Ł

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il simbolo Ł (minuscolo: ł) è una lettera che viene usata in alcune lingue slave, nella lingua veneta e nella lingua navajo. Venne usato per la prima volta in testi polacchi del XV secolo (trattato di Jakub Parkoszowic).

La Ł nelle lingue slave[modifica | modifica wikitesto]

Il simbolo fu introdotto in polacco alla fine del Quattrocento. Viene oggi utilizzato in polacco, casciubiano, sorabo, e nella scrittura in alfabeto latino della lingua bielorussa (la cosiddetta Łacinka).

Nel polacco moderno, Ł rappresenta una consonante approssimante labiovelare sonora /w/ (la u dell'italiano uomo).

La Ł in veneto[modifica | modifica wikitesto]

Alcune grafie della lingua veneta usano la cosiddetta "L tagliata" (veneto: L tajà) per unificare alcune differenze di pronuncia esistenti tra le diverse varietà di veneto (es. góndoła o "cavało" che si pronunciano "gondoea" e "cavaeo"). In pratica la "Ł" corrisponde ad una "e" pronunciata velocemente assieme ad una "a" oppure "o" seguenti. La la fonetica della "Ł" corrisponde spesso ad una effettiva "L" nella lingua italiana, solo per questo è stata scelta questa consonante, ma in effetti corrisponde ad una vocale vera e propria.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]