Malala Yousafzai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Malala Yousafzai nel 2019
Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per la pace 2014

Malala Yousafzai (in pashtu: ملاله یوسفزۍ; Mingora, 12 luglio 1997) è un'attivista pakistana. È la più giovane vincitrice del Premio Nobel per la pace,[1] nota per il suo impegno per l'affermazione dei diritti civili e per il diritto all'istruzione - bandito da un editto dei talebani[2] - delle donne della città di Mingora, nella valle dello Swat.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Malala Yousafzai è una giovane attivista pakistana che all'età di 14 anni è diventata celebre per il blog, da lei curato per la BBC, nel quale documentava il regime dei talebani pakistani, contrari ai diritti delle donne e il diritto all'istruzione per i bambini.[3][4] È stata nominata per l'International Children's Peace Prize.

Il 9 ottobre 2012 è stata gravemente colpita alla testa da uomini armati saliti a bordo del furgone scolastico su cui lei tornava a casa da scuola.[5] Ricoverata nell'ospedale militare di Peshawar, è sopravvissuta all'attentato dopo la rimozione chirurgica dei proiettili. Ihsanullah Ihsan, portavoce dei talebani, ha rivendicato la responsabilità dell'attentato, sostenendo che la ragazza “è il simbolo degli infedeli e dell'oscenità”; il leader terrorista ha poi minacciato che, qualora sopravvissuta, sarebbe stata nuovamente oggetto di attentati. La ragazza è stata in seguito trasferita in un ospedale di Birmingham che si è offerto di curarla.[6]

Malala Yousafzai nello Studio Ovale, 11 ottobre 2013

Il 12 luglio 2013, in occasione del suo sedicesimo compleanno, parla al Palazzo di Vetro a New York, indossando lo scialle appartenuto a Benazir Bhutto e lanciando un appello all'istruzione delle bambine e dei bambini di tutto il mondo.[7]

Il 10 ottobre 2013 è stata insignita del Premio Sakharov per la libertà di pensiero;[8] l'annuncio è stato dato dal presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz, che l'ha motivato dicendo che è una ragazza eroica e ricca di spirito.[9] Il premio le è stato consegnato in occasione della sessione plenaria di novembre, a Strasburgo, il 20 novembre 2013.

Il 10 ottobre 2014 è stata insignita del premio Nobel per la pace assieme all'attivista indiano Kailash Satyarthi, diventando con i suoi diciassette anni la più giovane vincitrice di un premio Nobel. La motivazione del Comitato per il Nobel norvegese è stata: “per la loro lotta contro la sopraffazione dei bambini e dei giovani e per il diritto di tutti i bambini all'istruzione”.[10]

(EN)

«I don't mind if I have to sit on the floor at school. All I want is education. And I'm afraid of no one.»

(IT)

«Non mi importa di dovermi sedere sul pavimento a scuola. Tutto ciò che voglio è istruzione. E non ho paura di nessuno.»

(Malala Yousafzai, Interview)

Molte scuole l'hanno menzionata il 20 novembre 2014 per la giornata nazionale dei diritti dei bambini e delle bambine.[11][12] Un'associazione di scuole private pakistane ha indetto contro di lei il "I am not Malala day" per alcune righe del suo libro definite dall'associazione antislamiche e antipachistane.[13][14] Si tratta delle righe in cui parla dell'opposizione del padre al bando del romanzo I versi satanici di Salman Rushdie e alla fatwā pronunciata contro Rushdie da Ruhollah Khomeyni. Ha scritto anche il libro Io sono Malala, pubblicato in Italia l'8 ottobre 2013 dal Corriere della Sera.

Il 25 settembre 2015 viene lanciata in tutto il mondo l'iniziativa The Global Goals che vede Malala una delle protagoniste insieme a tanti altri attivisti ed artisti tra i quali: Anastacia, Stephen Hawking, Stevie Wonder, Kate Winslet, Bill Gates e Melinda Gates, la regina Rania di Giordania, Jennifer Lopez, Meryl Streep, Matteo Renzi e molti altri.[15] I leader mondiali si stanno impegnando a rispettare 17 obiettivi globali da realizzare nei prossimi 15 anni, tre dei più importanti: eliminare la povertà estrema, combattere la disuguaglianza, le ingiustizie e arrestare il cambiamento climatico.[16]

