Norberto Alonso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Norberto Alonso
Mondiali 1978 - Argentina - Norberto Alonso.jpg
Beto Alonso in Nazionale ai Mondiali 1978
Nome Norberto Osvaldo Alonso
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 174 cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1987
Carriera
Giovanili
19??-19?? River Plate
Squadre di club1
1970-1976 River Plate 168 (68)
1976 O. Marsiglia 17 (3)
1977-1981 River Plate 142 (63)
1981-1983 Vélez Sarsfield 73 (14)
1983-1987 River Plate 64 (18)
Nazionale
1978-1983 Argentina Argentina 15 (4)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Argentina 1978
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Norberto Osvaldo Alonso, soprannominato Beto Alonso (Vicente López, 4 gennaio 1953), è un ex calciatore argentino, di ruolo centrocampista.

Ha disputato la maggior parte delle partite della sua carriera nella squadra argentina del River Plate,[1][2][3] risultando uno dei calciatori più rappresentativi del club. Attualmente occupa la 5ª posizione nella classifica marcatori di tutti i tempi del River Plate con 149 gol[4][5] e la 7° in quella delle presenze con 374 partite.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Trascorsa l'infanzia nel sobborgo di Buenos Aires di Los Polvorines, e si mise in evidenza come centrocampista nelle giovanili del River Plate, debuttando in prima squadra nel 1970. Cinque anni dopo, quando fu nominato allenatore del club Angel Labruna, Alonso arrivò a indossare la maglia numero 10.

Proprio nel 1975, assieme a calciatori d'esperienza come Roberto Perfumo e Ubaldo Fillol (acquistati dal River in quell'anno) e a giovani promesse come Daniel Passarella, Carlos Morete e Reinaldo Merlo, Alonso portò la squadra a vincere entrambi i campionati argentini (Metropolitano e Nacional). Nel 1976 Alonso fu ceduto all'Olympique Marsiglia, ma dato lo scarso impatto con il club francese, appena l'anno dopo ritornò al River Plate, dove vinse altri quattro campionati tra il 1979[6] e il 1981.[7]

Beto Alonso al River Plate nel 1972

Durante il campionato Nacional del 1981, Alonso ebbe diversi scontri con l'allora allenatore Alfredo Di Stéfano, che lo sceglieva raramente come titolare e faceva giocare al suo posto calciatori più giovani come Carlos Daniel Tapia e Jose Maria Vieta.

Pertanto, dopo la fine del torneo, Alonso fu venduto al Vélez Sársfield, con cui disputò due stagioni assieme a Carlos Bianchi, per poi rientrare nuovamente al River Plate, contribuendo ai primi successi della squadra biancorossa nella Coppa Libertadores e nella Coppa Intercontinentale del 1986. Si ritirò l'anno seguente, dopo aver segnato 166 gol e disputato 464 partite in totale.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente Alonso non era stato selezionato da César Luis Menotti nella Nazionale argentina per i Mondiali del 1978, ma fu fatto comunque convocare nella Nazionale sotto pressione dell'ammiraglio Carlos Lacoste, uno dei più influenti uomini del governo militare al tempo al potere in Argentina.

Per via della numerazione dei calciatori in ordine alfabetico allora in vigore, Alonso indossò la maglia numero 1 (solitamente riservata al portiere titolare). Durante il Mondiale Menotti fece scendere in campo Alonso soltanto per pochi minuti; ciononostante, il centrocampista vinse il torneo assieme al resto della Selección.

Nel 1983 il commissario tecnico Carlos Bilardo fece convocare Alonso in alcune partite della Nazionale, ma alla fine decise di puntare nel suo ruolo su giovani calciatori come Diego Maradona, Jorge Burruchaga e Carlos Tapia.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Terminata la carriera agonistica, Alonso aprì un'agenzia assicurativa, divenendo partner commerciale. Nel 1989, assieme a Reinaldo Merlo, tentò senza successo la carriera da allenatore nel River Plate (fu esonerato a metà stagione dal neoeletto presidente del club, Davicce).

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Beto Alonso con la Coppa Libertadores 1986 vinta al River Plate

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

River Plate: Metropolitano 1975, Nacional 1975, Metropolitano 1979, Nacional 1979, Metropolitano 1980, Nacional 1981, 1985-1986

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

River Plate: 1986
River Plate: 1986

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Argentina 1978

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Scheda di Norberto Alonso su BDFA, BDFA.com.ar. URL consultato il 21 marzo 2017.
  2. ^ (ES) River homenajeó al Beto Alonso a 30 años de la pelota naranja, Cariverplate.com.ar. URL consultato il 21 marzo 2017.
  3. ^ (ES) Una nueva edición de "Conocé a tu ídolo" con "Beto" Alonso, Cariverplate.com.ar. URL consultato il 21 marzo 2017.
  4. ^ (ES) Los 64 del Capitán Beto, Cariverplate.com.ar. URL consultato il 21 marzo 2017.
  5. ^ (EN) Norberto Osvaldo Alonso (PDF), Onze.Narod.ru. URL consultato il 21 marzo 2017.
  6. ^ (EN) Campeonato Metropolitano 1979 (Metropolitano Championship), Osvaldo José Gorgazzi and RSSSF, 21 gennaio 2006. URL consultato il 21 marzo 2017.
  7. ^ (EN) Campeonato Nacional 1981 (Argentina) • Ferro Carril Oeste (BA) 0–1 River Plate, Osvaldo José Gorgazzi and RSSSF, 15 ottobre 2005. URL consultato il 21 marzo 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]