Consapevolezza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

In psicologia, con il termine consapevolezza (awareness in inglese) si intende la capacità di essere a conoscenza di ciò che viene percepito e delle proprie risposte comportamentali. Si tratta di un processo cognitivo distinto da sensazione e percezione. Un'altra definizione la descrive come uno stato in cui un soggetto è a conoscenza di alcune informazioni quando tali informazioni sono direttamente disponibili per essere trasferite nella direzione di un'ampia gamma di processi comportamentali[1]. Il concetto è spesso sinonimo di coscienza ed è anche inteso come coscienza stessa[2].

Gli stati di consapevolezza sono anche associati agli stati di esperienza, in modo che la struttura rappresentata nella consapevolezza si rispecchi nella struttura dell'esperienza stessa[1].

Il concetto di consapevolezza è relativo. Un animale può essere parzialmente consapevole, oppure può essere consapevole a livello subconscio o anche profondamente consapevole di qualcosa[senza fonte]. La consapevolezza può essere individuata in uno stato interno, quale ad esempio una sensazione viscerale, o la percezione sensoriale di eventi esterni[2]. Un caso particolare di consapevolezza è la consapevolezza di sé, o autoconsapevolezza.

Neuroscienze[modifica | modifica wikitesto]

La consapevolezza di base del proprio mondo interno ed esterno dipende dal tronco encefalico. Bjorn Merker[3], neuroscienziato indipendente a Stoccolma, in Svezia, sostiene che il tronco cerebrale supporta una forma elementare di pensiero cosciente nei neonati con idranencefalia. Le forme "superiori" di consapevolezza, compresa l'autocoscienza, richiedono contributi corticali, ma la "coscienza primaria" o "consapevolezza di base", come la capacità di integrare le sensazioni dall'ambiente con i propri obiettivi e sentimenti immediati al fine di guidare il comportamento, scaturisce dal tronco cerebrale, che gli esseri umani condividono con la maggior parte dei vertebrati. Lo psicologo Carroll Izard sottolinea che questa forma di coscienza primaria consiste nella capacità di generare emozioni e consapevolezza dei dintorni, ma non nella capacità di parlare di ciò che si è vissuto. Allo stesso modo, le persone possono prendere coscienza di una sensazione che non possono etichettare o descrivere, un fenomeno particolarmente comune nei bambini pre-verbali.

La consapevolezza può essere concettualizzata anche come una sorta di filtro che permette solo a certi stimoli di raggiungere il livello della coscienza. I sistemi neurali che regolano l'attenzione servono ad attenuare la consapevolezza negli animali complessi, il cui sistema nervoso centrale e periferico fornisce più informazioni di quante le aree cognitive del cervello possano assimilare. La capacità di rilevare consapevolmente un'immagine quando presentata come stimolo vicino alla soglia di consapevolezza varia tra le presentazioni. Un fattore sono i "cambiamenti di base" dovuti all'attenzione dall'alto verso il basso che modula l'attività cerebrale in corso nelle aree della corteccia sensoriale che influenza l'elaborazione neurale dei successivi giudizi percettivi[4]. Tale distorsione dall'alto verso il basso può verificarsi attraverso due processi distinti: uno spostamento della linea di base guidato dall'attenzione e riflesso nelle onde alfa, e un bias di decisione riflesso nelle onde gamma nelle aree occipitali laterali[5].

Teoria dei sistemi[modifica | modifica wikitesto]

La moderna teoria dei sistemi, che offre approfondimenti su come funziona il mondo attraverso la comprensione del fatto che tutti i sistemi seguono alcune regole, si occupa dell'autoconsapevolezza nella sua comprensione di come funzionano i grandi sistemi viventi complessi. Secondo Gregory Bateson, la mente è la dinamica dell'auto-organizzazione e la consapevolezza è cruciale nell'esistenza di questo processo[6][7]. La moderna teoria dei sistemi sostiene che gli esseri umani, in quanto sistemi viventi, non solo hanno consapevolezza del loro ambiente ma anche autoconsapevolezza, in particolare con la loro capacità di logica e curiosità[8].

Gli sforzi per descrivere la coscienza in termini neurologici si sono concentrati sulla descrizione delle reti nel cervello che sviluppano la consapevolezza dei qualia sviluppata da altre reti[9]. Poiché la consapevolezza fornisce i materiali da cui si sviluppano idee soggettive sulla propria esperienza, si dice che si è consapevoli del proprio stato di consapevolezza[2]. Questa organizzazione della consapevolezza della propria esperienza interiore ha un ruolo centrale nell'autoregolazione[10].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b David Chalmers, The Conscious Mind: In Search of a Fundamental Theory, Oxford, Oxford University Press, 1997, pp. 225, ISBN 978-0-19-510553-7.
  2. ^ a b c Amir Hussain, Igor Aleksander, Leslie Smith, Allan Barros, Ron Chrisley e Vassilis Cutsuridis, Brain Inspired Cognitive Systems 2008, New York, Springer Science+Business Media, 2009, pp. 298, ISBN 978-0-387-79099-2.
  3. ^ Consciousness in the Raw, Science News Online, September 2007
  4. ^ Sylvester CM, Shulman GL, Jack AI, Corbetta M, Asymmetry of anticipatory activity in visual cortex predicts the locus of attention and perception, in J. Neurosci., vol. 27, nº 52, December 2007, pp. 14424–33, DOI:10.1523/JNEUROSCI.3759-07.2007, PMID 18160650.
  5. ^ V. Wyart e C. Tallon-Baudry, How Ongoing Fluctuations in Human Visual Cortex Predict Perceptual Awareness: Baseline Shift versus Decision Bias, in Journal of Neuroscience, vol. 29, nº 27, July 2009, pp. 8715–8725, DOI:10.1523/JNEUROSCI.0962-09.2009, PMC 6664890, PMID 19587278.
  6. ^ Kishor Gandhi, The Evolution of Consciousness, Saint Paul, MN, Paragon House, 1986, pp. 258.
  7. ^ (EN) Keiron Le Grice, The Archetypal Cosmos, Floris Books, 9 giugno 2011, ISBN 978-0-86315-850-6.
  8. ^ Ward Smith, Who Me?, Xlibris Corporation, 2011, pp. 94, ISBN 978-1-4628-5038-9.
  9. ^ Self-awareness: its nature and development, New York, NY, Guilford Press, 1998, pp. 12–13, ISBN 978-1-57230-317-1.
  10. ^ Gherardo Amadei e Ilaria Bianchi, Living Systems, Evolving Consciousness, and the Emerging Person: A Selection of Papers from the Life Work of Louis Sander, New York, Taylor & Francis, 212, pp. 162, ISBN 978-0-88163-464-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]