José Luis Brown

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
José Luis Brown
Jose Luis Brown.jpg
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 183[1] cm
Peso 81[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1990 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1975-1983 Estudiantes 290 (27)
1984 Atlético Nacional 25 (2)
1984-1985 Boca Juniors 29 (5)
1985 Deportivo Español 5 (0)
1986-1987 Brest 31 (1)
1987-1988 Real Murcia 28 (1)
1989 Racing Club 9 (1)
Nazionale
1983-1990 Argentina Argentina 36 (1)
Carriera da allenatore
???? San Lorenzo Vice
???? Boca Juniors Vice
2000 Almagro
???? Nueva Chicago
2002 Blooming
???? Estudiantes Giovanili
????-2005 Atlético Rafaela
2005 Almagro
2006 Ben Hur
2007 Ferro Carril Oeste
2007-2009 Argentina Argentina U-17
2008-2010 Argentina Argentina U-20 Vice
2008 Argentina Argentina Olimpica Vice
2008-2009 Argentina Argentina Vice
2009-2010 Argentina Argentina Coll.Tecnico
2010-2011 Argentina Argentina Vice
2013 Ferro Carril Oeste
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Messico 1986
Coppa America calcio.svg Copa América
Bronzo Brasile 1989
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

José Luis Brown (Ranchos, 10 novembre 1956[2]) è un allenatore di calcio ed ex calciatore argentino, Campione del Mondo con la Nazionale argentina nel 1986.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Soprannominato Tata, iniziò a giocare nelle giovanili dell'Estudiantes de La Plata, debuttando nel 1975 nel campionato di calcio argentino. Fu il capitano della squadra che vinse il campionato nel 1982 e nel 1983.

Dopo otto stagioni con l'Estudiantes, si trasferì in Colombia, all Nacional de Medellin; giocò poi al Boca Juniors e successivamente al Deportivo Español nel 1985, in Francia con lo Stade Brestois e in Spagna con il Real Murcia. Nel 1989 passò al Racing Club dove si ritirò dal calcio giocato.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con la nazionale di calcio argentina giocò 36 partite, segnando un solo goal, quello che aprì le marcature durante la finale del campionato del mondo 1986, vinta poi 3-2 contro la Germania Ovest.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il ritiro è diventato vice di diversi allenatori, come Oscar Ruggeri al San Lorenzo e Carlos Bilardo al Boca Juniors. Nel 2000 accettò un'offerta di allenare il Club Almagro neopromosso in prima divisione insieme ad Héctor Enrique, suo compagno di nazionale durante Messico 1986. I due passarono poi al Nueva Chicago, ma dopo 11 partite si dimisero a causa degli scarsi risultati. Nel 2002 allenò i boliviani del Club Blooming, dimettendosi dopo 16 partite.

Dopo quest'esperienza tornò a lavorare con Bilardo, allenando le giovanili dell'Estudiantes. Dopo l'addio di Bilardo allenò l'Atlético Rafaela per 30 partite. Brown lasciò il club nell'aprile del 2005, e tornò ad allenare l'Almagro. Nel 2006 allenò il Ben Hur[3] e successivamente ricoprì la carica di allenatore del Ferro Carril Oeste nel maggio 2007.[4]

Nel dicembre del 2007 Brown divenne l'allenatore dell'Argentina Under-17, e da vice di Sergio Batista guidò l'Argentina durante Pechino 2008.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Estudiantes: Metropolitano 1982, Nacional 1983

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Messico 1986

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) World Cup Champions Squads 1930-2006, RSSSF. URL consultato il 2 aprile 2010.
  2. ^ Scheda su José Brown di fifa.com
  3. ^ Articolo del Clarin, ole.clarin.com. URL consultato il 13 dicembre 2008.
  4. ^ Futbol de Ascenso, futboldelascenso.com.ar. URL consultato il 13 dicembre 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]