016.
    «China paid for 75 percent of the $248 million construction costs,».
  8. ^ China set to run Gwadar port as Singapore quits, Asia Times, 5 settembre 2012. URL consultato il 23 giugno 2016.
  9. ^ Atul Aneja, Xi comes calling to Pakistan, bearing gifts worth $46 billion, in The Hindu, 18 aprile 2015. URL consultato il 23 aprile 2015.
  10. ^ Tom Hussain, China's Xi in Pakistan to cement huge infrastructure projects, submarine sales, in McClatchy News (Islamabad), mcclatchydc, 19 aprile 2015.
  11. ^ http://www.limesonline.com/corridoio-cina-pakistan/96725
  12. ^ Shyam Saran, What China's One Belt and One Road Strategy Means for India, Asia and the World, The Wire (India), 10 settembre 2015. URL consultato il 6 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2015).
  13. ^ See list of projects: List of projects $230million for Gwadar Airport, $114m desalination plant, $35m for special economic zone infrastructure, $360m for coal plant, $140m for Eastbay Expressway, $100m for hospital, $130m for breakwaters, $27m for dredging. Sum of figures = $1.153 billion
  14. ^ Industrial potential: Deep sea port in Gwadar would turn things around, in The Express Tribune, 17 marzo 2016. URL consultato il 9 aprile 2016.
  15. ^ China to build $2.5 billion worth LNG terminal, gas pipeline in Pakistan, Deccan Chronicle, 10 gennaio 2016. URL consultato il 22 giugno 2016.
  16. ^ Construction of industrial free zone in Gwadar begins, Express Tribune. URL consultato il 21 giugno 2016.
    «"Gwadar Port Authority (GPA), Chairman Dostain Khan Jamaldini said that the construction of Gwadar Free Zone is underway at a cost of US $2 billion."».
  17. ^ Yan Li, Groundwork laid for China-Pakistan FTZ, su ECNS. URL consultato il 6 dicembre 2015.
  18. ^ Short term consultancy required for study and preparation of PC1 document for expropriation and resettlement of Old Town Gwadar [collegamento interrotto], in Gwadar Development Authority. URL consultato il 6 ottobre 2016.