Y

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Y (disambigua).
La lettera Y

La Y o y (chiamata in italiano ipsilon, oppure i greca o i greco[1][2]) è la venticinquesima lettera dell'alfabeto latino moderno e la ventiduesima di quello latino antico. Lo stesso segno (maiuscolo) rappresenta anche la lettera ipsilon dell'alfabeto greco e la lettera u di quello cirillico; inoltre, il simbolo [y] indica una vocale anteriore alta labializzata nell'alfabeto fonetico internazionale. L'Y non fa parte dell'alfabeto italiano, ed è presente solo in parole prese in prestito da altre lingue. Nei grecismi dell'italiano, l'ipsilon originario è rappresentato dalla vocale i.

Alfabeto fonetico NATO Codice Morse
Yankee –·––
ICS Yankee.svg Semaphore Yankee.svg ⠽
Bandiera di segnalazione marittima Alfabeto semaforico Braille

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Ypsilon deriva dalla lettera fenicia waw, che aveva valore fonetico vocalico [u] e semivocalico [w].

La waw diede origine alla lettera latina V e alla lettera greca ypsilon, il latino conservò il fonema semivocalico [w] e vocalico [u] (a volte anche pronunciata [ʊ]) originario usando la V, senza distinzioni grafiche per i fonemi[3].

Nell'alfabeto greco antico la vocale Ypsilon era pronunciata in origine [u]; la pronuncia passò nel periodo classico (nel dialetto ionico-attico) a [y] (oggi fonema presente in alcune lingue, come nel caso della ü tedesca o lombarda, usata anche nella pronuncia restaurata del latino); ancor più tardi, l'ipsilon fu letto [i], che è la pronuncia del greco moderno ed pronuncia latina ecclesiastica.

I romani importarono la Y greca (così come venne reintrodotta la Z con pronuncia [d͡z]) intorno al I secolo a.C., come nuova vocale per via dei sempre più frequenti grecismi. solo in parole derivate dal greco, con la pronuncia [y] che ancora persisteva in Greco. Essi la utilizzarono inoltre, ma raramente, anche nel loro sistema di numerazione, per rappresentare il numero 150.

La lettera Y era originariamente una vocale, mentre ora in molte lingue indica il suono d'una semiconsonante.

Per l'evoluzione del grafema, vedi la voce V e U.

Grafie alternative[modifica | modifica wikitesto]

Confronto tra l'ÿ e la legatura ij

In nederlandese, la lettera Y non faceva originariamente parte dell'alfabeto. D'altra parte, essa è stata usata (e è ancora in uso, anche se in misura minore) come equivalente informale della sequenza di grafemi IJ (minuscolo ij), che rappresenta il dittongo [ɛi] (grosso modo, come nell'italiano lei [lɛi]). Lo stesso dittongo è anche scritto, occasionalmente, Ÿ (minuscola ÿ): qui, la dieresi rappresenta i due punti dell'i e dell'j fusi insieme. La grafia IJ / ij è considerata più accurata. Formalmente, la lettera Y è usata in alcuni prestiti, come systeem (sistema), e nomi propri, come Van Dyck.

Simbolo pitagorico[modifica | modifica wikitesto]

Stemma del sedile di Forcella, di ignoto scultore napoletano (XVI secolo), situato nel Museo diocesano di Napoli, che riproduce il simbolo iniziatico della «Y pitagorica»[4]

La Y era un simbolo risalente ad antiche tradizioni sapienziali, utilizzato in particolare dalla scuola pitagorica per indicare il bivio ideale tra gli opposti sentieri iniziatici del vizio e della virtù.[5]

La stessa simbologia, conosciuta anche dal poeta Virgilio, sarebbe presente nell'Eneide,[6] dove secondo il commentatore Servio Mario Onorato connotava le fattezze del ramo d'oro rinvenuto da Enea, che gli avrebbe consentito la discesa nell'oltretomba Averno.[7] L'aspetto biforcuto del ramo, che mostrava la divaricazione tra la via di destra, diretta ai Campi Elisi, e quella di sinistra, rivolta invece al Tartaro e alla perdizione,[5] significava come il dualismo tra bene e male avesse in realtà un'unica origine.[8]

La forma a Y del ramo d'oro fu attribuita in epoca medioevale, per analogia, all'albero della conoscenza del bene e del male,[5] giungendo anche, attraverso correnti ermetiche, cabbalistiche e neoplatoniche, fino a Dante Alighieri.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bruno Migliorini et al., Scheda sul lemma "i greco", in Dizionario d'ortografia e di pronunzia, Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7.
  2. ^ Bruno Migliorini et al., Scheda sul lemma "ipsilon", in Dizionario d'ortografia e di pronunzia, Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7.
  3. ^ La U & W fûro un'invenzione medievale, mentre la V indicava il fonema [w] quando era seguita da un'altra vocale che la V, al contrario invece il fonema [u] era rappresentato dalla V seguita da consonante, diventava [ʊ] quando era a fine parola.
  4. ^ Martin Rua, Napoli esoterica e misteriosa, § 5, Newton Compton, 2015.
  5. ^ a b c Christiane L. Joost-Gaugier, Pitagora e il suo influsso sul pensiero e sull'arte, trad. it. di P. Faccia, pag. 257, Arkeios, 2008.
  6. ^ Servio Mario Onorato, Commento all'Eneide, 6, 136, in Servii Grammatici qui feruntur in Vergilii Carmina commentarii, a cura di George Thilo e Hermann Hagen, 3 voll., Lipsia, 1881-87.
  7. ^ Eneide, libro VI, vv. 136-137.
  8. ^ La dottrina pitagorica degli opposti, su sapienzamisterica.it.
  9. ^ Sandra Debenedetti Stow, Dante e la mistica ebraica, pag. 138, Giuntina, 2004.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]