Dichiarazione di Tashkent

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dichiarazione di Tashkent
Tipotrattato bilaterale
Contestoguerra indo-pakistana del 1965
Firma10 gennaio 1966
LuogoTashkent, Uzbekistan, Unione Sovietica URSS
Efficacia15 marzo 1991
PartiIndia India
Pakistan Pakistan
MediatoriUnione Sovietica Unione Sovietica
FirmatariLal Bahadur Shastri e Ayyub Khan
Lingueinglese
UNTC8166
voci di trattati presenti su Wikipedia

La dichiarazione di Tashkent è il nome dato al trattato di pace che pose fine alla guerra indo-pakistana del 1965, ponendo fine a 5 settimane di scontri tra le due fazioni; il trattato venne firmato a Tashkent, nell'allora Unione Sovietica, il 10 gennaio 1966.

La dichiarazione fu emessa al termine di una conferenza tra i due capi di governo opposti, l'indiano Lal Bahadur Shastri e il pakistano Ayyub Khan, grazie alla mediazione del Primo ministro sovietico Aleksej Nikolaevič Kosygin e alle pressioni degli Stati Uniti e delle Nazioni Unite. La dichiarazione stabiliva:

  • il ripiegamento delle forze militari dei due contendenti sulle posizioni pre-conflitto, non oltre il 25 febbraio 1966;
  • una dichiarazione congiunta di non ingerenza dell'una negli affari interni dell'altra;
  • il ristabilimento di normali relazioni economiche e diplomatiche;
  • l'impegno dei due leader a stabilire migliori relazioni tra i due Stati.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]