Spirito del tempo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Zeitgeist" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Zeitgeist.

Spirito del tempo, spesso reso in tedesco come Zeitgeist, è un'espressione adottata nella storiografia filosofica otto-novecentesca, per indicare la tendenza culturale predominante in una determinata epoca.

Storia del concetto[modifica | modifica wikitesto]

Il termine originario rivestiva un concetto puramente scientifico. Divenne noto a partire da uno scritto del filologo e filosofo Johann Gottfried Herder, diffuso nel 1769 all'interno di un lavoro polemico nei confronti del filosofo Adolph Klotz, dove veniva usata la parola Zeitgeist per tradurre l'espressione latina genius saeculi.[1]

Il termine quasi inalterato si ritrova in una frase di Faust nel Faust di Wolfgang Goethe (Was ihr den Geist der Zeiten heißt, «quello che chiamate lo spirito dei tempi») ma è principalmente noto nell'ambito della filosofia della storia, per l'utilizzo da parte di Hegel e le sue lezioni sull'argomento.[2]

I filosofi materialisti in genere fanno risalire lo spirito del tempo a sovrastrutture come quelle politiche, gli ordinamenti costituzionali, le istituzioni, mentre gli spiritualisti legano lo sviluppo e la qualificazione dello spirito del tempo a fenomeni più sottili, come per esempio le attività culturali o in generale le pratiche quotidiane e della vita domestica. Lo spiritualista Emerson sostiene in proposito:

« Se un uomo vuole familiarizzarsi con la reale storia del mondo, con lo spirito del tempo, non deve andare prima alla state-house o alla court-room. Il sottile spirito della vita deve cercarsi in fatti più vicini. È ciò che è fatto e sofferto in casa, nella costituzione, nel temperamento, nella storia personale, ad avere il più profondo interesse per noi.[3] »

Ulteriori prospettive[modifica | modifica wikitesto]

Nella prospettiva esoterica dell'antroposofia di Rudolf Steiner, lo spirito del tempo non è un'entità astratta, ma è un essere reale, identificato col livello angelico dei principati o archai, superiore a quello degli arcangeli. Questi ultimi rappresentano per Steiner lo spirito dei popoli, mentre lo spirito del tempo, che presiede a cicli storici di circa 300 anni, impartisce determinati ordini evolutivi agli arcangeli, facendo in modo che ogni nazione viva in maniera differente il proprio Rinascimento, il proprio illuminismo, e così via.[4]

Il fatto che ogni uomo subisca l'influsso del suo tempo non inficia tuttavia per Steiner il suo libero arbitrio, dato che egli possiede la capacità di pensare e di conoscere ciò che sembra determinarlo. Acquisendo consapevolezza delle idee direttive della sua epoca, infatti, l'uomo si innalza al di sopra di esse, dominandole e facendole sue. Solo comprendendo la «missione» del suo tempo potrà trovarvi il posto giusto per adempierla in libertà, non lasciandosi trascinare dal progresso della civiltà, bensì appropriandosene, per vivere pienamente il destino in cui si trova collocato. Le scienze spirituali quali la storia, o la storia della letteratura, delle arti, ecc. devono appunto prefiggersi lo scopo di favorire una tale presa di coscienza della partecipazione del singolo al destino del mondo, fungendo da intermediarie.[5]

Utilizzando le abitudini e le norme di comportamento della sua epoca come un mezzo per esplicare la sua libera individualità, come materia a cui dare una forma, l'uomo contribuisce così all'evoluzione stessa dello spirito del suo tempo.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bernd Leupold, Karina Urbach, Der Zeitgeist und die Historie, pag. 2, Röll, 2001.
  2. ^ G.W.F. Hegel, Vorlesungen über die Philosophie der Geschichte, 1840, trad. it. Lezioni sulla filosofia della storia, Firenze 1941.
  3. ^ Ralph Waldo Emerson, Prose Works of Ralph Waldo Emerson, vol. III, pag. 63, Houghton, Mifflin, 1880.
  4. ^ a b Rudolf Steiner, La missione di singole anime di popolo, O.O. 121, conferenze del 16/6/1910.
  5. ^ Rudolf Steiner, Le opere scientifiche di Goethe, IX, § 5, pp. 93-95, Milano, Fratelli Bocca Editori, 1944.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]