Nell'agosto 2017 è stata ammessa all'Università di Oxford, presso il college Lady Margaret Hall, per studiare il corso Philosophy, Politics, and Economics[17][18]; ottenendo la laurea nel giugno del 2020.[19] Nel settembre 2017 ha criticato, attraverso un tweet[20][21], la leader politica birmana Aung San Suu Kyi per il suo silenzio di fronte alle violenze delle quali sarebbe vittima la minoranza musulmana Rohingya. Malala è inoltre politicamente pacifista e socialista.[22]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Sitara-e-Shujaat (Pakistan - nastrino per uniforme ordinaria Sitara-e-Shujaat (Pakistan
— 16 ottobre 2012[23]
Premio Nobel per la Pace - nastrino per uniforme ordinaria Premio Nobel per la Pace
— Oslo, 2014

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Premi e Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Yousafzai riceve il Premio Sakharov al Parlamento europeo nel novembre 2013

Yousafzai ha ricevuto questi premi e riconoscimenti:

  • 2011: International Children's Peace Prize (nominata)
  • 2011: National Youth Peace Prize
  • 2012: Anne Frank Award for Moral Courage[24][25]
  • 2012: Inserita dal settimanale Foreign Policy tra i Top 100 Global Thinkers[26]
  • 2012 Mother Teresa Awards for Social Justice (Alla famiglia è stato negato il permesso di partecipare alla cerimonia di premiazione in India dalle autorità pakistane per problemi di sicurezza; quindi il premio è stato portato di nascosto a suo padre dal regista britannico-pakistano Sevy Ali).[27][28][29]
  • 2012: Prize for Peace and Humanitarian Action[30]
  • 2013: Top Name in Annual Survey of Global English in 2012[31]
  • 2013: Simone de Beauvoir Prize[32]
  • 2013: Memminger Freiheitspreis 1525[33] (conferita il 7 dicembre 2013 ad Oxford[34])
  • 2013: Doughty Street Advocacy award assegnato da Index on Censorship[35]
  • 2013: Fred and Anne Jarvis Award conferito dal National Union of Teachers britannico[36]
  • 2013: Vital Voices Global Leadership Awards, Global Trailblazer[37]
  • 2013: Inclusa da Time tra le 100 persone più influenti del mondo"[38]
  • 2013: Internacional Catalunya Award of Catalonia, maggio 2013[39]
  • 2013: Annual Award for Development (OFID)[40]
  • 2013: International Campaigner of the Year, 2013 Observer Ethical Awards[41]
  • 2013: Tipperary International Peace Award for 2012, Ireland Tipperary Peace Convention[42]
  • 2013: Ritratto di Yousafzai ad opera di Jonathan Yeo mostrato al National Portrait Gallery, Londra[43]
  • 2013: Ambassador of Conscience Award conferito da Amnesty International[44]
  • 2013: International Children's Peace Prize[45][46]
  • 2013: Clinton Global Citizen Awards conferito dalla Clinton Foundation[47]
  • 2013: Peter Gomes Humanitarian Award conferito dall'uUniversità di Harvard[48]
  • 2013: Anna Politkovskaya Award – Reach All Women in War
  • 2013: Reflections of Hope Award conferito dal Oklahoma City National Memorial & Museum[49]
  • 2013: Premio Sakharov per la libertà di pensiero conferita dal Parlamento europeo
  • 2013: Laurea ad honorem dall'Università Edimburgo[50]
  • 2013: Pride of Britain[51]
  • 2013: Nominata da Glamour magazine Woman of the Year[52]
  • 2013: GG2 Hammer Award al GG2 Leadership Awards[53]
  • 2013: International Prize for Equality and Non-Discrimination[54]
  • 2014: Nominata per il Children's Nobel Prize[55]
  • 2014: Awarded Honorary Life Membership by the PSEU (Irlanda)[56]
  • 2014: Skoll Global Treasure Award[57]
  • 2014: Laurea ad honorem in legge dal University of King's College, Halifax, Nova Scotia, Canada.[58]
  • 2014: Philadelphia Liberty Medal[59]
  • 2014: Asia Game Changer Award[60]
  • 2014: Inserita da Time Magazine tra "I 25 giovani più influenti del 2014"[61]
  • 2014: Cittadinanza onoraria del Canada.[62]
  • 2015: L'asteroide 316201 Malala chiamato in suo onore.[63]
  • 2015: L'audio versione del suo libro I am Malala vince il Grammy Award per "Best Children's Album".[64]
  • 2016: Presidente onorario dell'Unione degli studenti dell'Università di Sheffield[65]
  • 2016: Order of the Smile[66][67]
  • 2017: Youngest ever United Nations Messenger of Peace[68]
  • 2017: Laura ad honorem dall'Università di Ottawa[69]
  • 2017: Ellis Island International Medal of Honor[70]
  • 2017: Vincitrice dell'anno 2017 assegnata dall'American University[71]
  • 2017: Harper's Bazaar include Malala nella lista delle "150 donne più influenti in UK".[72][73]
