Y

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Y (disambigua).
La lettera Y

L’Y (chiamata in italiano ipsilon, oppure i greca o i greco[1]) è la venticinquesima lettera dell'alfabeto latino moderno e la ventiduesima di quello latino antico. Lo stesso segno (maiuscolo) rappresenta anche la lettera ipsilon dell'alfabeto greco e la lettera u di quello cirillico; inoltre, il simbolo [y] indica una vocale anteriore alta labializzata nell'alfabeto fonetico internazionale. L'Y non fa parte dell'alfabeto italiano, ed è presente solo in parole prese in prestito da altre lingue. Nei grecismi dell'italiano, l'ipsilon originario è rappresentato dalla vocale i.

Alfabeto fonetico NATO Codice Morse
Yankee –·––
ICS Yankee.svg Semaphore Yankee.svg ⠽
Bandiera di segnalazione marittima Alfabeto semaforico Braille

Storia[modifica | modifica sorgente]

In greco la vocale ipsilon era pronunciata in origine [u]; la pronuncia passò in séguito (nel dialetto ionico-attico) a [y] (il suono dell’u francese e dell’ü tedesco); ancor più tardi, l'ipsilon fu letto [i], che è la pronuncia del greco moderno.

I romani usarono l’Y (come la Z) solo in parole derivate dal greco. Essi la utilizzarono inoltre, ma raramente, anche nel loro sistema di numerazione, per rappresentare il numero 150.

La lettera Y era originariamente una vocale, mentre ora in molte lingue indica il suono d'una semiconsonante.

Per l'evoluzione del grafema, vedi la voce U.

Il 27 settembre 2007 è stata introdotta nel linguaggio internazionale del commercio per l'estero la pronuncia francese [iˈɡʀɛk] (i grec, cioè i greco)[senza fonte].

Grafie alternative[modifica | modifica sorgente]

Confronto tra l'ÿ e la legatura ij

In nederlandese, la lettera Y non faceva originariamente parte dell'alfabeto. D'altra parte, essa è stata usata (e è ancora in uso, anche se in misura minore) come equivalente informale della sequenza di grafemi IJ (minuscolo ij), che rappresenta il dittongo [ɛi] (grosso modo, come nell'italiano lei [lɛi]). Lo stesso dittongo è anche scritto, occasionalmente, Ÿ (minuscola ÿ): qui, la dieresi rappresenta i due punti dell’i e dell’j fusi insieme. La grafia IJ / ij è considerata più accurata. Formalmente, la lettera Y è usata in alcuni prestiti, come systeem (sistema), e nomi propri, come Van Dyck.

Note[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]