César Luis Menotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
César Luis Menotti
César Luis Menotti.jpg
Menotti nel 1983, quando allenava il Barcellona
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 188 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Squadra Argentina Argentina
Termine carriera 1970 - giocatore
2007 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1960-1964Rosario Central[1]
1964-1965Racing Club18 (12)
1965-1967Boca Juniors18 (6)
1967Rosario Central86 (47)[1]
1967-1968N.Y. Generals29 (5)
1968-1969Santos? (?)
1969-1970Juventus-SP? (?)
Nazionale
1962-1963Argentina Argentina7 (1)
Carriera da allenatore
1971-1974Huracán
1974-1982Argentina Argentina
1983-1984Barcellona
1986-1987Boca Juniors
1987-1988Atlético Madrid
1989River Plate
1990-1991Peñarol
1991-1992Messico Messico
1993-1994Boca Juniors
1996-1997Independiente
1997Sampdoria
1997-1999Independiente
2002Rosario Central
2005Independiente
2006Puebla
2007-2008Tecos de la UAG
2019-Argentina ArgentinaDT
Palmarès
Transparent.png Campeonato Sudamericano
Bronzo Bolivia 1963
Transparent.png Mondiali di Calcio Under-20
Oro Giappone 1979
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Argentina 1978
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

César Luis Menotti (Rosario, 22 ottobre 1938) soprannominato El flaco, è un ex allenatore di calcio, ex calciatore e dirigente sportivo argentino, direttore delle nazionali di calcio argentine.

Da allenatore, fu il commissario tecnico che guidò la Nazionale argentina alla conquista del suo primo campionato del mondo di calcio, nel 1978.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo le sue stesse dichiarazioni, César Menotti è nato il 22 ottobre 1938, ma la data registrata all'anagrafe da suo padre è il 5 novembre.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Menotti nel 2009

Fu calciatore professionista tra 1960 e 1969: vestì le divise di Rosario Central, Racing Club e Boca Juniors in patria, per poi trasferirsi negli Stati Uniti, ai New York Generals, e in Brasile, al Santos.

Nell'estate 1967 con i New York Generals ottenne il terzo posto della Eastern Division della NPSL, non qualificandosi per la finale della competizione.[2] La stagione seguente ottenne con i Generals il terzo posto nell'Atlantic Division, non riuscendo ad accedere alle fasi finali del torneo.

Allenatore e dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce da allenatore nella stagione 1972-1973, guidando l'Huracán di Buenos Aires. Diventa CT della Nazionale argentina dopo il Campionato mondiale di calcio 1974 e quattro anni dopo, nel 1978, porta la Selección a vincere la prima Coppa del Mondo della sua storia, battendo in finale i Paesi Bassi per 3-1 dopo i tempi supplementari.

Dopo aver vinto il Campionato Mondiale juniores (1979), nel 1982 Menotti si presenta in Spagna come CT Campione del Mondo in carica e, tra i 22 convocati, c'è anche Diego Armando Maradona, scartato nel 1978 e Campione del Mondo juniores nel 1979. Dopo la sconfitta iniziale contro il Belgio per 1-0, l'Argentina sconfigge l'Ungheria 4-1 e El Salvador 2-0, ma nel 2º turno, viene sconfitta da Italia (2-1) e Brasile (3-1) ed è eliminata dal torneo. Come conseguenza Menotti perde il posto e viene sostituito da Carlos Bilardo.

Menotti nel Rosario Central

Dopo il mondiale, Menotti allena il Barcellona un anno (nella stagione 1983-1984) e successivamente, dopo aver guidato le squadre di Atletico Madrid e Peñarol, diventa per un anno selezionatore del Messico. A livello nazionale allena squadre blasonate come River Plate, Boca Juniors, Independiente e Rosario Central, dimostrando la propria personalità nonostante alcune polemiche con la stampa sportiva.

Nel 1997 viene ingaggiato dalla Sampdoria, ma viene esonerato dopo sole otto giornate di campionato, mentre - dopo altri 9 anni trascorsi ad allenare in patria - nel 2006 allena la squadra messicana del Puebla. Nel 2007 ha allenato il club messicano del Tecos de la UAG.

Nel luglio 2009 divenne direttore generale dell'Independiente. Il suo lavoro era di valutare il possibile arrivo di rinforzi per la squadra di Avellaneda. Non ha avuto un ottimo rapporto con lo staff tecnico, infatti Américo Gallego accusò Menotti come responsabile della sua partenza dal club. Con la partenza di Gallego, Menotti nominò Daniel Garnero come nuovo allenatore. A causa di cattivi risultati e a seguito delle dimissioni del mister Garnero, anche Menotti si dimise da direttore generale dell'Independiente.

Il 13 marzo 2011 Menotti è stato ricoverato d'urgenza all'Ospedale italiano di Buenos Aires per una grave infezione polmonare, causata dalla sua dipendenza da tabacco. Il 14 gennaio 2019 la Federcalcio argentina ha nominato Menotti direttore tecnico delle nazionali dell'Argentina.[3]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Boca Juniors: 1965
Santos: 1968

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Huracan: 1973 (Metropolitan)
Barcellona: 1983

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Argentina: Argentina 1978
Giappone 1979

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Totale con il Rosario Central.
  2. ^ North American Soccer League, su Rsssf.com. URL consultato il 30 luglio 2016.
  3. ^ L'Argentina richiama Menotti: direttore di tutte le nazionali, su La Repubblica. URL consultato il 14 gennaio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN35368143 · ISNI (EN0000 0000 1374 4990 · LCCN (ENn85259624 · GND (DE123599954 · WorldCat Identities (ENlccn-n85259624