  • 2018: Advisor to Princess Zebunisa of Swat da parte della Swat Relief Initiative Foundation, Princeton, New Jersey[74]
  • 2018: Gleitsman Award conferito dal Center for the Public Leadership alla Harvard Kennedy School[75]
  • 2020: aperta una scuola elementare a suo nome e chiamata "Malala Elementary" a Ford Bend County, Texas.[76]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Malala racconta la sua storia, 29 marzo 2013. URL consultato il 15 maggio 2013 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2013).
  2. ^ (EN) Great Britain: Parliament: House of Commons: Foreign Affairs Committee, Global security: Afghanistan and Pakistan, eighth report of session 2008-09, 2 agosto 2009, p. 137. URL consultato il 12 novembre 2012.
  3. ^ (EN) Diary of a Pakistani schoolgirl, in BBC News, 19 gennaio 2009. URL consultato il 12 novembre 2012.
  4. ^ (EN) Pakistani girl, 13, praised for blog under Taliban, in BBC News, 24 novembre 2011. URL consultato il 12 novembre 2012.
  5. ^ Pakistan, spari contro bimba-attivista ferita alla testa mentre esce da scuola, in La Repubblica, 9 ottobre 2012. URL consultato il 12 novembre 2012.
  6. ^ (EN) Taliban says it shot 'infidel' Pakistani teen for advocating girls' rights, in The Washington Post, 9 ottobre 2012. URL consultato il 12 novembre 2012.
  7. ^ Malala all'Onu: Parlo per chi non ha voce, i talebani non mi ridurranno al silenzio, La Repubblica, 12 luglio 2013.
  8. ^ Malala Yousafzai wins EU's Sakharov human rights prize, BBC News, 10 ottobre 2013.
  9. ^ All'attivista pachistana Malala Yousafzai il premio Sakharov, il Giornale, 10 ottobre 2013.
  10. ^ The Nobel Peace Prize for 2014, 10 ottobre 2014. URL consultato il 10 ottobre 2014.
  11. ^ Malala Day, in GlobalFirst, 14 luglio 2014. URL consultato il 17 dicembre 2014.
  12. ^ È il "Malala Day", candidata al Nobel per la Pace parla all'ONU, in Andkronos, 12 luglio 2014. URL consultato il 17 dicembre 2014.
  13. ^ Robert Spencer, All Pakistan Private Schools Federation holds “I am not Malala” day because she is against “Islamic ideology of Pakistan”, in Jihad Watch, 11 novembre 2014. URL consultato il 16 dicembre 2014.
  14. ^ AFP, La rete delle scuole pakistane osserva il giorno anti-Malala, in Dawn, 10 novembre 2014. URL consultato il 16 dicembre 2014..
  15. ^ Shweta Parande, Hrithik Roshan, Jennifer Lawrence, Malala Yousafzai join hands for The Global Goals (Watch video), india.com, 10 settembre 2015. URL consultato il 27 settembre 2015.
  16. ^ The Goals, The Global Goals for Sustainable Development, 10 settembre 2015. URL consultato il 27 settembre 2015.
  17. ^ GB, Malala ammessa all'università di Oxford, in Repubblica.it, 17 agosto 2017. URL consultato il 10 ottobre 2017.
  18. ^ (EN) Malala Yousafzai attends first lecture at Oxford, in ABC News, 10 ottobre 2017. URL consultato il 10 ottobre 2017.
  19. ^ Malala realizza il suo sogno: si è laureata a Oxford in filosofia, politica ed economia, su la Repubblica, 19 giugno 2020. URL consultato il 19 giugno 2020.
  20. ^ Enrico Franceschini, Malala bacchetta San Suu Kyi: "Condanni violenze contro Rohingya", in Repubblica.it, 4 settembre 2017. URL consultato l'11 ottobre 2017.
  21. ^ (EN) Malala tells Aung San Suu Kyi 'world is waiting' for her to act over Rohingya violence, in The Guardian, 4 settembre 2017. URL consultato l'11 ottobre 2017.
  22. ^ "Sono convinta che il socialismo sia l'unica risposta e sprono tutti i compagni a combattere questa battaglia fino a una conclusione vittoriosa. Solo questo potrà liberarci dalle catene del bigottismo e dello sfruttamento.", Durante il 32º congresso della sezione pakistana dell'IMT
  23. ^ (EN) Malala Yousufzai to be given Pak's highest civilian bravery award, in The Indian Express, 16 ottobre 2012. URL consultato il 16 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2012).
  24. ^ urlvivo^sì, Malala Yousafzai to receive Anne Frank courage award, in BBC News, 29 gennaio 2014. URL consultato il 19 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2014!lingua=en).
  25. ^ (EN) Simon Rocker, Malala to get Anne Frank courage award, in The Jewish Chronicle, 13 gennaio 2014. URL consultato il 19 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2014).
  26. ^ (EN) The FP Top 100 Global Thinkers, in Foreign Policy, 26 novembre 2012. URL consultato il 28 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 28 novembre 2012).
