Curcuma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima spezia, vedi Curcuma longa.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la sostanza chimica, vedi Curcumina.
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Curcuma
Curcuma longa - Köhler–s Medizinal-Pflanzen-199.jpg
Curcuma longa
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Monocotiledoni
(clade) Commelinidi
Ordine Zingiberales
Famiglia Zingiberaceae
Sottofamiglia Zingiberoideae
Tribù Zingibereae
Genere Curcuma
L., 1753
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Sottoclasse Zingiberidae
Ordine Zingiberales
Famiglia Zingiberaceae
Genere Curcuma
Specie

vedi testo

Curcuma L., 1753 è un genere di piante appartenente alla famiglia Zingiberaceae.[1]

Le piante appartenenti a questo genere sono utilizzate a scopo alimentare e officinale. La spezia più utile è Curcuma longa o zafferano delle indie (molto spesso indicata come curcuma senz'altre specificazioni). Il vivace colore giallo della radice polverizzata viene utilizzato come colorante alimentare del tutto innocuo; se ne segnala l'uso anche per i tessuti, ma sbiadisce rapidamente. In certe regioni dell'India una radice di curcuma appesa al collo della ragazza fa parte del rito della promessa matrimoniale.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere comprende le seguenti specie:[1]

Curcuma aeruginosa

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Le radici polverizzate giallo-ocra della curcuma sono l'ingrediente principale del curry. I rizomi vengono fatti bollire e quindi seccati in forno per ore e infine macinati per produrre un colorante alimentare o la spezia omonima.[senza fonte]

Adulterazione[modifica | modifica wikitesto]

Partite di curcuma in polvere di infima qualità sono state addizionate con Sudan, un colorante tossico, per migliorarne il colore. Si produce curcumina sintetica ricca di derivati chimici non alimentari, che si usano nella sintesi.[2]
La polvere di curcuma è aggiunta a molti cibi per conferirle un colore giallo, ma spesso invece di curcuma è venduto il colorante per tessuti Giallo di Metanilo e il Kesari Dhal, una pianta tossica. Questi prodotti che sostituiscono spesso la curcuma originale sono altamente cancerogeni. Nella confezioni di curcuma falsa è stata riscontrata anche della polvere di cromato di piombo, un colorante altamente tossico.[3] Conseguenza è che all'analisi sono risultate contaminate anche molte partite di curry.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Curcuma, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 12 aprile 2022.
  2. ^ La magia delle spezie Archiviato il 9 aprile 2019 in Internet Archive.. Tutto alimenti. 22 ottobre 2018.
  3. ^ Frode Alimentare: olio di oliva, curcuma in polvere, su Cibimbo, 13 aprile 2013. URL consultato il 10 ottobre 2022 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2021).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4608042-9