  27. ^ (EN) How Malala Yousafzai got a Mumbai award, 9 dicembre 2012.
  28. ^ (EN) Teresa awards given away, in The Indian Express. URL consultato il 9 dicembre 2012.
  29. ^ (EN) Mother Teresa Awards 2012, in A Harmony Foundation Initiatives. URL consultato il 15 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2014).
  30. ^ (EN) Top words of 2012 capture 'impending doom', in USA Today, 1º marzo 2013. URL consultato il 7 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2013).
  31. ^ (EN) Fazal Khaliq, Teenage icon: Rome again honours Malala, father collects reward, in The Express Tribune, 30 dicembre 2011. URL consultato il 30 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 1° gennaio 2013).
  32. ^ (FR) Awarding of the Simone de Beauvoir Prize to Malala Yousafzai, in France Diplomatie, 9 gennaio 2013. URL consultato il 25 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2013).
  33. ^ (DE) Stadt Memmingen: Malala Yousafzai erhält den 'Memminger Freiheitspreis 1525', su memmingen.de. URL consultato il 10 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2014).
  34. ^ (DE) Memminger Freiheitspreis an Malala Yousafzai überreicht, su all-in.de – das Allgäu online. URL consultato il 10 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2014).
  35. ^ (EN) Sara Yasin, Winners – Index Awards 2013, in Index on Censorship, 21 marzo 2013. URL consultato il 12 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 2 settembre 2013).
  36. ^ (EN) The Fred & Anne Jarvis Award, in NUT, 29 marzo 2013. URL consultato il 16 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2013).
  37. ^ 2013 Global Leadership Awards, Vital Voices. URL consultato il 12 luglio 2013 (archiviato il 23 giugno 2013).
  38. ^ (EN) The 100 Most Influential People in the World, in Time magazine, 29 aprile 2013, p. 140.
  39. ^ Premi Internacional Catalunya, Generalitat de Catalunya, 27 maggio 2013. URL consultato il 12 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2013).
  40. ^ Malala Yousafzai receives OFID 2013 Annual Award for Development, Ofid.org, 13 giugno 2013. URL consultato il 12 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2013).
  41. ^ GNM press office, Malala Yousafzai and Joanna Lumley honoured as International and British Campaigners of the Year at the 2013 Observer Ethical Awards, in The Guardian, London, 13 giugno 2013. URL consultato il 12 luglio 2013 (archiviato il 10 novembre 2013).
  42. ^ Malala Yousafzai gets peace prize, in Daily Express, 21 agosto 2013. URL consultato il 23 agosto 2013.
  43. ^ Jonathan Yeo portrait of Malala to go on display, BBC News, 10 settembre 2013. URL consultato il 10 settembre 2013 (archiviato il 10 settembre 2013).
  44. ^ (EN) Will Davies, Malala Yousafzai Gets Amnesty's Top Honor, in The Wall Street Journal, 17 settembre 2013. URL consultato il 19 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2013).
  45. ^ (EN) Malala awarded 2013 Children's Peace Prize, in Pakistan Tribune, 27 agosto 2013. URL consultato il 27 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2013).
  46. ^ (EN) Childrenspeaceprize > Winners > 2013, in KidsRights Foundation, 6 settembre 2013. URL consultato il 25 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2016).
  47. ^ (EN) 2013 Clinton Global Citizen Awards, in WBUR, 27 settembre 2013. URL consultato il 26 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2013).
  48. ^ (EN) Deborah Becker e Lynn Jolicoeur, Malala, Pakistani Teen Shot By Taliban, Honored at Harvard, 27 settembre 2013. URL consultato il 27 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2013).
  49. ^ (EN) The 9th Annual Reflections of Hope Award Ceremony, in The Oklahoma City National Memorial & Museum. URL consultato l'11 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2014).
  50. ^ (EN) Honorary degree for Malala Yousafzai, in The University of Edinburgh, 4 novembre 2013. URL consultato il 22 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2013).
  51. ^ (EN) Rod McPhee, David Beckham awards Malala Yousafzai the Pride of Britain Teenager of Courage award after being shot by Taliban, in Daily Mirror, 6 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2016).
  52. ^ (EN) Condé Nast, Malala Yousafzai is a 2013 Glamour Woman of the Year; Join Us as we Support Her Mission to Make School a Basic Right For Every Girl, in Glamour (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2017).
  53. ^ (EN) Malala topped Power List 101 at GG2 Leadership awards, su jagranjosh.com. URL consultato il 10 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2014).
  54. ^ (EN) Mexico says will award Malala with equality prize, in Press TV, 25 novembre 2013. URL consultato il 14 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2014).
  55. ^ (EN) Malala Yousafzai nominated for Children's Nobel Prize 2014, su news.biharprabha.com, Indo-Asian News Service. URL consultato l'8 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2014).
  56. ^ (EN) PSEU Ireland (PDF), su pseu.ie, marzo 2014. URL consultato il 12 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2014).
  57. ^ (EN) Skoll World Forum, su skollworldforum.org. URL consultato il 10 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2014).
  58. ^ (EN) Malala Yousafzai Canada Scholarship announced, in University of King's College. URL consultato il 23 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 19 giugno 2016).
  59. ^ Michaelle Bond, Liberty Medal for Pakistani education activist Malala Yousafzai, in Philadelphia Daily News, 1º luglio 2014. URL consultato il 22 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2016).
  60. ^ (EN) Jack Ma, Malala Among Asia Society's 'Game Changer' Honorees, in NBC News, 18 settembre 2014. URL consultato il 28 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2020).
  61. ^ (EN) The 25 Most Influential Teens of 2014, in Time, 13 ottobre 2014. URL consultato il 30 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2015).
  62. ^ (EN) Bruce Campion-Smith e Alex Boutilier, Malala Yousafzai has become an honorary Canadian citizen, in The Star, 12 aprile 2017. URL consultato il 13 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2017).
  63. ^ (EN) (316201) Malala = 2007 EJ98 = 2010 ML48, su The International Astronomical Union Minor Planet Center. URL consultato il 3 aprile 2015.
  64. ^ (EN) Zack O'Malley Greenburg, "I Am Malala" Wins Grammy For Best Children's Album, in Forbes. URL consultato il 19 luglio 2020.
  65. ^ (EN) The Results Are In, su su.sheffield.ac.uk, 11 marzo 2016. URL consultato il 14 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 14 marzo 2016).
  66. ^ (EN) Order of Smile award for Poland's Błaszczykowski, in Radio Poland, RadioZet.pl, 3 novembre 2016. URL consultato il 31 dicembre 2018.
  67. ^ (PL) Order Uśmiechu dla Malali Yousafzai, in Radio Poland, 6 novembre 2016. URL consultato il 31 dicembre 2018.
  68. ^ (EN) Malala Yousafzai made youngest UN Messenger of Peace, in BBC News, 11 aprile 2017. URL consultato l'11 aprile 2017 (archiviato dall'url originale l'11 aprile 2017).
  69. ^ (EN) Johanne Adam, The University honours Malala Yousafzai, in University of Ottawa Gazette, 12 aprile 2017. URL consultato il 13 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2017).
  70. ^ (EN) Ellis Island International Medal of Honor, 13 maggio 2017. URL consultato il 14 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2017).
  71. ^ Gregg Sangillo, Wonk of the Year: Malala Yousafzai is the 2017 Honoree, su american.edu. URL consultato il 26 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2017).
  72. ^ (EN) Introducing the Bazaar 150 Visionary Women list, in Harper's BAZAAR, 15 novembre 2017. URL consultato il 20 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2017).
  73. ^ (EN) Malala among UK's 150 most influential women, in The Express Tribune, 17 novembre 2017. URL consultato il 20 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 24 novembre 2017).
  74. ^ (EN) Malala girl who stood up to the Taliban coming to the Dunk on Thursday, in Providence Journal, 23 luglio 2016. URL consultato il 16 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2018).
  75. ^ (EN) Nobel Prize Winner Malala Yousafzai to Receive the 2018 Gleitsman Award from the Center for Public Leadership at Harvard Kennedy School, su hks.harvard.edu, 30 ottobre 2018. URL consultato il 29 maggio 2019.
  76. ^ (EN) New Fort Bend elementary school named after youngest Nobel Prize winner Malala Yousafzai, in KHOU, 7 gennaio 2020. URL consultato il 28 settembre 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305307972 · ISNI (EN0000 0004 1890 4382 · LCCN (ENno2013101038 · GND (DE1043168494 · BNF (FRcb16723762t (data) · BNE (ESXX5337916 (data) · NLA (EN52433015 · NDL (ENJA001155446 · WorldCat Identities (ENlccn-no2013101038